Sud Africa e Austria nel mirino della Formula 1

29 maggio 2012 16:35 Scritto da: Davide Reinato

Nei giorni scorsi vi abbiamo parlato della rivoluzione che sta per arrivare in F1. Il nuovo Patto della concordia, infatti, sembra prevedere anche la possibilità di fare più di 20 gare in una sola stagione.

Tra i candidati ad ospitare il Circus, in pole sembra esserci il Sud Africa. Diversi sono i rumors che confermano l’intenzione di Ecclestone di far sbarcare il circus a Città del Capo, in un innovativo circuito cittadino che sarebbe già stato individuato. Tuttavia non ci sono conferme ufficiali e lo stesso Ecclestone è avasivo nelle sue poche uscite in merito: “Mi piacerebbe andare in Sud Africa e Messico. Entrambi i paesi stanno cercando di fare qualcosa”.

Pare che i promotori finanziari del nuovo circuito cittadino avrebbero ancora dei problemi economici. L’annuncio della gara non c’è ancora stato , ma il problema sia da ricercare nel patto della Concordia. Infatti, l’accordo entrerà in vigore nel 2013, avrebbe una clausola interessante: se le gare oltre l’Europa e Nord America superano il 60% del totale in calendario, sarà necessario il consenso delle squadre che si sono classificate nei primi tre posti nelle ultime quattro stagioni. Quest’anno la divisione tra gare europee  ed extra-europee è vicina al limite e questo potrebbe essere il vero problema, anche se pare che Ecclestone voglia aggiungere altre gare in Europa per compensare.

Da escludere, almeno per il momento, il ritorno del Gran Premio di Francia nel calendario, almeno stando alle parole di François Hollande, nuovo Presidente francese. E anche se il progetto venisse riesumato, pare avrebbe nel suo destino l’alternanza con il Belgio.

Nella lista degli interessati alle gare di F1 c’è anche l’Austria. Non è un caso che lo scorso 8 gennaio la Formula One Licensing ha registrato la proprietà intellettuale del marchio Grosser Preis von Osterreich, ossia “Gran Premio d’Austria”. Questo potrebbe svolgersi nei prossimi anni sul rinnovato circuito dell’A1 Ring di Zeltweg, oggi soprannominato Red Bull Ring.

20 Commenti

  • principesco88

    io un mesetto fa ho parlato con Maurizio Flammini, per chi non lo sapesse ex pilota ai tempi di Fittipaldi e altri, che avrebbe dovuto essere il patron del gp di Roma… lui è grande amico di zio Bernie e mi ha detto che Ecclestone era molto favorevole…poi mi ha spiegato di nuovo il progetto che doveva realizzarsi per Roma…cazzo abbiamo perso veramente una bella occasione per colpa della burocrazia..

    • Io credo che un gran premio a Roma sarebbe stato un’assurdità. E neanche mi sarei troppo fidato dell’amministrazione statale…in definitiva meglio non averlo avuto.

      • pienamente d’accordo.
        e aggiungo che sarebbe stata un’assurdità in tempi normali con amministrazioni normali. Oggi e qui (in Italia) sarebbe stato un crimine.

      • principesco88

        l’amministrazione non sarebbe stata statale ma privata, parecchi milioni investiti dalla holding di Flammini e vari partner privati e meno del 10% messi dal comune di Roma. costruzione di strutture permanenti quali un teatro, completa ristrutturazione e riqualificazione del tre fontane (che cade a pezzi) nuovo stadio del Rugby al tre fontane, 5 ristoranti e un multisala. Tutto senza mangiare nemmeno un metro di verde pubblico. Centinaia di posti di lavoro nuovi e permanenti e riqualificazione dell’Eur come zona notturna (io abito proprio all’eur ed è una zona morta la notte).
        Stimati parecchi milioni di introiti dal turismo per il comune e gli esercizi commerciali di zona con l’indotto.

      • Abbiamo alcuni dei più bei circuiti del Mondo, Monza, Imola, Mugello e organiziamo un Gp cittadino, la tipologia di circuito più brutta da vedere!

        Meglio così, chissà con la scusa dei lavori pubblici da fare per l’evento quanto ci avrebbero mangiato sopra i nostri affamati politici.

        Ciao,Stefano.

    • principesco88

      quello che non ha fatto iniziare i lavori (a detta di Flammini) è stata la burocrazia corrotta, secondo i quali senza pagare le giuste tangenti non si sarebbero potuti iniziare i lavori prima di 8 ANNI. Visti i tempi Ecclestone, che aveva dato come limite 2 anni per iniziare i lavori ha annullato la cosa.

  • GP San Marino… Quanto manca al calendario quel fantastico circuito… Uno degli ultimi in cui il pilota poteva ancora fare davvero la differenza.

    • mah…il circuito del Santerno è morto con Senna e Ratzenberger. Una tragedia nella tragedia, vedere l’anno successivo lo scempio della esse prima del tamburello e della Villeneuve. Per non parlare di come hanno ridotto le acque minerali…No, davvero, Imola adesso non è quella cattedrale sacra dell’automobilismo che è stata fino a tutto il 1994, con la Tosa a fare da altare ad uno dei più belli e impegnativi circuiti del mondiale.
      Non si può apprezzare un circuito per quello che oggi non è più. Ci facciano i concerti e le salsicce ma nessun altro gran senza sapore né sorpassi. E anche a Monza, che qualcuno abbia il coraggio di dire quanto noioso è diventato quel circuito da quando (sempre nel 95) fu mutilato della sua perla più rara:Lesmo 2, una curva che solo i migliori affrontavano in pieno….

      • Purtroppo hai una parte di ragione, anche se Monza è ancora un bel circuito. Certo Lesmo 2…

      • Non posso che concordare sul Tamburello e la Villenueve, eppure le acque minerali dopo il cambiamento sono rimaste curve da pelo… Ma il tratto dopo acque minerali fino alla variante bassa, che comprende variante alta e soprattutto il muro della Rivazza… Forse con quelle pieghe ho un legame affettivo ma… Vorrei rivederlo in calendario.

      • Che poi a ben vedere le varianti del Tamburello e della Villeneuve sono curve molto tecniche, e neanche così brutte. Si è visto di peggio insomma, tipo la prima variante di Monza…Il problema è che hanno sostituito il vecchio Tamburello e la vecchia Villeneuve (e mutilato la vecchia Tosa), e questo è imperdonabile…

      • @DavideB: il problema, almeno secondo me, non sono le curve tecniche che qualche interesse potrebbero anche suscitarlo, bensì l’assenza di curve di “pelo”, per intenderci quello che sono state il Tamburello, Lesmo 2, l’eau rouge e compagnia.
        Resta il fatto che anche una Lesmo2 per-stupro oggi non sarebbe comunque il presupposto per un sorpasso con staccattona all’Ascari vista l’impossibilità delle macchine a restare n scia.
        La soluzione è un ritorno al futuro di macchine e tracciati. Solo così potremo liberarci della pantomima di sti sorpassi al gusto (insapore)del DRS

      • Quanto sono d’accordo con Carlitos un po’ più sotto!!!

  • L’A1 ring è una pistuccia che impallidisce al ricordo dell’Osterreichring. Lo scempio che hanno fatto sarebbe da denuncia: hanno tranciato uno dei cicruiti più belli del mondo per farci una pista stop and go con sei curve, di cui quattro a destra tutte uguali.
    In Sud Africa avevano una signora pista, anche se non troppo tecnica, poi hanno venduto i terreni dove si trovavano i box e hanno fatto un mezzo aborto con due o tre delle solite curvette lente e secche che tanto piacciono ai giorni d’oggi. L’opzione di fare un circuito cittadino mi fa venire in mente Valencia e mi vengono i brividi.
    Se i 25 gran premi paventati si fanno su queste piste qui tanto vale andare due o tre volte ad Abu Dhabi.
    Ah già, ma magari alcune di queste gare le faranno in notturna! Wow, allora sì che ci divertiamo…!

    • esattamente!
      r.i.p. Osterreichring

    • gliarrabbiatirestano

      Quanto hai ragione! L’ostereichring era una delle piste più belle e tecniche al mondo e Tilke (è stata la sua prima opera, o meglio scempio, della serie quando il buon giorno si vede dal mattino) l’ha distrutta. Ma tutto sommato anche l’A1 ring non era male rispetto a molte delle nuove piste. Peccato perchè qualche anno fa c’era stato un progetto che prevedeva il parziale ripristino della vecchia pista.
      Piuttosto perchè non vanno a correre al salzburgring? Ho visto la gara che ci ha corso il wtcc ed è una pista fantastica! Forse i sorpassi non sarebbero semplicissimi, ma neanche a Suzuka lo sono

    • Straquotone…lo spettacolo garantito da DRS, gomme e kers porta la gente in ogni circuito, con questa formula 1 non è indispensabile girare tutto l’anno su kartodromi orrendi dentro le città…

      Per molti (e anche per me) non è uno spettacolo “naturale”…ma preferisco questo a veder girare le macchine in fila indiana tra una curva a gomito e l’atra a U…Ecclestone rinsavisci!

    • A me l’A1 Ring è sempre piaciuto, sono troppo giovane per poter aver seguito le gare sul vecchio tracciato (ho soltanto visto la mappa), quindi non so quale differenza ci possa essere a livello di fascino e bellezza. Però da quello che so, il nuovo Red Bull Ring dovrebbe recuperare delle parti del vecchio tracciato ed essere un misto tra i 2. Passando al Sud Africa, quando ho letto il titolo pensavo a Kyalami, e infatti mi pareva strano….. ancora con circuiti cittadini?!?! Basta non se ne può più!!! Di circuiti cittadini in calendario dovrebbero essercene massimo 1 o 2. Discorso diverso per i semicittadini tipo Montreal o Melbourne che sono fantastici!

      • Il vecchio Osterreichring era una sequenza di rettilinei ondulati e curve sopraelevate velocissime. Un nastro d’asfalto tra boschi e colline, velocissimo, difficile (anche pericoloso), ma veramente spettacolare. E ovviamente con le macchine di allora i sorpassi si potevano fare in molti punti del tracciato. L’A1 Ring ha curve troppo lente. Il circuito che doveva usare parte della vecchia pista e parte della nuova l’ho visto anche io, ma credo che non se ne farà di niente. Sarebbe stata un’opzione già migliore del lay-out attuale, però.

  • il red bull ring è il vecchio a1 ring, ne piu ne meno.
    la pista mi piace, anche se non è molto lunga

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!