I motori V6 di F1 potrebbero essere utilizzati a Le Mans

4 giugno 2012 23:16 Scritto da: Davide Reinato

Secondo l’autorevole Racecar Engineering, il mondo dei motori potrebbe essere vicino ad una grande rivoluzione. In un futuro non molto lontano, i propulsori di Formula 1 potrebbero essere adottati anche nei prototipi di Le Mans.

Dalle prime indiscrezioni, i nuovi motori e le trasmissioni utilizzati in Formula 1 dal 2014, potrebbero essere compatibili con la famosa 24 ore Endurance organizzata dall’Automobile Club de l’Ovest (ACO). Sarebbero dunque i famosi motori V6 turbo, che arriveranno in F1 tra due anni, proprio in sostituzione degli attuali V8 aspirati usati nella massima serie a ruote scoperte.

Se la cosa andasse in porto, si avrebbe un abbattimento generale dei costi, con la possibilità di poter creare un’unità motrice che con un singolo progetto sia valido per la Formula 1 che per la Le Mans Series.  Il regolamento per la LMP1 del 2014 non è ancora stato confermato, ma introdurrebbe importanti novità, con l’aumento della cilindrata da 3.7 litri a 5 litri, l’abolizione dei turbocompressori a geometria variabile e una pressione massima del turbo di 4 bar. Se, per le categorie “secondarie” verrà dato il via libera anche ai motori V6 1.6 Turbo, potrebbero aprirsi scenari veramente interessanti.

13 Commenti

  • Ciao a tutti, ciao Audifan93, concordo ovviamente con ilo e zio ture ( mio padre ha lavorato per 35 anni in alfa… e poi ovviamente diventata FIAT… a pomigliano d’arco)unica precisazione per ILO:
    il commonrail inventato da fiat, non è stato ceduto a BOsh x la commercializzazione… ma è stato SVENDUTO in quanto la dirigenza dell’epoca non credette nel progetto. Bosh dal canto suo, seppe del progetto e si fiondò per comprarne l’esclusiva…. per 4 soldi….
    oggi il common rail… e’ di bosh… e noi idioti italioti… lo dobbiamo chiamare MJET… assurdo…
    forza ferrari un saluto a tutti

  • tatanka2003

    Piacerebbe molto agli organizzatori della 24 ore di Le Mans che le gare ‘minori’ si facessero con propulsori marchiati Ferrari, Mercedes etc. certo a fare da satelliti alla AUDI e company… Ma per favore!!! Aumento della cilindrata per il regolamento LMP1? E in F1 invece ci si deve ridimensionare? Basta con lo strapotere dei tedeschi in tutti i campi! Non è più possibile…

    • Tatanka…siamo semplicemente all’avanguardia della tecnica….

      • Non voglio aprire qui un discorso tecnico che sarebbe inverosimilmente lungo ma “All’avanguardia della tecnica” è sicuramente un’ottimo spot, ma non è di sicuro la realtà, specie se ci si riferisce alle vetture di serie…

      • Cosa hai contro la mia Audina?? :,(

      • :-)) assolutamente nulla!! Solo che se osservi l’evoluzione dei motori di serie del gruppo VAG (specie i diesel) ti accorgi che non sono propriamente degli “innovatori”. In quel campo le maggiori innovazioni sono venute proprio (manco a dirlo) dal gruppo Fiat col Common rail – breveto Fiat Powertrain ceduto a Bosh per la commercializzazione – e col MJ

      • Vorresti paragonare i motori Fiat a quelli Volkswagen ?????dai non mischiamo la lana con la seta…

      • uffa… lo sapevo che non avrei dovuto iniziare questa discussione… vabbè ora ti dico come la penso: se parliamo di auto rifinite e curate nei minimi dettagli, cura maniacale dei particolari, affidabilità generale le auto del gruppo VAG sono ottime. Se vogliamo parlare di innovazione motoristica allora li vedo un pò indietro. A voler prescindere dalle bellisime sigle che danno ai loro motori (tsi tfsi tvttb :-)) si sono risvegliati dal torpore iniettore-pompa solo in tempi recenti (per passare ad un sistema simil common-rail) in quanto ormai divenuto ingestibile e impossibile da far rientrare nelle normative Euro 6, quando tutti i costruttori creavano i loro diesel attorno al common-rail (di ideazione Fiat – lo so che da fastidio) già da diversi lustri. Ma questo è solo uno dei tanti esempi che potrei farti. Se malauguratamente un motore a benzina VAG rompe la cinghia di distribuzione è quasi da buttare; problema che in Fiat si sono scordati dal 1988 con la costruzione dei motori F.I.R.E.
        Che poi in Fiat (e in Italia in generale) non ci si renda conto delle potenzialità delle proprie invenzioni e non siano dei geniacci nell’autopromozione di quelle che sono le potenzialità dei loro ritrovati, bhè è palese come la luce del sole; altrimenti, probabilmente, il brevetto Common-Rail non sarebbe stato ceduto alla Bosh, probabilmente oggi collegheremo il nome ABS alla Fiat (sistema progettato dall’ing. Palazzetti che lo inventò con la sua equipe, negli anni ’60, chiamato Antiskide che la Fiat produceva negli Stati Uniti per il mercato americano), per non parlare del primo autobus a idrogeno che gli ingegneri di Detroit vennero a vedere sbavando negli stabilimenti FIAT (ed erano gli anni ’70!!). Insomma, quando si parla di INNOVAZIONE, credo che un pò’ di rispetto per la Fiat sia d’obbligo.

      • guoto ilo è aggiungo che il famoso motore TSI sfrutta un brevetto Lancia usato sulla Lancia Delta S4

        Dedicato ad AUDI FAN
        youtube . com/ watch?v=AowC-9PK5Uk&feature=related

      • Grande zio Ture! avevo dimenticato quel mostro del gruppo B!! :-)

  • Mono motore per tutti!!che tristezza…

  • Giù le mani FIA dalla Le Mans!!!!

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!