Robert Kubica, dove sei?

5 giugno 2012 13:56 Scritto da: Antonino Rendina

Basterebbe un cenno, una dichiarazione, un comunicato stampa, un sorriso. Perchè gli appassionati non hanno dimenticato Robert Kubica, ormai assente dalle gare da più di un anno  a causa del tragico incidente del sei febbraio 2011.

Prima tanti i interventi chirugici, poi la riabilitazione e le speranze, più o meno effimere, infine le certezze latitanti, poche, quasi nulle. Tante, tantissime le illazioni intorno al talentuoso pilota polacco. Torna o non torna?

A sfogliare la margherita del destino dello sfortunato Kubica ci hanno provato un po’ tutti: la stampa italiana, con quella tuta Ferrari che aspetta lì e grida vendetta. Una storia che sarebbe favola, un lieto fine troppo bello per avverarsi, forse.  Jaime Alguersuari, collega sibillino e fuori luogo con quella sparata da quattro soldi sulle precarie condizioni della mano destra di Robert. E ancora giornali, addetti ai lavori, tifosi, dietrologi.

Non ultimo il quotidiano elvetico “Blick” che qualche giorno fa ha parlato di recupero impossibile per Robert Kubica. Troppo profonde le lesioni ad avambiraccio e mano per pensare di poter reggere ancora una volta le sollecitazioni di una F1, così secondo il giornale svizzero.

Avanti un altro sul carro dei sapientoni, c’è posto per tutti. Chi sarà il prossimo a rivelare il futuro di Kubica? Qui l’unica cosa certa è un silenzio dei protagonisti, pilota e manager, inquietante. Tetro e malinconico. A tal punto che il team principal Lotus-Renault, Eric Boullier, ha ammesso non più di una decina di giorni fa: “Ormai abbiamo perso tutti i contatti con Kubica”.

Perchè l’entourage del polacco non parla più? Perchè Robert non compare mai in pubblico, lui che era simpatico, chiacchierone, positivo? Non basta un test su una Skoda e qualche foto che rasenta il mistero. I tifosi vogliono sapere, hanno diritto di sapere, che fine ha fatto un loro beniamino. Un pilota che manca a questa F1 come pochi altri. Per bravura e carisma.

Gradito, più di ogni altra cosa, sarebbe uno schiaffo morale a molti con Robert in pieno recupero e pronto a saltare su una monoposto.  Ma anche se la sua carriera fosse davvero finita precocemente, meriterebbe comunque di essere raccontata come una bella storia. Quella di un racer cattivo, veloce, vincente.

Che potrebbe camminare a testa alta anche come opinionista, istruttore, consigliere, consulente, team manager, agente. Perchè un posto in F1 per Kubica ci sarà sempre.

Basta qualche parola, un’intervista, una lettera. Noi aspettiamo fiduciosi e intanto, visto che la prossima gara è a Montreal, ci piace ricordare la splendida edizione del 2008. L’assolo più bello di Robert.

14 Commenti

  • Ferrari_Ivan

    povero Robert. sarebbe diventato molto probabilmente campione del mondo con la rossa di Maranello.

  • robert è un pilota vero,spettacolare,talentuoso.

    uno di quei piloti da rispettare perchè che si tifi o no regala emozioni ed è degno rappresentante del più grande e prestigioso sport motoristico del mondo.

    credo che tutti noi speriamo in un suo recupero e accrescerebbe ancor di più un livello già alto di piloti.

    purtroppo più tempo passa e meno notizie si hanno,diventa sempre più difficile credere ad un suo ritorno anche se la speranza è l’ultima a morire.

  • insieme ad Alonso ed Hamilton, è il pilota più forte che abbia mai visto negli ultimi anni..FORZA ROBERT

  • Notizia ANSA su Robert:
    “F1: nuovo intervento per Kubica, operazione riuscita
    In casa cura Peschiera, innesto protesi al gomito”

    Speriamo possa tornare competitivo!!

    • Ho letto anche io.
      Da una parte è un po’ preoccupante che dopo tutto questo tempo ancora debba sottoporsi ad interventi chirurgici…dall’altra ho letto che l’ultima operazione ha proprio lo scopo di permettere a Robert di impugnare correttamente un volante (dopo le difficoltà evidenziate in un test al simulatore), quindi…ci sta provando!
      Forza Robert, sarebbe un sogno per tutti rivederti dentro una formula 1!!!

  • Rosso dentro

    A me Robert manca un casino…
    Vederlo vincere su una F1 (magari Rossa) sarebbe una storia troppo bella per essere vera.
    E se poi non dovesse recuperare per una monoposto…pensa che la vita è una sola, goditela Rob!

  • Secondo me dipende solo da lui.
    Non è facile “tenere duro” in momenti così delicati.
    La sua convalescenza è lunghissima e bisogna superarla in primis con la testa.
    Forza Robert!

  • No,noi tifosi non abbiamo nessun diritto di sapere cose che ormai riguardano solo e soltanto questioni della vita privata di Robert.
    Non c’è nessun dovere di rendere pubblica la propria sofferenza e il proprio dolore

    • Nessuno vuole entrare nella sua vita privata, se però sei un pilota di F1, seguito da milioni di persone(magari anche da fans club), dopo quasi due anni dall’incidente hai il dovere di dire qualcosa o di farla dire al tuo manager…basterebbe anche “sto lavorando al massimo per tornare in F1″, non ci vuole molto e non è un’invasione della sua vita privata

  • Tempo fa fu pubblicata una foto in cui si vedeva il braccio di Kubica in condizioni preoccupanti(mi ricordava quello di Nannini)..non bisogna essere medici per capire che quella mano difficilmente potrà riacquistare la totale funzionalità. E’ da rispettare la sua volontà di chiudersi in se stesso, ma secondo me, per rispetto dei suoi tifosi, dovrebbe avere la forza di fare una dichiarazione pubblica e di dire semplicemente come sta

  • Forza robert ritorna e fai vedere che tu su una monoposto ci sai fare!

  • io ci spero,ci credo…..Robert sulla Rossa!!

  • questo silenzio non lascia presagire niente di buono… ci manchi robert

  • povero robert…
    ci manchi…

    sarebbe stato il momento ideale per saltare in sella al Cavallino Rampante…

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!