FIA: entro il 30 giugno il voto sulla riduzione dei costi

16 giugno 2012 00:26 Scritto da: Davide Reinato

La Federazione Internazionale dell’automobile ha deciso: entro il prossimo 30 giugno si dovrà procedere al voto per varare le nuove norme per il contenimento dei costi in Formula 1.  La FIA, dopo la riunione avuta nella mattinata di ieri, ha ancora una volta ribadito l’intenzione di rendere il motorsport più accessibile e, pertanto, necessità un’azione di contenimento dei costi regolamentata dallo stesso organo federale e non più con un gentleman agreement.

In un comunicato si legge che “su richiesta delle squadre sono state avviate delle discussioni proficue e ogni modifica al regolamento tecnico, legata ad un ulteriore tetto alle spese per il telaio, sarà sottoposta al Consiglio Mondiale attraverso una votazione. L’obiettivo è aiutare tutte le squadre a partecipare al Mondiale in maniera equilibrata e paritaria”.

La data del 30 giugno non è causale, dato che la FIA ha fatto riferimento al termine entro il quale le modifiche al regolamento tecnico della prossima stagione possono essere varate semplicemente con la maggioranza dei voti dei team. Se si fosse votato dopo il 1° luglio, infatti, per le modifiche sarebbe servita l’unanimità delle squadre. Una cosa impossibile, vista la recente presa di posizione di Red Bull e Toro Rosso che si discosta di molto con quella del Presidente Ferrari, Luca di Montezemolo.

Il comunicato della FIA, inoltre, fa riferimento anche al nuovo Patto della Concordia: “Sono in corso discussioni costruttive per il nuovo Patto tra la Federazione e il soggetto che detiene i diritti commerciali del campionato, con l’intenzione di perfezionare l’accordo nelle prossime settimane”.

6 Commenti

  • Se dovessero mettere un tetto massimo di spesa potrebbero liberalizzare parecchie cose tra cui i test. Il problema è di quanto deve essere questo tetto massimo? Io direi non troppo basso perchè vorremmo vedere il meglio della tecnologia e senza spendere non c’e’ storia. Piuttosto Bernie dovrebbe sganciare più soldini alle squadre!

  • La riduzione dei costi è indispensabile!

    Vi spiego il perchè:
    Nelle squadre di vertice troviamo Ferrari, McLaren, Red Bull, Mercedes e Lotus.
    Se non ci fosse il baget massimo, ogni team spenderebbe il più possibile per creare una vettura vincente.
    Chi ha più soldi da spendere?
    Dietrich Mateschitz, ovviamente!

    Mateschitz ha 2 team di F1 (Red Bull Racing, Toro Rosso), sponsorizza tutti gli sport estremi, possiede un team Nascar (Team Red Bull), è proprietario di 3 squadre di calcio (Austria Salisburgo, Red Bull Salisburgo e Red Bull New York) e, non essendo ancora soddisfatto, ha fondato una squadra di calcio brasiliana.

    In questo periodo di crisi non credo che le case automobilistiche che sono presenti in F1 stiano attraversando periodi floridi, quindi se una di esse potrebbe spendere al massimo 100, Mateschitz spenderebbe 1000.
    Chi secondo voi farebbe la vettura più competitiva?

    • Ti quoto in pieno, ma secondo me si spende di più adesso di quando nel 2000 perchè??? Se no sbaglio nel 2000 c’era libertà “assoluta”, test liberi e anche diversi gomme e varie cose; quindi, secondo una mia opinione, i costi sono aumentati a cause delle restrizioni ma anche all’aumento che bernie a chiesto ai vari circuiti. Posso anche sbagliarmi

  • Per me i modi di risparmiare ci sono, basta prendere cose dalla serie invece che inventarle nuove.
    I motori per esempio, perchè non usare un classico ed equilibrato V6 3.0 con il basamento proveniente dalla produzione e modificato negli altri particolari per rendere di più?
    Magari usare poi benzina normale e non da 1000 euri al litro, magari l’obbligo di realizzare almeno una delle due auto con carburanti alternativi o sfruttare di più l’energia elettrica, un’aerodinamica molto più semplice, niente più alette sparse per la carrozzeria, e sviluppo congelato in solo 3-4 step massimi all’anno. Piuttosto che un motore “unico”, un fondo piatto unico per tutti con effetto suolo ancora più marcato.
    E ovviamente una sola mescola di gomme disponibile per ogni gara.

  • Non capisco perchè c’è bisogno di ugualianza tra le squadre. Sono d’accordo che si devono ridurre i costi, ma se alcune squadre possono spendere di più lo facciano; vi immaginate la ferrari, mclaren, mercedes e red bull che hanno con buget milioni di euro spendere quanto hrt o marussia perchè c’è bisogno di ugualianza; ma fatemi il piacere chi non si può permettere di entrare in F1 non ci entri; invece di ridurre i costi nelle scuderie riduceteli sui diritti televisivi, canone circuito etc, MA NON TOCCATE LE SCUDERIE

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!