Alonso dov’eri? Vettel e Hamilton ti hanno “staccato”

23 giugno 2012 15:57 Scritto da: Antonino Rendina

Due fendenti dolorosissimi, che squarciano l’aria e frenano le pulsazioni rosse. Due giri veloci che strozzano entusiasmi e sogni di dominio.

Nelle qualificazioni più confuse, indecifrabili e serrate dell’anno,  su un circuito cittadino di discreta andatura che presenta qualcosa come 14 piloti racchiusi in tre decimi in Q2, ecco che a mancare è il protagonista più atteso.

Quel Fernando Alonso pieno di aspettative e buoni propositi che non riesce, causa idiosincrasia della F21012 con le gomme soft, a fare la differenza, a metterci del suo, a rimanere attaccato al trenino che conta. Fernando era ottimista, l’obiettivo era marcare a uomo Hamilton. Gli partirà invece 9 posizioni dietro. E sarebbe scorretto dare la colpa solo alla “Formula lotteria”, che purtroppo esiste.

Perchè l’abbiamo più volte detto, nel caos generale è proprio il talento del pilota che deve fare la differenza. Per Fernando quei 4 millesimi di distacco da Kobayashi in qualifica sono un rimpianto grandissimo. Alonso doveva cercare nella “spazzatura delle prove” la curva buona per fare un po’ di selezione rispetto a piloti che non hanno il suo palmarès.

Invece l’asturiano è sembrato improvvisamente mancare in uno dei momenti topici della stagione, con tutte le vetture attaccate un po’ per meriti e un po’ per la casualità di questa F1 pazza, ma tant’è.

E Alosno, come un ciclista da classifica che crolla in salita, si è fatto staccare dai diretti avversari. Diversa la freschezza in qualifica di un “Signore del giro veloce” come Sebastian Vettel, capace di dare mezzo secondo a tutti nonostante il livellamento prestazionale. Performance da dedicare a chi ancora dubita del talento limpido e cristallino del giovane bicampione del mondo.

E poi c’è l’altro funambolo, l’altro manico del sabato: Lewis Hamilton. L’inglese, nonostante sembri meno brillante di altre volte, ha tirato fuori il giro buono al momento giusto conquistando una prima fila di fondamentale importanza.

Nella confusione generale, che ad alcuni piace perchè la trovano emozionante mentre altri la ripudiano considerandola artificiosa, resta il fatto che Vettel e Hamilton sono staci capaci di svettare, facendo la differenza rispetto ai Maldonado, alle Lotus, ai Perez. Ed è forse proprio in questo che Alonso deve migliorare.

Lo spagnolo che in gara è il più convincente, il più forte, rischia di compromettere la lotta mondiale per questi “sabato del villaggio” un po’ così, sempre oltremodo tormentati. E pace se domani i diretti avversari della Ferrari faranno gara a sè. Per Nando riacciuffarli in pista partendo da dietro sarà notevolmente complicato.

68 Commenti

  • @CavallinoRampante
    Aldilà delle polemiche relative alla spy-story, che qui non c’entrano assolutamente niente, il mio punto di vista è che ieri Alonso ha sbagliato in maniera clamorosa. Non tanto per il tempo che ha fatto (con 5 millesimi in meno si sarebbe qualificato alla q3) quanto per il fatto che ha consapevolmente deciso di uscire nella q2 con gomme dure. E’ stato un errore clamoroso perchè Vettel (che ieri ha fatto la pole) nella q1 con gomme dure si era qualificato quattordicesimo. Quindi già nella q1 si era abbondantemente fuori dai primi dieci con le dure, a maggior ragione in q2 l’opzione scelta dal duo Ferrari era da scartare a priori perchè non avrebbe consentito di fare un tempo decente. Che poi la colpa venga data tutta agli strateghi Ferrari ci può anche stare, ma qui si ritorna alla differenza tra il pilota e l’autista. Il pilota, secondo me, deve essere in grado di capire lo svolgimento della gara e delle qualifiche e deve imporre la propria posizione quando è convinto che questa sia corretta, anche se al muretto dicono il contrario. L’errore è stato ancor più grave, a mio giudizio, perchè è gia il quarto in altrettanti week-end di gara consecutivi. Detto ciò, non è assolutamente mia intenzione dire che Alonso non è un campione o che non deve sbagliare mai, però mi sembra che negli errori di strategia fatti da Barcellona in poi qualche responsabilità ce l’abbia anche lui oltre al muretto Ferrari.

    • Questa volta per me non c’è stato nessun errore,nè da parte del muretto nè da parte di Alonso, o meglio,da Alonso mi sarei aspettato qualcosina in più,diciamo quei 3/4 decimi consueti rispetto a Massa,ma il fatto di fare solo un tentativo con le gomme morbide non è stato un errore perchè questa mescola la Ferrari non riesce a sfruttarla come le altre squadre…quindi non cambiava nulla….
      quello che si deve capire è perché tutti passando da una mescola all’altra guadagnano un secondo o giù di lì,mentre sulla Ferrari lo scarto è di soli 3/4 decimi…assetto??
      bohh…vedremo fra poco.

      • Anche questa lettura può essere condivisibile.

      • MassaisTheBest

        Si, se avesse dato 3-4 decimi a massa avrebbe chiuso la q2 primo con un vantaggio di due decimi sul secondo, dai su è impensabile!

      • Mi riferivo alla differenza di prestazione tra le due mescole…

      • MassaisTheBest

        io rispondevo a Esc4pe85

      • Sorry:)

      • i fatti parlano chiaro….non voglio sempre discutere sempre le stesse cose.Se poi tu hai altri dati diversi fammeli vedere,ciao.

      • e allora diciamo che la grande delusione delle prove e’ stato alonso

      • MassaisTheBest

        vuoi i dati? Ok.
        Prendiamo i esempio le qualifiche di quest’anno e dei due precedenti qui a valencia e il distacco tra Alonso e Massa:
        2010:
        Alonso 1.38.075 Massa 1.38.124 distacco 49 millesimi ( anch’esse c’è da dire che nella q2 massa aveva fatto segnare un tempo di 1.38.046 )
        2011:
        Alonso 1.37.454 Massa 1.37.535 distacco 79 millesimi
        2012
        Alonso 1.38.707 Massa 1.38.780 distacco 73 millesimi
        I numeri parlano chiaro, spero risponderai..

      • non concordo mai con MITB ma questa volta si…Massa è andato forte ed è merito suo..
        ieri Alonso non ha sbagliato a uscire con le medie perchè come ha detto Esc4pe85 è la mescola con cui la Ferrari va meglio ed era giusto provare a vedere se sarebbero bastate…poi gli altri hanno fatto dei salti molto superiori a quelli della Ferrari e non c’è stato niente da fare

  • CavallinoRampante

    Hai perfettamente ragione su tutta la linea, mi sa tanto che te sei uno di quelli che “30 sul campo”. Qua le uniche idiozie che ho letto le hai scritte te dato che sei ignorante, nel senso che ignori le condanne e i patteggiamenti dei tuoi bravi garagisti. Ma tant’è, da uno che apostrofa sconosciuti come ‘tifosi della domenica’ senza sapere con chi sta parlando non ci si puó aspettare altro che presunzione, altezzosità e smanie di protagonismo. Vorrai capire poi da quale scranno reale lanci le tue invettive. Sappi che, al 99% non stai parlando con un tuo coetaneo, quindi mantieni la calma che con le persone intelligenti, come iron mc, si puó discutere tranquillamente. Cosa che evidentemente te non sai fare per ovvie ragioni. Contento tu, contenti tutti. PS Per farti capire dagli italiani utilizza il loro verbo, non coniare termini a tuo uso e consumo, ne perdi in credibilità (qualora ne avessi). Cordialmente.

  • Caribbean Black

    @cavallino rampante….

    Tu parli a grn voce di spy story e e dalle abominevolità che scrivi deduco che non ne sai nulla, in quanto parli di ingaggio di spie, e progetti fotocopiati che ci avrebbero fatto vincere facile…..ma stai scherzando??????

    Punto 1.

    Nigel Stepney, grandissimo capo meccanico della rossa, ha avuto la brillante idea di svendere i progetti di SOLE 3 componenti dell’INTERO progetto ferrari, piu una serie di email arrivate all’attenzione di pedro de la rosa e fernando alonso, nella quali c’erano indicazioni sulle pressioni delle gomme utilizzate da kimi per il week end di melbourne 2007 gara iniziale della stagione, piu le strategie da adottare in gara sia a melbourne che in malesia….suggerimenti che alonso ha scartato immediatamente perchè non si addicevano alle caratteristiche della mp4/22 del 2007, nata oltre sei mesi prima, sulle indicazioni di fernando alonso che era un pilota sotto contrattoi con la mclaren gia dal gennaio 2006 ancor prima che il campionato 2006 iniziasse….

    Ti informo visto che non lo sai, che i progetti di quelle 3 componenti ferrari arrivarono nelle mani di coughlan (che non è una spia, ma è un genio dell’aerodinamica che è caduto come un somaro, nella trappola della mela colta dall’albero del paradiso) solo nel week end della gara del nurburgring, il 20 luglio 2007, e non prima di suddetta data, un po troppo tardi per poter pensare minimamente di applicare una qualunque si voglia filosofia ferrari su una mclaren gia bella che progettata, con schemi e conformazione diversi dalle scelte tecniche ottemperate in fase progettuale dalla ferrari, per tanto, vincere facile a copiare cosa????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????

    Un bel niente.
    inoltre…Ron Dennis non c’entrava nulla nella spy story, fino a prova contraria sia chiaro, prova contraria che purtroppo però non c’è.
    Il team mclaren ne è uscito piu che pulito da quella vicenda, ha pagato un dazio superiore a quello che avrebbe meritato, visto e considerato che tali progetti non c’è stato nemmeno il tempo di consultarli, dal momento in cui così come sono arrivati, sono stati denunciati, così come non sono mai stati applicati concetti della rossa ne nella stagione 2007 nè nella stagione 2008, cosa sulla quale chi era stato incaricato di indagare, ha accertato che nessun genere o tipo di filosofia ferrari è stata adoperata dalla mclaren.

    Nel 2009, tanto per farti mettere l’anima in pace, con il cambio regolamentare sulla progettazione delle vetture, non è stato piu possibile adottare nessun tipo o forma di idea progettuale dell’anno passato in quanto i progetti delle 3 componenti della rossa erano obsoleti, quindi inutili.

    Studiala bene prima la spy story, prima di criticare ed accusare chi non è colpevole.

    In sintesi, la spy story ha visto coinvolti esclusivamente 2 personaggi su tutti, Nigel Stepney e Mike Coughlan ed altri 2 in modo piu superficiale De La Rosa e Alonso.

    Attualmente non ci sono altre persone coinvolte, così come è stato accertato che la mclaren di quei progetti non ha adoperato nulla di nulla di nulla.

    • CavallinoRampante

      “abominevolità” mi è bastato leggere la prima riga per capire cosa avrei trovato dopo. Mi confronto solo con persone migliori di me (e sono tante), per provare a migliorare (non ci riesco quasi mai). Riguardo il tuo post, citando Gassman, “Questo lo ignoro”. Gli invasati da stadio li lascio volentieri al calcio. Buona serata e buona domenica.

      • Caribbean Black

        Ed infatti, il classico tifoso della domenica, appena qualcuno effettua una piccoa critica (ironmc) al santo padre che posa il sederino sulla vettura rossa, il classico tifoso da stadio, ignorante (nel senso che come sottolinei…ignori le vicende legate alla spy story) parte per la tangente e riversa il suo astio dovuto alle critiche anche giustamente mosse dal punto di vista di un altro utente (sempre di Ironmc si parla), tirando fuori argomenti di cui non conosce il benchè minimo evento, per sferrare l’attacco e prendere le difese di San Fernando, e della Santa Ferrari….

        Ps….per non adoperare termini piu consoni e coloriti, ho adoperato una parola inesistente ma che rendesse l’idea “dell’idiozia” letta poco piu giù…..Sai com’è, è il contesto ed il concetto che si vuole esprimere quello che conta veramente.

        Buona domenica e Buon GP 😉

  • Ragazzi io penso che la qualifica sia una cosa e la gara un’altra.
    Vettel comunque ha dimostrato il suo valore, quando la macchina è come vuole lui, in qualifica non lo batte nessuno.
    Hamilton uguale a Vettel, solo che questa volta la macchina non era perfetta ma si rifarà in gara.
    Alonso domani dovrò puntare a fare una gran gara, sarà questo il tema della domenica, quante posizioni riuscirà a guadagnare il buon Fernando partendo con le gomme dure?
    La Ferrari sembra interpretare meglio queste coperture, basterebbe una safety car poco dopo il 20o giro per balzare tra i primi, comunque solo domani lo sapremo, comunque complimenti a Vettel, intanto.

  • non ci sta il dare la colpa di alonso forse ci abituato troppo bene a metterci del suo ma non vedo colpe qui sinceramente

  • vi pongo un quesito , puo essere che alonso sia mancato per il problema al ginocchio dovuto a un incidente in bici? perche lui minimizza ma ieri era con il ginocchio gonfissimo e fasciato! magari non molto ma un poco avrà inciso !

    • Non credo perchè l’ago della bilancia è Massa.
      Il brasiliano in questo circuito si è sempre comportato abbastanza bene, quindi se Alonso gli è arrivato avanti vuol dire che sta bene.
      Se dovesse avere qualche problema al ginocchio lo vedremo domai in gara (oltre 1,30 ore di corsa in un circuito cittadino).

      L’unico problema di Alonso sono stati i tempi troppo ravvicinati.

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!