GP Gran Bretagna 2012: anteprima e orari del weekend

2 luglio 2012 02:02 Scritto da: Davide Reinato

Ci avviciniamo sempre più al giro di boa della stagione. La nona tappa del Mondiale 2012 è il Gran Premio d’Inghilterra che si svolgerà sullo storico circuito di Silverstone. Situato nel Northamptonshire, il tracciato misura ben 5.891 metri, una lunghezza di pista seconda solo a Spa Francorchamps.

Il layout è ora ben diverso da quello originale, che era stato costruito unendo le tre piste dell’aeroporto militare della Royal Air Force. La Formula 1, però, ha sempre utilizzato le vie perimetrali dell’aeroporto che hanno costituito lo schema della pista per 37 anni. Le modifiche al layout di Silverstone si sono susseguite negli anni, arrivando alla configurazione del 2010 con la nuova “Arena” e le più moderne strutture ai box. La sua natura di circuito ad alta velocità, comunque, rimane invariata:  diverse le curve molto larghe, veloci e con ampio raggio. Un po’ deludent, ma molto tecnica, la nuova Arena, costituita dalle curve: Village, The loop, Wellington Straight e Aintree.

Diversi i punti caldi del circuito. La zona più difficile e tecnica è sicuramente quella delle “S” in successione: Maggots, Becketts e Chapel. Da quest’ultima è necessario uscire bene per non perdere velocità sul lungo rettilineo dell’Hangar Straight. Affrontare bene questo tratto è determinante anche in fase di sorpasso, dato che si può tentare la manovra contro un avversario entrando poi nella curva Stowe o, più avanti, alla Vale.

L’aerodinamica, su questa pista, conta molto più del grip meccanico. I livelli di carico aerodinamico a Silverstone sono relativamente elevati, in modo da offrire molto grip aerodinamico nelle curve veloci, specie in quelle che si trovano nella prima parte del giro. Il GP di Gran Bretagna è sicuramente uno dei più impegnativi dell’anno per gli pneumatici, a causa della superficie abrasiva e della lunghezza del giro. Per questo motivo, anche quest’anno, Pirelli ha scelto mescole dure e morbide, ossia Pzero Silver Hard e Pzero Yellow Soft.

Anche quest’anno ci sarà una singola DRS Zone a Silverstone. I piloti potranno attivare l’ala mobile subito dopo la curva 4, ossia alla “The Loop”. La detection zone è invece fissata appena prima alla curva 3, ossia la Village. Per ripassare il layout del circuito, facciamo un giro con la Caterham di Jarno Trulli (2010).

GP Gran Bretagna: gli orari del weekend

Venerdì 6 Luglio 
Prove Libere 1 | 11:00 - 12:30
Prove Libere 2 | 15:00 - 16:30

Sabato 7 Luglio 
Prove Libere 3 | 11:00 - 12:00
Qualifiche     | 14:00 - 15:00

Domenica 8 Luglio
Gara           | 14:00

 

29 Commenti

  • Ci sono già le prime foto?

    Sono curioso di vedere quali novità ci saranno.

  • ragazzi, un augurio di pronta guarigione a maria de villota che proprio stamattina ha avuto un’incidente molto grave.

  • mah per me le red-bull grazie al nuovo fondo regolare o meno (ormai la F1 si falsa sempre) sono avanti di molti e se l’effetto è quello di avere maggior carico (maggior effetto suolo) allora aimè sarà una gara tra webber e vettel….

    • Io sono daccordo con Zio Ture, il nuovo fondo senza la porcata degli scarichi soffiati serve a ben poco.

      La cosa che mi sorprende è il fatto che di questi scarichi che aggirano il regolamento se ne parla ormai dappertutto, possibile che nessuno richieda almeno un chiarimento?

      E come mai questa inattività della Federazione????

      Certo che da quando le operazioni di voto per la diminuzione dei costi sono state prorogate, questa inattività della Fia mi insospettisce non poco, qualche accordino sotto banco????

  • IO vedo molto bene le lotus come al solito. prima o poi ci indovinero’ ahahahahahah………..

    scherzi a parte su alonso non voglio pronunciarmi ma lo vedo bene(podio), pero’ credo nella vittoria di vettel……

  • ho sentito dire che i nuovi circuiti non sono piu spettacolari a quelli degli anni passati.

    1: non sono stati i circuiti ad essere rovinati ma bensi le vetture.

    2: con queste gomme e col DRS le gare stanno diventando tutte molto interessanti, anche se corrono a piazza di spagna.

    3: VOGLIAMO PENSARE UN PO’ ANCHE ALLA SICUREZZA DI QUESTI PILOTI?

  • Dicono che alonso vorrebbe disegnare un vero e proprio circuito di f1 in collaborazione con Tilke… sempre se il vecchio glielo permetta!!!

  • vedorosso77

    la red bull finora è andata forte sui circuiti cittadini (vedi monaco e valencia) e meno su quelli medio veloci (vedi canada).Quindi non credco che sarà la favorita per silverstine mentre temo le mc laren….certo che se piove si rimescola tutto!!!

    • Però Canada e Silverstone non sono paragonabili: nella prima la velocità era data dai rettilinei, nella secondo ci sono molte curve veloci…quasi certamente le basse temperature li aiuteranno meno comunque

  • Io vedo favorito Vettel sia con l’asciutto che con la pioggia,poi se c’è una situazione mista allora diventa una lotteria o vince la squadra che azzecca le strategie

  • alexander brandner

    Dicono, che piove in gara quindi se dovesse piovere credo sarà sfida tra hamilton e alonso con massa che cercherà, di battere il record di 13 testacoda che fece nel 2008……..

  • Silverstone un tempo era tutt’altra cosa…
    Va detto per i più giovani che i circuiti del primo dopo guerra tendevano ad essere molto veloci e pericolosi, prima di tutto perchè ottenuti in gran parte da strade normali. Poi per motivi di sicurezza e non solo (nei circuiti veloci le macchine si vedono per meno tempo e questo cozza un po’ contro le logiche commerciali di Ecclestone) si è deviato verso tracciati più tortuosi, oppure si sono modificati nella stessa direzione i tracciati esistenti.
    La storia di Silverstone è un paradigma: si comincia con una specie di anello di alta velocità, in cui lunghi rettilinei sono collegati da curve a raggio ampio, velocissime. Negli anni ’70, dopo un pauroso incidente multiplo innescato da Scheckter alla Woodcote venne aggiunta una “S” difficilissima, molto veloce, anch’essa pericolosa, quella dove Villeneuve nell’81 si gira tirandosi dietro Jones e De Cesaris. Poi nella seconda metà degli anni ’80 ci mettono una “S” più lenta, praticamente un’inchiodata invereconda in mezzo ad una serie di tratti velocissimi. I piloti storcono la bocca, e allora la “S” viene sostituita da un vero e proprio complex, molto tecnico, secondo una configurazione che dovrebbe far somigliare Silverstone alla combinazione “Rettilinei nel bosco – motodrome” di Hockenheim. Nel frattempo si mette mano alla Beckett, realizzando la sequenza di curve attualmente esistente (caso più unico che raro di aggiornamento molto ben fatto) e si realizza il tratto “interno” tra Stowe e Club, con la chicane Vale. Su questo tracciato si corre fino alle ultime modifiche, ovvero la creazione del loop interno, che a parte le prime due curve veloci non sa di niente, e lo stravolgimento della curva Club, che da difficile piega a destra tutta in accelerazione ora è ridotta ad una tilkiana e secchissima curvetta prima del traguardo.
    In definitiva: io sono un nostalgico, e vedere la Formula 1 correre sulla vecchia “pietra d’argento” mi darebbe tuttoggi una grande emozione. Mi accontento di un circuito che è stato ristrutturato meno peggio di altri, anche se le ultime modifiche gridano allo scandalo. Speriamo che per un po’ non si inventino altro.

    • sono d’accordo con te il vecchio tracciato di silverstone era un’altra cosa, ma se pensiamo a come sono stati violentati circuiti tipo imola o zeltweg possiamo dire che silverstone e’ tra quelli rovinati meno, lo stesso discorso vale anche per hockenheim

  • a me invece non piace più.
    silverstone era una della mie preferite,ora hanno rovinato la vecchia parte finale(che a sua volta già era stata rovinata con questa(che è diventato il t1).
    tracciato troppo largo,piatto,privo di spunti interessanti:una tilkata.

    vorrei riavere la silverstone degli anni 80.

  • pista nonostante le modifiche fatte bellissima vedremo se la rb si riconfermerà con temperature più basse visto che qui di solito fa sempre freschetto

  • qui dovrebbe esserci un pacchetto importante pe rla rossa, visto l areo test fatto di recente, incrociamo le dita forza ferrari forza mataorrrrrrrrrrrrr forza felipe KEEP PUSHING VERY HARD RED DEVILS/BOYS…..!!

  • gp decisivo per capire se la ferrari e’ in grado di competere con la redbull, speriamo di non fare la fine della nazionale di calcio..

    • gabriele72

      veramente la nazionale non ha niente a che fare con la ferrari;detto questo,la ferrari competerà con red bull..

      • Gabriele, speriamo non finisca come dopo il tuo commento sull’esito degli europei! 😛

      • il carro della nazionale si e’ già svuotato

      • gabriele72

        vabbè dai!un po di ottimismo!il mio,alla nazionale,era un augurio..detto questo,sapevo che la spagna era fortissima,ma credo che non abbia niente a che fare con la f1.e poi,in questo momento spagna e italia sono nella stessa squadra..

      • Lo so, Gabriele, era solo una battuta! :)

      • gabriele72

        caro rosso,se ti riferisce a me,ti sbagli!io non seguo il calcio se non per queste manifestazioni straordinarie..detto questo,il mio sport è la formula 1,e non mi sembra di essere tra quelli che salgono sul carro dei vincitori..anzi sono tra quelli che restano..anche oltre il precipizio..

      • non capisco mi hai risposto 2 volte con toni diversi, la mia era solo una provocazione lo so’ che non sali e scendi dal carro coma fanno certi tifosi che conosciamo bene

      • Prima rispondeva a me Rosso! :)

      • ok Joni

      • gabriele72

        😉

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!