Rosberg, dalle stelle alle stalle

10 luglio 2012 14:21 Scritto da: Giacomo Rauli

È labile, l’equilibrio di questo Mondiale 2012. In queste prime nove gare si è visto di tutto: Williams che torna a trionfare dopo otto anni di digiuno, Sauber a podio ben due volte, vetture (segnatamente la Ferrari) che recuperano uno svantaggio iniziale dalle prime di un secondo e mezzo circa in un “lampo”, Mercedes che torna alla vittoria dopo una cinquantina d’anni, dopo due anni e mezzo dal rientro in F1, con un pilota veloce quale Nico Rosberg.

L’inizio del pilota tedesco, figlio del titolato dell’82 Keke, è stato a dir poco promettente: dopo i primi due “zeri” in Australia e Malesia, in Cina è arrivata la prima meritatissima vittoria, seguita poi da ben cinque arrivi a punti, tra i quali l’ottimo secondo posto strappato a Montecarlo.

Dopo questi risultati, in pochi avrebbero pronosticato un calo così netto di Nico. Vero, la Mercedes non ha sviluppato la W03 con lo stesso ritmo di Ferrari e Red Bull, però c’è una controprova che gioca tutta a sfavore di Rosberg: Schumacher.

Schumi ha innalzato notevolmente l’asticella del suo rendimento, specialmente nelle ultime gare, nelle quali ha colto un meritato podio in quel di Valencia e un settimo posto in Inghilterra (condito però dalla terza posizione in griglia, colta sotto la pioggia battente del sabato inglese).

Ciò và ad eliminare ogni possibile alibi per Nico, il quale però rilancia le sue ambizioni e quelle della casa di Stoccarda: “Non siamo andati affatto bene nelle ultime due gare. Ora abbiamo il dovere di sviluppare la vettura, in modo da poter competere nuovamente con i primi. Gli altri ora stanno davvero compiendo un lavoro incredibile, in fatto di sviluppi. Noi dobbiamo adeguarci a quei ritmi, altrimenti continueremo a sprofondare”.

Nico parla anche del prossimo appuntamento stagionale, Hockenheim: “Finalmente arriva una pista che dovrebbe adattarsi meglio alle caratteristiche tecniche della nostra vettura. Rimaniamo fiduciosi e cercheremo di tornare al top nel più breve tempo possibile”.

Sembra che il tedesco debba ritrovarsi mentalmente, piuttosto che dal lato tecnico o di guida. Più o meno la stessa situazione in cui si trova da qualche GP a questa parte Jenson Button. Per entrambi servono risultati immediati per riscattare il momentaccio attuale. Chissà che i prossimi appuntamenti prima della pausa estiva possano riscattare l’appannamento del biondo di casa Mercedes.

7 Commenti

  • rosberg e’ bravo molto bravo se batte spesso schumacher non potrebbe essere diversamente, ma se la mercedes non cresce rischia di rimanere un’eterna promessa, io lo vedrei bene in ferrari

  • AyrtonSchumacher

    Secondo me Rosberg è un ottimo pilota, se avesse a disposizione una Red Bull farebbe molto bene……però a mio avviso è il classico pilota che non da emozioni. Non ricordo grandi sorpassi da parte sua, anzi, quando si trova nel “traffico” si trova spesso in difficoltà. Per me potrebbe essere un ottimo pilota, ma tanto per fare dei paragoni, Hamilton, Alonso e anche Vettel sono migliori di lui……..per quelli che dicono che Rosberg ha stracciato Schumacher, dovrebbero essere più onesti e ricordare che Schumacher ha 43 anni, non può essere più quello di una volta…..e un 43enne che riesce in media a stare a 2 decimi(e qualche volta pure davanti) da un pilota forte come Rosberg è un ottimo risultato……..vorrei vedere Rosberg a 40 anni……Micheal se avesse 27 anni se lo mangierebbe a Rosberg.

  • Credo che con Rosberg siamo al momento della verità.
    Quest’anno ha avuto una volta la macchina per vincere e ha vinto. Nei due anni precedenti ha abbastanza stracciato un certo Schumacher…
    Quest’anno deve ripetersi, anzi, migliorare, altrimenti rischia di non scollarsi mai di dosso il ruolo di eterna promessa. Le ultime due gare potrebbero essere una semplice “pausa di rendimento” oppure un segnale preoccupante…

  • Nico Rosberg: un grandissimo pilota che ha sempre guidato catorci. Se dovessi definire Rosberg lo farei così. Per me è uno dei migliori in circolazione.

    • marinaschumi

      Iron Mc
      10 luglio 2012
      14:35Nico Rosberg: un grandissimo pilota che ha sempre guidato catorci. Se dovessi definire Rosberg lo farei così. Per me è uno dei migliori in circolazione.

      SONO CON TE
      sta anzi stanno guidando un catorcio

      finalmente Schumacher ha trovato un grandissimo pilota come compagno di squadra

      era ora, per tanti “sportivi” ha sempre corso da solo !!!!!!!!

      • Purtroppo questa Mercedes non è all’ altezza e domenica,cosi come a Valencia,lo si è visto;sembrava una macchina di serie B in confronto a Ferrari,Red-Bull e Lotus…..ed il migliore di quella “seconda fascia” è stato Schumi che ha lottato come un ragazzino ed è arrivato il primo tra i “secondi” superando negli ultimi giri agevolmente Hamilton e facendo,quando le gomme a serbatoi scarichi l’hanno concesso,il quinto giro veloce in gara perfino davanti all’osannato Alonso che comunque per me è un gran pilota…..peccato che è il terzo gp su nove che non ha guasti o incidenti se no secondo me sarebbe li con i primi…Rosberg è un buon pilota ma tre su tre(gare pulite) è stato sistematicamente battuto….dal “vecchietto” criticato da molti,dopo tutto quello che ci ha dato….Alonso mi piacerebbe vederlo con Rosberg come compagno…..chissà forse avrebbe più stimoli in fondo anche lui non ha mai avuto dei fenomeni al suo fianco…..

  • e’ la differenza tra un campione e un buon pilota la costanza di rendimento e la capacita’ di riprendersi e lottare anche dopo momenti meno positivi …

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!