Maldonado sesto in qualifica. Male Senna, solo sedicesimo

21 luglio 2012 18:39 Scritto da: Michele Salvadori

Una buona qualifica quella di Pastor Maldonado che, sotto il diluvio di Hockenheim, è riuscito ad artigliare il sesto miglior tempo. Il venezuelano domani scatterà dalla quinta piazza, in virtù della penalizzazione inflitta a Webber per via della sostituzione del cambio della sua RB8.

Maldonado era da subito apparso a suo agio sul circuito tedesco già dalla giornata del venerdì, ottenendo il miglior tempo nelle FP2 e mostrando di avere un buon feeling con la sua Williams sul bagnato. Dalle sue dichiarazioni emerge tutta la soddisfazione per il buon risultato ottenuto : “Oggi le condizioni in pista sono cambiate spesso ma sia in Q1 che in Q2 siamo riusciti ad avere un buon bilanciamento con la vettura. In Q3 la pioggia si è intensificata e abbiamo avuto qualche difficoltà in più, non potevamo lottare per le prime due file ma sono molto contento del risultato che abbiamo ottenuto”. Probabilmente  al team di Sir Frank hanno scelto di optare per un set-up da asciutto in vista della gara di domani, impressione che viene confermata dallo stesso Maldonado:  Il meteo per noi domani dovrebbe essere più favorevole, saremo in grado di fare una buona gara, la vettura risponde bene, siamo fiduciosi”.

Di tutt’altro umore Senna, che è sceso in pista tardivamente durante la Q2, ritrovandosi a lottare con la sua monoposto sul tracciato ormai  allagato dalla pioggia. Il brasiliano scatterà dalla sedicesima posizione ed è chiaramente deluso dalla sua prestazione: “Sono molto dispiaciuto, avevamo un ottimo set up sull’asciutto ed eravamo competitivi, quindi ovviamente non sono contento di questo risultato. Quando il meteo è come oggi diventa sempre una lotteria e credo di essere stato un pò sfortunato”.

Proseguono quindi le difficoltà nelle qualifiche per il pilota di San Paolo, che restano per lui una sorta di tallone d’achille. Nonostante la partenza dalle retrovie,  Senna continua ad essere particolarmente ottimista per la gara di domani: “Non sarà affatto facile, partiamo abbastanza indietro e in questa pista non è semplice compiere dei sorpassi, ma abbiamo un buon passo gara quindi sono convinto che riuscirò a lottare per i punti”.

Aspettative elevate quindi in casa Williams, specie se il bel tempo dovesse premiare la scelta di setup orientato verso l’asciutto fatta dal team. Soprattutto c’è da tenere d’occhio Maldonado, alla luce dei recenti contatti con Hamilton e Perez: per il venezuelano è il momento di dare una risposta concreta a chi lo ha dipinto come pilota immaturo, irruento e spregiudicato. Con diversi big che partono attardati, l’occasione è ghiotta.

 

2 Commenti

  • Beh oddio se c’è stato un errore è da dividere in parti uguali fra lui e il team … il ritardo nello scendere in pista, (se è reale come scusante: non ricordo effettivamente quando sia sceso in pista in q2 Bruno) è causa sia sua che della squadra …

  • Ragazzi, portare lo stesso cognome di un campionissimo non significa essere allo stesso livello, questo poi, sta in F1 per San Bernie, che smaniava per avere quel magico cognome in griglia e questa è la cosa più vergognosa!

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!