Maria de Villota è stata dimessa

26 luglio 2012 11:45 Scritto da: Valeria Mezzanotte

La test driver Marussia Maria de Villota è stata dimessa ieri dall’ospedale La Paz di Madrid, dove era stata trasferita il 20 luglio scorso. Dopo l’incidente del 3 luglio nel corso di un aero-test all’aeroporto di Duxford, in seguito al quale ha purtroppo perso l’occhio destro, Maria era rimasta ricoverata per 17 giorni all’ospedale di Addenbrook, dove aveva ricevuto le prime cure ed era stata stabilizzata prima del trasferimento nella sua città natale.

Il comunicato stampa dell’ospedale La Paz afferma che, per quanto possibile, la de Villota è in buone condizioni e potrà ora iniziare il suo percorso di riabilitazione e recupero.

“Le condizioni generali della paziente sono buone, il che ci ha permesso di dimetterla ieri. In questi sei giorni è stata curata da specialisti di chirurgia plastica e neurochirurgia, oltre che dal dipartimento di oftalmologia che continuerà a seguirla, dato che avrà bisogno di sottoporsi a controlli e trattamenti periodici.

Come comunicato precedentemente, la paziente ha perso l’occhio destro come conseguenza dell’importante trauma subito, e sarà seguita attentamente dagli oftalmologi. Gli specialisti della chirurgia plastica saranno responsabili delle cure per le serie ferite riportate al volto e dei trattamenti per correggerne gli effetti”.

2 Commenti

  • Questa mattina andando in ufficio ho incrociato un camion con la sponda abbassata…
    E mi è venuto in mente l’incidente di Maria perché mi sono accorto della sponda abbassata solo all’ultimo per fortuna il camion era ben parcheggiato e la svolta che ho fatto prima di arrivare all’altezza del medesimo era ad alcuni metri di distanza.
    Se la maledetta sponda si trova all’altezza della testa è difficile individuarla subito per un effetto ottico… Sono rimasto agghiacciato al pensiero dell’incidente con una monoposto!!!
    Maria in bocca al lupo!!!

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!