Gp Ungheria: le pagelle di un’infuocata Budapest

30 luglio 2012 16:56 Scritto da: Antonino Rendina

Lewis Hamilton 10 In grande spolvero fin dalle prove libere, stavolta non ce n’è per nessuno. Domina in modo semplicemente spettacolare una qualifica serrata per tutti, ma non per lui. Il mezzo secondo rifilato agli inseguitori è più di un’ipoteca sulla vittoria del Gp. Ma la gara si dimostra dura anche per lui. Le Lotus lo mettono spalle al muro, probabilmente sono più veloci e Lewis deve fare di necessità virtù. Mette per una volta da parte l’aggressività di guida e gestisce magistralmente le gomme – come mai fatto prima – riuscendo a respirare negli ultimi giri. Seconda vittoria stagionale, diciannovesima assoluta. Si rilancia in campionato e dedica la vittoria all’Inghilterra olimpica. BOLT

Kimi Raikkonen 9 Senza ombra di dubbio, quel po’ di show che si è visto sul circuito magiaro l’ha dato Kimi. Il migliore domenica, peccato per l’ennesima qualifica in sordina e per la partenza a rilento (colpa del Kers). Da metà gara in poi è autore di una delle sue famigerate progressioni, con giri impressionanti l’uno dietro l’altro, con un set di morbide durato una trentina di giri. Consumo Pirelli praticamente inesistente; merito anche delle sue traiettorie delicate e ineccepibili. E quando serve questo Raikkonen caccia anche gli artigli, a farne le spese è il povero Grosjean domato con prepotenza rara. FENOMENO

Romain Grosjean 8,5 Prima fila in qualifica e terzo posto in gara. Ecco il fine settimana da “libro cuore” per il francese che cresce a vista d’occhio. Tallona Hamilton, lotta per la vittoria, alza bandiera bianca soltanto nell’ultimo stint. Probabilmente accusa mentalmente il sorpasso subito a freddo da Kimi Raikkonen. Questione di gerarchie, questione di spessore. Ma il ragazzo si farà, il piede c’è e la testa stavolta è sembrata ben salda sul collo. Non è facile lottare alla pari con cinque campioni del mondo e chiudere sul podio. NOTEVOLE

Sebastian Vettel 7 Terzo in griglia, perde la possibilità di andare a podio in partenza, quando si fa beffare da Jenson Button. Regolato l’inglese, però, non può nulla contro il duo della Lotus e nemmeno l’azzardo della sosta finale (per recuperare terreno con le soft) paga. Un Gp che, se non è del tutto incolore, serve ben poco alla sua rincorsa iridata. E il patto piange: solo tre podi su undici gare per il dominatore del 2011. STRANA NORMALITA’

Fernando Alonso 7 C’è qualcosa di contorto e perverso nel “festeggiare” un modesto quinto posto. Aria di volata mondiale, di “Notti Magiche” per dirla alla Bennato-Nannini. E allora anche la traferta ungherese può dirsi archiviata con “successo”. Quello di chi ha perso punti pesanti nei confronti del solo Hamilton. Budapest “ammortizzata”, esorcizzato il catino tutte curvette lente che inorridiva la F2012, e avanti così. Matador non è troppo brillante in qualifica (poteva fare di più?) ma corre saggiamente il Gp, attento a preservare e gestire le gomme per attuare la tattica più efficace: quella di due pit stop. Promossi squadra e pilota ma guai a toppare con gli sviluppi, perchè la macchina qui pagava troppo rispetto ai rivali. +40

Jenson Button 5,5 Nel dopo gara è incazzato nero con il team, per essere passato in pochi giri da buon terzo a sesto nella morsa del traffico, a causa di una strategia incomprensibile di tre stop. “Di solito con questa tattica si prova a passare chi sta avanti, invece mi hanno buttato nel traffico”. Vero, la sua crew ha sbagliato tutto, però nemmeno un attacchino provato ad Alonso con una McLaren che volava, dai… BEFFATO

Bruno Senna 8 Mentre Pastor Maldonado continua a totalizzare penalità su penalità, Bruno è autore di una gara a dir poco meravigliosa, nella quale inserisce di prepotenza la “piccola” Williams in mezzo ai quattro top team. Il circuito kartistico tutte curve esalta il ritmo di Senna che riesce a chiudere la corsa davanti a una Red Bull e a una Ferrari. Una delle gare più belle del nipote di Ayrton. OTTIMO

Mark Webber 6,5 Rimedia alla mediocre qualifica con una buona partenza, ma sin dall’inizio la sua gara è impostata sulla strategia sbagliata: quella delle tre soste. Ecco perchè per non finire sulle tele è costretto a rientrare proprio quando aveva costruito un’importante rimonta. Sei punti persi da Alonso e otto da Vettel. Giornata storta per il cangurone, che mantiene comunque il secondo posto in classifica iridata nonostante due ottavi posti in sette giorni. PIT STOPPATO

Felipe Massa 6 Si qualifica settimo, che non è malaccio, ma resta con la frizione in mano allo start. Lui che di solito parte benissimo. Imbottigliato nel traffico tra Williams e Force India, su un circuito dove non si passa, perde il treno dei primi e deve accontentarsi di due punticini conquistati dopo una gara relativamente tranquilla. Come dice la legge di Murphy “Se qualcosa può andar male, lo farà”. Stavolta è la partenza, la prossima? CALIMERO

Nico Rosberg 6,5 Con una Mercedes a tratti imbarazzante Nico è autore di una prova interessante, dato che ha la meglio sulle Force India e riesce ad agguantare un punto. Non è ironia, è la Mercedes. A GALLA

Michael Schumacher 4 Pessima la qualifica, poi il pasticcio in partenza dove sbaglia piazzola e spegne (volontariamente) il motore. Si innervosisce e supera il limite di velocità in pit-lane, beccandosi un bel drive through tanto per gradire. Dopo il calvario, quando è lontanissimo dalle posizioni che contano, arriva anche il ritiro per problemi tecnici. Capitano tutte a lui e non è la prima volta. LE COMICHE

Nico Hulkenberg e Paul di Resta 5,5 Stesso voto per entrambi gli alfieri “indiani” che chiudono a ridosso della zona punti quando avevano il potenziale per entrarci. Si fanno beffare dall’esperienza e dalla freddezza di Rosberg. E la Force India perde ancora punti rispetto alla Williams.

Pastor Maldonado 5,5 Bravo in qualifica, irruente in gara. La sintesi perfetta, eppure il contatto con di Resta va visto e rivisto. Perchè lasciare un po’ di gomma sul fianco dell’avversario è un “reato” meno grave di tanti altri. E’ bagarre, è lotta, è automobilismo sanguigno e genuino. Dai Pastor, a ruote coperte un giorno farai faville, lì ti capiranno. INCOMPRESO

Sergio Perez 5 Ohi ma c’era anche lui; il “Niño Maravilla” della F1? Perchè stavolta davvero non lo si è visto. Se non per aver bloccato due giri Alonso, facendogli da tappo. Sauber alla deriva sul circuito magiaro e chissà quante imprecazioni s’è preso Checo dal collega spagnolo. ASSENTE

Pedro de la Rosa 5 La notiziona è che è partito con le gomme medie, diversificando la strategia. Essì perchè anche in Hrt hanno una strategia di gara… BOH

Charles Pic 6 Bravo finire il Gp davanti al più blasonato compagno Timo Glock (5)

Altri: Jean-Eric Vergne (5,5); Heikki Kovalainen (6); Vitaly Petrov (5,5); Kamui Kobayashi (4,5)

Gp di Ungheria 5,5 Un circuito che definire “noioso” è dire poco. Senza pioggia non poteva venire fuori nient’altro che la gara meno entusiasmante della stagione, con un trenino di vetture incapaci di sorpassarsi. Caldo torrido e arsura, bravo Hamilton ad approfittare della conformazione ostica del tracciato per difendere a denti stretti una vittoria fondamentale in chiave mondiale.

Le tre di Lewis all’Hungaroring Piccolo dato statistico: Hamilton ha trionfato tre volte in Ungheria (2007, 2009, 2012). Dietro di lui, secondo, in tutti e tre i casi si è sempre piazzato Kimi Raikkonen. Amuleto?

Placido Domingo 9 E’ lui il “One Man Show” di Budapest, il panciuto tenore che sul podio riesce con la sua insistenza a far parlare finanche Raikkonen. Ma poi ti chiedi: e la vecchia conferenza stampa? Forse si stava meglio quando si stava peggio…

La F1 di Pino Allievi 3 La Formula 1 del noto giornalista, nonchè opinionista Rai, è fatta di luoghi comuni e qualche confusione di troppo. “Raikkonen oggi non si è addormentato“. Ecco messo in scena, con la complicità di Franco Bortuzzo, il peggior luogo comune degli ultimi anni. Essì, perchè è facile perdere la concentrazione (addormentarsi, ndr) mentre si guida con carichi gravitazionali tre volte superiori alla media. E ancora: “Alonso va fortissimo a Spa”. Certo Pino, è il circuito dove Fernando ha vinto più volte, ehm…

La moviola di Boccafogli 2 Button è l’unico dei piloti di testa ad aver effettuato tre soste”. Sicuro sicuro?

 

86 Commenti

  • Non mi dimenticherò mai la gufata di Allevi ad abu dhabi 2010.

  • volevo quotare pienamente, anche se in ritardo ronny, riguardo al discorso SORPASSI. purtroppo non sono i circuiti ad essere sbagliati ma le vetture. facciamo gareggiare le auto ANNI 80 nei circuiti di oggi ed il risultato cambierebbe dal giorno alla notte. in ogni circuito del mondo si potrebbe sorpassare, ma se tui hai un mezzo che:

    VELOCITA DI PUNTA MOLTO SIMILI,

    NON PUOI STARE IN SCIA SENNO DANNEGGI L’AERODINAMICA,

    LIMITAZIONE GIRI MOTORE,

    PARITA DI GOMME,

    PRESTAZIONALMENTE MACCHINE MOLTO SIMILI e compagnia bella, mi dita come fa un pilota a sorpassare. oggi in f1 puoi sorpassare o perche sei 1.5 sec piu veloce oppure perche hai gomme fresche.

    I BEI DUELLI DI UNA VOLTA NON CI SONOM PIU.

    RIVOGLIO IL CAMBIO MANUALE, LIBERTA DI SVILUPPO VETTURA, GIRI MOTORE QUANTI ME NE PARE ECCC ECCCC………..

  • in ferrari cmq la cosa preoccupante che le novità portate non hanno funzionato

    • io dico che è una scusa prima dicono sapevamo che non saremmo stati al massimo poi che gli aggiornamenti non hanno funzionato poi che la pista non ci favorisce e quindi io scelgo il fatto che la pista non era il massimo per noi e poi soffriamo un po le morbide visto che lo svantaggio lo abbiamo accumulato nel primo stint

  • E lalli ve l’ha messo li….che GP! altro che scarso!
    dove sono quelli che l’hanno definito così?! :rogerrabbit:

    • lalli sec me è un buon pilota non scarso assolutamente

    • Eccomi!!!
      Non basta un GP “imbroccato” per decretare un buon pilota! secondo me Lalli e Petrov sono due piloti che hanno un sedile solo epr le sponsorizzazioni.
      Se il buon Bruno guida allo stesso modo per altri 10 GP ne discutiamo!!!

      • Ps. Giusto per farmi spolliciare in giù ancora un poco 😉
        Se Vitaly corre 10 GP alla grande… comunque non ne discutiamo, resta sempre un bimbominchia!!! :-))))

      • a sepang ha fatto una corsa buona come questa, non è che sia la prima che fa di buon livello.
        se poi in 3 o 4 circostanze viene tamponato e messo fuori gara (es. valencia, barcellona, germania, ma anche altre situazioni) non si può dire che sia li per l’aria che tira.Le sponsorizzazioni almeno hanno motivo di esserci visto i risultati che ha.e ora il sorpasso sul sopravalutato Maldonado è imminente…senza il GP di grazia a barcellona…sarebbe surclassato di punteggio.

      • GianKimi, ok ci sta tutto ma secondo me è anche una questione di ciò che trasmette un professionista, senza contare che molte volte quando vieni coinvolto in un contatto è perché un pochino te la sei cercata,ancora Bruno non mi convince, non è per cattiveria ma non mi da fiducia!
        Comunque penso che sia il responso quello che conta e se fa bene posso cambiare idea!!!
        Mentre su Petrov non c’è verso di farmi cambaire idea non si prende mai responsabilità, non è mai colpa sua se non ottiene risultati e trova ogni pretesto per addossare le colpe dei suoi insuccessi ad altri persone csì non sono in sintonia con il mio “karma”

      • A valencia non è stato tamponato, ha tagliato la strada a kobayashi rovinandogli la gara e x questo è stato pure penalizzato.

  • il papa di hamilton dopo le qualifiche ha detto una cosa a proposito del rinnovo con la mclaren che un po mi puzza…: quello che contanto non sono i soldi ma la lealta…l altro giorno mio figlio mi ha detto che per vincere il mondiale dovra vincere le prossime 10 gare E PER LE PROSSIME 10 GARE IL SUO CUORE SARA CON LA MCLAREN….fate attenzione alla frase scrittta in grande..non puo voler dire niente ma puo voler dire tutto visto che lewis non ha ancora rinnovato e si viaggia verso fine stagione….!!!!!

  • Hamilton 10 con lode, ha vinto con una macchina inferiore che doveva fare di piu’?. Quel giro in qualifica e’ stato un capolavoro.

    Raikkonen ha fatto una gara strepitosa. Recod della pista con gomme con 30 giri. Fenomenale….. avrei dato di piu’.

    Alonso non credo abbia colpe per questo risultato anche se non ha fatto la differenza come in altre occasioni. Giusto il 7

    Massa oramai non lo giudico piu’ Spero solo che questo calvario finisca il piu’ presto possibile, anche a stagione in corso. Abbiamo perso due posizioni nel campionato costruttori…. Complimenti Ferrari bella mossa…….

    Gp di Ungheria 0. impossibile superare nessuna curva spettacolare, circuito inguardabile….. con tutti i circuiti che ci sono in giro…..

    Pino Alievi da ricoverare….. e dire che una volte non mi dispiaceva….

    Maldonato. Possibile che tutto quello che fa sia sbagliato? Ma l’avete visto bene l’incidente. C’e’ un pilota che ci prova, che ci mette del suo che prova a fare la differenza….. e cosa facciamo? Tutti a criticarlo…… Quando sbaglia sono il primo a criticarlo, ma ieri………

    • Caribbean Black

      Quotone Mega su tutta la linea…

      E’ stata data la lode per molto meno, specie quest’anno, e con un’auto nettamente superiore….

      D’accordo la conformazione del circuito che non permetteva sorpassi, a meno che non fossi piu veloce di 2 secondi ed oltre al giro (unico caso, il sorpasso di nando su perez, con perez a gomme finite) però hamilton ha detto (ed il dato è facilmente riscontrabile sulla lista tempi del sito FIA) che non ha mai spinto nei primi 2 settori, per poi spingere solo nell’ultima curva, cercando di allungare per evitare un qualunque tentativo di attacco da parte di chi lo seguiva.

      Al venerdi nella 2a ora di libere, si evidenziò un team radio con hamilton che chiedeva quale fosse il settore dove guadagnava di piu, e l’ingegnere gli disse che il settore migliore era proprio il 3°.
      Hamilton ripose che voleva migliorarsi ulteriormente in previsione della gara.

      La gara della mclaren con hamilton è stata basata sulla ricerca dell’assetto migliore per essere piu prformanti possibile, proprio in quel settore.

      Una mossa estremamente intelligente, che evidenzia il lavoro eccellente che hanno fatto in casa mclaren, con hamilton soprattutto.

      Poi si è visto in gara, la mclaren è stata palesemente inferiore alle 2 lotus, ma nonostante cio, hamilton ha corso risparmiando le gomme ma anche tirando.

      Se si va a vedere il confronto dei tempi tra alonso ed hamilton ad esempio, nello stint a gomme dure, si nota quanto sia stato costante nei suoi 20 giri alonso con 23.3 e 23.4 mentre hamilton svariava dall 23.9 al 23.3….2 giri sul 23.9 ed uno sul 23.3, con la sola differenza che hamilton ha fatto il 3 settore, sempre sullo stesso tempo, costantemente.

      Una gara insomma dominata dal week end, dominata con l’intelligenza strategica e nn con la superiorità del mezzo su tutti.

      Su maldonado, totalmente d’accordo…è stato un sorpasso corretto, non ha causato incidenti, e si è appoggiato alla pancia della force india, non volutamente.
      Molti hanno visto che Pastor, ha scartato verso sinistra, e hanno interpretato la manovra come una palese scorretteza, mentre invece, un’occhio piu attento avrebbe notato che pastor con l’anteriore bloccata, stava andando in sovrasterzo, ed ha dovuto correggere la direzionalità, controsterzando.

      Di certo, ha tratto un vantaggio dall’appoggiarsi alla force india, che è andata fuori pista, ed è vero, avrebbe potuto e dovuto cedere la posizione….però, chiamare manovra scorretta quella e punirla con 20 secondi di drive through, è eccessivo.

      Gli si poteva comunicare di ridare la posizione, ed il gioco era fatto.

      I commissari gli hanno rovinato una buona gara.

  • Per proseguire nella sfilza di “voti ironici”, sicuramente un’insufficienza va assegnata alle nuove bandiere, se così si possono chiamare, che talvolta vengono mostrate (GP Germania) già durante l’esecuzione degli inni, in ritardo, oltre che essere francamente poco simboliche. Diciamo che la vera bandiera dovrebbe sventolare…
    Per il resto, apprezzo invece il podio, nel suo complesso, arricchito dalle firme dei vincitori, mentre le interviste, per quanto “innovative”, risultano fin troppo banali, a mia opinione.
    Una nota finale su Pic, che già aveva mostrato qualcosa d’interessante in GP2: finalmente, un pilota che fra le piccole scuderie si distingue. E’ la prima volta, dall’arrivo di queste ultime, che il secondo pilota, spesso assunto e gettato via nell’arco di un anno, si rivela sufficientemente valido per battere, almeno diverse volte, il compagno di squadra, nella Marussia, più esperto. Nulla di eclatante, ma secondo me un 7 lo merita, anche guardando all’esito complessivo di questa metà stagione…

  • WBrawnSchumy

    A me fanno morire da ridere i giornalisti della rai se cosi’ possiamo chiamarli xD.. sono un team fortissimo! già hanno superato ogni record.

  • Myriam F2013

    Vorrei spezzare una lancia a favore della vituperata Stella Bruno. E’ vero, è incompetente e non sa l’inglese, ma le sue domande non sono molto più banali di quelle che vengono fatte ai primi tre piloti in conferenza stampa nel dopo qualifiche o gara.

  • sono abbastanza d’accordo sulle pagelle. In particolare sul voto di Pino Allevi, a volte proprio scandaloso. è facile fare gli esperti riempiendosi la bocca di luoghi comuni

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!