Le novità tecniche del Gran Premio di Ungheria

30 luglio 2012 15:55 Scritto da: Marco Di Marco

Il weekend del Gran Premio di Ungheria è stato povero di novità tecniche,  visto il brevissimo lasso di tempo intercorso dal Gran Premio di Germania.

La scuderia maggiormente attiva è stata la Lotus. La E20, splendida protagonista della gara con Raikkonen e Grosejean, è stata dotata di un nuovo musetto definito a “pellicano”.

Come si nota [Foto] la parte sottostante del musetto presenta un rigonfiamento notevole, mentre i piloni di sostegno dell’ala assumono adesso una dimensione maggiore in larghezza, pur mantenendo la svasatura del disegno originario. Anche in Ungheria la scuderia inglese ha testato il tanto discusso DRS Duct, affermando che sarà utilizzato sulle piste veloci di Spa e Monza. In questa foto [Foto] possiamo notare un dettaglio dell’ala posteriore ove sono inseriti i condotti di alimentazione del sistema.

Modifiche di dettaglio si sono intraviste sulla McLaren, dominatrice  – con Hamilton – del weekend ungherese. La scuderia di Woking, dopo aver introdotto una vera e propria versione B nello scorso appuntamento tedesco, ha portato in pista un nuovo diffusore posteriore [Fotodotato di un nolder superiore con un andamento curvilineo alle due estremità, ed un nuovo rastrello nella paratia laterale dell’ala posteriore [Foto] che riprende il disegno introdotto nel Gp di Montecarlo.
Continua il lavoro di affinamento aerodinamico in casa Ferrari. Sulla F2012, non a proprio agio nel circuito ungherese, sono apparsi dei nuovi deviatori di flusso laterali. Come si nota [Foto] sono stati applicati dei profili aerodinamici in carbonio che, dal disegno, ricordano vagamente dei distanziali. La funzione di questi dispositivi, in combinato con i flussi proveniente dall’ala anteriore, è di far riattaccare il flusso che arriva da quest’ultima. Anche l’ala anteriore ha subito dei mini aggiornamenti in corrispondenza delle paratie laterali dove i soffiaggi sono passati da quattro a cinque.

Novità anche in casa Toro Rosso. La scuderia faentina non sta disputando una buona stagione, sia per una vettura che, nonostante l’eleganza del design, non appare competitiva, sia per via dell’ormai imminente divorzio dal DT Ascanelli. Nonostate queste difficoltà in Ungheria è apparsa una nuova ala posteriore [Foto] dotata di un profilo principale maggiorato in altezza ed in corda e studiato specificamente per le piste da alto carico. E’ stata inoltre introdotta una nuova versione del mokey seat [Foto] dotato, così come la Williams, di un profilo centrale di sostegno e di profili laterali dalle dimensioni generose rispetto a quanto visto sulla concorrenza.

I team godranno adesso della lunga pausa estiva e torneranno in pista soltanto a settembre sul circuito di Spa. Vedremo chi avrà sviluppato il pacchetto migliore per i circuiti ad alta velocità e, sicuramente, un occhio di riguardo lo avrà la Lotus con il suo nuovo DRS – Duct.

15 Commenti

  • Io ho visto una Ferrari molto alta anche sull’anteriore, quindi, escluso che solo con le ali flessibili si possa sigillare uno spazio così grande, credo che stiano studiando qualcosa per abbassare tutto il musetto, naturalmente in pista e non so se inclinare il motore possa essere utile in questo senso.

  • Non voglio essere polemico ma il problema di trazione della Ferrari potrebbe in realta’ essere un ” non problema”, ma la mancanza di una mappatura motore che possa aiutarla in quelle condizioni. Del resto la Mercedes e la Redbull ad inizio stagione si sono accusati a vicenda su un eventuale mappatura che tagliava i cilindri. Non credo che in Ferrari siano sprovveduti, probabilmente le caratteristiche del motore Ferrari non permetterebbe comunque un taglio dei 4 cilindri. Comunque è eloquente che anche la Sauber motorizzata Ferrari non sia andata altrettanto bene come le toro rosso… Che sia veramente questo il vero ” Problema ” della rossa ?

    • … Le squadre motorizzate Ferrari non hanno brillato in Ungheria.. Avevo dimenticato di scriverlo.

    • Come dici, credo che il problema di trazione della Ferrari non esista, dall’inizio dell’anno ci si è accorti che la Ferrari ha un assetto molto più soft della concorrenza, questo ha portato dei benefici a Monaco dove a fare la differenza non è tanto il carico aerodinamico quanto l’assetto e la meccanica ed erroneamente si associa il circuito ungherese a quello del principato, infatti a Budapest il carico aerodinamico, conta e come, però, IMHO, la F2012 necessita di una velocità maggiore per avere un effetto suolo migliore, cosa che non ha certamente avuto nelle curve lente del circuito ungherese.

      A Spa ed a Monza ci potrebbe essere il problema opposto, buona percorrenza in curva ma scarsa velocità in rettilineo.

  • Comunque visto che leggo spesso dei commenti sul motore e cambio inclinato, non è quello il punto. In parole povere inclinare il cambio e il motore è in se una cosa negativa per due punti fondamentali:

    – Affidabilità del motore
    – Baricentro piu’ alto.

    Quindi il punto è Perche’ ?
    Come ho detto sulla F10 i punti sfavorevoli che ho elencanto si annullavano perche’ la Ferrari realizzo’ il canale piu’ grande per far passare piu’ aria nel doppio diffusore. Adesso mi chiedo quale sia lo scopo, perche’ deve esserci uno scopo… per fare questo lavoro.
    Potrebbe anche essere una fantasia come quella dei radiatori, nata dopo che la Ferrari ha fatto un test con una vecchia F10.

    • in ferrari grazie alla f10 hanno molta esperienza su le problematiche legate alla meccanica inclinata, sull’innalzamento del baricentro credo che la f2012 e’ nata pensando ad un’assetto rake estremo, se riescono ad alimentare a dovere un mini doppio diffusore potrebbero essere compensati gli svantaggi di questa soluzione, di certo lo sviluppo della f2012 sembra essersi rallentato parecchio come accade quando si stà preparando un grosso step evolutivo, ma questo possono saperlo solo loro per adesso si tratta solo di ipotesi suggestive

      • Ok ma la meccanica inclinata non giova all’assetto rake. Un assetto rake funziona bene solo quando alimenti le due estremità del fondo creando un sigillo aerodinamico. Ok sul secondo punto, forse voglio realizzare in mini doppio diffusore ma mi pare che i vantaggi non siano paragonabili agli svantaggi. Leggendo su internet, alcuni lanciano l’ipotesi di un serbatoio di nuovo disegno e quindi un bilanciamento dei pesi del tutto diverso, con una sospensione posteriore modificata.
        Da quello che ho potuto vedere invece la Ferrari sembra stia lavorando molto sul fondo in particolare sulla parte bassa delle pance, prima è arrivata una strana soluzione a cresta, poi un evoluzione con uno strano elemento aerodinamico ed infine hanno fatto una sperimentazione con fluidi e un rilevatore che spesso viene utilizzato ad inizio campionato per studiare le turbolenze degli pneumatici. Secondo me stanno cercando di recuperare una parte delle turbolenze nocive che arrivano delle gomme indirizzandole in punti chiave della macchina. Secondo me le novita’ arriveranno nelle pance nel fondo e nella parte dei deviatori di flusso. La meccanica inclinata credo sia una fantasia, anche perche’ la Ferrari non avrebbe spifferato ai venti una modifica del genere che fra le altre cose potrebbe anche essere mascherata per benino all’inizio.

  • Ragazzi ho ascoltato l intervista a Domenicali del dopo gara e alla fine alla domanda di un giornalista(Piola se non sbaglio)sugli sviluppi previsti per Spa ha risposto che arriveranno ma solo in relazione al tipo di pista e nulla di straordinario.Comunque non penso che sia proprio cosi in quanto come ha scritto qualcuno di voi(Max) si parla di inclinare cambio e motore oltre e magari qualche esperimento è già stato fatto nelle prove libere del venerdi..Ora se verranno confermate queste voci,il pacchetto previsto per Spa è bello corposo dato che un cambiamento del genere richieda uno stravolgimento del retrotreno vettura (parte terminali delle pance,nuovo diffusore etc…)Concludendo:cosa dobbiamo aspettarci? xD

    • Inclinare motore e cambio a metà stagione sarebbe da pazzi, oltre che abbastanza impossibile. Boh, rimarrei davvero sorpreso, comporterebbe praticamente lo stravolgimento totale del progetto. Non credo sia la Ferrari a dover prendere queste strade qua…

  • con il nuovo musetto a pellicano……foto….clikko e vedo la foto,torno all’articolo e mi ritrovo fuori dal blog,fuori da google……….fuori da tutto!!:)))non schiaccio più quando vedo la scritta foto………..:))))))))……….grrrrrr!!!!

    • @ REDAZIONE
      questa cosa è da migliorare..anche a me nella app per android mi apre la foto senza aprire il browser (fantastico!!) ma poi per tornare indietro mi chiude completamente l’app
      Inserite la possibilità di tornare all’articolo dalla foto!!

      • ..se usi un smartphone con Andriod quando la foto si apre ,si apre in una nuova pagina,quindi se schiacci indietro esci da internet come é giusto che sia.Pertanto per tornare all articolo che stavi leggendo devi visulizzare le pagine aperte e cliccare su quella del Blog ,e il gioco é fatto.
        È sottointeso che devi visualizzare il sito in modalita Web per far questo..

  • A sentire Raikkonen, hanno lavorato molto e bene anche sull’assetto in casa Lotus. Io sinceramente non me li aspettavo così competitivi su pista corta. Chissà a Spa cosa possono fare, se non pasticciano al muretto.
    Che le McLaren sarebbero state veloci ce lo aspettavamo tutti, quindi giù il cappello; evidentemente il problema non era il tanto vituperato musetto basso.
    Mercedes: disastro. Da Brawn e Costa mi aspettavo ben altro, non hanno saputo capitalizzare il discreto avvio di stagione, sembra che abbiano perso la direzione. Non mi meraviglierei se rispuntassero voci di abbandono da partedella casa madre (il che è una vera tristezza).
    RedBull: lo diciamo? Incolori. Prendono un azzardo non da poco con l’ultimo stop di Vettel, io ci ho visto un segno di nervosisimo, di ansia da prestazione; il ritorno alle mappe “standard” sembra non averli colpiti più di tanto, ma visto il tipo di tracciato con il trick delle mappe forse il podio ci scappava. Chissà, troppo presto per giudicare.
    Capitolo Ferrari. Si soffre con le morbide, con le medie è andata meglio; segno probabile di un equilibrio precario rispetto alla concorrenza. Alla F2012 piacciono i curvoni veloci in appoggio, molto meno lunghe serie di ripartenze dopo curve brevi (nel terzo settore ieri si soffriva troppo). Anteriore da rivedere? Dico questo perchè è da un po’ che vediamo trafficarli con i profili alti e le bandelle dell’ala anteriore, molti esperimenti e una soluzione ibrida (nuove bandelle, stessi profili). Ma per le prossime 2 gare non li vedo affatto indietro, anzi.
    Che pena ora aspettare un mese…

    • Se alla F2012 piacciono i curvoni veloci vuol dire che ha un ottimo bilanciamento aerodinamico. Se non va bene sulle ripartenze dalle curve lente è evidente che c’è un problema di trazione. Cosa c’entra la trazione con l’anteriore ??? Niente !!!

      • Mi sono espresso male. Nessuna ripartenza; cambi di direzione veloce. Va meglio ora ingegnere?

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!