Red Bull lente nelle Libere a Monza. Piloti preoccupati

Mentre i piloti McLaren e Ferrari mostrano ottimismo, dopo le prime sessioni di Prove Libere a Monza, nel box Red Bull c’è un po’ di preoccupazione. L’11esimo e 13esimo tempo di Webber e Vettel nella FP2 avevano, a primo acchito, fatto pensare a un programma di test un po’ criptico.

Adesso invece, le dichiarazioni dei due alfieri del team di Milton Keynes confermano che i due hanno reali difficoltà con il passo sul singolo giro lanciato lungo il circuito italiano. Questo spiega i risultati deludenti arrivati al termine di questo venerdì di prove. L’unica prestazione da top ten, quest’oggi, l’ha segnata Webber, in mattinata, con il suo nono tempo, a quasi 1 secondo dal best lap di Schumacher. Nel pomeriggio invece, rispetto al miglior giro di Lewis Hamilton (che ha staccato un 1m25.290s), Webber si è fermato a + 0.814s, Vettel è andato addirittura oltre il secondo (+ 1.104s).

Si confermano quindi le difficoltà già mostrate alle Qualifiche del GP di Spa. Vettel e Webber sono apparsi più soddisfatti del passo della loro RB8 con il pieno di carburante. Webber, sottolineato come tutto il team stia lavorando alacremente per ridurre il gap con gli avversari, ha ammesso di credere di essere più competitivi con i long run. Ma di dover lavorare ancora tanto con la configurazione a macchina scarica. “Normalmente non siamo i Campioni del Mondo del venerdì -ha ironizzato l’australiano- ma domani dobbiamo fare tanto lavoro“.

Vettel ha inoltre aggiunto: “In generale non siamo veloci come vorremmo. Direi che c’è ancora da fare. Non so cosa ha fatto Webber o cosa hanno fatto gli altri, ma penso che probabilmente saremo più competitivi in gara. Certo, non siamo dove vorremmo essere, ma finora abbiamo svolto interamente il nostro programma senza incontrare particolari problemi. Vedremo domani“.

Il tono del Campione del Mondo in carica sembra meno ottimista e fiducioso rispetto a quello del suo compagno di squadra. D’altronde lui ha da perdere molto di più. Certamente, dati questi valori in campo, i due tori volanti dovranno correre per limitare i danni, domenica a Monza, in attesa di piste più favorevoli alla loro monoposto.

6 Commenti

    1. Non penso. Secondo me si ripeterà cioò che è successo a SPA, cioè una qualifica scarsa per poi risalire la classifica in gara anche se qui l’impresa si fa molto difficile con quelle velocità di punta abbastanza basse!

  1. mah, la RB in gara è comunque competitiva, in qualifica un pò meno, forse dalla 3 fila in poi. Spero che la Ferrari vinca questo gran premio e la mclaren subito dietro, non voglio augurare male a nessuno. Ciao

Lascia un commento