Raikkonen, quinto, salva una Lotus sottotono

9 settembre 2012 16:17 Scritto da: Mario Puca

Il quinto posto di Kimi Raikkonen a Monza vale una fortuna, soprattutto considerando i ritiri “pesanti” che hanno caratterizzato la corsa, ma che non riflette le difficoltà che hanno caratterizzato tutto il weekend brianzolo della nero-oro.

Così come nelle libere e nelle qualifiche, anche in gara la monoposto di Enstone è mancata in velocità e ciò non ha consentito a Raikkonen di fare meglio dell’ottava posizione in griglia (poi settima per la penalità di Di Resta) e del quinto posto in gara, maturato soprattutto grazie alle difficoltà, ancora maggiori, delle due Mercedes, nonché dei ritiri di Button e di entrambe le Red Bull, che avevano certamente il potenziale per arrivare davanti.

E’ una Lotus che quindi non ha ben digerito le alte velocità di Spa e soprattutto di Monza, ma che ha comunque incamerato punti in ottica mondiale, a conferma che il potenziale c’è tutto; un potenziale che nelle prossime gare, certamente più congeniali alla E20, potrà consentire a Raikkonen di giocarsi le sue ultime chance mondiali o, per lo meno, di ottenere almeno una vittoria. Intanto il finlandese è terzo nel mondiale, proprio davanti ai due della Red Bull.

Gara comunque anonima per Raikkonen, anche perchè tutta l’attenzione si è concentrata sulle posizioni di vertice. Il finlandese è stato a lungo in bagarre con le due Mercedes, su cui ha avuto la meglio, e la Force India di Di Resta, ed è stato anche autore di bei sorpassi, ma la sua gara non è stata certo entusiasmante come in altre occasioni. Sono contento di essere in terza posizione nella classifica piloti – commenta iceman al termine della corsa – m abbiamo perso punti rispetto ad Alonso e non è una gran cosa. E’ stato un weekend difficile, non eravamo veloci nei rettilinei ed era difficile sia tenere gli altri dietro che tentare i sorpassi, anche con il DRS. Abbiamo scelto la strategia ad una sosta e le gomme erano apposto. Abbiamo cominciato la corsa pensando di ottenere una settima o una sesta posizione, quindi la quinta piazza era davvero il meglio che potevamo fare questo weekend.

Senza infamia e senza lode la gara (e l’intero weekend…) di Jerome D’Ambrosio. Il belga ha fatto quello che poteva, tenuto conto che era a digiuno dagli scorsi test del Mugello. A ciò si aggiungono i guai al KERS, che hanno certamente reso ancor più difficile la gara di Jerome. Gli va dato il merito, però, di aver portato la macchina al traguardo intera ed ai margini della zona punti, l’ultimo dei “normali” prima di Caterham&co. E’ stata una corsa lunga e difficile per me oggi – ha commentato il belga. Dopo aver perso il KERS al sesto giro si è messa male e perdevamo circa mezzo secondo a giro. Ho fatto una buona partenza ed ero in lotta con Ricciardo e Rosberg ma quando ho perso il KERS impossibile tenere il ritmo e sono scivolato indietro. L’ultimo stint con le medie è stato molto buono e non ho commesso troppi errori; quindi con un po’ più di fortuna avrei potuto fare un risultato migliore. Il mio obiettivo era finire la corsa e ci sono riuscito, quindi alla fine non posso lamentarmi. E’ stato bello tornare in macchina, soprattutto con un team del genere. Ho imparato molto questo weekend.

Discorso a parte per Grosjean, costretto a seguire la gara dai box a causa della squalifica. Tutti i punti persi dalla Lotus nel corso del campionato, anche questi persi a Monza per il tredicesimo posto di D’Ambrosio, sono colpa sua. La quarta posizione in classifica costruttori dovrebbe essere garantita, ma ciò non giustifica il rendimento del francese.

 

9 Commenti

  • sono d accordo cn tutto quel che si e’ scritto tranne che sul discorso dell aspettarsi di piu’ da spa e monza.come avevo detto subito dopo l ungheria l unico modo per andare come gli altri o piu forte sarebbe stato per una funzionalita’ del doppio drs che in realta’ non ha portato alcun beneficio….anzi se lo sono mangiato sul dritto!detto questo anche le mescole scelte per entrambe le corse avevo detto che non erano positive senza trascurare le bassissime temperature di spa. la lotus ha bisogno di gp come l ungheria o il bahrein,cioe’ caldi e con un degrado importante.se non hanno questi fattori gli tocca remare.pero’ kimi e’ uscito con piu’ punti di quanti non me ne aspettassi

  • Io penso che oggi ha fatto il massimo per la vettura che ha avuto e se sono rimasto deluso è stato una settimana fà in Belgio che sicuramente mi aspettavo di più,ma purtroppo come aveva previsto qualcuno con le mescole che sono state usate in queste due gare la Lotus ha proprio problemi in più a Spa ha inciso il non aver potuto girare il venerdi e aver perso tempo il sabato con il doppio drs e non aver trovato un assetto giusto per far lavorare bene in particolar modo le medium in più forse ha inciso che nei 5 giri fatti dietro la safety car le temperature delle gomme sono decadute e non sono più riuscite a lavorare bene,comunque alla fine nonostante tutte le difficoltà non ha raccolto poco!Però rimane sempre quel pizzico di rammarico perchè a Spa il potenziale del pilota in particolare,ma anche della vetttura era da vittoria,tutto è stato distrutto dal disastroso primo stint dove Kimi ha avuto enormi difficolta!

    • Concordo assolutamente! A SPA la macchina andava bene ma la sua gara è stata rovinata al primo stint con l’entrata della Safety Car! Con le dure andava che era una meraviglia e pur avendo fatto 2 soste è finito a solo 25 secondi da Button! Io comunque confido in Singapore per ritornare al top!

  • Essere regolari e sempre a punti paga tantissimo con questo tipo di assegnazione punti… E Kimi Raikkonen lo sa bene! Ok, i circuiti veloci non sono il massimo per la Lotus, ma dal prossimo Gp le cose potrebbero essere molto diverse. Tutti i commentatori e ospiti Rai non hanno dedicato una battuta al sornione ex ferrarista Iceman… E a lui sta bene così! Nessuno parlava di lui nel 2007, poi ha portato a casa l’ultimo mondiale Ferrari, chissà che non faccia lo stesso per la Lotus…

  • sinceramente sono deluso,mi aspettavo i fuochi d’artificio tra spa e monza invece la solità regolarità(che comunque positiva)ma la totale impossibilità di lottare per la vittoria.

    rispetto a gp come ungheria,bahrein,canada,hungaroring etc io parlerei di passettino indietro della lotus proprio quando ci si aspettava un passo in avanti.

    il mondiale di raikkonen è di livello,solidissimo e regolarissimo.
    però senza acuti,senza 2-3 vittorie non è possibile vincere un campionato.

    • Io aspetterei Singapore prima di parlare di passo indietro!
      Le piste veloci non fanno certo per la Lotus e si è visto, Monza non è stato certo facile per loro contando solo su un pilota. Comunque Raikkonen pur non essendo competitivo è riuscito a raccimolare dei bei punti. Zitto zitto è sempre lì tra i primi!

      • no bè certo,per passo indietro mi riferisco a queste due gare,credo anche io che da singapore potrebbero tornare ai vertici.

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!