Ferrari: “strana” convocazione di Perez a Maranello

11 settembre 2012 13:19 Scritto da: Antonino Rendina

Serio Perez e Felipe Massa sono amiconi per la pelle, ma anche “acerrimi” rivali. Perchè non è un mistero che il sorprendente messicano della Sauber sia uno dei piloti più quotati per vestire i colori della Ferrari e affiancare Fernando Alonso nell’immediato futuro.

Bisogna però partire dalle parole di Stefano Domenicali che nel dopo gara di Monza così si è espresso nei confronti di Perez: “Checo è un nostro pilota, ha un grande talento ma non vogliamo bruciarlo accelerando il suo processo di crescita”. Un messaggio indiretto al pilota sudamericano che potrebbe suonare più o meno così: “Sei bravo ma non montarti la testa, hai ancora tanto lavoro da fare”.

Non è un caso, quindi, che Sergiolino sia stato convocato in fretta e furia a Maranello per lavorare un’intera giornata al simulatore. Sul sito ufficiale della Rossa si apprende che  “A calarsi nell’abitacolo della struttura costruita all’interno della Gestione Sportiva sarà Sergio Perez, a Maranello secondo quanto previsto da mesi nel suo programma di attività come pilota della Ferrari Driver Academy”.

Quel “come previsto da mesi” rasenta la più classica delle “excusatio non petita, accusatio manifesta”, perchè la vicinanza con la splendida gara di Monza è fin troppo casuale per essere vera. Non a caso la Ferrari ha prontamente chiamato Luca Baldisserri, responsabile del programma FDA, per discutere del “caso” Perez.

Il messicano è il pilota di punta dell’Accademia Ferrari eppure non sono piaciuti alla Rossa alcuni atteggiamenti un po’ spacconi di Checo. “Io penso solo alla Sauber e a me stesso, quando corro non guardo in faccia a nessuno…” ecc.

Il ragazzo ha carisma e carattere da vendere, ma il Cavallino teme che Sergio si senta un po’ troppo “arrivato” dopo i tre magnifici podi stagionali. Ecco perchè la giornata a sgobbare al simulatore non va vista come una punizione per il doppio sorpasso alla Ferrari (sarebbe folle!) ma come un importante e affettuoso monito: “Testa bassa e lavorare, il tuo percordo in FDA non è finito”. Questo il senso della repentina “chiamata alle armi”.

Il presidente Montezemolo e Domenicali nella giornata di ieri hanno avuto anche un summit “sia per fare il punto sull’immediato – il rush finale del campionato – sia per discutere più a medio termine, esaminando quindi i piani di sviluppo e di rinnovamento della Scuderia su tutti i fronti”. Così si apprende sempre dal sito della Ferrari.

Magari Perez, dopo la quasi certa lavata di testa, riceverà anche gli applausi per il garone di domenica ma per l’auspicata “promozione” a titolare dovrà dimostrare umiltà e abnegazione. Probabile che la Ferrari, incantata dal talento di Sergio, sia propensa a metterlo da subito in macchina ma ci sono ancora dei dettagli da limare che fanno la differenza.

Un potenziale pilota Ferrari deve dimostrarsi impeccabile anche fuori dall’abitacolo. Durante le ore che passerà a “giocare” al simulatore, Checo avrà tempo di pensare a come essere leggermente più diplomatico e meno aggressivo nelle dichiarazioni…

13 Commenti

  • …a chi crede sia bello
    giocherellare a palla con il proprio cervello
    Cercando di lanciarlo oltre il confine stabilito
    che qualcuno ha tracciato ai bordi dell’infinito…
    (Fabrizio de André)

    Grazie Antonino!

  • alexander brandner

    Sarà il dilemma della stagione anche se credo che la ferrari abbia già scelto il pilota e lui lo sà…………….se facciamo due più due……………se è vero che nel 2014 arriva wettel ed alonso ha il contratto fino al 2016 si ha la finestra di un anno………..credo che resti massa,poi ci sarà la coppia alonso wettel!……….però si vedrà?!.

  • La ferrari dovrebbe decidersi a tirare fuori un po’ di coraggio nella scelta dei piloti. Sono 20 anni che prende un super campione come prima guida o un mediocre come seconda. Una volta prendete un giovane che ha già dimostrato di essere veloce senza sfasciare macchine e create una coppia di grandi potenzialità

  • ma io non capisco perché nel 2014 ci dobbiamo prendere vettel….se abbiamo in casa perez che va molto bene…..nel gp di monza con una tattica azzeccata e stato superlativo…io gli farei fare un’altro anno in sauber per affinarsi in tutto…poi 2014 in ferrari!!

  • Perez sa di avere dietro la telmex, che è dell’uomo più ricco del mondo, per cui il ragazzo può permettersi di dire più o meno quello che pensa, perchè coi soldi che tira dietro un sedile competitivo lo trova comunque, Ferrari o non Ferrari, con buona pace della scuola di Baldisseri…

  • Non capisco perché tutte ste manfrine per un pilota come Perez , ha dimostrato che il talento c’è e non e’ solo velocità pura ma anche tattica, gestione gomme, e soprattutto quella capacita’ di stare fuori dai guai , ovvio che il confronto con massa sia impietoso, basti guardare la classifica e vedere il messicano quanti più punti abbia fatto nonostante disponga di una buona vettura degna di salire sul podio una gara ogni 4 ma con un potenziale economico ridimensionato rispetto alle rossa, quindi cosa hanno paura di bruciare che stiano attenti a non scottarsi con massa che e’ già bello che cotto.

  • Anche a me sembra normale che Sergio pensi alla sua scuderia. Poi lavata di testa per cosa? Mi sembra un bravissimo pilota e anche una brava persona! Certo poi che pensa a sè stesso, pensa a fare punti per la Sauber mica ad aiutare la Ferrari!

  • principesco88

    perchè lavate di testa? è ovvio che un pilota deve dimostrare fedeltà alla sua scuderia, lui sta in sauber e deve dimostrare che ci tiene alla sua scuderia anche perchè così non fa trasparire nulla sulla sua probabile storia in Ferrari. E’ anche normale che ha rubato punti ad Alonso, lui attualmente corre in Sauber, non in Ferrari. Se non avesse sorpassato Alonso col passo che aveva avrebbe fatto storcere il naso a Monisha e Peter.

    • hai ragione, però pensa se al posto delle ferrari ci fosse stata una rb e al posto di perez c’era vergne o ricciardo…

      • non puoi paragonare la toro rosso con la sauber….la toro rosso e la redbull sono dello stesso padrone ed è normale che il sorpasso non ci sarebbe stato…invece sauber e ferrari sono due cose distinte ed il sorpasso cè stato e come…..

  • Ma sapete, secondo me non l’hanno richiamato soltanto per interessi da “pilota” nei confronti di Sergio..magari passando una giornata al simulatore può dare la sua opinioni con le differenze al simulatore Sauber…secondo me vogliono anche carpire il perchè vada così forte!

  • Da un punto di vista aziendalistico la Ferrari ha fatto bene a fare rientrare Checo nei ranghi, però a me non dispiacciono questi piloti carismatici, tutto pepe e senza timori reverenziali. Vivacizzano l’ambiente.

  • magari magri venise in rosso gia nel 2013 probabilmente parliamo di un futuro campione del mondo…

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!