GP Singapore 2012: gli highlights delle stagioni precedenti

19 settembre 2012 07:30 Scritto da: Andrea Facchinetti

Prende il via, sul circuito di Marina Bay, la fase finale del campionato 2012: il GP di Singapore infatti è la prima di 7 tappe extraeuropee che chiuderanno il mondiale. Entrata a far parte del calendario nel 2008, la corsa è stata la prima della storia ad essersi disputata di notte ed è l’unica gara del campionato ad essere considerata come “nigth race”. Riviviamo le prime quattro edizioni del GP singaporiano.

2008 – La prima Pole  è di Felipe Massa (Ferrari) che, grazie ad uno strepitoso giro cronometrato, conquista la prima fila accanto ad Hamilton (McLaren). Alla partenza fila tutto liscio, con il brasiliano che mantiene la leadership davanti all’inglese. Sembra una gara destinata al dominio del ferrarista ma, correndo su un circuito cittadino, l’imprevisto è sempre dietro l’angolo.  Così, al 13° giro, Piquet Jr. (Renault) va a sbattere, facendo entrare di conseguenza la Safety Car. Tutti rientrano ai box e, nella confusione generale, Massa riparte con il bocchettone della benzina attaccato. Dopo essere stato superato da tutti e aver percorso tutta la pit lane (si prenderà anche un DT per “unsafe release”), i meccanici Ferrari riescono a far ripartire Felipe, ma la sua gara è ormai segnata. Al comando c’è Rosberg (Williams), il quale ha però rifornito con la pit lane chiusa (come Kubica, BMW): Drive Through anche per lui e leadership ceduta ad Alonso (Renault). L’asturiano, ironia della sorte, deve ringraziare il crash del suo compagno per essersi ritrovato in testa. Alonso comanda quindi davanti a Rosberg, Hamilton, Glock (Toyota) e Raikkonen su Ferrari. A 12 giri dalla fine rientra la Safaty Car per l’incidente di Sutil (Force India), andato a sbattere per evitare Massa in testacoda. Conclude la gara contro il muro anche Raikkonen qualche giro dopo e così Alonso va a vincere la prima gara stagionale davanti a Rosberg e a Hamilton. 5° Vettel su Toro Rosso, 9° Button (Honda), 11° Kubica, 13° Massa mentre Webber si ritira per un problema al KERS.

Dopo essere stato licenziato dalla Renault (ovvero dopo il GP d’Ungheria 2009), Piquet Jr. confessa di aver provocato volontariamente, su ordine del team, l’incidente al GP di Singapore 2008 per favorire il compagno Alonso. Quella che sembrava essere solo una strana coincidenza inizia a prendere delle clamorose spiegazioni: Alonso, partito solo 15°, aveva già rifornito al momento del crash, con la conseguenza di ritrovarsi nelle primissime posizioni grazie al pit stop degli avversari. La FIA decide di aprire un’inchiesta dopo che lo stesso Piquet Jr. confessa altri particolari dell’accaduto, garantendo di fatto l’immunità al pilota. Il 21 Settembre 2009, in occasione del Consiglio Mondiale, la FIA emana la condanna: 2 anni di squalifica con la condizionale per la Renault, radiazione dal mondo della F1 per Briatore e 5 anni di squalifica per Pat Symonds (ma entrambe le sentenze verranno annullate nel gennaio 2010). Nessun cambiamento invece alla classifica finale del GP di Singapore: la vittoria resta ad Alonso.

2009 – Terza Pole stagionale per Lewis Hamilton (McLaren) davanti a Vettel (Red Bull) e Rosberg (Williams). L’inglese scatta bene e mantiene la testa, mentre Rosberg riesce a superare Vettel. I primi 3 scappano via, ma Rosberg si gioca tutte le possibilità di vittoria calpestando la riga bianca in uscita dai box: si prenderà un DT e concluderà 13°. La lotta è quindi ristretta ad Hamilton e Vettel, mentre Button e Barrichello su Brawn cercano di recuperare posizioni dopo una pessima qualifica. Al giro 21 entra la Safety Car per un contatto tra Heidfeld (BMW) e Sutil (Force India). Entrano tutti ai box e stavolta è Alguersuari (Toro Rosso) a ripartire con il bocchettone attaccato alla vettura. Le prime posizioni non cambiano, con Hamilton davanti a Vettel e Glock (Toyota). Al secondo valzer di pit stop, Vettel rientra ai box superando il limite di velocità: anche lui si prende un DT perdendo la possibilità di attaccare Hamilton. Button riesce a sopravanzare Barrichello in 5° posizione, mentre Webber (Red Bull) finisce contro le protezioni per un problema ai freni. Sul traguardo Hamilton precede Glock, Alonso (Renault) e Vettel, centrando la seconda vittoria stagionale. Ancora male le Ferrari: Raikkonen solo 10° mentre Fisichella termina 13°.

2010 – A partire davanti a tutti nel GP di Singapore 2010 è Fernando Alonso su Ferrari, seguito dagli altri 4 pretendenti al titolo: Vettel (Red Bull), Hamilton (McLaren), Button (McLaren) e Webber (Red Bull). Allo start, Vettel prova a sorprendere Alonso, ma lo spagnolo è bravo a non farsi superare. Un contatto tra Heidfeld (Sauber) e Liuzzi (Force India) fa entrare la Safety Car e Webber decide di rientrare per poter scavalcare le McLaren con un cambio di strategia. Alonso e Vettel scappano, ma gli incidenti sotto il tunnel di Kobayashi su Sauber (che più volte si era toccato con Schumacher, Mercedes) e di B.Senna (HRT) fanno entrare di nuovo la SC. I due della McLaren si fermano e così Webber riesce a sopravanzarli. Al restart Hamilton cerca di passare l’australiano, alle prese col doppiaggio della Virgin di Di Grassi: i due si toccano e Hamilton è costretto al ritiro. Heidfeld (Sauber) e Schumacher si toccano di nuovo, ma la SC stavolta non entrerà, nemmeno per la rottura del motore (con conseguente incendio) sulla Lotus di Kovalainen: Alonso riesce così a difendersi dagli assalti finali di Vettel, precedendo il tedesco sul traguardo. Sul podio finisce anche Webber, seguito da Button e Rosberg. Da notare la gran prestazione di Kubica (7°, Renault) e la rimonta di Massa (Ferrari) dal 24° all’8° posto.

2011 – Il dominio Red Bull durato tutta la stagione 2011 si ripete anche a Singapore: le vetture disegnate da Newey occupano la prima fila, con Vettel che al via tiene la leadership davanti alla McLaren di Button, la Ferrari di Alonso e al compagno Webber, retrocesso in 4° posizione. L’australiano si porta in terza posizione al 10° giro, superando un Alonso in difficoltà con gli pneumatici. Hamilton (McLaren) e Massa (Ferrari), usciti dai box, si toccano: per entrambi sarà necessaria una sosta extra che li farà sprofondare in classifica, con l’inglese che dovrà scontare anche un DT. Il buon vantaggio di Vettel si vanifica con l’ingresso della SC al 29° giro: Schumacher (Mercedes) tampona Perez (Sauber), con il tedesco costretto al ritiro. Alonso riesce a tornare davanti a Webber, ma dovrà ben presto cedere la posizione all’australiano, nettamente più veloce di lui. Vettel al restart accumula subito un vantaggio rassicurante su Button, il quale tenta però nel finale una rimonta come in Canada: l’inglese riduce il gap fino ad un secondo, ma si deve accontentare della piazza d’onore. Sul podio con Vettel e Button sale Webber, seguito sul traguardo da Alonso e Hamilton, dopo una bella rimonta dal 18° posto. A punti anche Rosberg (7°, Mercedes) e Massa (9°).

 

ALBO D’ORO

2008 – F. Alonso (Renault)
2009 – L. Hamilton (McLaren-Mercedes)
2010 – F. Alonso (Ferrari)
2011 – S. Vettel (Red Bull-Renault)

6 Commenti

  • Piccolo OT (che penso poi non è troppo OT dato che si parla del Gp di Singapore):
    Qualcuno può far chiarezza circa le regole attuali riguardo l’uscita della Safety car? Cosa prevedono esattamente?
    Ultimamente quando è necessario l’ingresso della safety noto che vengono sventolate le bandiere gialle e le vetture rallentano vistosamente, senza però raggrupparsi immediatamente, ma “mantenendo” le distanze che avevano quando c’era la bandiera verde fino ad andere tutti insieme ai box, il che succede quasi sempre. Io però noto che molte volte succedono delle cose un pò strane, come ad esempio, una vettura “A” che prima della safety aveva un vantaggio di 10 sec sulla vettura “B” e poi si vedono entrare insieme ai box, e quindi inevitabilmente ti chiedi se il pilota della vettura B ha fatto il furbetto e nel giro di “confusione” ha recuperato sulla vettura A. Il tutto diventa ancor più confusionale se si pensa che, diversamente a quel che succcedeva qualche anno fa e cioè che era un vantaggio essere andati ai box 2 giri prima della safety (si pensava “che botta di c**o!), ora se ad esempio una vettura “C” è davanti alla vett “D” e va ai box due giri prima della safety mentre quella D sfrutta la finestra che si apre in contemporanea, quest’ultima trae sempre un vantaggio, proprio perché le vetture non vengono immediatamente ragruppate ma proseguono ad una specie di vel costante mantenendo gli scarti.
    Se qualcuno è in grado di fare un pò più di chiarezza o magari di correggere quel poco che so e che ho scritto mi farebbe un gran favore! :)

  • Singapore è’ un circuito insidioso ma noioso. Lo “spettacolo” ecclestoniano è garantito dalle luci artificiali, dallo scenario di Marina Bay, dalla Grande Ruota, dalla Safety Car, dalla pioggia e dai cantanti Katy Perry e Maroon Five

    • purtroppo è vero,ormai si cerca di fare gp in cui gli scenari sono più importanti della pista in sè.

    • inoltre è pericoloso per la mancanza di vie di fuga. Si rischia tanto in caso di incidente, in particolare si rischia lo scontro fra monoposto che rimangono o ritornano in traiettoria dopo un contatto con le barriere.

      • E’ un tipoco circuito del piffero, evidentemente. A me non dispiacciono i circuiti cittadini, un po’ atipici, per esempio mi piaceva Detroit. Ma questo è peggio (il passaggio sotto la tribuna o sul ponticino, in cui la pista sarà larga otto metri, sono demenziali). Ed è vero, è pure molto pericoloso.
        In sostanza ne farei volentieri a meno.

  • Ma questo GP è un vero controsenso. Prima si cerca la sicurezza con tracciati disegnati per essere sicuri con il risultato che sono noiosi e fanno rimpiangere i tracciati di una volta, per poi correre in notturna in una tracciato cittadino che in alcune parti risulta ben piu’ pericoloso di altre piste del passato. Questa pisa non mi è mai piaciuta.

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!