Petrov, trattative interrotte per il 2013: i soldi son finiti!

La manager di Vitaly Petrov ha interrotto le trattative con alcuni team di Formula 1 e il russo potrebbe così abbandonare la categoria già a fine anno. Seppur non si conoscano i nomi delle squadre interessate ai servigi – e ai dollaroni – di Petrov, è la stessa manager del pilota a confermare il momento nero che sta attraversando.

Ad onor di cronaca, già lo scorso mese Oksana Kosachenko non aveva fatto segreto della situazione particolare del suo assistito, ammettendo: “La F1 è fantastica e molto prestigiosa, ma a Vitaly non porta soldi. Perché? Ci sono diverse ragioni. In Russia è difficile ‘vendere’ un atleta, praticamente impossibile promuovere un corridore di Formula 1”.

La situazione economica intorno a Viborg Rocket è sempre più complessa e l’interesse in Russia nei suoi confronti è notevolmente calato. “Se non ci sono soldi, allora non ci sarà nessun pilota”, ha sentenziato prima di aggiungere: “Abbiamo sospeso le trattative per ora. Abbiamo bisogno di tempo per consolidare tutte le nostre possibilità finanziarie e capire se ha senso continuare o meno con le trattative”.  In parole povere, bisogna fare i conti in tasca e capire se ci sono sufficienti fondi per far correre il pilota e guadagnarci allo stesso tempo.

Lo scorso anno, Petrov ha già vissuto un’esperienza simile. Con la Lotus che gli ha preferito – a ragione – Kimi Raikkonen, per Petrov si prospettava un anno sabbatico. Solamente l’apporto degli sponsor gli ha permesso di strappare il posto a Jarno Trulli e correre con la Caterham.

Ma questo ripiego non ha pagato. Ora che alcuni sponsor hanno deciso di interrompere la sponsorizzazione del pilota, per lui si potrebbe prospettare la fine della carriera in F1. “Non sono disposta a tenere colloqui tutto l’inverno, come l’ultima volta”, ha ribadito la Kosachenco, che non esclude un futuro fuori dal Circus per il suo assistito.

Infine, frecciatina anche per il proprietario della Caterham, Tony Fernandes. “Siamo molto soddisfatti per Tony che dice di stare facendo progressi con la squadra. Ma mi piacerebbe che questa notizia avesse qualche tipo di collegamento con lo sviluppo della vettura di Vitaly, non solo per Heikki”.

23 Commenti

  1. Sarà, ma secondo me Petrov non e’ sto fermo che si crede.
    Con la Renault-lotus ha fatto qualche bel risultato(e un podio).
    Mentre da quando e’ arrivato in catheram si e’ messo dietro piu’ di una volta Kovaleinen.

    1. la renault aveva gli scarichi soffiati e il suo podio l’ha fatto nella prima gara del 2011 quando la sua macchina era veramente la terza forza del mondiale, poi non hanno continuato con gli sviluppi e infatti dopo i primi due podi nelle prime gare si sono affossati.

      1. Si non dico che e’ uno forte…ma neanche un fermo.
        E’ vero che ha la valigia…e lo prendono perche’ ha (aveva i soldi) pero’ tra i valigiati, aveva un suo perche’.
        Cmq ribadisco che sta spesso davanti a Kovaleinen , nonostante sia arrivato a stagione inziata in catheram.
        Heikki ci sta da 3 anni.

  2. Come quando da piccolo andavi sugli autoscontri e i tuoi genitori ti davano la “paghetta” , poi dopo 2 o 3 giri al massimo finivano e tu eri contento ed appiedato.Ecco Petrov ha finito i gettoni , spero si sia divertito e adesso un altro figlio di papà che porti un pò di cash alla Chateram !! visto che anche 2 anni fa appiedarono Jarno per lo stesso motivo Davide Valsecchi probabilmente non prenderà il posto del Russopagante.

  3. Vedete a cosa ci siamo ridotti in formula uno? basta avere tanti sponsor e un buon budget economico per poter gareggiare alla pari dei migliori piloti al mondo. Ora che i soldi sono finiti e Petrov ha capito che non è il suo mestiere, decide di lasciare il sedile, penso, bene, meno male che ha avuto almeno la decenza di ritirarsi.
    Speriamo che magari Valsecchi, dominatore incontrastato della GP2 non abbia problemi a passare in formula uno, un altro Pantano davvero non lo vogliamo!
    Valsecchi alla Caterham? perchè no, tutti noi, quando abbiamo iniziato a lavorare abbiamo fatto la giusta gavetta è giusto che anche Davide la faccia, per poi passare in una squadra, magari SCUDERIA, più imponente nel grande circus della formula uno!

Lascia un commento