Domenicali: “Dobbiamo migliorare la Galleria del vento”

Stefano Domenicali sostiene che a Maranello la priorità è migliorare la galleria del vento, altrimenti si continuerà a faticare con lo sviluppo della monoposto. Come avevamo riportato la scorsa settimana, Ferrari ha in programma di chiudere la propria galleria del vento e sfruttare quella di Colonia, appartenente all’ex Toyota F1 Team.

La galleria del vento è obsoleta, questa non è una novità. Ed è lo stesso Domenicali a sottolinearlo: “Credo che la nostra struttura non è la migliore, è abbastanza vecchia. Stiamo cercando di migliorare la qualità degli strumenti che abbiamo, in modo da avere una correlazione migliore tra i dati della galleria e quelli raccolti in pista. Questo è il piano che dovremmo essere in grado di attuare già per la prossima stagione”.

Mentre Domenicali accenna ad un ulteriore aggiornamento, voci insistenti parlano di un maxi-investimento di 60 milioni di euro per realizzare una nuova struttura, pronta però tra almeno 2 anni. Il Team Principal della Ferrari ha comunque sviato l’argomento, spiegando che il programma di chiusura dell’attuale galleria a Maranello è ancora in divenire. “Stiamo utilizzando altre strutture e in un paio di settimane si definiranno i programmi e capire quando e come chiudere per migliorare le cose che non sono al massimo in questo momento. Nella seconda metà di stagione, non tutti gli aggiornamenti previsti stanno lavorando sulla macchina. Abbiamo iniziato a indagare sui problemi e abbiamo capito la causa”.

In merito alla situazione del Mondiale, Domenicali non si fa illussioni: “Penso che sia tutto abbastanza chiaro. Se non saremo in grado di migliorare la macchina e vincere delle gare, sarà più difficile lottare per il campionato. Non possiamo fare affidamento sui problemi degli altri, come non si può andare avanti con terzi o quarti posti”, ha concluso.

33 Commenti

  1. incredibile rendersi conto solo adesso dei reali problemi. Ma una soluzione la trovate o dobbiamo ancora correre con macchine più lente degli altri?? e per quanto tempo ancora??
    ma dico io se sapete che i dati della Toyota corrispondono ai dati in pista perchè non avete usato quella dall’inizio?? troppi errori non va bene cosi. Cavolo c’è in gioco un mondiale…

  2. E’ nelle difficoltà che si vede se veramente la squadra si merita di vincere e se il pilota è stato all’altezza di diventare campione del mondo!
    Era sbagliato dare Alonso per campione quando aveva 40 punti di vantaggio, è sbagliato oggi o lunedì dopo un weekend difficile darlo per perdente!
    Dobbiamo avere più fiducia nella Ferrari.
    Aver trovato il problema o comunque sapere dove intervenire è già un punto di partenza per migliorare nel futuro!
    SOno sicuro che non ci deluderanno!!!
    FORZA FERRARI!

  3. uff…non si può andare avanti così, ma non si poteva progettare la F2012 direttamente allo stabilimento Toyota? E comunque non capisco perchè la F2012 che qui deve essere forte fatica! Non dico che deve fare la pole ma un terzo posto in qualifica andrebbe benissimo!

  4. Da tre GP a questa parte le novità della Ferrari è stato sempre e solo l’alettone. Ammazza che novità.
    Ma quanto possono pensare di migliorare limando sempre e solo l’alettone?
    Boo… qui ci vuole uno step di 2-3 decimi altrimenti addio mondiale.

    1. beh non è vero: c’è stato il fondo, l’estrattore, l’ala posteriore (non funzionante), le alette sotto la parte anteriore della centina, dietro il muso … il punto è che non sono le vere innovazioni che fanno fare il salto di qualità come potrebbe essere, invece, far lavorare correttamente i pneumatici … cosa che a McLaren è riuscita e a Ferrari no … e dalle gomme si tira fuori un bel pò di vantaggio, come dimostrato dalla Ferrari a Singapore … al Sabato non andava con nessuna gomma alla domenica viaggiava bene anche con Massa …

Lascia un commento