La Red Bull ha il doppio DRS!

7 ottobre 2012 11:46 Scritto da: Mario Puca

La sorpresa che non ti aspetti: la Red Bull ha il doppio DRS! E’ stato un po’ un fulmine a ciel sereno, visto che, con cinque gare ancora da disputare, il mezzo fallimento di quello made in Lotus ed il divieto di utilizzarlo dalla prossima stagione, il DDRS sembrava ormai una soluzione sconveniente. Ed invece, il genio dell’aerodinamica Adrian Newey ha deciso comunque di dotare le sue vetture del diabolico dispositivo.

Difficile accorgersene, visto che il dispositivo Red Bull, pur essendo simile a quello in stile Mercedes, non utilizza tubazioni visibili. Va aggiunto, inoltre, che il dispositivo è stato provato interamente in galleria del vento, visto che il suo primissimo test è avvenuto nelle prove libere di venerdì mattina (FOTO). Il risultato è evidente: prima fila tutta Red Bull con ben quattro decimi di vantaggio rifilati a Button in qualifica, dove il DRS può essere azionato lungo tutto il circuito.

Come accennato poc’anzi, la versione firmata Newey è sostanzialmente diversa da quella Lotus e molto simile a quella Mercedes:

Sulla parte interna della paratia dell’ala posteriore è, come nel DDRS Mercedes, presente un foro, il quale viene chiuso da un tappo di carbonio fissato al flap del DRS quando questo è chiuso (FOTO). Nel momento in cui il pilota aziona il DRS (FOTO), il foro si apre e lascia defluire l’aria, che in quel punto è alla massima pressione, all’interno della paratia, che è concava al suo interno. A differenza del DDRS Mercedes, però, l’aria non viene convogliata verso l’ala anteriore, ma viene espulsa, con altissima probabilità, da slot posizionati al di sotto del supporto inferiore dell’ala (FOTO). L’effetto che si ottiene, di conseguenza, è quello di “scaricare” ulteriormente l’ala posteriore, visto che in alta velocità, la pressione aerodinamica è massima proprio nelle zone esterne del flap.

La soluzione è più semplice di quella escogitata dal team tedesco e, visti i risultati ottenuti in qualifica da entrambi i piloti, decisamente efficace. Sorprende il fatto che la Red Bull abbia studiato questo dispositivo interamente in fabbrica, a differenza della Lotus, invece, che è da diverse gare che lo prova e ne rimanda il debutto ufficiale.

28 Commenti

  • non paragoniamo la RedBull alla Lotus-Renault..non ha niente da spartire, tranne il fatto che prima Grosjean e poi Raikkonen hanno fatto il gioco di Vettel! 😀

  • Mah. Secondo me bisogna guardare altrove, in gara Vettel ne aveva troppo più degli inseguitori, qui c’entra poco il DDRS.
    Va detto poi che dopo la F2012 la macchina che ha subito più evoluzioni mi sembra proprio la RB8. Vedremo in Korea, se continuano a essere imprendibili, beh, sará dura per tutti con sole altre 4 gare rimaste.

    MA… questa è una pazza stagione. Chissà.

  • sono pienamente d’accordo con zio ture e maxleon il ddrs e’ solo uno specchietto per le allodole di newey per sviare la concorrenza su quello che e’ la reale innovazione della redbull, lo aveva fatto anche nei test invernali del 2010 a barcellona quando presento dei finti scarichi alti per nascondere quelli veri posizionati in basso, quest’uomo ne sa una piu’ del diavolo

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!