Sauber: Kobayashi, che podio! Perez ritirato, troppo irruento

7 ottobre 2012 12:22 Scritto da: Ilaria Della Pepa

E’ una Suzuka dal sapore agrodolce quella vissuta oggi dalla Sauber. L’attesa di una grande gara non è stata tradita del tutto, anche se il caso ci ha messo lo zampino. Bottino del GP del Giappone per la squadra svizzera: il fantastico podio di Kamui Kobayashi (come lui stesso l’ha definito) e l’amaro ritiro di Sergio Perez, avvenuto nella prima parte della corsa.

Bastava superare le insidie della prima curva e poi tutto sarebbe filato liscio, come dichiaravano ieri i due piloti, dopo una gran bella qualifica. E così stato, perché sia il giapponese che  il messicano si sono tenuti fuori da ogni mischia, evitando pericolose carambole simili a quelle recenti di Spa.

E da lì, Kamui ha condotto una splendida corsa, restando anche in seconda posizione fino alla prima sosta ai  box, con Sergio che – pur lottando un po’ più indietro – avrebbe probabilmente recuperato, visto il passo della sua C31. Per lui è invece arrivato un testacoda nel tentativo di sorpassare Lewis Hamilton (col quale battagliava da un po’), e la gara è finita nella sabbia.

Kobayashi festeggia oggi il suo primo podio in Formula 1 , dopo Aguri Suzuki nel 1990 (sempre a Suzuka) e Takuma Sato nel 2004 (Indianapolis). Kamui, felice del risultato ottenuto  davanti al suo pubblico, è in estasi: “E’ stato un GP fantastico” commenta “ce l’abbiamo messa davvero tutta per raggiungere questo podio per me, visto che il mio compagno Sergio ci era già riuscito“.

Una sana rivalità tra i due piloti Sauber che aveva visto Kobayashi più sfortunato di Perez: “Per un paio di volte sono partito in buone posizioni in griglia, ma non sono mai stato fortunato, avendo sofferto e lottato in molte partenze“. Stavolta si intuiva che fosse la volta buona? “Qui partivo terzo, che era un’ottima posizione. Non ero in prima fila, ma le sensazioni erano buone, visto il miglioramento del nostro passo avuto dal venerdì al sabato“.

Una gara che dopo il via è stata quasi in discesa: “Ho guadagnato subito una posizione, e questo mi ha tranquillizzato sulla possibilità di finire a podio. Certo, che lotta con Jenson Button che recuperava dietro di me nel finale. L’ultimo stint è stato davvero difficile, ma ce l’abbiamo fatta“.

Un colpo d’occhio sensazionale, quello delle tribune di Suzuka: bandiere per ogni Scuderia, ovviamente, ma stavolta i cuori battono per un pilota in particolare, che già da qualche anno emoziona il pubblico nipponico.

La bandiera a scacchi di Kamui Kobayashi è stata salutata da un boato eccezionale, e lo spettacolo sotto al podio era degno di una vittoria iridata.  E il piccolo Samurai se ne è reso conto eccome: “Finire a punti è fantastico, in particolare nel mio GP di casa. In più, questo è il mio primo podio, e io sono felicissimo per me, per i miei tifosi e per tutti coloro che mi sostengono. E’ spettacolare quello che vedo in questo circuito, l’affetto dei fans. Grazie, ancora grazie e teniamo duro così per il futuro“.

Dall’altra parte, l’amarezza di chi ha visto finire la propria gara troppo presto: Sergio Perez, come dicevamo, si è insabbiato nella prima fase del GP, perdendo l’opportunità di finire a punti. Deluso, dichiara: “Mi dispiace molto per il ritiro e per i punti persi. Avevo già superato Hamilton al sesto giro, ma quando ci ho riprovato al 19esimo è stato più difficile, mi sono ritrovato con poco spazio, ma era chiaramente colpa mia. Tuttavia, anche allo start ero rimasto un po’ coinvolto nel caos creato da Grosjean“.

Monisha Kaltenborn, CEO Sauber, è al settimo cielo: “Sono felicissima per Kamui, questo suo primo podio a Suzuka, a casa sua, è eccezionale! Gli ultimi giri sono stati ancora più emozionanti, ma lui ha affrontato la lotta con Button da vero campione. Peccato per Perez, era in grado di fare punti, ma il duello con Hamilton è finito male. Complimenti alla squadra, che dal venerdì è migliorata tantissimo, ed è stata ricompensata con un grande risultato“.

Giampaolo Dall’Ara, che coordina gli ingegneri di pista, commenta felice il risultato, pensando anche agli inconvenienti di Perez: “Che gara emozionante, soprattutto negli ultimi giri! E’ andato tutto bene, avevamo la corsa sotto controllo, anche se alla fine Kamui ha dovuto controllare i suoi pneumatici. Anche Sergio era veloce, ma stavolta è andata così“.

8 Commenti

  • Una precisazione linguistica per Ilaria della Pepa: irruento in italiano si usa solo nel linguaggio letterario.
    Il termine corretto è irruente.

  • peccato per Perez che avrebbe portato punti pesanti per la scuderia! La Sauber è a soli 20 punti dalla Mercedes per ottenere il titolo di quinta forza del mondiale!

  • Qualifica straordinaria dietro le lattine col doppio drs tenendo dietro il più blasonato Perez,
    partenza fantastica dove ruba la seconda piazza a Webber prima dell’incidente.
    Il primo pit anticipato forse non era la miglior cosa ma alla fine ha tenuto dietro un incalzante Button in rimonta!
    Una gara da incorniciare, in casa propria, vero protagonista della corsa anche per le telecamere! Mai una sbavatura, mai un errore, ha saputo ben gestire le gomme soprattutto il terzo set. La gara perfetta per lui.

    @Rendina, lo merita o no il tuo 10&Lode???

    • MassaisTheBest

      Bellissimissima gara del tuo pupillo, se posso dirtelo per me il 10 non lo merita perché finché c’è stato Perez in gara quest’ultimo era leggermente più veloce, ma comunque è giusto, e Perez ha fatto un errore spingendo così forte, secondo me la gara di Kobayashi è da 9,5

      • no mitb la qualifica parla chiaro, Perez forse aveva lo stesso passo o poco superiore ma era dietro.
        Comunque devo farti ancora i complimenti per il tuo di pupillo, che oggi ha fatto una gran gara stile 2008 partendo molto dietro arrivando sopra al mio Kamui. per me i voti sono questi:

        Vettel 10&lode
        Massa 10
        Koba 10&lode
        Button 8
        Ham 6
        Kimi 6.5
        Hulk 7
        Maldopazzo 6.5
        Web 7
        Ric 6.5
        Schumy 6
        Drs 5+
        Vergne 5
        Sen 5-
        Grosjean 3
        Per 7-
        altri nq

      • Perchè Button 8 e Hamilton 6 ?
        Mah…..

        comunque oggi Kamui mi ha emozionato, ammetto di avere tifato anche per lui negli ultimi giri.

      • Button ha fatto un’ottima corsa sfiorando il podio per pochi decimi, Lewis non è mai stato in corsa se non per la bagarre con Kimi all’uscita dei box. Il settaggio della sua vettura se lo è scelto da solo contro le indicazioni del team. E’ arrivato comunque in una bella posizione ma fra la qualifica e la gara contando che ha una fra le 3 macchine migliori e col talento che ha avrebbe potuto ottenere molto di più.
        Confermerai che la sua è stata una gara un pochino spenta.

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!