Gene sulla Ferrari in India: “Evoluzione, non rivoluzione”

24 ottobre 2012 10:31 Scritto da: Davide Reinato

La Ferrari, con gli aero-test svolti in Spagna la scorsa settimana, ha deliberato gli aggiornamenti che andranno in India sulla F2012. Lo ha confermato anche Marc Gene, durante un evento promozionale per il partner tecnico Shell a Madrid. Il pilota spagnolo, parlando con l’agenzia di stampa EFE, ha insistito sul fatto che ci saranno diversi aggiornamenti, ma che questi non devono essere considerati come una grande rivoluzione.

“Speriamo aiuteranno a raggiungere il nostro obiettivo. Ci sono sempre meno gare davanti e quindi stiamo facendo di tutto per chiudere il campionato davanti, anche per un solo punto. In India avremo degli aggiornamenti, ma nulla di rivoluzionario. E’ chiaro che speriamo funzionino, ma fin quando non li avremo provati il venerdì in pista, non possiamo sapere quanto e se la prestazione della F2012 sarà migliorata”, ha ammesso Gene. Le maggiori modifiche apportate alla F2012 si trovano nella zona degli scarichi, nelle ali e nel diffusore. Modifiche che dovrebbero portare ad un miglioramento compreso tra i 2 e i 4 decimi di secondo al giro.

Come detto, Gene era a Madrid in qualità di benzinaio d’eccezione, in occasione della presentazione alla stampa spagnola di un’attività di Shell. Nelle stazioni di servizio, per chi farà almeno 25 euro di carburante nelle stazioni Shell spagnole, sarà regalata un’immagine di una delle sedici Ferrari stradali più belle, da collezionare in uno speciale album.

50 Commenti

  • E’ inutile fare calcoli su quanti decimi la F2012 riuscirà a trovare con i nuovi aggiornamenti, l’unica cosa che possiamo fare e aspettare venerdi mattina…solo li vedremo la vera Ferrari 😉

  • se il ragionamento di Tomba ziz funziona tutti quelli che non hanno funzionato fino ad ora e dovrebbero iniziare a funzionare 4 decimi sono pochi

  • qualcosa non quadra, è da luglio che montano e smontano pezzi che non vanno come in galleria e ci hanno messo 3 mesi per capire che bastava svolgere un aerotest in pista per scoprire cosa non funzionava sulla macchina!
    Facciamo finta di crederci e forza ferrari

    • non scordiamoci che tombazis alla fine del primo giorno di test a jerez dichiarò che la macchina andava meglio del previsto, quest’uomo è un bel furbetto io mi fido piu’ di pat fry

    • Se è come dicono in Autosprint, il problema lo hanno avuto con gli scarichi che devono funzionare in accoppiata alle prese dei freni e tutte le altre soluzioni al retrotreno sono da questi dipendenti, per cui è probabile che abbiano attribuito ad altro le cause del problema.

      Per quanto riguarda l’ala anteriore, credo che effettivamente ci siano stati problemi con i modellini in scala, perchè come ho già detto il carbonio è un materiale piuttosto complicato e la flessibilità sui modelli in scala non è certo la stessa di quelli a grandezza reale.

      • per me si sono cullati troppo del vantaggio in classifica e hanno sottovalutato problemi che sono stati ingigantiti dal clamoroso progresso della redbull, la zona della presa dei freni posteriori è la zona calda in tutti i sensi delle odierne monoposto trovo strano non aver trovato prima il problema, vedremo dopo qualifiche sabato se era solo questo il problema

  • Commento interessante, maxleon. Mi permetto tuttavia di sottoporre alla tua attenzione, come a quella degli altri amici del blog, una mia sensazione. La RB negli ultimi gran premi in cui ha dominato non ha mostrato tutto il suo vero potenziale: Vettel, dopo aver incrementato ad inizio GP il proprio vantaggio sugli avversari, si è limitato a mantenere il distacco su di loro. Basteranno 4 decimi alla Ferrari? Non credo. Credo che il reale potenziale della RB di Vettel (quella che conta) imponga almeno un incremento prestazionale a giro di circa nove decimi/un secondo. E in ogni caso la RB non starà a guardare in questi ultimi GP, ma implementerà lo sviluppo della vettura.

    • Nella F1 odierna le coperture hanno una importanza fondamentale e, purtroppo, non sapremo mai fino a quanto un pilota abbia guidato al risparmio, certo l’attuale RBR con tutto il carico aerodinamico che ha, si può permettere di avere un consumo ridotto rispetto agli altri, ma non dobbiamo dimenticare che anche la Ferrari ha un consumo analogo, però, sicuramente non si può dire che abbia lo stesso carico aerodinamico, per cui mi sento di dire che come bilanciamento generale, certamente la rossa ha qualcosina in più.

      Immaginiamo solo per un attimo che la Ferrari riesca a sopperire a quei pochi punti di downforce che ancora gli mancano, sicuramente come consumo gomme ne guadagnerebbe non poco rispetto alla RBR, quindi, se da un lato sono daccordo con te, dall’altro devo supporre che la RBR, non abbia potuto spingere al massimo delle sue possibilità, così come non lo ha fatto sicuramente Felipe, quindi se come velocità pura la RBR è sicuramente superiore, certamente non si può assolutamente quantificare il distacco reale.

      In altre parole la RBR potrebbe essere anche di un secondo più veloce, ma se poi tutta questa velocità non la può utilizzare in pista perchè manda in pappa le gomme a cosa gli servirebbe???

      In molti parlano del giro superveloce di Webber all’ultima tornata, però guardate che Massa gli è stato distante solo di due decimi e non era all’ultimo giro (con macchina più pesante) e l’usura delle sue gomme era ottima e se aveva rallentato, lo ha fatto solo perchè dal muretto gli avevano detto di stare ad almeno due secondi da Fernando.

      Da una parte sono daccordo con te, ma non per il fatto che la RBR si sia nascosta

  • ferrarista per sempre

    io credo che è qui che la Ferrari deve dimostrare di che pasta è fatta,cioè reagire anche quando a poche gare dal termine è in svantaggio sia di punti sia di prestazioni sugli avversari.
    Forza ragazzi,che questo mondiale ancora non è chiuso!!!

  • Tombazis ha confermato le anticipazioni di autosprint e sembra siano corsi ai ripari, speriamo non sia solo una scusa per salvare le sue pesanti chiappe

  • @Maxleon

    Bella disamina, complimenti! Sopratutto molto arguta la tua osservazione sui 2 secondi di distacco che massa doveva mantenere in korea. Anch’io sono fiducioso, la cosa più importante credo sia raggiungere un livello di prestazione che metta sotto pressione la rb, sono molto curioso di vedere fino a dove possono spingere la macchina e il perchè non l’hanno ancora fatto e sembravano preoccupati di farlo..

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!