Pagelle Gp India: monologo Vettel e grinta Alonso…

Sebastian Vettel 10 Non sarà un pilota da bagarre, ma ha doti velocistiche fenomenali tali da riuscire a estrarre il 110% dal pacchetto quando la macchina lo asseconda. Lui e questa Rb8 versione “Orient Express” sono un insieme di talento e precisione, un’essere unico che stupisce e annichilisce i rivali. Seb domina anche in India un fine settimana dal risultato mai così scontato. Pole position e testa della gara dall’inizio alla fine. Neanche il fondo scocca che tocca l’asfalto e fa scintille lo frena. Quarta vittoria consecutiva, quinta stagionale e ventiseiesima in carriera. LETALE

Fernando Alonso 10 Sturm Und Drang, tempesta e assalto, in tutti i sensi. Scocciato, imbronciato, a tratti choosy (per dirla alla Fornero) venerdi e sabato, quando critica la squadra per mancanza di performance. Ma il suo bipolarismo innato lo porta a svegliarsi come una belva in gara, a ridestarsi da un piccolo calo psicologico che non serviva a nessuno. E’ scatenato in partenza: vedere una Ferrari che svernicia due McLaren insieme è un bel colpo d’occhio. Si sbarazza in pochi giri di Button e tallona Webber per tutta la gara. Fino all’attaco micidiale portato a compimento non appena il cangurone rimane senza Kers. Una gara capolavoro nel giorno più difficile. Fer è entusiasmante, commovente per l’animo e la rabbia che ci mette. Mondiale difficile ma non finito. NEVER GIVE UP

Mark Webber 7,5 Con una Red Bull così il confronto con il team mate è a tutti gli effetti impietoso. Dovrebbe coprirgli le spalle e completare la parata trionfale dei Tori, invece – per problemi al Kers – non solo deve soccombere dinanzi a uno scatenato Alonso ma è costretto a guardarsi le spalle da Hamilton. Alla fine è terzo. MINIMO SINDACALE

Lewis Hamilton 8 Qualcosa in più, qualcosa di positivo, si è visto rispetto alle ultime gare. Con le morbide la McLaren non va e Luigino becca un bel po’ di secondi di distacco. Tutt’altra storia con le dure; Hamilton fila che è una bellezza e recupera secondi su secondi a Webber. Ci prova fino alla fine, lui è un altro che non molla mai. Anche se ha la valigia pronta. PROFESSIONALE

Jenson Button 7 Buona la seconda fila in qualifica, molto più nei ranghi in una gara condotta in modo discreto ma senza particolari spunti di rilievo. Subisce i sorpassi di Alonso e di Hamilton e si limita a controllare Felipe Massa. Si toglie lo sfizio del giro più veloce fatto segnare sotto la bandiera a scacchi. SOLDATINO

Felipe Massa 6,5 Non è il Felipe cattivo e determinato delle ultime gare, ma nemmeno un fantasma. Massa a Nuova Delhi fa il suo onesto compito, portando punti preziosi alla squadra in un fine settimana duro. Parte sesto e arriva sesto, manca l’aggancio alle McLaren e corre tallonato da Kimi Raikkonen. Molto bello il controsorpasso ai danni del finlandese, da manuale. Traiettoria impostata appositamente per sfruttare l’accelerazione (e il Drs). Probabilmente la sua prestazione è stata frenata da problemi di consumo. DILIGENTE

Kimi Raikkonen 6 Si lamenta del traffico e sostiene che la vettura era da podio. Insomma il settimo posto lo intossica abbastanza, e c’è da capirlo se si passano tutti i sessanta giri provando invano a passare Massa. Giornata dura anche qui, serve un passo avanti per arrivare terzi in campionato. La notizia positiva è che la lotta per l’ultimo gradino del podio iridato lo vede ancora “in testa”. SPARAGNINO

Nico Hulkenberg 7 Parte dodicesimo e passa il traguardo in ottava posizione grazie ad una buona partenza e ad un ottimo ritmo. Se la gioca con Williams e Sauber, poi fa il vuoto andando a conquistare quattro punti abbastanza importanti per il team nella gara di casa di Vijay Mallya. Terza volta consecutiva a punti. CONSISTENTE

Romain Grosjean 6,5 Fuori dalla top ten in qualifica, sceglie di partire con le gomme hard allungando “alla Perez” la prima parte di gara. La tattica paga a metà perchè se è vero che Romain chiude nono, prendendo punti, va anche detto che non potremo mai sapere cosa avrebbe combinato con la strategia standard soft-hard. ORIGINALE

Bruno Senna 6,5 Una gara intera a lottare con Rosberg contro il quale ha la meglio dopo il pit stop. Bruno riesce così ad afferrare un punticino non si sa quanto utile per la sua riconferma in Williams.

Nico Rosberg 5,5 Con una Mercedes che cola a picco parte decimo e chiude undicesimo. Aspettando Hamilton…

Paul di Resta 5- Pessima l’ottava fila delle prove ufficiali, mediocre la gara. Dice che si aspettava la chiamata di un top team; forse ci è rimasto male ma dopo il quarto posto di Singapore il suo contributo alla causa “indiana” è stato nullo. IN SORDINA

Sergio Perez 5 Irruento come al solito, spreca la buona ottava piazza della partenza. E’ confusionario nelle fasi iniziali, nel tentativo di rimonta buca la posteriore destra sorpassando all’esterno una Toro Rosso e fa un giro alla Gilles su tre ruote guidando un po’ troppo forte. Spettacolare, si, ma il risultato è un inevitabile danno alla sospensione posteriore che lo costringe al ritiro. Da quando ha firmato per Woking non gliene va bene una. BIMBO SPERDUTO

Michael Schumacher 5 Rema controvento tra contatti, forature e una macchina scadente. Ma la cosa più triste è vederlo doppiato dal suo allievo Vettel e finire per giunta sotto investigazione per aver ignorato le bandiere blu in altre circostanze. Lui, quello che se voleva di fermava quattro volte ai box e doppiava tutti. E’ finita davvero un’epoca. SIPARIO

Jean-Eric Vergne 5 Sfortunato al via quando rompe l’alettone in un contatto di gara con Michael Schumacher. Il resto è una gara tutta in salita avara di soddisfazioni. Quindicesimo sotto la bandiera a scacchi.

Kamui Kobayashi 4,5 Autore di un week-end a dir poco disastroso in India, il piccolo samurai sembra aver accusato il colpo del mancato rinnovo con la Sauber, lui merita non solo un volante ma anche una buona squadra. Ma in queste tre gare deve ritrovare lo smalto perso, altrimenti difficilmente convincerà qualcuno. SALVATE IL SOLDATO KAMUI

Pastor Maldonado 5,5 Bene in qualifica dove si piazza nono, molto più critica la gara. Dove finisce a lottare con Sauber, Force India e con il compagno di squadra. In uno dei duelli di giornata fora la gomma posteriore e deve dire addio alle speranze di entrare in top ten. Chiude addirittura sedicesimo.

Vitaly Petrov 6 Fa meglio sia in prova che in gara del compagno Kovalainen, e non è la prima volta negli ultimi tempi…Paura di restare a piedi?

Narain Karthikeyan 6 Solo chi ha “ammirato” il prode Narain che illustrava in tv il suo giro lanciato dicendo ad ogni curva “Qui ho mancato il punto di corda” può capire dinanzi a che tipo di personaggione di bibliche proporzioni ci troviamo. Per tutti quelli che si sono persi questa “perla” basti pensare che de la Rosa è andato a sbattere mentre lui, piano piano, la carretta al traguardo l’ha portata, davanti al suo pubblico. DAJE NAR

Altri: Daniel Ricciardo (6-); Pedro de la Rosa (4,5); Heikki Kovalainen (5,5) Charles Pic (6,5); Timo Glock (5,5)

Gp India 6 Quel po’ di suspence la creano Alonso con la sua inaffondabile grinta, Bruno Senna nel suo lungo singolar tenzone con Rosberg e Felipao che resiste a Kimi in un duello da vecchi tempi in rosso. Il resto è una lenta processione di auto nello smog indiano con qualche foratura di troppo. NOIOSETTO

Chris Horner 5 Intervistato sul “mistero scintille” del prode Seb, il buon team principal ai microfoni è molto criptico e sfuggente: “Forse si trattava di un pezzo allentato del fondo o probabimente di un detrito”. Parliamoci chiaramente; è assurdo che il capo non sapesse. Non molto convincente ma scaltro. PANTERA ROSA

Ispettore Clouseau e Kato 5 Voto non al grandissimo personaggio interpretato da Peter Seller (10 a lui e al suo Clouseau) nei noti film e alla sua esotica spalla ma alla coppia dirigenziale Ferrari Domenicali-Rivola che dinanzi ai misteri della Red Bull dorme sorniona. Dico io: ma un reclamino, una richiesta di chiarimenti, una pubblica dichiarazione.. .sarebbe stato troppo? Come il noto ispettore dei film, il fantastico duo non si accorge di nulla. Sperando però che possa comunque risolvere con successo il “caso” mondiale…

Andrea Stella 7 Con quel team radio un po’ cosi, un salamelecco in gara, l’ingegnere italiano si inchina metaforicamente a Fernando Alonso: “Sei un lottatore straordinario, con un talento immenso”.  Un modo per chiedergli scusa da parte del team?

La Ferrari e i Marò 8 Senza entrare nel merito visto che qui ci occupiamo di Formula 1 e non di politica estera. La Ferrari però, considerando che è un’azienda quotata con interessi commerciali un po’ dovunque, merita un plauso per aver messo la faccia e il suo nome in una vicenda spinosa e complicata. Un bel gesto, sentito e coraggioso.

178 Commenti

  1. Ragazzi stiamo calmi o va a finire che Clive Cussler ci contatta per scrivere un nuovo romanzo dopo quello del megacomplotto di un gruppo di ecoterroristi che scaldava i fondali marini per far aumentare gli uragani sul pianeta…
    Ci proporrà qualcosa su razzi vettore nascosti sotto le monoposto che durante un malfunzionamento hanno emesso scintille e che servono come test per una nuova bomba H! :-)))

    Se ci fosse qualcosa di strano secondo voi a questo punto del campionato con Nando e Sebastiano che si stanno scannando a suon di giri in pista non farebbero un esposto?

    Se ci fosse qualcosa di anomalo, di certo in Ferrari lo denuncerebbero e altrettanto farebbe la RBR verso la rossa per avere un vantaggio competitivo maggiore, quindi è inutile che trolliamo allegramente su questi argomenti semplicemente se piace parlarne facciamolo senza scannarci!!
    Che ne dite?? 😉

    1. Beh sono anni che si parla del malefico piano del diabolico pilota spagnolo Fernando Alonso per conquistare il mondo con l’aiuto del ricchissimo banchiere senza scrupoli Botin e del compiacente proprietario di una nota azienda automobilistica italiana.
      :DDD

  2. Per come la vedo io se non vengono fatti reclami dalla Ferrari riguardo al presunto regolatore d’assetto emerso dalla immagini televisive e dalle scintille di Vettel, i casi sono 2: o in realtà sanno che non c’è nulla di irregolare e sanno che il pezzo incriminato in realtà non serve a regolare l’assetto, oppure alla fine fa comodo anche a loro evitare bufere perchè magari qualcosina da nascondere lo hanno anche loro.
    Fatto sta che la federazione di fronte a dubbi fondati basati su immagini chiare dovrebbe fare un controllino, ma come ha scritto già qualcuno forse la RedBull ha troppo potere politico nella F1 odierna oppure a qualcuno fa comodo che continui a vincere

    1. Oppure nel patto della concordia 2009 si sono accordati per non “protestare” più formalmente in cambio del 2,5% della torta dato alla Ferrari prima della devisione per classifica costruttori. Non so ma è dal 2009 che la Ferrari non protesta più su soluzioni tecniche degli avversari.

  3. @maxleon
    Io non provoco…e non sto criticando solo la Ferrari ma anche la Mercedes …forse siete voi che provocate con accuse che non hanno alcun fondamento (vedi l’inesistente correttore d’assetto rbr)…io invece ho visto foto del posteriore Ferrari che puoi trovare anche tu sul web e sinceramente mi viene qualche dubbio…Ok puoi posizionare la fessura dove vuoi ,in alto in basso come da regolamento…ma non penso che possa essere usata anche come elemento aereodinamico…mi spiace ma qui siamo di fronte ad una zona grigia del regolamento che prima la Mercedes e poi voi hanno fruttato…È grazie a questa soluzione dubbia che la Ferrari ha recuperato parte del gap che la divideva dalla rb…
    @Cavalluccio a dondolo
    Meriti una risposta???

    1. Parli di zone grige del regolamento sfruttate dalla Ferrari????????

      Se comincio ad elencare tutti i casi dove la RBR ha sfruttato le c.d. zone grige del regolamento, inizio ora e non finisco più.

      Per quanto riguarda quel misterioso congegno, non io, anonimo ignorante in materia, ma degli ingegnieri plurititolati (che, per carità, potrebbero anche essere di parte), hanno ipotizzato che si potesse trattare di qualcosa di illegale, ora se un magistrato mi accusasse di essere un ladro, io reagirei con fuoco e fulmini, invece in RBR se ne stanno buoni buoni ad aspettare che passi la bufera.

      Se effettivamente quel dispositivo non fosse ciò che dicono, perchè non smentire e dire effettivamente quello a cui è deputato??? Credo che ne guadagnerebbero parecchio a chiarire la vicenda.

      1. @ maxleon
        ma credi davvero che chi ha reso noto quel pezzo, quella possibile elusione del regolamento, abbia fatto tutto da solo?
        lo chiedo a tutti voi.
        Possibile che siate così ingenui che vi beviate tutto?
        Un pò si spirito critico!
        Come in tutti i campi del giornalismo, c’è una zona che può essere raccontata e l’altra, quella grigia, l’informazione che resta tra gli addetti ai lavori, quella che va dal pettegolezzo allos candalo che non può essere resa publica per le regole sacre ma non scritte del giornalismo. E’ quella capacità di tenere ilsegreto e di rendere il “favore” che ti permette di “restare nel giro”!
        L’ing. Bruno ed i giornalisti RAI sono stati imbeccati e del fatto ne eranosicuri altrimenti col cazzo che si sarebbero esposti in quel modo!
        Ciò perchè per la Ferrari o chi per lei, la figura del delatore non gioverebbe all’immagine. Lo fanno tutti ed è così da sempre.
        ben svegliati.

      2. Credimi sulla parola se ti dico che di giornalismo ne so molto, forse troppo, in ogni caso quello che dici conferma quello che ho scritto un po più in basso riguardo al potere politico di talune squadre in F1, ormai conta più quello che scrivono i media che la FIA, in altri tempi sarebbe bastata solo una illazione del genere per scatenare l’inverosimile, ora, invece i media possono scrivere e dire quello che vogliono, quello che conta è solo chi detiene il potere, non più la legalità. In ogni caso, riguardo a questo fantomatico dispositivo è singolare il fatto che dopo il “colpaccio” dei commentatori RAI sia stato tutto messo a tacere, nessuno ne parla più e delle fantomatiche scintille sul fondo di Vettel, non vi è nemmeno una fotografia.

        Scommetto che la settimana prossima già non se ne parlerà più di questo argomento.

    2. Premesso che hai tutto il diritto di scrivere ciò che vuoi, devi comunque avere il buon gusto e l’intelligenza di capire quando e cosa scrivere. E soprattutto essere padrone delle supposizioni che sostieni.
      A mio avviso stai scrivendo fesserie giusto per postare commenti, senza un minimo di logica!
      Il momento è dei più adatti per creare scompiglio… Siamo già nervosi perchè c’è un finale di campionato al cardiopalma, se per di più vuoi farci credere che vedendo delle foto su internet a tuo avviso la Ferrari è irregolare, mentre la RB è una povera scuderia che lotta contro tutti… lascia perdere va!
      FORZA FERRARI!

  4. Ho visto delle foto su F1 technical del posteriore red bull…vi confermo che quella fessura è posta non in alto ma a livello del diffusore e soprattutto è di dimensioni più contenute…siete illegali insieme a Mercedes …mi spiace…

    1. La fessura puoi farla dove di pare in alto o in basso, l’importante è che abbia una certa dimensione… normata dalla fia è scritto sul regolamento. Stai dicendo delle enormi banalità prima di sparare cavolate cerca su google mini diffusore mercedes, scoprirai quello che ho scritto sotto, era una vecchia novità della Mercedes che usa dalla prima gara… Costa affermo’ ad inizio campionato che era difficile da copiare, perché’ non è un semplice fondo come si potrebbe pensare a prima vista…
      LA Ferrari ha semplicemente puntato su questo mini doppio diffusore che gli altri hanno ignorato.
      Tutto il resto sono tutte invenzioni senza senso…

      1. Mi sa che il nostro amico Audifan, sta scadendo molto con delle provocazioni assurde, su presunte irregolarità della Ferrari che non esistono, soprattutto perchè quando si parla di Mercedes e di Red Bull, stiamo parlando del 99% del potere politico in F1 per cui tutte le altre scuderie se non vogliono essere sanzionate, non si possono permettere assolutamente nulla di nuovo, al massimo possono copiare le loro soluzioni.

        Certo è disarmante il tuo modo di pensare, perchè mi sa che cerchi solo di rigirare la frittata, come al solito quando si parla di Ferrari lo si fa solo per supposizioni, eppure io non propongo di elencarmi i casi concreti, perchè è perfettamente inutile in quanto per il passato c’era un po più di serietà, fino al 2008 chiunque veniva colto in flagrante pagava caro e sono rarissimi i casi in cui quando nasceva una polemica non se ne pagavano le conseguenze, anzi l’unico caso che ora mi sovviene è quello del Mass dumper Renault, mentre dal 2009 in poi è quasi diventata una costante la c.d. “interpretazione del regolamento” per cui le furbate si sono decuplicate, perchè la FIA non ha MAI sanzionato alcunchè ed i casi in cui è stata coinvolta la RBR ormai non si contano più, è diventato normale che una soluzione venisse dichiarata legale e poi l’anno successivo, quando le altre scuderie avevano speso fior di quattrini per replicare l’idea, venivano inaspriti i controlli, mentre le cose più evidenti sono state vietate, ma nessuna sanzione è mai stata applicata per l’utilizzo di una soluzione irregolare.

        Del resto che le cose stanno in un certo modo lo si è capito da tempo, ricordo ancora quando la Ferrari, quasi per polemica, propose un alettone posteriore un po sui generis, ma che tuttavia rispettava il regolamento “interpretato ad hoc”, ebbene, questo sottoposto al benestare della FIA fu vietato a priori. Che dire poi del correttore di assetto Ferrari e Lotus???? Si basava sullo stesso principio del DDRS Mercedes (non azionato direttamente dal pilota) eppure il DDRS fi approvato mentre il correttore di assetto bocciato a priori.

        Ma la Ferrari non è la sola scuderia a fare le spese di questa situazione, pensate all’alettone anteriore ruotante della Mclaren, che è stato praticamente vietato grazie alla segnalazione della Ferrari, eppure nessuno se ne era accorto, ora invece che c’è un dubbio su un dispositivo regolarmente filmato non si pensa nemmeno a chiarire la situazione, non c’è nemmeno una smentita ufficiale e sulla questione scintille sul fondo strisciante di Vettel ci vogliono dare a bere delle cose assolutamente insulse e se volete una conferma, vi invito solo a ricercare dei video ufficiali di quanto è accaduto non c’è una sola testata giornalistica che ha pubblicato anche solo delle foto.

        Quindi al massimo ci si può fare la guerra fra “poveri” (metaforicamente parlando), ma guai a toccare la RBR, del resto per rendersi conto di quanto politicamente siano forti i bibitari, basta vedere quello che sono stati in grado di fare: nel 2011 sono in testa alla classifica con le spese sostenute…. 220 mln 100 mln in più della Mercedes che occupa la seconda piazza, non solo, guardate quello che sono stati in grado di fare con l’RRA, perchè la cosa si doveva definire già dal mese di giugno, eppure siamo alla fine del campionato ed ancora non si trova un accordo, quanta potenza hanno da soli per bloccare tutte le altre scuderie??????

        Ora è tanto difficile guardare in faccia la realtà???

        La verità è che la FIA deve sottostare alle richieste di Mr. E. e all’illustre vecchietto le cose vanno bene così perchè la RBR porta fior di quattrini nelle sue tasche.

        Ora se vogliamo essere realistici la realtà è questa, certamente non ci sono poi tante altre prospettive e si corre il rischio di snaturare questo sport, per cui sono ormai in tanti i tifosi che invocano la legge del taglione, ma riflettetici un po su, se ora ci possiamo permettere di fare ancora dei discorsi sull’ipotetica bravura di taluni piloti, cosa succederebbe se poi vincesse solo chi ha la macchina migliore????

        Personalmente, in passato ho deciso di tifare solo per la scuderia, non per il pilota, perchè questi sono solo dei mercenari e se ora corrono per la Ferrari, domani potrebbero correre per qualcun altro, ma se un giorno dovessi rendermi conto che i piloti dovessero essere solo dei passeggeri sulle vetture di F1, allora credo che mi dedicherei a qualche altro sport. Per fortuna quest’anno c’è stato un certo Fernando Alonso che con una macchina nettamente inferiore ci ha fatto ancora emozionare.

  5. Zione la scusa del moto del motorino d’avviamento non funziona proprio mi spiace!!! Oltre che la fessura di cui parli dovrebbe trovarsi a livello del diffusore nella zona inferiore dove è più difficile andare a “pescare” l’aria…la Ferrari ,guarda caso,alza la fessura e la maggiora di dimensioni!!!!!Ed ecco che un innocente alloggiamento del motorino d’avviamento divento un estrattore vero e proprio…Non ho presente adesso l’estrattore rb ma penso che gli anglo-austriaci siano in piena regola!

    1. Ma perchè non parli del (maxi) doppio diffusore della RBR cammuffato da carenature delle sospensioni invece di parlare di una soluzione introdotta dalla Mercedes e ritenuta regolarissima dall’inizio dell’anno?

      Inoltre dai delle interpretazioni tecniche paventando delle conoscenze del regolamento che non puoi avere, fino a quando si parla di buchi nel fondo, di scarichi soffiati, di appendici irregolari o di altri dati di fatto, posso anche accettare la discussione, ma dire che una apertura è più grande di quanto ammesso dal regolamento, oppure che si trova in un’area anzicchè in un altra si parla di cose che probabilmente anche i tecnici più smaliziati devono andare a verificare dati alla mano.

      Per favore, smettiamola con certe discussioni sterili e provocatorie.

  6. Sarebbe bastato un reclamo quando effettivamente erano irregolari, squalifica e ciao. Invece ogni volta si vincono le gare e non si restituisce il maltolto, RB o no, è il sistema che è cambiato, tutti a braccetto si spartiscono i dindini di sponsor e quantaltro.
    Introiti – Spese = Ecco cosa significa vincere, il resto è per i poveri illusi come noi.

  7. Cmq per inciso la Ferrari ha corso in India con un estrattore aggiuntivo sul diffusore ricreando un doppio fondo…oltre che è una soluzione originalissima(eh proprio tanto…copiata da Mercedes )ma poi è pure irregolare…l’estrattore superiore è di dimensioni generose(fin troppo!)…oltre a non avere idee originali adotte soluzioni irregolari…complimenti!!!E poi i “bibitari” sono irregolari…se vabbe….

    1. La Mercedes ha questa soluzione da inizio campionato, sfrutta un interpretazione del regolamento gia’ fatta dai crukki. Infatti il regolamento permette di realizzare una fessura per il motorino di avviamento, la Ferrari ha spostato la fessura piu’ in alto. Comunque bel ragionamento la Ferrari è irregolare mentre la mercedes e sopratutto la redbull possono fare quello che vogliono. Forse non hai capito che la Ferrari è costretta a copiare sin dall’inizio di campionato è stato bocciato il correttore d’assetto che strano vero ?

    2. Ma da che pulpito viene la predica, almeno la Ferrari ha copiato una soluzione Mercedes con un “mini” doppio diffusore, invece alla RBR con la scusa delle carenature, hanno ricreato un doppio diffusore a grandezza normale.

      1. Maxleon Audifan potrebbe diventare un commissario FIA ah ah ah

        Quando la Redbull e la Mercedes ” interpretano ” il regolamento sono regolari, ma ovviamente la stessa identica cosa non puo’ essere riproposta dalla Ferrari che come sappiamo deve rispettare il regolamento alla lettera.

  8. …strano.
    Nelle foto delle testate ci sono 3000 foto..ma quella scintillante no. Sia f1tech che omni che altre 3 testate importanti. NOn vedo foto dello scintillio….cadde come corpo morto cade. COme dire, non se ne parla ed il problema sparisce!
    …maronna mia!!! W lo sport vero, dopo vado a vedere giocare i bambini con le lattine di birra e la pista disegnata col gesso…

  9. Scrive ZIO TURE :’Io da osservatore esterno ho visto che anche il potere politico della Mclaren si è ridimensionato da quando la Mercedes ha lasciato il team inglese definitivamente cioe’ in questa stagione. La mia impressione è che ha reggere le redini della f1 ci siano al primo posto la Redbull e al secondo la mercedes i team che hanno piu’ soldi e investono di piu’ in questo sport. Da notare che la redbull ha vinto recentemente la gara come promoter nei rally FIA… Da notare che la Ferrari ha ridotto notevolmente il proprio budget con la gestione fiat Marchionne adesso i soldi arrivano principalmente da risorse interne e dagli sponsor, mentre prima la Ferrari era il team piu’ ricco del circus, da notare che Todt ando’ via dalla Ferrari quando Marchionne scopri’ che guadagnava di piu’ del suo stipendio… Mi pare che alla Ferrari tutto sia fatto in maniera piu’ parsimoniosa e lo sponsor che è il primo finanziatore ha grande potere nel team’.
    Concordo in tutto! Come ho già spiegato il business RED BULL va oltre tutti gli altri inseriti nella F1, negli ultimi 2 anni durante i miei viaggi ho trovato la nota bibita in posti dove non si trova facilmente neppure l’acqua, segno che il marketing di un prodotto a largo consumo porta molti, ma molti più soldi che vendere delle auto seppur prestigiose come le Ferrari. Per la scuderia di Maranello conta vincere ma credo conti di più essere ai vertici, di fatto non credo si incrementino in maniera esponenziale le vendite di vetture se si vince il mondiale, ma è importante essere sempre lì, i primi tra i costruttori di automobili. Il cliente-tipo della Ferrari non credo sia così influenzato dal primo o secondo posto in una competizione, la Ferrari vende un sogno non una bibita energetica…

    1. Infatti io sono rimasto sconcertato quando ho letto il budget della Redbull su auto motor sport de ben 220 milioni di euro, 100 milioni in piu’ della Mercedes…

      Newey o non Newey hanno una disponibilità economica schiacciate pari forse alla Ferrari sponsorizzata dalla Marlboro e della vodafone assieme degli anni 2000.

      Non credo siano solo meriti di Newey, anzi inizio a pensare che ricorrere ai mezzucci sia quasi superfluo con tutti i soldi che possono investire in ricerca.
      Potrebbero vincere a mani basse anche rispettando il regolamento, ma non è cosi’… è questo è un grande merito della Ferrari e anche della Mclaren di questa stagione che sono a confronto due cenerentole.

  10. vedo che in questo blog molti la pensano come me:
    Io vedo qualcosa di strano ormai da tempo in questa F1, forse ci sono accordi per favorire un team o un’altro. Ultimamente la RB sembra il team che deve vincere per forza i campionati; la RB ha enormi risorse e fanno affluire tanti soldi nelle tasche di chi muove i fili in F1.

    Dopo il caso di spionaggio Ferrari/MCLaren sembra proprio che questi team abbiamo perso importanza. Lo stesso Montezemmolo nonostante tutte quelle belle affermazioni che dice non viene mai gagato (scusate la parola), palesamente conta meno di niente. Non mi sembra fosse così ai tempi di schumi ad esempio.

    Vedo da anni le vettura ormai vincenti i campionati solo per in qualche modo avere sotto il cofano un qualcosina di irregolare, un piccolo componente, solo per dare a queste un paio di decimi permettendo di vincere pur mantenendo la competizione lungo tutto l’arco del campionato. Credo quindi che le scintille “temporanee” e quel congegno fatto vedere dalla RAI sia certamente irregolare ma consentito per far vincere proprio quel Team.

    Concordo con chi lo ha detto in questo blog, ma in tutto cio’ credo che anche la Ferrari abbia come si dire le mani in pasta… forse a loro interessa solo arrivare secondi per prendere i fondi disponibili ai team, forse in passato anche a loro è stato concesso qualche trucchetto…

  11. Grisu, sono d’accordo solo in parte.
    Mi spiego Meglio.

    Newey balza all’attenzione di tutti per la Leython del 1988 (giudata da capelli) vettura molto ben progettata e innovativa a livello aerodinamico perchè risulta la più rastremata di tutte sia all’anteriore che al posteriore.
    Alla Williams ha vinto dal 92 al 96 con qualche interruzione (94-95) ad opera si Schumy e Brown Byrne con la Benetton.
    Passato alla McLaren dal 1997 al 2005 cos’ha vinto?
    Il 1998 e il 1999.
    Poi grazie allo stravolgimento regolamentare del 2009 è tonrato in auge come grande inventore, la verità è che alla red bull fino al 2008 non è che avesse innovato gran chè, lui è bavo solo quando può inventare una macchina dal nulla, quando c’è da svilupparla la sua stella brilla molto meno e avevo fatto un’analisi approfondita di questo in alcuni miei post precedenti…

    1. Ti premetto che io sono un classe 1985, ma ne ho letti tanti di libri sulla F1 e un idea mia pur sempre me la sono fatta, poi ho potuto rivedere molti GP del passato, magari non potrò mai essere preciso come uno che gli ha vissuti in prima persona, però sono arci convinto che Newey non sia la bestia nera della Ferrari, ma della FIA alla quale basterebbe fare un regolamento stabile per non solo ridurre i costi, ma limitare le soluzioni del “diavoletto Newey” ed evitare di fare sempre figuracce in mondo visione, tanto non ci capiscono niente neppure loro!

    2. “lui è bravo solo quando si può inventare una macchina dal nulla” ;tue parole.

      Scusa perche qual’è il lavoro per cui è pagato un progettista dia auto di formula uno,se non quello di disegnare macchine partendo da un foglio bianco?
      Quello, e cioe disegnare macchine dal nulla.
      Dove si è mai visto un progettista prendere in mano un altrui progetto?Solo in quei rari casi quando cacci uno perche incompetente e quello che arriva deve mettere una pezza all’altrui lavoro,cosa che nessuno di loro fa di buon grado perche è un progetto malriuscito,e metterci una pezza non e che porti mai a gran risultati.

  12. Ragazzi, ci sono immagini o video del particolare mentre viene montato sulla rb?
    ps: magari non avete notato…mentre scintillava l’alettobe di sx vibrava enormemente in maiera aniomala. altro che pezze sotto la scocca

  13. Adrian Newey!!!
    Per tutti quelli qui nel blog che sono stati giovincelli e più non lo sono ormai bisognerebbe che tutti ci rinfrescassimo(purtroppo)la memoria.
    Qui noi si parla, a ragion veduta,delle varie irregolarità e furberie varie della Red Bull,si pero…
    Quanti anni è che Newey disegna e progetta macchine?Sin dai lontani anni ’80,sin dai tempi delle famose sospensioni intelligenti della Williams.
    Quante volte la Ferrari è arrivata seconda nel campionato mondiale dietro quella che allora era una signora scuderia con Newey al timone?
    Poi passò alla McLaren, e quante macchine vincenti ha disegnato allora che di aereodinamica si parlava poco ?Anche all’epoca la Ferrari arrivava sempre o seconda dietro alle McLaren nei campionati del mondo.
    Allora non c’erano gli scarichi soffiati,le regole e le restrizioni di oggi,eppure le macchine di Newey hanno sempre vinto tutto.Lui è la vera bestia nera della Ferrari,e ha ragione Alonso quando dice che non si corre contro la Red Bull ma contro Newey.
    Dagli anni 80 ad oggi lui è stato (insieme comunque ad altri fattori certamente)il vero ostacolo numero 1 della Ferrari.
    Lui è la vera “Bestia Nera”della Ferrari,senza di lui la Red Bull non sarebbe più forte della Ferrari.Non ha accettato le offerte della Mercedes,non ha accettato le offerte della Ferrari perche è un genio e i geni lavorano da soli e non in equipe come sarebbe stato chiesto a lui di fare se avesse accettato di lavorare in strutture come quelle appena citate.
    La soluzione ideale purtroppo sarebbe quella di rapirlo e nasconderlo negli scantinati di Maranello(come ha fatto Tombazis con John)in modo che se perdano le tracce per sempre.
    Ciao a tutti

    1. Che newey sia un grande progettista siamo tutti d’accordo, un innovatore e sopratutto ungenio nell’interpetare i regolamenti.
      Pero’ la ferrari ha perso il mondiale del 2010 da sola…suicidandosi.
      Perche’ a quest’ora dal cambio regolamenti i mondali sarebbero stati uno pari e questo sarebbe stato la bella.

Lascia un commento