GP Abu Dhabi 2012: anteprima e orari del weekend

31 ottobre 2012 01:32 Scritto da: Davide Reinato

L’isola di Yas è in pieno fermento per l’arrivo del grande Circus della Formula 1. Questo weekend, sullo Yas Marina Circuit, si terrà la terzultima prova del Mondiale 2012: il Gran Premio di Abu Dhabi. Entrato in calendario nel 2009, anche questo fa parte dei nuovi impianti realizzati dall’architetto Hermann Tilke. Sorge sull’isola artificiale di Yas, a poco meno di mezz’ora dal centro di Abu Dhabi. Lo scenario è spettacolare e il lusso non è certo un optional. Un classico esempio è lo Yas Viceroy, realizzato direttamente sulla pista: 85.000 mq distribuiti su due torri di 12 piani, ciascuna con cinquecento stanze.

Il layout della pista, però, lascia un po’ a desiderare. L’imponente impianto, ipertecnologico, non ha mai regalato gare particolarmente emozionanti. Due lunghi rettilinei e molte curve lente, che ricordano molto il layout di Singapore. Abu Dhabi è un tracciato che richiede medio carico, dove serve avere una buona velocità sul rettilineo principale – lungo oltre il chilometro – ma serve anche downforce sufficiente per offrire stabilità in frenata e grip aerodinamico in curva. Ci sono pochi cambi di direzione e, per favorire la trazione, si propende per un assetto relativamente morbido del retrotreno.

Subito dopo la prima curva, i piloti si trovano ad affrontare un tratto misto, con un’accelerazione trasversale di 4G e una velocità di circa 250 km/h. Quando si raggiunge il lungo rettilineo, l’acceleratore viene premuto a tavoletta per circa 15 secondi. In staccata, le monoposto passano da 300 a 90 km/h in poco più di cento metri, con una decelerazione che sfiora i 5G. Da lì in avanti i piloti affrontano una serie di “S” lente, dove serve una vettura molto precisa per non perdere decimi preziosi.

Il meteo ad Abu Dhabi non sarà un grande problema: previsto sole e temperature più alte di 30 gradi. Ma proprio in queste ore, la regione è stata colpita da una tempesta di sabbia. Solo danni minori nei dintorni di Abu Dhabi, con il circuito che non ha subito conseguenze. Tuttavia, il manto d’asfalto è stato letteralmente ricoperto di sabbia, che si è andata ad aggiungere a quella già presente notoriamente sulla pista.

Per questo evento, Pirelli porterà i compound PZero White Medium e PZero Yellow Soft che rappresentano, per lo Yas Marina Circuit, il terreno perfetto per entrambe le soluzioni. Con Mario Isola – Racing Manager di Pirelli – scopriamo i punti più impegnativi del circuito arabo.

Dopo la quarta vittoria consecutiva, Sebastian Vettel arriverà sul circuito di Abu Dhabi come il favorito. Ma Fernando Alonso ha già dimostrato, contrariamente al venticinquenne tedesco, ha dimostrato di saper fare la differenza anche con monoposto con evidenti difficoltà. E seppur il binomio Vettel – Red Bull sembra incontrastabile, è proprio lo spagnolo l’unico in grado di poterlo ancora impensierire. 13 punti separano i due, un distacco importante che – comunque – non può certo far riposare sugli allori il team anglo-austriaco.

La sfida Mondiale si gioca ora in pista, ma è ovviamente iniziata in fabbrica in queste settimane. L’evoluzione delle vetture continua, specialmente in casa Ferrari, dove si cerca disperatamente di rosicchiare decimi ai rivali di Milton Keynes. La trasferta di Abu Dhabi è notoriamente tosta per la Rossa e, come ha ribadito il Presidente Montezemolo, serve il 120% per giocarsi il Mondiale fino alla fine.

GP ABU DHABI – ORARI DEL WEEKEND

Venerdì 2 Novembre 
Prove Libere 1 | 10.00 - 11:30
Prove Libere 2 | 14.00 - 15:30 

Sabato 3 Novembre 
Prove Libere 3 | 11:00 - 12:00
Qualifiche     | 14:00 - 15:00 

Domenica 4 Novembre
Gara           | 14:00

78 Commenti

  • ale91scania

    La realtà è che la ferrari sta butttando via il mondiale purtroppo…forse han commesso l’errore di pensare di gestire il vantaggio accumulato e ogni volta la red bull fa delle modifiche alle fiancate ma modifiche con la M maiuscola mentre la ferrari si limita a fare qualche regolazione degli alettoni…in ogni caso la rossa non ha mai lasciato a piedi i suoi piloti e le volte che siamo usciti è perchè ci hanno buttato fuori come affidabilità è la migliore manca quel secondo/8 decimi in qualifica che il solo fernando non può colmare e finchè si parte quinti o sesti gli altri scappano…mi dispiace per fernando perchè al momento è il più forte in assoluto e se lo strameriterebbe questo mondiale e come carriera ha sempre raccolto molto meno di quello che ha seminato anche se non mi sono piaciute le sue continue dichiarazioni sulla macchina…lo sappiamo che è più lenta delle rivali è sotto gli occhi di tutti non sottolinearlo in continuazione mi sembra anche mancanza di rispetto nei confronti di chi ti paga…i panni sporchi si lavano in casa! sono fiducioso nel mondiale come dobbiamo esserlo tutti a cominciare da fer rimarrà ferma la lattina prima o poi….dai ragazzi dai ragazzi!!

  • Qualcuno mi spieghi perchè non esistono più i reclami, anzi perchè nessuno li presenta mai ?

    Una volta si presentavano per semplici sospetti, adesso neanche di fronte all’evidenza !

    Boh ?

  • adesso ho letto le dichiarazioni di alonso su as, ma e possibile che interpreta solo sul pessimistico. Tutti a dire e a ribadire che non ci arrendiamo,e loro che fanno usano la parola resa mavaffainbrodo per non dire altro

    • ciao a tutti sono nuovo del blog,mi sono loggato oggi,sono un grande appassionato di f1,ma sopratutto tifoso di alonso(credo che si capisca dal nickname).
      è da molto tempo che leggo gli articoli e i commenti degli utenti del blog,ma solo ora mi sono deciso a iscrivere.

  • tatanka2003

    Che Vettel sia un campione lo dicono i titoli vinti… che poi nella F1 di oggi la macchina abbia preso il sopravvento sull’abilità del pilota è un’altra cosa. Di certo a lui piace partire davanti e a quel punto è imprendibile, diverso il discorso se si ritrova a lottare, probabilmente non è più abituato a certe pressioni, ha sempre vinto in andando ‘passerella’…

    In questo prossimo GP si deciderà il mondiale, a meno che non venga deciso dai commissari, se Alonso vince e Vettel non si aggiudica punti, è fatta… Altrimenti sono guai molto seri…

  • tatanka2003

    Qualcuno è in grado di dirmi la situazione motori tra Alonso e Vettel? Compresi quelli non usati per incidenti vari?

    • tatanka2003

      SEI UN GRANDE! METTERMI IL POLLICE ROSSO (per quel che possa valere…) SOLO PER AVER FATTO UNA DOMANDA… DIREI RIDICOLO… Puoi sempre creare una trentina di account e mettere decine di pollicini rossi (come te…)

    • Vettel non ha più motori nuovi a disposizione ha usato il suo ultimo in India, Alonso, invece, ha ancora un propulsore nuovo, ma in più ha due motori seminuovi per i crash che ha avuto, però non si sa se questi sono stati usati in qualche gara o meno.

      • tatanka2003

        Allora mi sembra di aver letto che un propulsore può perdere tra i 10 e i 15 CV dopo essere stato usato, sarebbe interessante sapere se i motori non usati a causa degli incidenti siano stati poi utilizzati, penso che a questo punto sia fondamentale… Ovviamente non credo che possiamo trovare questa notizia sul sito della Ferrari!

  • stavo facendo 2 conti: La RB è stata beccata a modificare gli assetti(ed è stata graziata) in Canada. Ora a parte i 18 punti che Vettel ha portato a casa a Montreal, prima del gp canadese disponeva di 73 punti a questo punto sospetti(chissà se i meccanici sono intervenuti anche in altre occasioni);stessi punti per Webber. Quindi se la F1 fosse ancora uno sport in questi 3 gp dovremmo assistere ad una lotta serrata per il costruttori tra Ferrari e Mclaren, e il titolo piloti forse sarebbe già assegnato o quasi….

    A questo punto mi viene da chiedermi: “Ma che gusto c’è a vincere così?” e inoltre:”quanto potere politico ha un’ industria che produce una schifezza chimica in quella che dovrebbe essere la massima espressione dello SPORT ,e ripeto, SPORT automobilistico?”

    Potreste pensare che sia un ferrarista rosicone, in realtà sono prima di tutto un appassionato di F1 rosicone perchè è dal 2009 che non si rispettano le regole e nessuno le fa rispettare con autorevolezza. Sono un tantino amareggiato per tutto ciò.

    • tatanka2003

      E’ proprio questa GRAZIA che non capisco, dovrebbero pagarla in qualche modo… Mah! Mi dedicherò a passare le Domeniche con mio nipote e lo stupendo kart che gli ho regalato, di certo non gli metterò carburante illegale nel serbatoio…

  • @zico: Mi dispiace ripetermi, ma se non cominci ad usare una punteggiatura nei tuoi messaggio, non credo che riuscirò a leggerli, figurarsi a capirli. Comunque la mia considerazione era riferita anche e soprattutto a Raffaele.

  • anche schumacher guidava una macchina perfetta quando vinceva mondiali a ripetizione con la ferrari, quella vettura perfetta che ha vettel ora guida in red bull…

    però seconda la tesi bislacca di qualche testa illuminata o meglio “offuscata” schumacher è un fenomeno mentre vettel è un pilota mediocre addirittura inferiore a button…:))

    certi commenti non andrebbero nemmeno letti…

    è il solito bla bla bla bla puerile

    • Xche sforzarsi di capire chi e’ il migliore?guardate le gare di inizio anno e vedrete chiaramente che vettel con un auto non perfetta ,vale come un pilota normale. Npn e’ certo un fenomeno.

    • è ormai più’ che chiaro, che tu oltre a non conoscere per niente la carriera del “tedesco originale”, non hai nemmeno perso un po’ di tempo per informarti meglio………

    • alonso nel corpo a corpo e con una vettura di pari livello o anche appena inferiore alla red bull lo massacra al robottino…..e credo che in molto gp quel merdoso ditino indice se lo sarebbe ben ficcato nel suo sederino!

    • quando Fettel avrà dimostrato almeno la metà di quello che ha dimostrato di saper fare Alonso quest’anno, si potrà iniziare a parlare di confronto tra i due.

    • Quando vettel fara le rimonte che ha fatto schumacher partendo dal centro o dal fondo dello schieramento, allora sarà un campione e non un buon pilota come è adesso.
      è questo che fa la differenza.

    • la differenza è che Schumacher, oltre ad aver dimostrato ampiamente la sua classe con vetture inferiori, la macchina perfetta per lui se la costruiva a suon di test e riunioni tecniche interminabili, magari l’ ing. Mazzola un giorno ce ne parlerà in prima persona di quel periodo.

  • Ci sono buone probabilità dobbiamo solo tenere duro e affrontare questo circuito a testa bassa, se Alonso si classifica di una posizione a Vettel abbiamo ottime possibilità di giocarcela fino all’ultima gara, se mettiamo pressione al ragazzino viziato, possiamo vincere questo titolo, tanto si sà se Fernando avesse avuto quel razzo di RedBull il mondiale sarebbe finito molte gare prima, meglio così che è in Ferrari..mantiene l’attenzione su questo splendido sport! Fernando Alonso è migliore di Vettel, è durante questo mondiale si è visto, nessuno può negare questa affermazione, quindi se si vince per meritocrazia, noi FERRARISTI SIAMO GIA’ CAMPIONI DEL MONDO! se invece si vince perchè si ha una vettura migliore, attenzione e non il pilota migliore, vuole dire che ha vinto l’ingegneria, ma non Vettel, non lui, che se parte nelle retrovie ha una faccia come il culo, forse perchè anche lui stesso sa che non può farcela contro i veri piloti, come Alonso, Hamilton, Button, Schumacher..ecc..ecc…ecc..
    L’anno prossimo con l’approdo di Sergio Perez in McLaren ne vedremo delle belle, il messicano metterà molto peperoncino nelle sue performance, il mondo della formula uno è così..passa Schumacher (THE GOD OF DRIVER) arriva Hamilton (THE CRAZY DRIVER) vince Alonso (THE BEST DRIVER)….dimentico qualcuno?! ahahha

      • perché ti e difficile ammettere che quest’anno c’è chi a guidato meglio di lui

      • Mi sembra che tu sia stato un po’ duro nei confronti di Vettel.. pur condividendo l’idea di fondo, non credo che Vettel sia così inferiore a tutti gli altri. Probabilmente deve ancora imparare a guidare una macchina non perfetta, ma ha il talento per farlo, a mio avviso. La differenza tra Vettel e Alonso Schumacher è che gli ultimi due hanno dovuto penare con auto poco competitive, mentre il primo ha sempre avuto la macchina perfetta, ma non possiamo fargliene una colpa…

      • forse mi sono spiegato male prima cosa ho detto quest’anno poi prima che la rb diventasse di nuovo astronave l’ho visto piu in crisi di alonso con qualche ditino di troppo e non metto in discussione che sia un campione

    • Su una cosa non sono daccordo: sui reali meriti di Vettel, perchè finora lo abbiamo visto solo su una vettura attaccata all’asfalto, mai su un mezzo da “domare”, chissà, potrebbe anche verificarsi che su una vettura più sbilanciata si comporti bene (ho i miei dubbi) di certo ora come ora, abituato a questo tipo di macchina, non lo vedo bene da nessuna parte.

  • Leggendo auto motor und sport, (naturalmente usando google translator), sembrerebbe che il problema della Ferrari in qualifica sia da attribuire al fatto che il DRS non “alleggerisca” molto il carico aerodinamico, infatti, facendo un raffronto dell’incremento di velocità fra DRS chiuso e DRS aperto avuto in India fra le curve 5 e 6, la Ferrari avrebbe incrementato la propria velocità di soli 3,8 Km/h, contro la media di 10 km/h e oltre di tutte le altre scuderie.

    Pensando alla presunta discussione di Alonso, secondo cui minacciava di pubblicare i dati che provavano il fatto che in Ferrari si correva con lo stesso alettone posteriore da tre gare, la cosa potrebbe avere un senso.

    Se le cose stessero veramente così (e non ho motivo di dubitarne visto che si pubblicano dei dati certi) i motivi per essere ottimisti in Ferrari ne hanno e come, perchè problemi di penetrazione aerodinamica non ne hanno, viste le velocità alla speed trap e considerato che erano fra i valori più alti, devo credere che, forse avrebbero potuto anche migliorare il downforce utilizzando inclinazioni diversi degli alettoni a discapito, naturalmente di un po di velocità, ma a quel punto avrebbero penalizzato troppo le qualifiche ed anche le possibilità di una rimonta in gara.

    Devo quindi arguire che anche per la gara indiana il nuovo alettone posteriore non sia stato utilizzato, resta da capirne il perchè, a mio avviso il tempo intercorso fra le prove ad Idiada la realizzazione a Maranello ed il collaudo in galleria del vento a Colonia, non sia stato sufficiete a portare l’aggiornamento in India ma spero sia sufficiente per la prossima gara.

    L’ultima cosa che devo dire:

    Che Zio Ture abbia colto nel segno quando parlava di DDRS anche per la Ferrari????

    • ima allora perché se come dici tu Alonso e sempre più irrequieto

      • Bhe se è vero quello che scrivono i tedeschi, pensavo che fosse chiaro il motivo per cui Alonso è irrequieto……

        Mettiti nei suoi panni lui sapeva il motivo per cui non va in qualifica ed è costretto a sacrificare il downforce ed a fare i salti mortali per rimanere fra i primi e sa anche che la squadra da sei gare non è riuscita a sopperire a questa mancanza, come vuoi che stia????

    • ma se non va il DRS vuoi che mettano su un presunto DDRS dopo che è stato cassato già da altre squadre?!
      ma no!

      • La RBR usa un DDRS attivo, cioè che va in funzione quando si apre il normale DRS e fa stallare il profilo inferiore dell’alettone posteriore, di per se un dispositivo alquanto semplice quanto efficace, mentre quelli che tu dici sono stati “cassati” da altre squadre, sono i SDRS passivi provati da Mercedes e dalla Lotus, e solo la Mercedes finora ha detto che probabilmente non lo useranno per il 2013; fra l’altro la Mercedes ha sempre usato il DDRS attivo ma che fa stallare l’ala anteriore.

        Mentre come diceva Zio Ture, la Ferrari avrebbe provato in più di una occasione un versione attiva del DDRS alla stessa stregua di quello RBR che farebbe stallare, molto probabilmente, il profilo inferiore dell’alettone posteriore.

    • io ricordo di aver letto (sono sicuro al 100% e trovo strano che nessuno ne abbia parlato) che ai test di idiada, tutti gli aggiornamenti avevano dato riscontri positivi tranne uno…..appunto l’ala posteriore……..il motivo che non la faceva funzionare era l’errato disegno dei deviatori di flusso sulle prese d’aria dei freni posteriori (che ci portavamo dietro da parecchi mesi) Siccome il problema è stato riscontrato proprio ad idiada, l’ala era stata già’ disegnata “mille volte” in base alle vecchie e non funzionanti prese d’aria, quindi andavano prima modificate (ed effettivamente in india erano nuove) per poi ridisegnare e far funzionare l’ala posteriore……questo sarebbe anche il motivo che ha fatto perdere tanto tempo alla ferrari nel cercare in vano di far funzionare il ddrs.

      • Si questo lo davo per scontato, appunto per questo pensavo che il tempo per ridisegnare il tutto non era stato sufficiente. Poi ricordo che si parlava espressamente di DDRS nei test di Idiada.

  • “Se Michael Schumacher fosse stato un pilota Sauber avrebbe vinto almeno 3 gare nel 2012″ parola di Fernando Alonso…
    Sul serio, cos’è tutto questo miele tra i piloti???

  • Mah… Di sicuro in Ferrari stanno provando di tutto… Un amico che vive a Maranello mi ha detto di aver visto Domenicali entrare in stabilimento con un RPG e due razzi!!! :-)))

  • Gia sembra che stiamo arrivando da sconfitti……vi ricordate l’anno scorso come andò a finire a vettel,chissà quest’anno…..sicuramente alonso farà di tutto per vincere,e spero che le mclaren qui ci diano una mano anche facendo una doppietta,con vettel terzo e alonso 4 non ci sarebbe tanta differenza…e poi lasciare tutto alle ultime due gare!!!dai ferrari dai alonso siamo con te!!!

  • Almeno sapremo una volta per tutte se in f1 il pilota può fare ancora la differenza

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!