F1 Live, GP Abu Dhabi 2012: cronaca della gara in diretta

4 novembre 2012 13:40 Scritto da: Redazione

Seguiamo in diretta – con il nostro consueto Live Blogging – il Gran Premio di Abu Dhabi, diciottesima gara del Mondiale 2012 di Formula 1. Ad ospitare l’evento è lo Yas Marina Circuit, circuito permanente che sorge sull’isola artificiale di Yas. Il nastro d’asfalto è lungo 5.55 chilometri e conta ben 21 curve: in gara, sarà percorso per 55 giri.

Lewis Hamilton scatterà dalla pole position, ma la bella prestazione del pilota McLaren è quasi passata in secondo piano. Ieri, infatti, è arrivata la squalifica di Sebastian Vettel che partirà oggi dalla pitlane [Approfondimento].

GP ABU DHABI 2012 – GARA IN DIRETTA

Sessione conclusa: a breve su BlogF1.it una sintesi della corsa e, a seguire, tutti gli approfondimenti e le interviste del GP di Abu Dhabi.

Giro 55: Bandiera a scacchi! Kimi Raikkonen vince il Gran Premio di Abu Dhabi 2012! Torna alla vittoria il finlandese, che porta il Team Lotus a vincere la sua prima gara della stagione. Fernando Alonso chiude in seconda posizione, ma che gara di Vettel che ha guadagnato 21 posizioni e sale sul podio

Button chiude in quarta posizione, quinto Maldonado, sesto Kobayashi. Massa non va oltre la settima posizione, ottavo Senna, nono Di Resta e decimo Ricciardo. Fuori dai punti Schumacher, solamente undicesimo.

Giro 54 – Molto vicini Alonso e Raikkonen, sarà un arrivo in volata. Vettel fa il giro più veloce con 1:43.964

Giro 53 – 2 giri alla fine. Alonso sta tentando il tutto per tutto e realizza 1:44.090 e si porta a 1 secondo di distacco.

Giro 52 – 1.4 secondi tra Raikkonen e Alonso. Ma ora in terza posizione c’è Sebastian Vettel, che ha costruito una grande rimonta sfruttando al meglio anche le occasioni create dalle due Safety Car

Giro 51 – Alonso ha macinato ancora decimi al finlandese. 1.7 secondi tra Alonso e Raikkonen in questo ginale. Lo spagnolo sembra mettere pressione al pilota della Lotus. Sebastian Vettel intanto è andato a superare Button e sale così virtualmente sul podio

Giro 50 – Grande ritmo di Alonso che realizza un altro giro record con 1:44.270. Due secondi tra lo spagnolo e il finlandese, al comando della corsa

Giro 49 – Altro giro veloce per Alonso che ha girato in 1:44.357, il distacco da Raikkonen scende a 2.2 secondi e ha guadagnato quasi un secondo sulla coppia Button-Vettel, in piena lotta

Giro 48 – Alonso è andato a segnare il giro più veloce con 1:44.631 e guadagna altri due decimi su Raikkonen. Intanto, nelle retrovie, Schumacher è andato a superare Vergne e guadagna così l’undicesima posizione. Button però sta facendo fatica a tenere dietro Vettel adesso

Giro 47 – Alonso realizza 1:44.816 e riduce il distacco da Raikkonen a 3 secondi. Vettel è a otto decimi da Button, ma fa fatica a sopravanzare Button e sembra quasi plafonato nelle prestazioni

Giro 46 – Vettel non ha una velocità altissima in rettilineo e quasi fatica a superare Button. Ma lo sta studiando per tentare l’attacco. Intanto, Raikkonen fa segnare 1:44.963 e aumenta il vantaggio sugli avversari

Giro 45 – Mentre Raikkonen continua a dettare il proprio ritmo al comando della gara, Alonso ha perso contatto e si deve ora difendere da Button e Vettel, a loro volta in piena lotta. Si prospetta un finale al cardiopalma

Giro 44 – Da questo passaggio si può utilizzare il DRS. Intanto, Perez rientra per scontare lo stop and go per aver causato l’incidente che ha messo fuori gioco Webber e Grosjean.

Giro 43 – Alla ripartenza, mancano 12 giri alla fine. Raikkonen è ancora al comando, Alonso secondo, terzo Button, quarto Vettel, quinto Maldonado, sesto Kobayashi, settimo Massa, ottavo Senna

Giro 42: Sergio Perez, attualmente quattordicesimo, si dovrà fermare ai box per scontare 10 secondi di stop and go. Intanto, la safety car rientrerà al termine di questo giro

Giro 41 – Sempre dietro alla safety car. I piloti continuano a scaldare le gomme. Intanto, Michael Schumacher cambia gli pneumatici e monta Soft nuove per questa fase finale della corsa. Intanto, l’incidente tra Perez, Webber, Di Resta e Grosjean è sotto investigazione da parte dei commissari. Intanto, si ritira Charles Pic della Marussia

Giro 39: Ritirati, dunque, Webber e Grosjean dopo l’incidente causato da Perez. Questo è però un vantaggio per Vettel che aveva appena cambiato gomme e, alla ripartenza, sarà in condizione di essere ancora più veloce dei suoi avversari lì davanti. Attualmente, Sebastian è quarto, dietro a Button, Alonso e Raikkonen che guida la corsa

Giro 38: Incidente causato da Perez che ha coinvolto anche Grosjean e Webber. Safety car in pista

Giro 37 – Sebastian Vettel sta rientrando ai box. La Red Bull ha notato che le prestazioni di Sebastian iniziavano a decadere. Il tedesco rientra in pista con gomme fresche, in quarta posizione, davanti a Romain Grosjean

Giro 36 – Raikkonen continua ad essere leader della gara. Vettel è a 4.1 secondi, mentre Alonso è terzo con 8.8 ritardo dal finlandese e 4.7 dal tedesco della Red Bull. Massa, intanto, si è infossato in dodicesima posizione e sembra aver difficoltà a risalire

Giro 34 – Raikkonen continua al comando con 2.7 secondi su Vettel. Dai box, continuano a dire a Vettel di continuare a spingere. Alonso è terzo ma si sta difendendo da Button. Quinto Grosjean, sesto Di Resta

Giro 33 – Raikkonen segna il giro più veloce della gara con 1:46.055 e guadagna sei decimi su Vettel

Giro 32: Raikkonen è in testa con 1.4 secondi di margine su Vettel. Alonso è terzo con 7.4 secondi dalla vetta, quarto Button che sta incalzando lo spagnolo. Quinta posizione per Senna, sesto Vergne

Giro 31: Raikkonen entra ai box da leader della gara. Monta gomme Medium e riparte, rientrando in pista in prima posizione. Vettel – che ha realizzato ora un giro velocissimo – è già negli scarichi di Kimi.

Giro 30: Mark Webber viene richiamato ai box per il cambio gomme. Vettel è risalito in seconda posizione, alle spalle di Raikkonen

Giro 29: rientra ai box Jenson Button e monta gomme medie. Anche Maldonado ha fatto la propria sosta e ha montato gomme medie. Secondo Paul Hembery, Vettel potrebbe provare a finire la gara con questo set di gomme morbide, recuperando così molte posizioni. Intanto, il tedesco è in scia al compagno di squadra.

Giro 28: Fernando Alonso rientra ai box per la sua unica sosta ai box. Fernando ha montato gomme medie e rientra alle spalle delle due Red Bull. Intanto, la direzione gara ha fatto sapere che non ci saranno sanzioni per l’incidente tra Webber e Massa.

Giro 27: Giro più veloce per Sebastian Vettel che segna 1:47.053. Il tedesco è settimo, in questo momento. Schumacher intanto ha effettuato la sua sosta ai box. L’incidente tra Webber e Massa è sotto investigazione da parte dei commissari.

Giro 26: giro più veloce di Raikkonen con 1:47.199. Contatto tra Felipe Massa e Mark Webber. Felipe rientra ora ai box, dopo aver fatto anche un testacoda. Rientra in quindicesima posizione. Tutto a vantaggio di Vettel, che risale in settima posizione, dietro al compagno di squadra Webber

Giro 25: Cambia ancora la classifica, perché Perez è andato a superare Massa. Il brasiliano è ora tallonato da Webber. E Vettel ha superato Schumacher ed è quindi in ottava posizione.

Giro 24: Raikkonen al comando, guadagna secondi su Alonso. Tra i due ci osno 6.7 secondi. Button è terzo adesso, avendo superato Maldonado. Intanto Vettel sta facendo una bella rimonta ed è in decima posizione, a pochi decimi da Schumacher

Giro 23: Contatto tra Mark Webber e Pastor Maldonado. L’australiano ha provato a superare il venezuelano, ma i due si sono toccati e la Red Bull si è girata. Webber perde posizioni su Massa e Perez. La classifica vede ora: Raikkonen, Alonso e Maldonado. Quarto Button, quinto Massa, sesto Perez, settimo Webber. E ora Vettel è decimo.

Giro 22: Kimi Raikkonen è al comando e ha 5.7 secondi di vantaggio su Alonso, che è secondo. Terza posizione per Maldonado, mentre Webber è quarto. Quinto Button, sesto Massa, settimo Perez, ottavo Kobayashi, nono Schumacher e decimo Ricciardo. Vettel, però, è già arrivato ai limiti della zona punti

Giro 21: Raikkonen è ora al comando della gara, ma Fernando Alonso ha approfittato di una indecisione di Maldonado e lo ha superato, ed è ora secondo. Maldonado è terzo!

Giro 20: Vettel ha avuto strada da Vergne. Ma c’è un problema tecnico per Lewis Hamilton, il cambio lo ha letteralmente lasciato a piedi. E ora al comando c’è Kimi Raikkonen!!

Giro 18: Cambia poco in testa alla gara. Hamilton è sempre leader con 3 secondi di vantaggio su Raikkonen. Maldonado è terzo, Alonso è quarto ed è ora ad un secondo netto dal venezuelano che, però, continua a stargli agevolmente davanti. Vettel è invece quindicesimo al momento: dopo aver battagliato con Grosjean, il tedesco si è ora portato davanti anche a Glock e mira ora Vergne

Giro 16: Giro veloce per Hamilton con 1:47.384 ed ha già 2.3 secondi su Raikkonen. Terzo Maldonado a 3.9 secondi di ritardo dalla McLaren. Alonso ha perso contatto con i primi ed ha 1.6 secondi dal venezuelano della Williams

Giro 15: Alla ripartenza, Hamilton è andato via tranquillo, con Raikkonen e Maldonado che lo seguono. Errore di Alonso che ha rischiato di farsi sorprendere da Webber alla ripartenza. Lo spagnolo, però, è riuscito a mantenere la posizione. Vettel, intanto, ha già superato Di Resta ed è ora dietro a Grosjean, in ventesima posizione

Giro 13: Sebastian Vettel è ora costretto a rientrare ai box per sostituire l’ala anteriore. Il pilota tedesco è molto nervoso e il suo team radio non lascia dubbi. Gomme soft per il pilota tedesco, che rientra ora in coda al gruppo, in ventunesima posizione. La Safety car sta per rientrare ai box

Giro 11: L’incidente tra Rosberg e Karthikeyan sarà analizzato dai commissari dopo la gara. Ancora dietro la safety car, perché in pista ci sono ancora i detriti e i commissari stanno intervenendo solamente adesso per spostare i pezzi. Intanto, Vettel è andato a schivare Ricciardo davanti a lui ed ha colpito il pannello di segnalazione del DRS, danneggiando ancora di più l’ala anteriore!!!!

Giro 10 – Sempre dietro la safety car, Hamilton è al comando. Raikkonen è secondo, terzo Maldonado, quarto Alonso, quinto Webber, sesto Button, settimo Massa, ottavo Perez, nono Kobayashi e decimo Schumacher.

Giro 9: Rosberg e Karthikeyan si sono chiariti, sembra stata un’incomprensione tra i due. Grosjean intanto si è fermato ai box, così come Vergne. La safety car ha aiutato Vettel che ha ora compattato il gruppo: Sebastian è dodicesimo, ma riesce a vedere tutti i rivali lì davanti. In pista ci sono molti detriti e la ripartenza sembra ancora lontana

Giro 8: Bruttissimo incidente per Rosberg e Karthikeyan! ! Safety Car in pista! Entrambi i piloti sono scesi dalle vetture senza problemi. Il replay ha mostrato che Rosberg è letteralmente volato sopra la HRT dopo che Karthikeyan è andato ad alzare il piede in maniera anomala. Grande rischio per il tedesco

Giro 7: 1:48.148, altro giro record per Hamilton. Intanto, viene comunicato che l’incidente tra Hulkenberg e Senna sarà analizzato dopo la gara, con i piloti convocati così in direzione gara. Senna, intanto, sta rimontando ed è ora in quindicesima posizione, nonostante l’incidente iniziale

Giro 6: 1:48.425 per Hamilton che realizza un altro giro veloce. Il vantaggio su Raikkonen aumenta a 3 secondi. Alonso cerca di avvicinarsi a Maldonado, ma la sua Williams sembra averne di più della F2012. Sembra ripetersi la storia con Petrov del 2010…

Giro 5: Hamilton al comando con 2.5 secondi su Raikkonen e 4.2 su Maldonado. Alonso è quarto a 5 secondi e continua a tallonare la Williams del venezuelano. Vettel è attualmente in quattordicesima posizione e cerca di portare avanti la sua rimonta

Giro 4: 1:48.552 per Hamilton che segna nuovamente il giro più veloce. Il replay della partenza ha mostrato che il contatto alla prima curva è stato tra Hulkenberg e Senna.

Giro 3: Hamilton 1:48.809 e realizza il giro più veloce in pista. Intanto, Vettel ha l’ala anteriore leggermente danneggiata e il team ha lasciato a lui la scelta di rientrare o meno. Dopo tre giri è già in sedicesima posizione. Alonso, intanto, si è portato negli scarichi di Maldonado

Giro 2: problema con la temperature delle gomme per Hamikton, con Raikkonen che è andato ad insidiare il pilota della McLaren. Kimi è ora secondo, terzo Maldonado, quarto Alonso, quinto Webber, sesto Button. Vettel è diciottesimo adesso

Giro 1: Lewis Hamilton scatta bene e resta al comando. Raikkonen è salito fino alla seconda posizione, terzo Maldonado, quarto Fernando Alonso che è andato subito a superare anche Webber, partito malissimo. Bandiere gialle alla curva 1 dove si sono toccati Hulkenberg e Grosjean. Rientrato ai box anche Rosberg

Semaforo verde sul rettilineo di partenza! Via via via! Scatta il GP di Abu Dhabi!

14:00 – Partono le vetture per il giro di installazione. C’è una HRT ferma sulla griglia, è quella di Pedro De La Rosa.

13:55 – Cinque minuti al via. Inizia la classica procedura di partenza. 30 gradi la temperatura dell’atmosfera, 33 quella dell’asfalto.

13:46 – Pirelli per questo evento ha portato le mescole morbide e medie. Il degrado è molto contenuto e si prospetta una corsa con un solo pitstop. Paul Hembery – direttore Motorsport di Pirelli – ha ammesso che questo complicherà la vita di Vettel, dato che non ci saranno grandi possibilità per lui di cambiare strategia.

13:40 – Amici di BlogF1.it, buona domenica a tutti e ben trovati online per questo live blog del GP di Abu Dhabi 2012. Ci aspetta una gara cruciale per il prosieguo del campionato. In pole c’è Lewis Hamilton con la McLaren, ma la vera notizia è stata la squalifica di Vettel per mancanza di carburante da presentare alle verifiche tecniche. Il tedesco, attuale leader della classifica, è stato arretrato in ultima posizione e partirà dalla pitlane.

La scelta di partire dai box è semplice: la Red Bull ha deciso di sostituire il cambio e i suoi rapporti, oltre che fare altri interventi sulle sospensioni e sull’assetto in generale della RB8. L’obiettivo è quello di fare una rimonta dal fondo e non regalare troppi punti ad Alonso che, comunque, parte sesto.

401 Commenti

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!