Todt ottimista sul progetto di riduzione dei costi in F1

8 novembre 2012 13:17 Scritto da: Davide Reinato

Il Presidente della FIA ha ribadito che, subito dopo la firma del nuovo Patto della Concordia, ci si concentrerà sul piano per il controllo dei costi in Formula 1. Da mesi, infatti, si parla di un possibile coinvolgimento della Federazione che avrebbe un ruolo da ispettore nei confronti delle squadre, che sarebbero così costrette a rispettare il limite di budget ancora da concordare.

In una intervista al magazine Autosport, Jean Todt ha ribadito che questo sarà un passo fondamentale per il futuro della Formula 1. “Dobbiamo fare le cose passo dopo passo. Sono a favore della riduzione dei costi, migliorare lo spettacolo e implementare nuove tecnologie”.

Todt ha già parlato di una F1 più democratica, dove sarà importante avere la totale unanimità dei pareri per creare qualcosa di assolutamente positivo per tutti. All’inizio di questa stagione, per esempio, già dieci delle dodici squadre erano a favore del coinvolgimento della FIA nel Resource Restriction Agreement. Le voci fuori dal coro erano – e rimangono tutt’ora – Red Bull e Toro Rosso. “Prima avevo qualche dubbio che si potesse fare un buon lavoro, ma abbiamo lavorato davvero duramente con aziende esperte nel settore e ora so che è possibile fare bene. Ma dobbiamo includere i motori nel RRA. Ci sono ancora alcune discussioni in corso. Una volta stabilito questo, dobbiamo essere pronti a proporre qualcosa entro il 2014″.

Sul budget cap se ne sono dette di tutti i colori. L’ultima proposta, addirittura, sarebbe quella di avere un limite di 250 milioni di dollari a stagioni, roba che solamente i Top Team possono permettersi. A tal proposito, Todt ha ammeso: “Chi sta spendendo tale cifra? Probabilmente più di una squadra. Ma anche se si trattasse di tre o quattro team, cosa facciamo per le altre otto squadre? Dobbiamo affrontare il problema e, alla fine, prendere delle decisioni condivise da tutti”, ha concluso.

6 Commenti

  • però io non riesco a capire come si faccia a limitare un budget quando hai un costruttore alle spalle … cioè mettiamo un limite a tutto e per me va bene, ma chi mi assicura che, per via traverse, alcuni aspetti, per esempio, dello sviluppo di una vettura vengano affidati ai centri ricerca dei grandi Costruttori. Del tipo la Ferrari si accorge di aver raggiunto il monte ore d’uso del super-computer di Maranello, che fa? si ferma? Oppure manda una mail a Torino e fa continuare l’elaborazione su quello del centro Fiat? (stesso dicasi per Red Bull, Mercedes ecc… ) … come fai a controllare che ciò non avvenga? è utopico secondo me …

  • Alvaro Vitali invece di sparare cavolate in giro, dovrebbe stare piu’ attento a quello che gli stanno facendo sotto il naso!!
    Ma soprattutto a discapito di chi!! ingrato.

  • 3-4 squadre sopra i 250 milioni?? ma non ci credo..al massimo credo 2 squadre: redbull e ferrari…le altre che potrebbero arrivare a quel budget sono Mercedes, di cui mi rifiuto di credere abbiano speso così tanto per un’auto tanto scadente e Mclaren che credo abbia mollato lo sviluppo da un po di gare (non a caso negli ultimi 2-3 appuntamenti non ha portato tanti aggiornamenti)

    • se cosi’ fosse…onore alla mclaren, che senza aggiornare la macchina…….vola, almeno il sabato!!

      • volare il sabato e fare na prestazione di merda la domenica è inutile..i punti in gara si fanno..non c’è onore in ciò ke sta facendo la mclaren..si è lasciata sfuggire il secondo posto costruttori anche e paca poco ke perde anche il terzo..e se non lo sai sono soldi persi anche..

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!