Pagelle Gp Brasile: Fernando sogna, V3ttel lo sveglia

26 novembre 2012 23:18 Scritto da: Antonino Rendina

Jenson Button 9 Gran prima fila in qualifica, si dimostra ancora una volta maestro sull’asfalto viscido dei primi giri. La gentilezza di guida paga e lui svernicia il compagno Hamilton. Poi si fa beffare da Hulkenberg, uno che probabilmente è ancora più “sensibile” di lui col gas, e lentamente perde terreno anche nei confronti di Lewis. Ma il botto tra i primi fa il resto, consegnandogli su un piatto d’argento una splendida vittoria. La terza stagionale e la quindicesima in carriera. Soprattutto una delle “sue”. Giornata pazza equivale ancora una volta a Jenson Button, e non può essere un caso. PUNTUALE

Fernando Alonso 8,5 Arriva all’appuntamento decisivo spompato, stanco, stremato. Ma da campione qual è, anche se in leggero affanno (nei primi giri un “lungo” non da lui), ancora una volta massimizza in gara il potenziale della F2012. Certo Hulkenberg e Hamilton gli danno una grossa mano ma Nando è lì, pronto a raccogliere il tredicesimo podio stagionale e a mettere pressione a Vettel fino alle ultime curve. Nelle ultime gare non è stato l’Alonso perfetto di sempre, eppure bisogna solo ringraziarlo per essere riuscito a vincere quasi un mondiale con una macchina a dir poco inferiore alla concorrenza. EROICO

Felipe Massa 9 Non è la prima volta in queste ultime prove che Massa è più in palla di Alonso. Misteri della vita, ma qui in Brasile Felipe si esalta sempre. Quinto in qualifica, soffre nelle prime curve. E’ autore di buoni sorpassi ma la Ferrari sbaglia a lasciarlo fuori con gomme da asciutto. Lui viene ributatto indietro ma è autore di una gran rimonta. Deve rinunciare a inseguire Button per dare strada al compagno Alonso. Ma l’abbraccio alla fine è sincero: il povero Felipao ha rivissuto i fantasmi del 2008. Comunque… STREPITOSO

Sebastian Vettel 9,5 Premettiamo una cosa: un po’ di fortuna l’ha avuta. Essì perchè è difficile uscire indenni quando una monoposto ti sale sul fianco e sulla gomma. Detto ciò la sua è una gara pazzesca. Sorpassi a go-go (qualcuno un po’ troppo facile…) ma soprattutto una velocità e una freddezza spaventose nella giornata in cui aveva tutto da perdere e tutto contro. In Red Bull gli sbagliano anche gomme al pit e lui non si scompone, dimostrando di essere ormai un pilota completo sotto tutti i punti di vista. Vince il terzo mondiale dando spettacolo, con il fondo danneggiato e la radio rotta. INVINCIBILE

Mark Webber 6 Con un siluro sotto al sedere si fa infilare a destra e a manca, mentre il compagno di team è autore di una rimonta furiosa dall’ultimo posto. Alla fine chiude quarto ma in campionato si fa scavalcare da Button. MODESTO

Nico Hulkenberg 8 Poteva essere un dieci perchè come due anni fa ha dimostrato ancora una volta di essere un mago quando Interlagos si bagna. Peccato che passi dallo spettacolo puro a quello da saloon quando sbaglia il punto di frenata, va lungo, e carambola sull’incolpevole e sfigatissimo Hamilton. Si becca un drive thru’ e chiude quinto. Con un passo da podio. Ma il suo resta un grande Brasile. “HULK”

Michael Schumacher 8 Si esalta sul bagnato e riesce a chiudere stagione e carriera in modo dignitoso, assicurando matematicamente il quinto posto Costruttori alla Mercedes Gp. Settimo al traguardo ma quell’autostrada aperta a Vettel a molti ferraristi non è andata giù. CIAO KAISER

Jean Eric Vergne 7,5 Ottima la gara del francesino che ringrazia pubblicamente le condizioni atmosferiche mutevoli. Da diciassettesimo a ottavo. Non male.

Kamui Kobayashi 7 Si congeda bene dalla Sauber e per ora dalla F1 con una gara gagliarda, cattiva. Sull’asciutto è molto veloce, si toglie anche lo sfizio di sorpassare Alonso. Sul bagnato si perde un po’ anche a causa della strategia ritardata della squadra. Chiude nono, dopo essere scattato dalla settima fila. Si diverte e fa divertire. PIMPANTE

Kimi Raikkonen 10 Perchè uno così ci mancava, davvero. Unico nel suo genere. Durante le terze libere si siede a bordo pista su una sedia e si gode lo spettacolo. In gara sbaglia via di fuga e si fa una scampagnata gratuita. Trova sbarrata la strada e, con serafica calma, se ne torna indietro, con stile e senza fretta. Non lo fa apposta ma è il vero personaggio di questa F1. Il voto alla gara è un 6 che è la media tra il fine settimana confusionario e qualche bella azione, come il sorpasso su Schumi (sei anni dopo). Ma tutto questo passa in secondo piano. ONE MAN SHOW

Lewis Hamilton 10 Il vero dieci di giornata, per quanto fatto vedere in pista, se lo merita Luigino. Mai così sfortunato come quest’anno. Anche in Brasile, senza l’azione kamikaze di Hulkenberg, avrebbe probabilmente, e meritatamente, vinto. Dopo una pole strepitosa e una gara tosta, compreso un duello duro con Button che lo aveva visto vincitore per classe e guida. PAPERINO

Vitaly Petrov 9 Il ragazzone russo è autore di un miracolo per la sua squadra. Approfitta dei molti ritiri e del caos per arpionare il miglior risultato di sempre per una squadra di serie C, ovvero l’undicesimo posto. Piazzamento fondamentale per la Caterham che così supera in classifica la Marussia, chiudendo al decimo posto in classifica iridata. PROVVIDENZIALE

Charles Pic 7,5 Dodicesimo al traguardo, la sua è una buona gara; peccato che il suo miglior risultato in carriera serva ben poco alla sua ormai ex squadra. Già perchè Cerottino ha già firmato per la Caterham. Anche se qualcuno ha detto che “ha firmato per la Karthikeyan”…(voto 3)

Daniel Ricciardo 5 Prego Sebastian passa… TORELLO

Nico Rosberg 7 A denti stretti con una macchinaccia, lotta da pilota vero e sembra anche competitivo. Poi fora e la sua gara finisce praticamente lì. Stagione calvario, nonostante la vittoria in Cina.

Bruno Senna 4,5 Centra Vettel rischiando di diventare l’ago della bilancia del mondiale. Non aveva fatto i conti con una lattina d’acciaio.

Romain Grosjean 4 Prima prova a uccidersi (con la complicità di De La Rosa 4,5) durante le prove libere. In gara va dritto da solo contro le barriere alla Junçao. Talmente folle che sembra essere uscito da un videogame. PAZZISSIMO

Paul di Resta 5,5 Les jeux sont faits.Il mondiale 2012 lo chiude lui, sbattendo senza troppi complimenti all’Archibancada a tre giri dalla fine. Non brillante come Hulkenberg ma era comunque in zona punti.

Heikki Kovalainen 6- Si esalta nelle prime fasi di gara, riuscendo a risalire fino alla settima posizione. Poi scompare in modo mesto. E forse era la sua “ultima”.

Altri: Pastor Maldonado (5); Timo Glock (5,5); Sergio Perez (5)

Gp Brasile 9 Una gara epica, come spesso capita sullo splendido circuito brasiliano. C’è tutto a San Paolo: sole, acqua, sorpassi, botti, emozione. E quel finale thriller che tutti volevano. In alcune fasi di gara Alonso è stato campione del mondo con quel mezzo catorcio di macchina. Questo accresce i meriti dello spagnolo ma dà anche la dimensione dello spettacolo offerto dalla gara carioca. MERAVIGLIOSO

Nelson Piquet 10 Ettore Giovannelli (7,5) gli si avvicina ma il grande Nelson chiede subito di Ezio Zermiani (10). In ricordo di scenette pre gara semplicemente indimenticabili. ALTRI TEMPI

344 Commenti

  • queste sono le dichiarazione del vice presidente FIA sulla questione sorpasso di Vettel sotto regime di bandiere gialle: “qualsiasi provvedimento a campionato finito è un’assurdità”. “La Ferrari non dovrebbe vincere un mondiale in questo modo, sarebbe come riarbitrare una partita di calcio”.

    L’INFRAZIONE E’ STATA COMMESSA, ORMAI DOVREBBE ESSERE CHIARO A TUTTI, E’ ALTRETTANTO CHIARO CHE LA FIA DOVEVA INTERVENIRE IN GARA E NON L’HA VOLUTAMENTE FATTO….

    CONCORDO CON CHI SCRIVEVA CHE QUESTO MONDIALE ERA GIA’ DECISO, PECCATO CHE IL FINALE COL BOTTO HA PREVISTO SEMPRE IL SOLITO VINCITORE.

  • bandiere giallo arancio, pista viscida

  • Visto che il prossimo anno si dovrebbe pagare a Sky diversi soldini per seguire in diretta le gare, sarebbe bello innondare la suddetta tv di mail, chiedendogli di riversare sulla federazione le perplessità, di noi potenziali utenti, ad abbonarsi alla visione ad un campionato non troppo chiaro e con interpretazioni regolamentari non sempre univoche come quello appena trascorso.
    Anzi io ne spedisco subito una.

  • C’è un utente nel blog, non ricordo il nome, che spesso riassume quali saranno i suoi ricordi, nei vari gp…….bene voglio farlo anch’io, sintetizzando un po’, ma parlando dell’intero anno 2012…..

    Non me ne vogliano i tifosi mclaren, ma siccome alla fine, alla lotta al titolo, hanno partecipato solo Ferrari e redbull, non prenderò’ in considerazione l’eterna rivale Ferrari, anche se devo ammettere che, se la macchina fosse stata affidabile, non dico quanto la Ferrari, ma almeno quanto la redbull, oggi parleremo di tutt’altro.
    Inizia il mondiale e la ferrari, dopo le solite dichiarazioni ottimistiche rilasciate alla stampa durante l’inverno, si ritrova ad 1,5 secondi dai migliori.
    Iniziano le solite polemiche, ma la Ferrari, un po’ per disgrazie altrui, un po’ grazie all’affidabilità’, un bel po’ grazie ad un Alonso in stato di grazia, riesce a non perdere terreno……
    Arriva il primo step evolutivo, la Ferrari recupera terreno e grazie anche a circuiti dalle caratteristiche favorevoli, si piazza inaspettatamente al primo posto nel mondiale piloti……
    La redbull non ci sta’, ed inizia a fare di tutto per battere la rossa (horner questa è per te) …….cosi’ magicamente, il calore dell’estate, sembra rinvigorire le energie dei lattinari……..purtroppo pero’ non ci vuole molto a capire quali sono i segreti e non ci vuole molto a capire che buona parte di essi, erano già’ presenti sulla macchina, solo il tutto, non funzionava a dovere…..

    – possibilita’ di correggere l’assetto in regime di parco chiuso, tutte le squadre sono costrette a correre con un assetto che è un compromesso tra quello ideale per le qualifiche e quello per la gara….ma la redbull può’ averne uno dedicato in entrambi i casi

    – correttore d’assetto per bilanciare i pesi in movimento, come meglio conviene, sfruttando una deroga della fia (sempre lei) che pare premiare chi non sa progettare un motore affidabile……infatti la Ferrari dopo aver chiesto di poter studiare un congegno simile, ha ricevuto un NO secco, perché il suo motore, essendo ben studiato e non avendo bisogno di raffreddamento supplementare, sfrutterebbe il sistema per avvantaggiarsene.

    – mappature con taglio dei cilindri sviluppate per creare una sorta di antispin, chiaro come la luce del sole, il rumore che si sentiva nelle staccate e nelle ripartente, era il classico rumore che distingue un motore da un altro in base al frazionamento dei cilindri

    – muso in gomma…..si perché in redbull, se gli viene chiesto di non far flettere le ali, loro fanno flettere tutto il muso, come se il risultato, non fosse lo stesso….

    – riammissione al gp dopo essere stati beccati senza il minimo quantitativo di carburate previsto dal regolamento (850 cl contro il litro ammesso)

    – evidente gioco di squadra tra scuderie diverse, quando il regolamento prevede, da quest’anno, che il gioco di squadra si possa fare solo all’interno del team stesso…..ma horner faccia da culo è bravo a far notare le cose quando le fanno gli altri, lo ha ripetuto anche in brasile, dicendo che alonso poteva contare sul sostegno del compagno al 100%, mentre vettel no, infatti vettel di compagni ne ha avuti almeno tre e non solo in brasile.

    – ciliegina sulla torta per un mondiale che dopo tutti questi squallidi episodi, non meritava di finire diversamente e senza polemiche…..LE BANDIERE GIALLE……si, sono presenti sul tracciato, sul volante, ma vettel non le ha viste, ma soprattutto la fia non ha visto lui mentre non le vedeva….tutti lo hanno visto, i piloti vittime dei suoi sorpassi pure, ma chi doveva vederle davvero (lui prima di superare e la fia dopo averlo fatto) non le ha viste!!!…………..

    Alla fine della fiera (dei porci e delle porcate aggiungerei) dopo tutti questi episodi, con una Ferrari , (secondo alcuni più’ lenta di almeno 9 decimi in media) in evidente difficoltà’ tecnica, con due ritiri, sempre della Ferrari, causati da incidenti esterni (dove Alonso ha perso almeno 30 punti e non ve ne venite con i ritiri di Vettel, perché quelli sono venuti per mancata affidabilità’ del mezzo e questo è un problema progettuale) con una super macchina ed un (sempre secondo alcuni) super pilota, la redbull è riuscita a battere la Ferrari per 3 miseri punti……..COMPLIMENTI, UNA VERA IMPRESA LEGGENDARIA, DA SCRIVERE SU TUTTI I LIBRI DELLA F1…..

    • Mega super quotone…. !!!

    • Da mettere su wikipedia per ricordare il campionato mondiale 2012

    • Peccato che sei maschio, altrimenti un bacio in bocca non te lo avrebbe tolto nessuno.

    • Dimenticavo, solo una piccolissima correzione sul quantitativo di benzina di Hamilton, perchè lui si che è stato sanzionato per benzina insufficiente, ma Vettel per lo stesso motivo è stato invece graziato, in quanto con 850 ml di benzina non sarebbe nemmeno riuscito a percorrere gli oltre 5 km di pista per rientrare ai box ed in quel caso altro che causa di forza maggiore…….

    • perfetto, meglio di così non potevi scrivere, complimenti !

    • Bella sintesi, concordo su tutto.
      Solo una cosa, riguardo a Vettel: nessuno, tantomeno i suoi detrattori, puo’ negare le qualità velocistiche del tedesco.
      E’ forte sull’acqua, sull’asciutto e costante nei tempi.
      Il confronto a pari macchina con Alonso non c’è e dunque risulta difficile stabilire chi dei due sia veramente il migliore.

      • senza dubbio, non mi è simpatico, ma non nego che sia veloce e molto forte……io pero’ non lo considero un super pilota, (l’ho specificato) non ho ancora avuto prova che sia al livello di hamilton ed alonso ma soprattutto non lo considero ” il nuovo schumacher” !!!

    • Super mega quotone Onlyred.
      Degno di un’enciclopedia, seria non Wikipedia :)

      • grazie ragazzi…..al bacio in bocca di max, preferisco una stretta di mano virtuale, magari sulla guancia se proprio dev’essere un bacio…..hahahahaha…..mi dispiace solo che le mie parole, alle orecchie di chi non vuole sentirle, sono le solite scuse…. ma mi conforta la certezza che a quelle stesse persone, non basterebbe una dichiarazione di colpevolezza firmata da ecclestone in persona, ottenuta sotto la devastante azione di torture cinesi, per convincerli…..

  • I tempi riportati con la penalità a Vettel, ed il mondiale che gli scapperebbe di mano per un punto :

    7- Vergne +28.6 secs
    8- Vettel +29.4 secs

    • Tratto da un ottimo articolo di f1race.it che vi consiglio di andare a leggere perchè chiarisce tutto.
      Le bandiere verdi che alcuni dicono fossero sbandierate dai commssari durante il non consentito sorpasso della TOro Rosso in realtà erano in un’altro giro. Da ciò si deduce che Vettel era assolutamente e sicuramente da sanzionare.

  • è gia partito il countdown dei test vedo…68 giorni e 15 ore….non vedo l ora che arrivi quel giorno.

  • e vero massa a cercato di aiutare alonso nella maniera piu leale possibile e questo si chiama gioco di squadra invece chiavi che cambiano assetti al parco chiuso,correttori di assetti con benestare della fia musi di gomma e molto altro questo io lo chiamo doping

  • AHHH PAGLIACCI IN RB HO RICOSTRUITO ANCHE QUESTA LEGGETE BENE!!
    Arrivo sul traguardo dietro a safetycar…tutti vicini TRANNE VERGNE NONO A QUASI 20 SECONDI,QUELLI DI UNA EVENTUALE PENALITA’ A VETTEL e arrivare comunque OTTAVI!!!! Solo che VERGNE ha sbagliato di qualche decimo ed e’ arrivato a 19 e qualcosa da VETTEL!!! MEDITATE!!!! questi hanno 4 macchine in pista e ci pigliano per il cul@!Scusate ma sono ancora incaz nero. Poi mi passera’

  • Ragazzi ora ciò che noi commentiamo da ieri sta facendo il giro del mondo. Non lo faccio per tifo ma per dovere di cronaca. Addirittura su alcune testate giornalisitiche si parla apertamente di mondiale in bilico per Seb.

  • l’avete sentita la dichiarazione di horner……”hanno fatto di tutto per cercare di batterci”……..no faccia di culo……avremmo potuto, (alla Briatore, ma soprattutto in stile redbull) fare una telefonatina agli “amici” della mclaren, negli ultimi giri del gp, che non avendo più’ niente da perdere (visto che nemmeno la vittoria di button avrebbe consentito di agguantare il secondo posto nel campionato costruttori, tantomeno di perdere il terzo) avrebbero potuto “farci il favore” di mettervelo in quel posto ( e qualcosa mi dice che lo avrebbero fatto pure volentieri) ……ma non lo abbiamo fatto…….di tutto, caso mai lo avete fatto voi con l’evidentissima approvazione da parte della fia!!

    • e nonostante tutto, ci siete riusciti per 3 miseri punti…….davvero un’impresa leggendaria!!!

    • Ascolta il radio box della gara, quando hanno inventato la storia su Massa. Be carefull ! Massa ha gia’ aiutato Alonso con Webber, mentre l’australiano era andato da solo fuori pista in uno scontro on un altro pilota e Alonso aveva superato Massa in un pericolosissimo doppio sorpasso ai danni di Webber e lo stesso MAssa.
      E’ vero che Massa ha fatto passare successivamente Alonso, come ha fatto Webber ma è ora mai luogo comune che la Ferrari fa i giochi di squadra mentre la Redbull tira le staccate a Vettel. Quando ho sentito quella comunicazione radio ho capito che cercano solo la polemica anche quando non esiste, dimenticando le toro rosso che si buttano fuori pista con le bandiere gialle.

  • su altri lidi,hanno scritto che questo fatto e’ una buffonata in quanto contano solo le bandiere non le dash light..io non conosco il regolamento.volevo un vostro parere

  • sono passate quasi altre 24 ore e la Fia non ha pronunciato niente. Cosi facendo stanno mettendo il loro timbro e la loro firma per gli aiuti dati alla Red Bull anche (come se non bastasse) nell’ultima gara.

  • Le regole sono regole…ma non per tutti sembra!
    Spero in un comunicato ufficiale della Ferrari, se non per un ricorso, almeno per fare la voce grossa e con stile recuperare un po di peso politico.

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!