Grosjean-Lotus, il matrimonio è destinato a durare

Nonostante manchi ancora un annuncio ufficiale, siamo in grado di anticiparvi che il rapporto tra Grosjean e la Lotus continuerà. Il francese è stato avvistato a Enstone per le prove di sedile.

Romain Grosjean e Lotus Renault sono destinati a proseguire insieme il cammino in F1 anche nel 2013, nonostante la riconferma del francese debba ancora essere ufficializzata.

Possiamo confermare, infatti, che Romain, proprio in questa settimana, è stato in fabbrica ad Enstone per prendere le misure al nuovo abitacolo della monoposto 2013 e dare le proprie indicazioni al pool di ingegneri che ne segue lo sviluppo.

Dalle informazioni ricevute possiamo dunque porre fine al tormentone delle ultime settimane, che voleva Grosjean appiedato dopo una sola stagione a causa della sua eccessiva irruenza in pista. Ad Enstone, invece, avranno certamente tenuto conto degli ottimi risultati conquistati alla prima stagione completa (o quasi) del francese, in grado di poter primeggiare sia in qualifica – dove spesso ha messo in ombra Raikkonen – che in gara, seppur saltuariamente.

Si spengono così le già flebili speranze di piloti come Kobayashi o Bruno Senna, che puntavano forte sul secondo sedile Lotus per rimanere nel Circus, per di più in un top team. Certamente la competitività della squadra, mostrata in questo 2012, avrà fatto gola a molti driver senza sedil. Boullier e soci, dopo aver fatto rientrare in F1 Grosjean dopo il successo in GP2, credono ancora nel francese e pare vogliano puntare su di lui anche per la prossima stagione.

Il panorama piloti 2013, per quanto riguarda i top team, è così virtualmente completato. Rimangono solo da assegnare tre sedili per aver le line-up complete per il prossimo mondiale, stiamo parlando infatti dei posti vacanti in Force India (che annuncerà i piloti 2013 a metà dicembre), Caterham e Marussia.

29 Commenti

  1. solo a spa credo che abbia fatto un paio di milioni di euro di danni, niente male per un brocco di pilota peraltro è già la seconda volta che torna in formula 1, era già stato mandato a cagare dalla renault e chissà come mai è ritornato di nuovo…

    senza la tamponata di spa da parte di grosjean
    alonsino sarebbe campione…
    dev’essere a libro paga della red bull

    1. mi raccomando ferraristi, piangete sempre e puntate il dito sugli altri per i vostri fallimenti. SEMPRE.

      SPA è stata una gara, e le altre?

      La Ferrari faceva schifo già alla nascita, e sono riusciti a rimetterla un po in piedi perchè hanno il doppio del budget delle altre squadre.

      Per quanto riguarda Grosjean, ha fatto un po di cappelle è vero, ma nessuno pare ricordare che ha concluso il mondiale con 96 punti e spesso in qualifica è andato meglio di Raikkonen, non uno qualsiasi.

      Forza Grosjean.

      1. quante scemitaggini che hai scritto…è vero che senza Spa e Suzuka Alonso era campione, punto. è veroche ha fatto 96 punti, ma Kimi è finito terzo nel mondiale, forse un po piu di testa lo avrebbe aiutato. Come pilota Grosjean è un talento, ma se non si da una calmata si brucierà

  2. Romain è veloce è vero. E sul giro singolo come in gara è costante senza ombra di dubbio. Certo che a mentalità la sua esuberanza lo ha portato a distruggere macchine su macchine. Sue e non.

    Val secchi avrebbe meritato un opportunità. Ma se non interessa ad una squadra italiana non vedo come possa interessare ad una francese che può prendere un pilota con molte potenzialità e la valigia total nella piena.

    PS: dicono che l.hanno prossimo groesjan correrà con una fascia bianca in testa ed un sole giallo rosso disegnato sul casco al grido di banzai ad ogni inizio gara.

    Suo mentore spirituale: yuko katayama……:)

  3. grosjean sarebbe solo uno sponsorizzato ? vedi che in qualifca ha battutto e anche nettamente il signor raikkonen in qualifica frutto di una velocita di base impressionante….deve solo migliorare il lato dell esuberanza e po sara un gran pilota

    1. Se si vuole essere gentlemen fan, c’è da dire che Romain ha corso in F1 solo nel 2009 sostituendo Piquet e poi è tornato 2010 tornando alla DAMS. Ha avuto circa un anno di stop come collaudatore Renault. Solo nel 2011 è riuscito a rifare la stagione completa in GP2 che l’ha visto campione del mondo.
      Quello che contesto è che Romain si sta facendo le ossa adesso, perché la Renault del 2009 era davvero qualcosa di osceno.
      Dunque, è un pilota in crescita? Sì.
      È giusto che arrivino piloti già esperti in F1? Assolutamente sì. Ecco perché sono contrario al genotipo ‘Grosjean’. Non mi piace l’idea che si “debbano fare” qui non avendo dimostrato talenti così cristallini come può esserlo stato quello di Alonso con una Minardi.

      1. F1-Esc in parte condivido 🙂 Io penso che Romain sia un buon pilota ma che a tutti gli effetti la stagione 2012 se la sia “giocata male”. La E20 è stata veramente un’ottima macchina, affidabile e veloce. La R29 era si una macchinaccia ma Alonso la portò più volte a punti e a podio se non sbaglio. Nello stesso anno corse solo per 2 gare un certo Kamui che con una macchina seppur migliore della R29 ma non settata per lui corse 2 Gp straordinari. Un fan difficilmente può essere gentleman se non nel Rugby, e non ho problemi ha dire che avrei sacrificato volentieri il francese pur di vedere su quel sedile il mio Koba oppure un buon Valsecchi. Che il ragazzo sia in crescita non c’è dubbio ma perchè preferire lui ad un Valsecchi idem in crescita? La valigia conta molto purtroppo.

      1. Sì, sei obiettiva; però era il migliore anche per la valigia con scritto “Total”.

Lascia un commento