Motor Show 2012: sempre più Red Bull

10 dicembre 2012 00:09 Scritto da: Mario Puca

Presenza massiccia del brand dell’energy drink più famoso al mondo all’ultima edizione del Motor Show di Bologna. Red Bull regina indiscussa dei motori.

Quest’anno è davvero difficile dire Motor Show senza associare automaticamente la manifestazione bolognese al simbolo della bibita energetica campione del mondo di Formula 1 (e non solo…). La Red Bull, infatti, si attesta quale assoluta ed indiscussa protagonista dell’annuale rassegna motoristica bolognese, confermandosi prima della classe sia in pista che fuori.

Uno stand con la RB6 in bella vista e ben 10 postazioni per giocare a F1 2012, sfidandosi sul giro singolo con tanto di “monitor dei tempi” per vantarsi con gli amici; un altro (condiviso con Sky e Pirelli) dove poter ammirare e toccare tranquillamente la Toro Rosso STR7 di Ricciardo e Vergne; altri due dove dissetarsi con i tre tipi di bibite prodotte dall’azienda austriaca, ascoltando musica di tendenza e concedendosi qualche foto con le bellissime “red bulline”. Il tutto godendosi il fantastico spettacolo del Red Bull Speed Days, con piloti del calibro di David Coulthard, Daniel Ricciardo, Sebastien Loeb, Chris Pfeiffer, Miguel Molina, Alexander Senchenko, Carlos Sainz Jr ed altri, impegnati in due esibizioni giornaliere a bordo di F1, rally, nascar, moto, drift e prototipi, oltre che sui kart del Red Bull Kart Fight.

Ciliegina sulla torta, però, era il paddock Red Bull, allestito all’interno di un intero capannone, dove era possibile per gli appassionati avvicinare tutte le vetture utilizzate in pista, sentirne il ruggito al momento dell’avviamento, scrutarne i particolari ed apprezzare il lavoro dei meccanici nella preparazione di una vettura che deve scendere in pista per correre. Un’occasione davvero ghiotta, quindi, per “respirare” quel sensazionale odore di Formula 1 e molto altro, che il “team dei Tori” ha regalato per ben due giorni ai numerosissimi visitatori del Motor Show.

Insomma, è una Red Bull divora tutto e tutti, che mira allo strapotere nel mondo dei motori, puntando a scalzare marchi ben più noti. Con la Ferrari “emigrata” verso nuove terre (il Ferrari Day fa ormai tappa fissa a Valencia e il parco divertimenti di Maranello è nei “deserti” di Abu Dhabi, limitando la partecipazione della Rossa al Motor Show al solo spettacolo con Fisichella, la F60 e il pit stop) e le altre scuderie di F1 quasi completamente inattive al di fuori delle piste. La Red Bull, infatti, è l’unica a portare la passione tra la gente, a far rombare i motori in mezzo al pubblico che la domenica guarda i Gp e si nutre quotidianamente di F1. Ed è ovvio, poi, che la naturale conseguenza di questo enorme impegno mediatico faccia, oltre che lievitare le vendite della bibita, anche aumentare i simpatizzanti ed i tifosi del team Red Bull, che ogni anno riscuote sempre più consensi, specialmente tra i più giovani.

Ed è anche giusto così, in fondo. Nel freddo mondo dei numeri, degli sponsor, dei regolamenti ogni anno più difficili da interpretare e nell’asetticità di un Circus sempre più lontano dal pubblico che lo ama, la Red Bull è l’unico “alieno”, l’anticonformista che rompe gli schemi e riavvicina la Formula 1 alla gente. Vincendo e convincendo.

10 Commenti

  • I più giovani tifano re bull perche vince…mi chiedo come si fa a tifare redbull….non hanno nulla di sportivo , neanche lontanamente

  • La red bull non ha portato la f1 a contatto con la gente, ha portato solo il marchio, non a caso c’è la RB6 e non la RB8 campione del mondo attuale,(idem la ferrari che ha portato la F60 e non la F2012, dunque han portato entrambe le vetture degli anni passati) ma ha portato la sorella minore STR7, non proprio la vettura che ha vinto g.li ultimi 3 mondiali. La red bull (bibita) se la possono permettere tutti dunque è facile fare questi eventi, una ferrari invece se la possono permettere in pochi, ecco perchè la ferrari ha fatto il suo parco divertimenti ad abu dhabi, ha un maggior toraconto economico. Non sto criticando la ferrari, anzi non la biasimo, investe sui paesi in via di sviluppo.

  • ferrarista per sempre

    ormai stè lattine sono padrone di tutto,anche degli show delle auto in italia!!

  • Myriam F2013

    Questa formula 1 mondana mi sembra un mondo lontanissimo dagli appassionati delle corse e dei motori che rombano. O anche semplicemente dai tifosi che magari fanno sacrifici per assistere a un gran premio.
    Detto ciò, Raikkonen è proprio carino con lo smoking !

    • Questa è la f1 che ha voluto Mr.E … più eventi mondani = più guadagni nelle sue tasche. Basti pensare che 10 anni fa l’unico evento mondano era montecarlo…ora ci sono anche singapore, abu dhabi, senza contare i paesi strapieni di petrodollari, vedi malesia, bahrain, texas e quelli con un economia in fortissimo sviluppo…cina, corea, india. ecclestone si è voluto buttare in questi paesi solo per guadagnare a sproposito senza neanche pensare minimamente a preservare i paesi storici nel calendario…basti vedere che fine ha fatto il gp di francia, san marino, austria, olanda…

  • Aahaha troppo forte il tifoso che nel video fa il cretino davanti la telecamera ahahah

  • La ferrari e’ un mito e nn ha bisogno di simpatizzanti…fa benissimo la red bull a spendere denaro e ad avvicinare la f1 alle persone normali, ma la ferrari lo ha fatto in passato e sicuramente tornera’ a farlo in futuro…nn c’e’ bisogno tutte le volte di scagliarsi contro la rossa NOI tifosi ferrari nn ci scagliamo gratuitamente contro hamilton o la mclaren o chi vince in modo regolare…

    • Mi sembra molto ingenuo pensare che la red bull faccia queste esibizioni per avvicinare la gente alla F1. Semplicemente e giustamente vuole vendere il suo prodotto e per farlo attira la massa così. La gente è attratta dalle F1 o dalle auto da rally e per curiosità compra anche la lattina. Senza dubbio è bellissimo vedere e toccare le auto o guardare le esibizioni ma non si tratta di nulla se non pubblicità.

  • lewis_the_best

    la red bull con queste manifestazioni in cui si avvicina moltissimo alla gente normale dimostra di capire come si conquista il cuore dei tifosi!!
    Nella terra che dovrebbe essere della ferrari allestisce un super stand con le sue f1 a disposizione di tutti e coinvolge piloti di alto calibro che sono tutti specialisti nelle gare a cui partecipano!

    la ferrari invece se ne frega altamente dei tifosi italiani e meno male che bisognerebbe tifare la ferrari per la sua italianità…

    finali ferrari a valencia così il principino alonso è contento, il parco divertimenti ferrari sta in c*** ai lupi in mezzo al deserto e soprattutto a prezzi davvero convenienti (50 euro a persona)! così come per lo sviluppo della vettura di f1, la ferrari si dimostra molto astuta e competente anche nelle politiche di marketing!
    contenti voi…

  • “Vincendo e convincendo”? Sappiamo tutti come vince la red bull…
    Quanto ai tifosi, beh basta pensare alle migliaia di ex tifosi interisti che improvvisamente hanno riscoperto il loro cuore juventino per capire la reale qualità della maggioranza dei supporter in Italia.
    Tifare chi vince è facile e piacevole, richiedete a quei tifosi per chi tengono quando le lattine smetteranno di vincere.
    È normale che red bull metta su questi teatrini, le bibite le vende alla gente e quanta più gente attira tante più lattine vende. Marketing spicciolo, mica altro.
    La Mclaren penso si rivolga agli inglesi e la Mercedes ai tedeschi.
    La Ferrari come avrebbe potuto costruire qui il suo parco? L’avrebbero spennata, laggiù non ha speso un’euro. Forse la nota dolente sono le finali del Ferrari Challenge spostate a Valencia ma il Ferrari Passion Day compensa.

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!