Razia: “Deluso dalla Marussia, ma ci credo ancora”

Luiz Razia è rimasto sorpreso dall’annuncio dell’ingaggio di Chilton da parte della Marussia. Il brasiliano però non cede e spera ancora nei sedili liberi di Force India e Caterham.

luiz-raziaLuiz Razia, vice campione GP2 2013 alle spalle del nostro Davide Valsecchi, non è ancora riuscito a trovare un sedile in F1 per il 2013, nonostante i risultati del 2012 parlino a suo favore.

Certo, vedere Valsecchi ancora a piedi nonostante la grande stagione non può certo rasserenare l’animo del brasiliano, giunto a poche settimane dall’inizio della stagione con i test di Jerez de la Frontera con pochissime soluzioni possibili per essere al via all’Albert Park nel 2013.

In Lotus immaginavo che le chaces fossero poche, ma son rimasto sorpreso dalla scelta fatta dalla Marussia in ambito piloti“, ha detto Razia al quotidiano brasiliano Globo Esporte. Luiz è realmente rimasto male all’annuncio di Chilton in Marussia, ma era davvero complicato anche per il brasiliano competere con l’inglese, il quale vanta una sponsorizzazione interna al team di tutto rispetto, ovvero il padre che ha rilevato il 49% delle azioni Marussia.

Fino a lunedì – rivela Razia – il mio entourage stava parlando con Marussia per il 2013, ma poi poche ore dopo hanno deciso di annunciare Max Chilton…

Abbandonata la pista russa, Razia guarda agli ultimi due sedili rimasti liberi, uno alla Force India ed uno alla Caterham. Se il sedile indiano pare più una chimera che una reale possibilità per esordire in F1 (Sutil in vantaggio su Bianchi e Alguersuari), più facile risulta l’avvicinamento al sedile della Caterham, anche se servirebbe presumibilmente un buon incentivo economico per sopravanzare la concorrenza di Kovalainen, Petrov e Van der Garde.

Ora sono rimasti disponibili solo due sedili, in Force India ed in Caterham. Abbiamo certamente ancora possibilità concrete per il 2013” ha concluso il brasiliano, per il quale però non sarà facile essere al via del Mondiale 2013, salvo clamorosi colpi di scena.

5 Commenti

  1. Chilton non meriti la F1. Sei arrivato in F1, perché tuo papà ti ha comprato meta Marussia. Gente che se la merita realmente, adesso sta ancora cercando un sedile. E’ lui dice di aver convinto il team, ma smettila ; tu sei arrivato in F1 grazie al tuo amato papà.
    Sei peggio di un pilota pagante, dovresti vergognarti.

  2. È semplicemente ridicolo che il campione e il vice-campione della “categoria propedeutica” alla F1 non abbiano un sedile e chi gli è arrivato abbondantemente dietro, vedi Gutierrez e soprattutto Chilton, ce l’abbiano.

    1. Hai ragionissima Michelle!!! Peró purtroppo vince il grano.. Oramai i team “mettono le auto a noleggio” a qualche facoltoso papà che vuole fare il regalino di Natale al proprio pargolo appena maggiorenne! 🙁

Lascia un commento