Toro Rosso, addio al doppio fondo nel 2013

31 dicembre 2012 08:59 Scritto da: Davide Reinato

A Faenza si è cambiato approccio progettuale per la nuova STR8, nel tentativo di alzare l’asticella delle prestazioni.

ToroRossoUn progetto coraggioso. Così avevamo definito la Toro Rosso STR7 il giorno della sua presentazione. La monoposto della scuderia faentina ha rappresentato una netta evoluzione della monoposto 2011, con soluzioni aerodinamiche estremizzate dall’allora direttore tecnico, Giorgio Ascanelli.

La STR7 presentava diverse soluzioni interessanti. Le pance saltavano immediatamente all’attenzione degli occhi più attenti, perché dotate di bocche d’ingresso notevolmente ridotte rispetto al passato. Un disegno che aveva richiesto una diversa posizione delle masse radianti. Ma, soprattutto, sulla STR7 si è continuato ad usare il concetto di doppio fondo, già utilizzato nel 2011, ma notevolmente estremizzato. Qualcosa, però, non ha funzionato. I problemi portati da questa soluzione sono stati pari, o forse maggiori, rispetto ai vantaggi che ci si aspettava di avere in pista.

La nuova Toro Rosso, dunque, cambia rotta e non avrà il doppio fondo. Cambieranno anche le pance laterali e la disposizione dei radiatori, il tutto mirato alla realizzazioni di forme spioventi verso il basso, in modo da favorire l’effetto Coanda degli scarichi soffianti nel diffusore posteriore. Si dirà addio anche all’idea di adottare la sospensione anteriore con schema Pull-Rod. A differenza della McLaren, che sembra andrà a copiare la filosofia Ferrari per lo schema sospensivo anteriore, la Toro Rosso ha scelto di utilizzare una classica soluzione Push-rod.

A Mateschitz non è andato giù quel nono posto in classifica costruttori, davanti solo alle piccole del gruppo. Il magnate austriaco vuole una rivoluzione, che è in parte iniziata la scorsa estate: via Giorgio Ascanelli e nel ruolo di direttore tecnico si inserisce la geniale matita di James Key. La STR8, curata da Luca Furbatto – ex McLaren – dovrà rappresentare una rottura con il passato e, nel 2013, dovrà dare performance in grado di poter mettere in luce il talento di Ricciardo e Vergne, pronti a sfruttare l’esperienza accumulata nel loro primo anno di Formula 1.

3 Commenti

  • Dopo l’ esperimento Toro Rosso la soluzione del doppio fondo piatto può ufficialmente dirsi fallimentare. Ci provò già la Ferrari con la F92A, il più gran cassone negli ultimi 25 anni di storia Ferrari, ed ora, anche la scuderia di Faenza l’ abbandona dopo due anni di sviluppi. Sono proprio curioso di vedere gli up-grade che Key apporterà ai “suoi” scarichi Coanada…

  • bravo Davide Reinato, adesso che hai corretto l’articolo, ci siamo 😉

  • …casomai

    nell’ articolo si legge:

    “Si dirà addio anche alla sospensione anteriore con schema Pull-Rod. A differenza della McLaren, ….la Toro Rosso ha scelto di tornare ad una classica soluzione Push-rod.”

    Ma se uno non parte, non torna nemmeno indietro!
    …la STR ha sempre usato sospensioni anteriori Push-Rod, quindi continuerà semplicemente ad usare quella tipologia di geometrie.

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!