Ecclestone, l’era del one-man show è finita?

1 gennaio 2013 16:18 Scritto da: Davide Reinato

Bernie Ecclestone ha ammesso di essere pronto a farsi da parte nel caso continuassero le accuse di corruzione nei suoi confronti.

ecclestone

Sempre più vicino al pensionamento. Per Bernard Charles Ecclestone, il sipario sulla propria carriera da businessman in Formula 1 potrebbe arrivare anche prima del previsto. Il patron del Circus, attualmente indagato in Germania per un caso di corruzione, ha ammesso che potrebbe fare un passo indietro qualora i procuratori tedeschi continuassero con azioni legali nei suoi confronti.

I fatti si riferiscono al 2006 quando il fondo d’investimento CVC, facente capo a Ecclestone, decise di rilevare i diritti della F1, dato che questi erano passati a tre differenti banche dopo la morte del magnate tedesco Leo Kirch. L’istituto pubblico BayernLB ne deteneva una quota del 47%.

Gribkowsky, al tempo capo della sezione rischi della banca tedesca, avrebbe ricevuto una tangente da Ecclestone per truccare l’acquisto. Secondo l’accusa, i due si accordarono su una cifra di 44 milioni di dollari che il banchiere tedesco avrebbe ottenuto attraverso società offshore riconducibili a Ecclestone, oltre che attraverso dei contratti fittizi. La vendita delle quote di BayernLB a CVC avvenne per 840 milioni di euro.

L’accordo tra i due, secondo le accuse, avrebbe causato un danno di 66.5 milioni di dollari all’istituto di credito tedesco. Chiamato in causa da un testimone, Ecclestone si presentò in tribunale per raccontare la sua versione dei fatti. Il manager inglese, infatti, ha ammesso di aver pagato Gribowsky, sostenendo però di essere stato minacciato dal banchiere che voleva fornire informazioni all’agenzia delle entrate britannica riguardo la “Bambino Holding”, fondazione dell’ex moglie di Bernie.

“Non sono mai stato raggirato in un modo così subdolo”, raccontò Ecclestone in tribunale. Il ragionamento di Bernie era semplice: nonostante non avesse nulla da nascondere, le spese per difendersi in tribunale in tre anni di processo sarebbero state superiori a quelli che chiedeva il banchiere tedesco, così Bernie preferì risparmiare.

Al Daily Telegraph, Ecclestone dichiarò: “L’Agenzia delle Entrate mi avrebbe giudicato e io mi sarei dovuto difendere – perché potevo difendermi – ma ci sarebbero stati tre anni di tribunale e mi sarebbe costato una fortuna. Meglio pagare”. Ecclestone però continua a dichiararsi innocente di fronte alle accuse di corruzione: “Non ho mai corrotto nessuno o pagato denaro a chiunque in relazione alla società, ho avuto solo il 5% per la vendita della società. Avrei potuto avere anche di più, perché per questo tipo di affare, una banca avrebbe applicato molto di più. Non ci sono segreti”.

Questa versione dei fatti, però, non ha pienamente convinto i pubblici ministeri tedeschi, che stanno ancora indagando su questo presunto caso di corruzione.

Adesso, Ecclestone – per la prima volta dopo più di un anno di indagini – ha ammesso che nel caso in cui arrivassero ulteriori interventi contro di lui, la CVC procederà nella sua sostituzione: “Sarebbero costretti a liberarsi di me. E’ abbastanza ovvio”.

E alla CVC non stanno perdendo tempo e stanno già pensando ad un piano di successione per quando Ecclestone non sarà più in carica. Un’azione normale, vista anche l’età di Bernie. Il manager inglese, infatti, ha minimizzato dicendo: “Hanno detto che avrebbero trovato un sostituto nel caso io fossi sul punto di morire o qualcosa del genere. E’ una cosa normale”.

Ma anche se l’ottantaduenne inglese continua a tenere duro, è sempre più palese che la Formula 1 ha capito che è giunto il momento di liberarsi di lui. Le pressioni sono sempre maggiori, anche da parte delle squadre, Ferrari in primis. Il Presidente Montezemolo, poco prima del pranzo di Natale con i giornalisti, ha ammesso: “Se Bernie verrà processato, sono sicuro che sarà il primo a fare un passo indietro, nell’interesse della Formula 1. Abbiamo bisogno di persone con una visione più moderna. E’ un po’ come in Ferrari, tra un paio d’anni io non sarò più la persona giusta per la squadra. Quello che ho sempre detto a Bernie è che l’era del one-man show è finita. Dobbiamo guardare avanti”.

 

24 Commenti

  • Ma secondo me qua si sta facendo un pochino di confusione…
    Qualcuno dice “da quando c’è Ecclestone la Formula 1 ha successo”…ma sapete da quando c’è Ecclestone? Dal lontano 1978!!! E allora di che stiamo parlando scusate? E’ vero che lui ha preso le redini da metà anni 90 in poi…di fatto creando un centro di potere per la Formula 1.
    Ma lo spettacolo da dove viene? Dagli autodromi faraonici di Singapore, Abu Dhabi o Austin? O dipende forse dalle lotte tra piloti, dalla “fruibilità” dei duelli in pista, dal fascino di quelle vere poche piste che rimangono? Allora per questi ultimi anni in particolare, a rigor di logica, da cosa dipende il successo della Formula 1? Dal kers, dal DRS, dalle Pirelli?
    In realtà la cosa và così…lo spettacolo e la bellezza della Formula 1 viene da chi la vive, da chi ci mette la passione, da chi è artefice di duelli all’ultimo sangue che ci tengono incollati allo schermo. Ecclestone ha avuto il merito di avvicinare il grande pubblico alla Formula 1 ma non è stato il creatore di tutto, è stato semplicemente il pubblicitario che ha detto “guardate che spettacolo!” Lo spettacolo, in sè, non dipende da Ecclestone.E se lui non pensasse solo ai suoi sporchi soldi avremmo ancora piste fantastiche, duelli veri, squadre che non dichiarano fallimento se non hanno 50 milioni di euro, stati che non si indebitano per il semplice voler ospitare un GP, test liberi in pista, ecc ecc ecc…
    E non mi venite a dire che i reglamenti dipendono solo dalla FIA, perchè con il ruolo che ha il suddetto in Formula 1 (IL GRANDE CAPO), può fare il bello e cattivo tempo. Se solo volesse.
    C’è chi guarda la Formula 1 per passione, e chi la guarda come uno spettacolo quasi fosse un film…

  • praticamente tutto lo sport è su Sky, ad Ecclestone dare la F1 a Rai, Sky o Mediaset non importa. Importa che qualcuno paghi. Se poi la Rai preferisce spendere i soldi che in parte incassa con il canone per pagare reality ecc. lamentati con la Rai. Io su Sky la F1 non la seguo e neppure sulla Rai se non tolgo il volume

    • Infatti ad Ecclestone non frega niente dei team e degli sponsor, ma che possa fare cassa subito e non guardare oltre il suo naso d’affarista . Mi pare ovvio che una parte di pubblico italiano lasciera’ la f1 e mi pare che non sia cosi’ poco importante come si crede… visto che noi italiani assieme a inglesi e tedeschi seguiamo la f1. Ti faccio notare che il solo Alonso ha praticamente sdoganato la F1 in spagna, che prima era sconosciuta e questo piccolo particolare che potrebbe essere insignificante, ha portato in f1 sponsor del calibro di Santander e investitori spagnoli che hanno anche acquisito un team di f1.
      Credo senza il minimo dubbio, che rendere la f1 free sia piu’ importante e piu’ remunerativo di chiuderla a pochi, in fondo i soldi li cacciano gli sponsor che non hanno meno interesse a pagare per uno sport meno seguito. Mi pare ovvio che ad Ecclestone non freghi niente della f1 ma solo dei soldi che la stessa redbull sborsa da questa stagione anche in un altro sport gestito dalla FIA WRC dove il team austriaco si è ” stranamente ” aggiudicato l’appalto come partner.

  • Idea! chi di voi è di Bologna?
    Facciamo un gruppetto e prendiamo sky insieme?

  • A proposito del VOSTRO amico Ecclestone……..
    siccome mi è venuto il dubbio che quest’anno,le gare in differita che mi accingevo a guardare sulla Rai,sarebbero ,anzi saranno sicuramente interrotte da massicce dosi di pubblicità,cosa,da appassionato difficilmente sostenibile,mi sono visto costretto ad andare sul sito di SKY per fare un preventivo base per l’istallazione,il decorrer e l’abbonamento base(obbligatorio)più il pacchetto sport.

    conti alla mano,118 eurilli per l’istallazione piu 33euro al mese,fanno 514,00euro l’anno per evitare le 10 gare in differita infarcite di pubblicità!!!!! 51’40 euro a gara.
    Fate voi ragazzi,perche io non faccio,mi guarderò le gare in differita con la pubblicità,………… grazie all’amico di Davide 78,il signo Ecclestone,che gli prenda un colpo allo scattare del semaforo verde della prima gara!

    • Non prendertela con Ecclestone ma con i Sig. della R.A.I. che non hanno pareggiato l’offerta di Murdoch (SKY), in un libero mercato vince chi fà la migliore offerta e questo la RAI non l’ha fatto !!!

      I Sig. della RAI sono troppo preoccupati a spendere i soldi del canone per pagare gente come Benigni (per dire 4 butta..te in tv) e Celentano al Festival (con retoriche politiche inutili e poco costruttive( PRENDETEVELA CON LA R.A.I. e non con Ecclestone.
      Io di mio farò l’abbonamento di Sky, non vedo alternative, visto che la RAI ha deciso di trattare la F1 e cioè lo sport più seguito dopo mondiali di calcio e olimpiadi, al pari della PALLAMANO o PALLANUOTO !!

    • Figurarsi sè riuscirei a vedere i g.p. in differita sulla RAI !!!

      Stiamo parlando di F1 e non di SCI, PALLANUOTO o Tiro al piattello !!!

      • No,invece io me la prendo con Ecclestone,non solo perche ha tirato troppo la corda con quello che chiede per i diritti,e non con la Rai che essendo comunque(nel bene e nel male)un servizio pubblico deve fare i conto con tutti i cittadini e non può permettersi di spendere una cifra troppo alta per la formula uno in proporzione agli utenti che la seguono.
        Poi me la prendo con il tuo amico Ecclestone anche per le schifo di circuiti che ci propone e per quelli che invece ha tolto o vorrebbe togliere

  • … tutta invidia e interessi … Ecclestone è uno degli ultimi grandi vecchi … con una mente molto più brillante di centinaia di nuovi lecca c… :) … purtroppo per le banche non e’ ammissibile che un uomo che non sia della loro cerchia produca e abbia piu’ ricchezza di loro e allora scattano le rivendicazioni … fatto sta che un Montezzemolo qualsiasi quando gli hanno dato in mano Italia ’90 … ha rubato l’impossibile e gli stadi sono stati uno scempio … il giovane Briatore e’ addirittura stato sospeso per illecito sportivo … quindi di cosa stiamo parlando ?!!! …

  • Sì, si può trovare di peggio di lui è vero, ma è molto più probabile trovare di meglio di lui!

  • La gente non si rende conto che il SUCCESSO attuale della F1 odierna è merito del Sig. Ecclestone, guardate dov’era la F1 prima dell’era Ecclestone.
    Visibilità limitata nonostante lo spettacolo intenso, Bernie ha avuto il merito di rendere la F1 un business appetibile quanto i mondiali di calcio e le olimpiadi.
    Per cui IO dico, spero rimanga, non vedo all’orizzonte uno che nè possa prendere il posto…..

    • Sono d’accordo con te Davide78.
      Le scelte e gli interessi economici di Ecclestone ( come sostenuto da parecchi interventi ) non sono spesso “cristallini” ma nella sua carica qualsiasi decisione può essere discutibile e prestarsi a dubbi o favoritismi : è un mercato che porta cifre di denaro vertiginose.
      Siamo di fronte comunque ad una persona alla quale non si può negare competenza e soprattutto passione. Doti necessarie per il ruolo che ricopre in formula 1. Lo ripeto : chiunque lo dovesse sostituire dovrà avere passione e competenza altrimenti il giocattolo si potrebbe guastare.
      Buon 2013 a tutti

    • Secondo me la f1 la fanno in primis le squadre, poi i piloti ed infine i tifosi.
      Il grande balzo in avanti della popolarità della f1 è stata la presenza di piloti del calibro di Senna Shumacher e del ritorno alla vittorie della Ferrari con un super campione come Shumy.
      Per il resto Ecclestone ha spesso cercato i soldi che il bene della f1, l’ultimo passo incredibile che farò affondare la f1 è vendere i diritti tv a SKy sembra quasi una mossa studiata per affossare questo sport e scavare il barile prima di andare via. Se il nano andrò via mi pare giusto che questa volta a sostituirlo ci sia un persona super partes, che non sia francese, inglese, tedesca e nemmeno italiana.

    • Che non la vedessero in tanti a me non interessava. Che la vedessi io, sì. E si vedeva anche bene. (E non parlo di alta definizione)

      Poi, SUCCESSO. Cosa significa successo? Anche PSY è un successo.

    • Da un certo punto di vista hai ragione, quest’uomo sa trasformare i sassi in oro. Ma per rendere appetibile la F1 ne ha venduto l’anima. Guarda gli spalti vuoti in India, o l’erba sintetica per coprire i posti vuoti in Cina, la distruzione dell’Hockenheimring ormai irrecuperabile, l’abbandono di Imola e i dubbi del Nurbungring.
      Pensi che ci penserà 2 volte ad abbandonare Spa se i proprietari del circuito finissero i soldi?
      Guarda anche l’arrivo di Sky in Inghilterra e Italia… Ecclestone sta trasformando la F1 in uno sport d’elìte.
      Sinceramente preferisco una F1 più “defilata” rispetto al calcio ma meno disposta a leccare il sedere dello sceicco di turno.

    • Ma Davide 78,di quale successo parli?
      Se parli di quello economico posso anche essere d’accordo con tè,ma se parliamo di successo sportivo,stai prendendo lucciole per lanterne!!!!!
      E un successo secondo tè avere eliminato Imola,minacciare ogni anno di eliminare SPA Francoshamp per andare a correre in quelle fetecchie di piste tipo Valencia?
      Lo chiami successo per i soldi aver trasformato gare e piste dove veramente si correva per portare le gare su insignificanti circuiti cittadini dove non si sorpassa e non si gareggia?

  • alexander brandner

    e meno male che te ne vai , forse la F1 ci guaDAGNA QUALCOSA , speriamo che col suo abbandono si cambi anche la decisione dei diritti tv a pagamento per il pubblico , non e’ giusto che si debba per forza pagare per vedere le gare che da sempre sono state trasmesse liberamente , con la tv a pagamento la F1 perdera’ molto interesse tra il pubblico non particolarmente appassionato e disposto a pagare. di questi tempi perdere un 50% degli ascolti sarebbe un male per tutti

  • Ragzzi a me Ecclestone non piace, ma non sarei tanto sicuro che le cose miglioreranno automaticamente una volta che non ci sarà più! Comunque buon anno!

  • Gli italiani sono proprio un popolo di pecoroni… sempre pronti a lamentarsi di quello che hanno senza mai pensare che magari, quello che arriverà potrebbe essere peggio !

    • Gli italiani sono anche un popolo che generalizza, e che spara a zero facendosi grande a parole. Quindi, secondo il tuo ragionamento, se una cosa non sta bene bisogna tenersela così o almeno non bisogna sperare che migliori perchè potrebbe anche andare peggio, giusto? Se questo è essere pecoroni, allora per fortuna che lo sono

  • Buon anno a tutti…mi auguro davvero che ecclestone se ne vada via…magari con la sua dipartita tornerà la f1 in chiaro…

  • Come prima notizia dell’anno non c’è male…sembra promettere bene questo 2013,se questo è l’inizio.

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!