Ecclestone: “Ancora dubbi sul GP al Nurburgring”

15 gennaio 2013 14:05 Scritto da: Davide Reinato

Nonostante nei giorni scorsi si fosse detto molto ottimista, Ecclestone sembra tornare sui suoi passi, facendo emergere ancora dei dubbi sulle possibilità del Nurburgring di ospitare il GP di Germania.

NurburgringLa decisione definitiva sulla sede del Gran Premio di Germania tarda ad arrivare. Bernie Ecclestone, a tal proposito, aveva garantito che un annuncio sarebbe stato fatto nel corso della settimana, ma non è ancora stato raggiunto un accordo tra la FOM e il Nurburgring.

Mancava solo la firma ed era stato lo stesso Ecclestone ad ammetterlo. Le motivazioni di questo ritardo sono, ovviamente, di natura economica: “Abbiamo in calendario il GP di Germania, ma non sappiamo ancora dove si terrà. Consideratela scritta a matita sul calendario, quindi possiamo decidere anche a stagione iniziata. Il problema del Nurburgring è che non ci sono abbastanza soldi, vedremo…”.

Ecclestone ha comunque confermato che la trattativa è ancora in corso, ma a differenza dei giorni scorsi non ha più ostentato quella sicurezza sul futuro della corsa.

I problemi del Nurburgring erano nati dai rimborsi per un finanziamento di 370 milioni di dollari, ricevuto nel 2009, investiti per una massiccia riqualificazione del circuito e delle strutture ad esso collegate, tra cui un centro commerciale, un parco divertimenti e un hotel. Purtroppo, l’investimento non ha avuto il ritorno che ci si aspettava, lanciando i conti del circuito nel caos. Il Governo locale avrebbe voluto aiutare gli organizzatori con un nuovo finanziamento pubblico, ma la Commissione Europea ha bloccato l’iniziativa.

 

2 Commenti

  • “Ancora dubbi sul GP di Germania, non mi danno abbastanza soldi…”

  • I problemi del Nurburgring erano nati dai rimborsi per un finanziamento di 370 milioni di dollari, ricevuto nel 2009, investiti per una massiccia riqualificazione del circuito e delle strutture ad esso collegate, tra cui un centro commerciale, un parco divertimenti e un hotel. Purtroppo, l’investimento non ha avuto il ritorno che ci si aspettava, lanciando i conti del circuito nel caos. Il Governo locale avrebbe voluto aiutare gli organizzatori con un nuovo finanziamento pubblico, ma la Commissione Europea ha bloccato l’iniziativa.”

    La riqualificazione dei circuiti arricchisce Ecclestone e il suo fido architetto del reich F1, sig. Tilke, che poi regolarmente una volta incassati i quattrini se ne fregano di tutto il resto e continuano a batter cassa.
    E’ successa la solita cosa anche ad Imola, e la fine del circuito del santerno è sotto gli occhi di tutti!

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!