Il pronostico di Ecclestone: “Mercedes lotterà per il titolo”

26 gennaio 2013 15:44 Scritto da: Giacomo Rauli

Bernie Ecclestone, dopo essere stato uno dei principali autori dei cambiamenti in seno all’AMG Mercedes, indica il team di Brackley come uno dei candidati a conquistare i titoli 2013.

Hamilton-Mercedes

Stando agli ultimi avvenimenti, pare proprio che ad Ecclestone stia davvero a cuore la sorte dell’AMG Mercedes, scuderia che è stata ad un passo dall’addio alla F1 dopo tre stagioni fallimentari e poi riabilitata da un progetto a lungo termine firmato dai vertici di Brackley.

Mister E. infatti è stato uno dei principali autori della permanenza di Brawn e soci, se non il regista principale, iniziando a muovere le prime pedine sin dalla primavera, allacciando i rapporti tra Stoccarda e Lewis Hamilton (che era in scadenza con McLaren).

Ingaggiato l’anglo-caraibico ecco che è stato attuato un vero e proprio atto di rinnovamento dei vertici dirigenziali in quel di Brackley, con l’arrivo di Niki Lauda – uomo di Ecclestone e suo assistente principale nell’affare Hamilton – e Toto Wolff dalla Williams, chiamato per dirigere il settore economico-commerciale AMG Mercedes.

Come da ultime indiscrezioni, sembra che debba sbarcare alla sede inglese della scuderia anche Paddy Lowe, Direttore Tecnico della McLaren Mercedes, il quale starebbe vacillando dopo aver ricevuto l’offerta di circa un milione di dollari all’anno per dirigere il reparto progettazione di Brackley. Dopo tutti questi stravolgimenti interni, Ecclestone ha deciso di sbilanciarsi, affermando che il 2013 vedrà la Mercedes finalmente protagonista.

Nel 2013 vedremo certamente una gran battaglia per il Titolo e, tra le favorite, vedo anche la Mercedes. Dopo gli ultimi movimenti effettuati in seno al team vedrete, lotteranno per conquistare il titolo sino alla fine” ha dichiarato il boss della Formula One Management.

Ecclestone certamente se lo augura. E’ stato infatti lui a volere una F1 formata e dominata dalle grandi Case costruttrici e, dopo l’abbandono di Honda e Toyota ne 2009, non può certo permettersi di vedere sconfessato il suo credo attuale, perdendo una casa importante e potente quale Mercedes.

Dal canto suo, la scuderia rappresentativa della Casa della stella a tre punte è ancora in pieno fermento tra cambiamenti in atto nei vertici e nel settore tecnico, obiettivi da centrare ed evitare il quarto anno fallimentare, a maggior ragione dopo aver ingaggiato uno del calibro di Lewis Hamilton, alla ricerca di sfide. E si sa, Lewis – da grande campione qual è – non ama perdere nemmeno in una semplice partita di Bridge tra amici.

23 Commenti

  • Troppe dichiarazioni d’amore in questi ultimi tempi dello zio ricco e avaro nei riguardi della mercedes, odore d’inciuci ? Speriamo di sbagliare.

  • il nonno è ora che vada in pensione…

  • Questa affermazione, sposa la mia teoria ………

  • Che cosa dire, ormai siamo abituati a questa tipologia di dichiarazioni da parte di Ecclestone. Resta comunque grave che una figura così rilevante nella F1 sia palesemente di parte, trasmettendo a ruota libera le proprie “preferenze”: fino ad un certo punto non credo ai “complotti” e alle “congiure” (anche se considerando alcuni eventi particolari del 2011 e del 2012, è sempre più evidente che la fetta “politica” nella F1 sia in aumento regolare), ma per semplice correttezza, in quanto il suo ruolo economico è fin troppo decisivo per essere, almeno esplicitamente, orientato.
    In un certo senso, considerando l’opzione di uscita “ufficiale” da parte di Mercedes, le lusinghe di Ecclestone non sono affatto casuali, ma alimentano un certo “conflitto d’interessi”.

    P.S.
    Eviterei di dare troppo peso ai bozzetti, interessanti solo per ragionare su alcune scelte tecniche e opzioni possibili, ma per il resto si discostano regolarmente dalla realtà…

  • A caval donato non si guarda in bocca

  • String Quartet

    Si, lo stesso personaggio che si vantava di aver scoperto l’fduct. Certo che avete fonti meravigliose eh! (Per la cronaca, è Marca che ha pubblicato quel bozzetto…)

  • Direi di non dare troppo peso a certe dichiarazioni senza fondamento, lo sanno anche i muri che Mercedes non lotterà per vincere il titolo nel 2013 !!!
    Mi aspetto però una stagione nettamente migliore del pessimo 2012, la Mercedes PUO’ e DEVE necessariamente migliorare anche in virtù del fatto dei cambiamenti apportati, ingaggio di Hamilton incluso.

  • matteyFerrari

    ECCLESTONE? Ma Vattene Aff….ulo!!!!

  • redlaertalpha

    Non vi è dubbio che Ecclestone sia un essere ignobile la cui unica missione è quella di riempirsi quanto più possibile di dollaroni.
    Ma mi sembra strano che qualsiasi persona sulla Terra dia la colpa esclusivamente a lui di tutte le magagne e complotti interni politici che sono stati effettuati con lo scopo di far vincere la RedBull in questi ultimi tre anni.
    Nessuno ha mai pensato ad un certo Jean Todt?! Solo perchè era l’amministratore delegato della Ferrari non significa che non possa essere implicato anche e soprattutto lui in questi continui favoritismi nei confronti della RedBull.
    D’altro canto quando c’è stata la vera rivoluzione (ops volevo dire involuzione) di questa nuova F1?
    Esatto, proprio nel 2009, anno in cui Jean Todt è stato eletto presidente della FIA! Strano eh?
    Fino al 2008 c’erano la Ferrari e la McLaren a contendersi i campionati. Appena Todt arriva alla FIA, cambia tutto in maniera radicale soprattutto per quanto concerne le voragini regolamentari.
    E ne consegue che la Brawn nel 2009 e la RedBull nei tre anni successivi hanno vinto tutto sfruttando i palesi favoristismi della FIA…

    • tatanka2003

      Ti quoto. Molto strano che certi accadimenti abbiano dei riscontri nelle date. Todt è Francese e guarda caso un motore francese vince la F1 da tre anni, non solo, gode di deroghe, favori etc. Il fatto che Todt sia stato in Ferrari per anni è assolutamente ininfluente, come è provato che è stato ininfluente il fatto che le coperture siano Italiane (Pirelli) e che molte componenti della Magneti Marelli siano montate su vetture di altre scuderie. La realtà è che ci vorrebbe per una volta qualcuno super partes alla guida della F1 e della FIA.

    • Ma secondo me il punto è un altro, sinceramente non mi interessa chi sia il vero artefice. Resta il fatto che attualmente la f1 odierna sembra una barzelletta.
      Ricordo inoltre la scelta quanto meno poco sportiva dei commissari esterni, sono spesso piloti inglesi.. alcuni sconosciuti e addirittura qualcuno come Warwick in conflitto d’interessi non solo per la nazionalità ma anche perche’ Warwick ha una scuola di piloti per le giovani leve Inglesi !!!
      Se si chiama mondiale di f1 allora mi pare ovvio che i commissari siano scelti a turno per ogni nazione, qui oltre al nano l’arbitro principale di ogni gare è Whiting…. ! non vi sembra una cosa leggermente strana ?

  • tatanka2003

    L’ho già detto da tempo, la Ferrari dovrebbe tirarsi fuori da queste beghe politiche e dedicarsi alla formula Indy, già adesso svolgono delle gare in circuiti che non sono degli ovali e qualcuna anche fuori degli USA, con l’arrivo del team Italiano ci sarebbe una crescita e uno stravolgimento dell’organizzazione che potrebbe cominciare a ragionare in grande in termini mondiali, la struttura già c’è e non andrebbe creata da zero come spesso Montezemolo ha minacciato; sicuramente ottenuta una grande visibilità altri costruttori entrerebbero e di fatto di avrà una nuova formula uno, lasciando il nano e tutti i suoi leccapiedi a spasso…
    Per quanto riguarda la formula Uno attuale, farei gareggiare un nuovo team, l’Alfa Romeo, travasando tecnologia dalla Ferrari sarebbe competitiva e rilancerebbe il marchio Italiano che ne ha molto bisogno…
    L’investimento dovrebbe essere intorno ai 100-120 mln di euro, cifra che la Fiat è senz’altro in grado di finanziare, anche perchè è tutto in favore delle vendite di auto di serie, di fatto sulle ALFA ROMEO si potrebbero montare delle versioni riviste dei motori F1 V6 del prossimo anno… Cosa che non credo la Ferrari farà per le sue produzioni…

  • speriamo sia cosi vai luiginoooooooooooo !!!!

  • Che leccaculo sto essere ignobile…prima dice voglio che vinca la Ferrari, poi subito rigira la frittata…

  • Alla fine è tutta politica e diplomazia per gestire interessi e immagine di questo sport che purtroppo mi accorgo che è sempre meno sport ma sempre più spettacolo.Il problema e che mi sembra che lo spettacolo sia sempre più indotto controllato e sapientemente miscelato da quest’uomo che così facendo lo sta privando dei valori di fondo che sono alla base di ogni sport,onestà e lealtà,e purtroppo per me(sigh) da quando ho iniziato ad addentrarmi in blogF1 leggendo e informandomi sempre di più,ho inziato ad accorgermi e a vedere cose che da fuori non sono così chiare,e se da una parte mi fa piacere partecipare insieme a voi tutti condividendo una passione comune,dall’altra ci rimango sempre un po’ deluso quando leggo le “eroiche ed epiche “gesta del sig.Ecclestone.
    A questo punto mi domando che cosa non farebbe mister E se la Ferrari come la Mercedes minacciasse seriamente di andarsene daala F1 per,che so io, andare a correre la 24 ore di LeMans;o forse che cosa già fa per farla rimanere,visto che ogni tanto Montezemolo si lamenta e minaccia queto e quello.
    Ciao a tutti

    • Secondo te, dunque, c’è qualcosa di losco in mezzo?

      • Direi piuttosto che alla fine i conti in tasca loro tornano sempre.
        Accordi commerciali diplomazia politica,alla fine le cose si aggiustano sempre affinché tutto vada avanti nel migliore dei modi per loro tutti,per lo spettacolo e per gli sponsor a cui certamente fa bene che i campionati si decidano sempre all’ultima gara,come ormai da un po’ di anni puntualmente succede. Spartizioni di interessi e così alla fine ognuno ne trae vantaggio.
        La FIA” arbitro” in ultima analisi ,di un equilibrio non solo sportivo ma anche economico;bisogna attirare gli sponsor,perché questo sport-spettacolo costa cifre astronomiche,e gli sponsor vogliono pubblico e il pubblico vuole vedere competizione e duelli. Ora è chiaro che la F1 adesso non puo fare a meno della Mercedes e quindi bisogna “spingerla”a rimanere,ed è quello che sta facendo Ecclestone che dovrebbe essere super partes ma che cosi facendo non lo è.Il fatto che agisca cosi candidamente a viso aperto lo trovo,non dico ammirabile,ma almeno “pulito” pero la cosa mi lascia letteralmente di stucco,mi sembra come se un arbitro prima di scendere in campo ammettesse pubblicamente che gli farebbe piacere che una delle due squadre che stà per arbitrare,vincesse.
        Mah!

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!