L’analisi tecnica della nuova Lotus E21

29 gennaio 2013 00:26 Scritto da: Marco Di Marco

La nuova monoposto di Enstone si presenta come una logica evoluzione della Lotus E20 del 2012.

lotus-e21-posterioreLa Lotus E21, prima monoposto 2013 a svelarsi, porta sulle spalle la pesante eredità della sorprendente vettura 2012 che ha consentito a Kimi Raikkonen di vincere un Gran Premio ed alla scuderia inglese di conquistare la quarta piazza nel mondiale costruttori.

La monoposto nero-oro ha sicuramente colpito appassionati ed addetti ai lavori per la presenza dello scalino sul muso. Come ormai noto, la FIA era intervenuta lo scorso anno, invitando le scuderie ad adottare il “vanity panel”, ovvero un pannello di carbonio la cui unica finalità è quella di coprire l’antiestetica gobba sul muso delle vetture.

La Lotus E21, secondo le dichiarazioni di Allison, al momento non adotterà questo accorgimento poiché comporterebbe solamente un aggravio di peso. Tuttavia, sempre secondo il direttore tecnico, qualora i vantaggi aerodinamici di tale soluzione compenseranno il seppur minimo incremento sulla bilancia, il vanity panel verrà adottato anche sulla E21.

La vettura di Raikkonen e Grosjean si dimostra abbastanza tradizionale nell’impianto sospensivo, adottando il collaudato sistema push rod all’anteriore ed il più aerodinamico pull rod al posteriore. Non è stata seguita, dunque, la strada introdotta lo scorso anno dalla Ferrari con pull-rod anteriore, smentendo di fatto le voci circolate alla fine dello scorso campionato che davano per certa l’adozione di questa soluzione sulla Lotus 2013.

Nuovo il disegno dei sidepods [FOTO]. I profili verticali, infatti, si uniscono in maniera netta ai due profili orizzontali che, a loro volta, si coniugano con le pance della vettura con un profilo ad L. L’occhio più attento potrà tuttavia notare che questo collegamento si associa alla deriva verticale posta a metà pancia. In questo modo la Lotus spera di unire la pulizia di flusso garantita delle singole bandelle verticali a quella dei profili orizzontali, mixando, dunque, le soluzioni apparse singolarmente sulla McLaren della scorsa stagione. Le pance hanno un insolito disegno ai margini, rialzato e decisamente spigoloso nella parte esterna, sicuramente influenzato dal disegno dei sidepods. [FOTO]

lotus-e21-ufficiale

Voluminosa appare la zona dell’abitacolo [FOTO], mentre la vera e propria sorpresa è data dalla soluzione adottata per gli scarichi. In questo caso Adrian Newey continua a fare proseliti e la monoposto di Enstone segue la tendenza introdotta lo scorso anno sulla RB8, adottando gli scarichi ad effetto “Coanda” inseriti nei due bulbi in carbonio, mentre al di sotto di questi è stato creato un tunnel per il passaggio dell’aria fredda indirizzata tramite i sidepods, con unica finalità quella di alimentare ulteriormente l’estrattore [FOTO]. Sarà curioso capire se la scuderia inglese è riuscita a trovare, con questa soluzione, un giusto compromesso tra vantaggi aerodinamici e perdita di potenza, tallone d’Achille nel finale della scorsa stagione.

Nessuna presa d’aria supplementare è stata adottata ai lati della presa d’aria dinamica [FOTO], segno che il team di Enstone ha svolto un ottimo lavoro di fluidodinamica interna relativamente al raffreddamento del Kers. Le ali anteriori e posteriori apparse sulla E21 durante la presentazione sono quelle utilizzate alla fine della scorsa stagione e, pertanto, come ad ogni presentazione, la analisi degli sviluppi di questi elementi sarà riservata nel corso dei primi test stagionali.

La E21 sembra quindi una monoposto abbastanza tradizionale, figlia di una stagione che non vede rivoluzioni regolamentari e che pertanto obbligherà i progettisti all’affinamento delle soluzioni viste nel 2012.

38 Commenti

  • tatanka2003

    Poi che significa andare forte? Pensi che alla Fiat non sanno spremere cavalli da un motore? La VECCHIA lancia delta INTEGRALE ancora oggi (ne gira una nuovissima qua intorno che ha più di venti anni) darebbe la pista a moltissime di queste fantascientifiche auto tedesche moderne, soprattutto le ipertrofiche turbodiesel che sfruttano brevetti ITALIANI!!!

  • Caro Zione,le Golf saranno pure tutte uguali (mica tanto..)ma stravendono…le alfa come stanno messe????Condoglianze a Lancia…

    • Ma anche se l’alfa non è piu’ alfa alla nuova GOLF preferisco la Giulietta anche se molti non hanno capito di che auto si tratta. La nuova Golf oltre ad essere scontata ha una meccanica stravecchia anche se sulla carta è nuova… mentre la Giulietta che alcuni dicono che è vecchia ha il multi link dietro. Ovviamente niente di che rispetto alle vere Alfa, ma mi sa che molti si fanno abbindolare dai fari led e sempre dalla solita ” qualità ” percepita… ora ma i anche le coreane hanno la garanzia di 5 anni.. mentre le audi solo 2 …

      • Meccanica vecchia????ti riferisci al nuovo pianale che le risparmiare 100kg con benefici per i consumi(più di 30 km a litro) o al cambio DSG,punto di riferimento nella categoria???hai visto gli interni della nuova Golf????sembra una vettura premium…tra l’altro la versione GTI va più forte della Quadrifoglio Verde…

      • tatanka2003

        Ma veramente vogliamo paragonare due vetture che hanno una differenza di prezzo di 6-8000 euro e anche più? La Golf, quella base da 17.000 euro non è niente di particolare, solida certo e poi? L’ho scritto MOLTE MOLTE VOLTE, se un’auto costa di più DEVE DEVE DEVE essere migliore, non è un merito esserlo ma un DOVERE!!! Condoglianze a Lancia che ha più campionati vinti di tutte le tedesche messe insieme… Le cose cambiano, negli anni ’70 le audi erano dei bidoni, chissà fra 20 anni… La storia si ripete, Giambattista Vico…

  • Altro particolare che non quadra sono le sospensioni anteriori nel rendering sono sempre push rod ma con un disegno completamente diverso e il puntone molto basso… ora o il grafico ci ha preso in giro oppure la E21 è una vettura veramente innovativa…

  • La Lotus se si dimostrerà in grado di mantenere un livello molto elevato nelle prestazioni GP per GP e saprà tenere a freno l’agonismo di Grosjean la vedo come pretendente almeno ad un posto sul podio finale.

  • Nel rendering laterale che potrebbe essere quello reale, visto che di solito viene esportato direttamente cad di progettazione . Oltre ad avere un alettone posteriore con i pettini pare abbia un passo diverso, sui siti di tecnica hanno messo accanto il rendering laterale e la foto bene sono due vetture completamente diverse. Quella del rendering è piu’ slanciata e meno tozza.

  • La Ferrari si chiamerà F138…Auguri ferraristi…

  • è naturale che in australia si vedranno le vetture vere quelle delle presentazioni sono sempre dei modellini messe cosi tanto per mettere

  • AlexFerrari4ever

    vedendo il volante della monoposto che hanno presentato mi fa pensare che sia una trollata della lotus! ahhahaahhahaahhahahah

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!