Alonso: “Bisogna lottare con RB e McLaren, non con Sauber”

1 febbraio 2013 12:21 Scritto da: Giacomo Rauli

Alla presentazione della F138, Fernando Alonso ha parlato della nuova stagione, rendendo noti i motivi per cui salterà i primi test invernali di Jerez ed ha indicato al suo team la “mission” per questo Mondiale 2013.

BARCELONA, SPAIN - MAY 22:  Fernando Alonso of Spain and Ferrari attends the drivers parade before the Spanish Formula One Grand Prix at the Circuit de Catalunya on May 22, 2011 in Barcelona, Spain.  (Photo by Vladimir Rys/Getty Images)Lo abbiamo visto sorridente, baffuto, capellone, abbronzato, motivato. Ma erano altre presentazioni, di altre vetture e soprattutto gli anni passati.

Oggi, alla presentazione della nuova Ferrari F138, Fernando Alonso s’è presentato con il volto bello tirato, il sorriso di circostanza ed una vena più polemica che d’incitamento nei confronti del team.

Sarà difficile ripetere il 2012” ha esordito l’asturiano, anche se il dubbio è che parlasse del suo 2012, non certo quello della Ferrari. “Quest’anno, data la stabilità del regolamento, non cambieranno troppe cose e penso che ce la giocheremo con gli altri top-team“.

Fernando, come ormai sappiamo da qualche giorno, salterà i test di Jerez de la Frontera per dedicarsi alla sua preparazione fisica, in vista di un 2013 lungo e faticoso, sia per quanto riguarda il fisico che per le mente: “Seguirò i test di Jerez molto da vicino, nonostante io sia da un’altra parte (Canarie). In queste settimane mi occuperò della mia preparazione fisica. Ho tanta fiducia in Felipe e Pedro De la Rosa che svezzeranno la nuova monoposto. Per cui non ci saranno problemi e rientrerò a Barcellona per poi dare il mio massimo“.

In realtà, il bi-Campione del Mondo, non sembra affatto in debito di preparazione fisica, quanto scarico mentalmente, fiaccato da una stagione tanto bella quanto stremante per i nervi di chiunque, soprattutto per chi ha perso il titolo per un’inezia.

“Il campionato sarà lungo“, ha concluso Alonso “Non sarà facile avere un livello costante. Sfrutterà queste due settimane per prepararmi al meglio. La prima parte del Mondiale sarà fondamentale, anche perché dedicheremo probabilmente meno tempo allo sviluppo della F138 dall’estate, quando il team inizierà a spostare l’attenzione maggiormente sulla monoposto 2014, quando avverrà un’importante cambio di regolamento“.

Nel silenzio e nell’espressione di Alonso, però, era impossibile non notare qualche pensiero di troppo, qualche insoddisfazione.  Se pensiamo al primo assioma della comunicazione “Non si può non comunicare” ecco che Fernando regala una mission a se stesso, ma soprattutto alla sua squadra: “Dobbiamo lottare con chi fa pole e vittorie, con McLaren e Red Bull. Non con Force India e Sauber“.

Chi ha orecchie per intendere…

45 Commenti

  • mycamo
    Tutto è opinabile, tutto è soggettivo, tutti noi possiamo vedere le cose in maniera diversa. Può anche essere che Fernando sia rabbuiato con la squadra come può essere che sia veramente in debito di energia dal suo personale KERS.
    Io, più prosaicamente, penso che Alonso, almeno quest’anno e dopo 3 presentazioni sopra le righe da parte di tutto l’ambiente, abbia deciso di mantenere un profilo basso, di proseguire con la filosofia di fine 2012. D’altronde non è lui ad aver perso il mondiale, non gli si può imputare di aver perso un pò di lucidità dopo il Giappone, soprattutto considerando il fatto che fino ad allora era stato rasente alla perfezione. Dopo tre anni in cui la squadra ha fatto promesse non mantenute, il ragazzo di Oviedo ha deciso di mantenere un profilo molto basso ma comunque aggressivo. Poi ogni sua parola può essere letta e vista in 100 modi diversi: a mio parere continua a comunicare nella stessa maniera, ovvero cercando di pungolare la squadra. A qualcuno non piacerà come metodo di comunicazione, soprattutto memori del metodo Schumacher che, pestava i pugni sul tavolo del retrobox, ma davanti alle telecamere era l’aziendalista perfetto. Volenti o nolenti, questa è la comunicazione di Fernando e credo che per il momento lo spagnolo si sia guadagnato sul campo questo diritto: lo sa lui e lo sa la Ferrari. Non per nulla sia Domenicali che Montezemolo oggi si sono sperticati, in modi diversi, nel ringraziare Alonso e nel rimarcare le carenze della vettura rispetto a ciò che ha dimostrato lui.
    Tutto dipenderà dal lavoro fatto da Tombazis & Co.: se avranno fatto il loro dovere allora non ci sarà tanto da discutere e l’Alonso pseudo rabbuiato scomparirà rapidamente dai radar, altrimenti continueremo con sta solfa per i prossimi mesi.
    Permettetemi un’ultima considerazione: credo che siano in molti, anche in Italia, che, non amando il personaggio Alonso, un pò fuori dagli schemi, tifino per la rottura del matrimonio fra la Ferrari e lo Spagnolo. Molti hanno lo champagne in frigo e stanno aspettando la possibilità di festeggiare il giorno in cui il Matrimonio si concluderà, mentre altri aborriscono solo all’idea di un Fernando vincente con la Ferrari. Io capisco la dialettica fra tifosi, ma se salgo a livello “media” questa sensazione si fa più forte: se Alonso da fastidio, che lo si dica apertamente senza nascondersi dietro mezze frasi o psicoanalisi di bassa lega.
    Chi ha orecchi per intendere … 😉

    Quoto e straquoto.

  • Sveglia Montezemolo!Tira le orecchie (in privato) a questo montato e mostragli i dati delle sue ultime gare del 2012 oppure gli svarioni del 2010.e se poi rema ancora contro …. cerchiamo qualcuno che sostituisca santander, che alla fine il problema é tutto lí…INCREDIBILE!!!

  • Sinceramente….non avevo mai visto un blog di sport dove si finisce a parlare della definizione di felicità. XD

  • non esiste il concetto di felicità,non c’è un parametro che la misuri,felice e colui che si realizza.
    Sigmund Freud,
    “introduzione alla psicanalisi”,Vienna 1916
    Tratto dalla serie di lezioni che Freud tenne all’università di Vienna in quegli anni.

    Ora calcolando che i nostri maggiori nemici sono austriaci Matesic,lauda,helmut marco(detto il guercio)la red Bull,
    Calcolando che lo stemma della Ferrari e il cavallino rampante che Francesco Baracca aveva fatto dipingere sul suo aereoplano che fu abbattuto dalle trincee austriache, insomma noi ci abbiamo sempre sti austriaci in mezzo ai maroni!!!!!
    La mia felicita sarebbe di batterli,quella di Alonso non so,che si faccia psicanalizzare,per capire se e felice

  • @Onlyred
    Io mi sono limitata dire quello che sentirei se fossi nella medesima situazione di Alonso. Frustrata, delusa, incazzata. Che è poi come mi sono sentita l’anno scorso da semplice tifosa.
    Nessun giudizio negativo o positivo, solo mera ipotesi. Da tifosa posso sopportarlo, dopotutto non ho fatto nulla, ho solo guardato e tifato, da parte in causa credo lo sopporterei un pò meno, per quanti soldi possano darmi.
    E poi mi sembra un filino prematuro valutare le prestazioni in pista da qui a 2 mesi no? :)

    • Ma infatti….proprio perché è prematuro, queste dichiarazioni, oltre che scoccianti (oramai) andrebbero evitate…..soprattutto se si pensa come vengono strumentalizzate per far notizia……..Alonso deve smetterla di parlare come se fosse un “esterno”, come se a lui non interessasse altro che i soldi, la fame ed il successo “GARANTITO”…..perchè se non è chiaro, almeno agli occhi di chi stravede per lui, questa è l’impressione che ha iniziato a dare, dall’anno scorso, quando ha visto pian piano svanire il suo vantaggio……..la Ferrari non ha bisogno di un pilota che si comporta così’, (che rischierebbe di diventare il nemico in casa) ed i ferraristi non lo vogliono……non chiedo ad alonso di essere schumacher, non pretendo nemmeno che mi convinca che non è il classico tipo ” a caxxi suoi”, (tutto bene finchè va bene) ma non può’ iniziare già’ così’………in Ferrari si vince e si perde tutti insieme, oggi c’è stata la presentazione della macchina, c’era solo da festeggiare, sorridere ed augurarsi il meglio…PUNTO!!

    • Sai cosa pensa adesso chi crede ciecamente in lui, o chi per vendere giornali, cerca di estrapolare da un’espressione, una “verità'”…..te lo dico io,….: “Alonso ha provato la macchina al simulatore ed i dati non coincidono con quelli della galleria, che stavolta è quella di colonia e bla bla bla bla bla”………io sono stanco di vedere la F1 con queste polemiche di sottofondo, soprattutto se penso che siamo a febbraio, abbiamo visto una macchina bellissima, curatissima e che ha tutte le carte in regola per vincere il mondiale…..ed anche se non dovesse riuscirci neanche quest’anno, che il fine non sia quello di lottare con sauber, se lo chiedo al mio cane, lo sa……è SCONTATO!!

  • lewis_the_best

    qual’è il concetto di FELICITA’?
    ognuno ha il proprio!
    c’è chi dice io sono felice perchè guadagno 20 mln di euro all’anno e c’è chi dice io sono felice xke mi piace coltivare la terra e vedere il risultato che ne esce.
    c’è chi dice io sono felice perchè ho trovato la donna (o l’uomo ideale) la prima volta che mi sono innamorato e chi invece è felice perchè passa da una gnocca all’altra.

    Quello che dice IRON MAC lo condivido quasi tutto!
    alonso è uno dei 22 fortunato su 7 mld di persone che guida una F1. In aggiunta guida x il team più famoso al mondo! Certo capisco che gli gira nn essere ancora riuscito a vincere un mondiale con la ferrari (con il rischio di passare x un barrichello o un alesi qualunque) però alla fine della fiera alonso 2 mondiali se gli è portati a casa, il conto in banca di certo nn piange!

    quindi andiamoci piano nel dire che alonso è triste!
    poi visto che tutti quanti si sono impegnati a interpretare le dichirazioni di alonso allora mi ci metto anche io.
    A mio avviso alonso quando parla delle difficoltà di ripetere la stagione scorsa non si riferisce solo alle sue prestazioni ma considera anche l’unicità che ha contraddistinto le prime 7 gare dove ci sono stati 7 vincitori diversi, considera l’incredibile INAFFIDABILITA’ che ha impedito alla mclaren di lottare x il mondiale, considere certamente anomalo la poca competitività della RB9 soprattutto in comparazione con la RB8 e infine tutti i ritiri che nel finale di campionato hanno permesso ad alonso di guadagnare sempre qualche posizione rispetto alla griglia di partenza e di conseguenza di arrivare fino all’ultima gara a giocarsi il mondiale.

  • lewis_the_best

    michelle
    Beh, secondo questo punto di vista i soldi comprano la felicità.
    Personalmente se fossi nei panni di Alonso non sarei delusa, sarei inverosimilmente incazzata e sfiduciata. Tanto per farti capire il livello della mia incazzatura dopo Spagna 2011 sarei rientrata ai box in terza piena.
    Se faccio un lavoro bene VOGLIO avere il premio che mi spetta, non vedere le mie fatiche rovinate dagli altri membri del gruppo. E non me ne frega niente se l’ho fatto gratis o sono stata pagata un miliardo, se altri rovinano il mio lavoro io sono sfiduciata.
    Non voglio offenderti ma hai una visione del mondo molto proletaria e buonista.

    michelle
    Beh, secondo questo punto di vista i soldi comprano la felicità.
    Personalmente se fossi nei panni di Alonso non sarei delusa, sarei inverosimilmente incazzata e sfiduciata. Tanto per farti capire il livello della mia incazzatura dopo Spagna 2011 sarei rientrata ai box in terza piena.
    Se faccio un lavoro bene VOGLIO avere il premio che mi spetta, non vedere le mie fatiche rovinate dagli altri membri del gruppo. E non me ne frega niente se l’ho fatto gratis o sono stata pagata un miliardo, se altri rovinano il mio lavoro io sono sfiduciata.
    Non voglio offenderti ma hai una visione del mondo molto proletaria e buonista.

  • Io non penso che Alonso abbia il morale basso. Sinceramente quando sento che un pilota di F1 ha il morale basso, mi viene da ridere. A maggior ragione quando a parlare è uno che guida una Ferrari. Capisco che arrivare a pochi punti dal mondiale per due anni possa non essere proprio la cosa più bella del mondo per un pilota, però da qui a fare sempre certe dichiarazioni c’è una bella differenza. Voi conoscete qualcuno che non vorrebbe trovarsi nella posizione di Alonso, di Massa, di Vettel, ma anche di uno che la zona punti se la sogna come Pic (salvo che per il taglio discutibile di capelli)? Guidano bolidi da paura nei posti più belli del mondo, passano da una supergnocca all’altra con la stessa frequenza con cui ricarico il cellulare (e la mia batteria non dura moltissimo), prendono una camionata di soldi e hanno pure 4 mesi di ferie. Capisco che possa avere il morale basso un padre di famiglia che non riesce a mandare avanti la baracca, ma un pilota di F1 che tra l’altro guida una Ferrari? Io penso (e spero per lui) che Alonso faccia queste dichiarazioni solo per “pungolare” un po’ la squadra e non perchè abbia il morale basso. Perchè altrimenti sarebbe proprio una persona poco felice, nonostante abbia quasi tutto quello che la maggior parte della gente può solo sognare di avere.

    • Beh, secondo questo punto di vista i soldi comprano la felicità.
      Personalmente se fossi nei panni di Alonso non sarei delusa, sarei inverosimilmente incazzata e sfiduciata. Tanto per farti capire il livello della mia incazzatura dopo Spagna 2011 sarei rientrata ai box in terza piena.
      Se faccio un lavoro bene VOGLIO avere il premio che mi spetta, non vedere le mie fatiche rovinate dagli altri membri del gruppo. E non me ne frega niente se l’ho fatto gratis o sono stata pagata un miliardo, se altri rovinano il mio lavoro io sono sfiduciata.
      Non voglio offenderti ma hai una visione del mondo molto proletaria e buonista.

      • michelle
        Beh, secondo questo punto di vista i soldi comprano la felicità.
        Personalmente se fossi nei panni di Alonso non sarei delusa, sarei inverosimilmente incazzata e sfiduciata. Tanto per farti capire il livello della mia incazzatura dopo Spagna 2011 sarei rientrata ai box in terza piena.
        Se faccio un lavoro bene VOGLIO avere il premio che mi spetta, non vedere le mie fatiche rovinate dagli altri membri del gruppo. E non me ne frega niente se l’ho fatto gratis o sono stata pagata un miliardo, se altri rovinano il mio lavoro io sono sfiduciata.
        Non voglio offenderti ma hai una visione del mondo molto proletaria e buonista.

        Cara michelle….la tua evidente simpatia verso questo pilota, ti sta un po’ annebbiando la vista…….Alonso è la prima guida della “nostra” amata macchina, è pagato (profumatamente, ha percepito il doppio di chi il mondiale lo ha vinto l’anno scorso) per vincere e dare il meglio di se, in ogni caso….PUNTO…….non è ne più’ ne meno di quello che ho appena detto……in nessun contratto che sia mai stato fatto ad un pilota, è specificata la garanzia del successo, tutti possono sbagliare, lui stesso non è perfetto, quelli che lavorano per mettergli a disposizione la vettura, sono uomini e possono sbagliare…….se non gli sta bene, la porta è aperta…….smettiamola di dare tanto potere ad un pilota, siamo la FERRARI caxxo e comportiamoci di conseguenza!!!!!!

        p.s. se poi per te conta più’ Alonso che la Rossa, allora fai finta di non aver letto niente.

    • Una volta c’era un certo marchese,non il marchese del grillo, ma un certo De Couperin,uno che perdeva sempre,tanto che per tirarsi su il morale e fare bella figura inventò il famoso motto”l’importante non è vincere,ma partecipare”

      Un pilota di formula uno corre per vincere,non per arrivare secondo,se cosi fosse,se quello che tu dici(cheè giusto)fosse anche vero,allora dopo un anno un pilota che sarebbe già miliardario smetterebbe di correre e passerebbe il tempo a “correre”da una gonnella all’altra.
      Se fosse vero quel che tu dici Shumy allora già da prima si sarebbe ritirato.
      Il vero premio è sentirsi ed essere il numero uno,e la vittoria che ti spinge a correre,i soldi non bastano per avere il coraggio di spingere il pedale a fondo curva dopo curva.
      ciao

  • Magnifica armonia del blog,tutti d’accordo finalmente!

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!