Test Jerez – giorno 2: la review tecnica

6 febbraio 2013 23:43 Scritto da: Mario Puca

Continua incessante il lavoro dei team di F1 ad Jerez de la Frontera. Analizziamo le soluzioni più interessanti del secondo giorno di test.

diffusore ferrariE’ stato un secondo giorno di test particolarmente intenso quello appena trascorso, caratterizzato dal lavoro comparativo e dall’acquisizione di dati, soprattutto relativamente all’aerodinamica (RESOCONTO). Ha lavorato moltissimo la Ferrari, tra l’altro al centro di una polemica, unitamente alla Caterham, relativa agli scarichi. Il dettaglio incriminato sarebbe, infatti, un piccolo deflettore situato all’interno del canale di scarico, il quale ha chiaramente lo scopo di direzionare ulteriormente verso il basso i gas caldi, agevolando l’ormai noto “effetto Coanda”.

Da questa FOTO sembrerebbe, effettivamente, che all’interno del canale vi sia proprio il deflettore incriminato; in altre, invece, sembra che la Ferrari abbia soltanto collocato più in basso i terminali di scarico (FOTO). Sulla F138, quindi, si lavora per trovare la giusta “mira”, in modo da indirizzare i flussi nelle zone giuste (FOTO).

Dettaglio tecnico che va assolutamente evidenziato è il grande spazio ricavato sulla Rossa al di sotto del cambio (FOTO). Probabilmente, infatti, la Ferrari è uno dei team che ha lavorato maggiormente in questa direzione, liberando quanto più possibile il fondo piatto, sia nella zona delle pance che, appunto, al di sotto del cambio. Ultima annotazione riguarda lo sfogo d’aria aggiuntivo ai lati del cockpit, che sarà utilizzato soprattutto sui circuiti “bollenti” (FOTO). Anche la parte terminale del cofano, prima chiusa, è stata tagliata per creare uno sfogo d’aria calda soffiante verso il monkey seat.

Dicevamo della polemica sugli scarichi della Caterham: il piccolo team anglo-malese ha lavorato tanto sul progetto ed ha portato in pista una monoposto che, almeno dal punto di vista aerodinamico, non sembra affatto malvagia (FOTO). La CT-03 presenta delle pance ben fatte, molto scavate al di sotto delle bocche di ingresso dei radiatori ed estremamente pulita nella zona del retrotreno. E non manca il dettaglio che fa discutere: gli scarichi, appunto. Questi, all’interno del canale di sfogo, presentano un piccolo deflettore inclinato verso il basso che spinge i gas roventi verso il diffusore (FOTO). Tale utilizzo, però, è vietato dal regolamento sin dalla passata stagione e, con alta probabilità, verrà eliminato al più presto.

RB9_JerezUn altro particolare che farà presto discutere, è i DDRS firmato Newey. Dalle immagini che circolano in rete, infatti, sembra piuttosto evidente che la Red Bull Rb9 abbia mantenuto i soffiaggi del profilo inferiore dell’ala posteriore, i quali, ora, sono ben tre (due laterali ed uno centrale – FOTO1 – FOTO2). Se, però, è pacifico da dove esca l’aria, è ancora un’incognita l’inlet, visto che il profilo del DRS non presenta più i due “tappi” per chiudere l’ingresso del sistema.

Ma c’è un ulteriore dettaglio “diabolico” che farà discutere: la flessibilità dell’ala anteriore. In questa FOTO è più che evidente la deformazione dell’ala verso i due lati, oltre che del famoso muso, la cui forma sembra ancor più dettata dalla flessibilità.

Ultima nota per il team austriaco, il grande lavoro fatto nella zona dello splitter, per liberare spazio al di sotto del cockpit e migliorare i flussi d’aria provenienti dall’avantreno (FOTO).

Sempre in tema splitter, merita un cenno quello della Lotus, il cui pilone di sostegno è di forma assolutamente inedita (FOTO). C’è anche un altro particolare degno di nota sulla E21: come per la Red Bull, anche sulla Lotus è comparso un deviatore a valle dei boomerang, sul fondo, costituito da un pezzo a parte fissato su quest’ultimo (FOTO). La stessa immagine ci consente di apprezzare anche i deviatori fissati alle gomme posteriori, a margine del fondo, di ispirazione W03, volti a creare una sorta di minigonne in una zona di alta criticità.

Possiamo apprezzare lo stesso particolare, ma con una forma ancora più estrema, sulla Toro Rosso Str8 (FOTO). Il pezzo della vettura faentina è verticalmente più pronunciato e, con l’aumentare/diminuire dell’altezza del telaio, crea un vero e proprio tubo di Venturi. Ben visibile in foto, anche la parte centrale del diffusore è molto particolare, così come la parte esterna laterale, che presenta una svergolatura a “tutta larghezza”, senza pinna orizzontale (FOTO).

sauber-front-c32Anche oggi chiudiamo con la Sauber C32. La monoposto svizzera è davvero ricca di dettagli interessanti, alcuni addirittura unici, come la sospensione anteriore, il cui braccetto superiore/anteriore integra braccetto e leva di sterzo, con chiari vantaggi aerodinamici (FOTO). Inedita anche la piccola pinna situata in basso ai boomerang, in prossimità delle pance (FOTO).

Relativamente al fondo piatto ed al diffusore, il primo presenta ancora il classico slot davanti alle gomme posteriori, con in aggiunta uno di dimensioni più piccole (FOTO); il diffusore, invece, è di ispirazione Toro Rosso, con ben 10 pinne verticali poste al di sotto dello stesso (FOTO). Infine, confermiamo quanto già rilevato da qualche appassionato super attento: anche sulla C32 l’ala posteriore è fissata dal lato superiore del supporto, lasciando lo stesso completamente libero dalla parte inferiore, come per la Red Bull Rb9.

23 Commenti

  • Ma le gomme da bagnato/intermedie che compaiono in alcune foto vengono usate per gli installation laps?

  • se queste sono simulazioni di passo a parità non c’è confronto: Ferrari un metronomo

  • Capendo un terzo delle cose che dite – nel senso che non sono un tifoso ingegnere, non che non le spiegate bene – guardo all’evoluzione nel disegno delle monoposto degli ultimi anni.
    L’impressione per i non ingegneri come me è che la rastremazione della parte posteriore della vettura stia diventando comune a tutte le monoposto, e questa impressione me la danno come al solito le piccole scuderie come la Caterham, che arrivano sempre dopo e cioè quando possono investire in tecnologie ed esperimenti già collaudati dalle squadre più blasonate o danarose.
    È ovvio che strozzare le pance non significa automaticamente andare forte, significa rendersi conto di come l’ingegno umano, lì dove non lo faccia con inganni più o meno provati al regolamento tecnico, cerchi di recuperare prestazioni dai limiti imposti.
    Scavare la parte posteriore delle monoposto è la nuova via d’uscita per le penne degli architetti della velocità.

  • E’ presto per dire che ci sia nuovamente reiterazione di reato, diciamola così, da parte della Red Bull. Però se anche in questo campionato ci sarà la netta e troppo evidente flessibilità dell’ala anteriore della Red Bull, la FIA dovrà assolutamente fare qualcosa di forte, altrimenti perderà completamente la faccia. E che cavolo! Non si può barare per sempre e uscirne sempre indenni.

    • Si fa presto a dire che un componente è troppo flessibile, anche io lo pensavo… Però i test di rigidità statica sono uguali per tutti, la RedBull riesce a superarli e ad avere comunque un’ala abbastanza flessibile, la Ferrari sembra subire un po in questo settore purtroppo. Sono comunque fiducioso, se Massa dice che non deve più lottare per tenera la macchina in pista sicuramente siamo messi meglio dell’anno scorso…

  • Non so a voi, ma a me sta Sauber da’ l’impressione di nascere come una gran macchina! Se aver osato non dovesse portare problemi sarebbe una delle novità principali di questa stagione

  • ryudoctor
    Guarda basterà fare per una volta come il calcio..usi un sistema irregolare?..lo si nota in gara? ( e lo si verifica nel post)..ok perdi i punti ke hai fatto in quella gara stop..se vuoi portare sistemi irregolari fallo pure ma non avrai manco un punto..montezemolo tra mille cavolate qualcosa giusta la dice..chi porta soluzioni illegali anke se nella gara seguente non li potrà usare comunque ha fatto punti..dai l’ala flessibile si vede dalla moviola..

    il problema è che il regolamento tecnico è molto piu complicato del calcio per cui nn puoi dire ad occhio c è flessione , come si dice c è fallo o meno, di quanto c è flessione ??? sei sicuro che nn sia un effetto ottico….i controlli fanno fatti con metodo scientifico nn empirico ….poi basterebbe dire la la punta del naso deve essere in carbonio e la tolleranza massima è x punto….. se viene beccato a fare il furbo ti vengono tolti i punti della gara o nella prossima parti dal fondo dello schieramento…. ti faccio vedere che certe genialate nn si vedrebbero piu troppo alto il rischio di penalità…. il discorso cambio se l attegiamento della fia è una pacca sulla spalla e il richiamo verbale a nn farlo piu’….

    • si su questo sono d’accordo..in parte hai ragione..però non so se era il punto di vista ma il 99% delle moviole in tv era visibile a tutti la flessione esagerata..cmq il punto su cui dibattevo era il fatto ke la fia quando si ”accorge” di alcune irregolarità fa solo delle deroghe o dei richiami ma mai toglie punti..cioè tolta l’ala flessibile nel 2012 ricordi la situazione dei buchi red bull?..vennero richiamati ma mica sanzionati..ora non parlo di red bull solo (anke se sta sempre in mezzo kissa perchè)..parlo di FIA..

  • Dalla foto è evidentissimo che l’ala dei bibitari flette ai lati quasi a formare un arco. Scandaloso!
    Se la maFIA accetta quell’alettone di gomma, non resta che adeguarsi; è inutile andare contro i mulini a vento;

  • io spero che Rory Byrne ci metta il suo zampino di genio, per fortuna sta lavorando alla vettura 2014, chissa cosa si inventera, e una cosa e certa vorra vincere a tutti i costi per far vedere il talento che è

  • devono perdere, deve finire il loro ciclo di vittore, dai Ferrari siamo tutti con te

  • ragazzi guardate qua che ne pensate?
    http: / / www .youtube.com/watch?v=0hRaKIJoCzQ

  • con la flessibilita delle ali si potrebbe togliere subito il problema ,invece di usare i pesi la maFIA perchè non mette i sensori che misurano l’altezzada terra durante le prove del venerdi e contrassegare in qualche modo l’alettone, e dare un massimo di flessibilà così tutti arriveranno a quel limite ma senza superarlo

    • anzi non penso che due possano portare uno squilibrio alla vetture, qui piazzarli ai lati dell’alettone e dire che quel limite a secondo di quante volte verrà superato daranno una penalità più lo superi più grossa e la penalità

    • un controllo semplice e veloce….. forse troppo ……. e cmq sto punto sta a gli altri team adeguarsi alla tecnologia rb se ci riescono bene altrimenti amen….

      • Guarda basterà fare per una volta come il calcio..usi un sistema irregolare?..lo si nota in gara? ( e lo si verifica nel post)..ok perdi i punti ke hai fatto in quella gara stop..se vuoi portare sistemi irregolari fallo pure ma non avrai manco un punto..montezemolo tra mille cavolate qualcosa giusta la dice..chi porta soluzioni illegali anke se nella gara seguente non li potrà usare comunque ha fatto punti..dai l’ala flessibile si vede dalla moviola..

  • per fare polemica su di una stupitagine come questa significa che gli brucia qualcosa

  • aceinasleeve

    qualcuno sa per caso spiegare la funzione di tutte quelle feritoie verticali sui profili laterali dell’alettone posteriore? sono in molti ad averle in effetti..

    • Quelle in basso dici? Quelle, in pratica, che la Ferrari ha esteso per tutta la lunghezza delle paratie laterali (almeno, solo le ultime due)? Quelle servono per “pettinare” il flusso che arriva dal fondo/diffusore. in pratica in quella zona si cerca di portare il flusso dal basso verso l’alto, ma anche di pulirlo, questo perchè si aiuta il diffusore nell’estrarre più aria possibile creando una zona di pressione intermedia tra quella che c’è sotto la vettura (depressione) e l’aria che investe la macchina quando cammina (pressione normale, in questo caso potremmo definirla “alta pressione”, che poi è quella che schiaccia la vettura a terra).

    • Io invece penserei che sono pensate per espandere l’aria anche in senso laterale, oltre che verticale…

  • l ala anteriore flettera come sempre in casa red bull…alla faccia delle norme ridicole della fia che dovrebbero impedirlo..

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!