Ferrari conferma: anche Byrne lavora al progetto 2014

Rori-Byrne

Rory Byrne, ex capo progettista Ferrari, torna a Maranello con un ruolo operativo nella creazione della vettura 2014. Così come avevamo anticipato la scorsa settimana, il sessantanovenne sta già lavorando a pieno regime al progetto della vettura 2014 che ha a capo l’italiano Fabio Montecchi, con Byrne che sembra stia dando un grande contributo allo sviluppo delle nuove idee. A confermarlo è stato un portavoce della Scuderia Ferrari.

L’ingegnere sudafricano aveva lasciato il suo ruolo operativo nel 2006, ma ha mantenuto in Ferrari un ruolo da consulente per le vetture stradali, nonostante per tre quarti dell’anno spenda il suo tempo in Thailandia. L’ultima sua fatica si concretizzerà con la nuova Ferrari Enzo, la supercar  che debutterà il prossimo 5 marzo.

Una delle ultime monoposto strepitose di Byrne fu la Ferrari F2004 che detiene ancora il riconoscimento di essere una delle vetture più veloci di sempre. Detiene ancora il record sul giro in sette degli otto circuiti che rimangono ancora nel calendario di F1. Ha vinto ben 15 gare su 18, con Schumacher che conquistò il titolo con quattro gare di anticipo.

62 Commenti

  1. Mmh… l’ unico tecnico che ha saputo far meglio di Newey nell’ ultimo decennio. Mossa saggia da parte della Ferrari, con la rivoluzione copernicana del 2014 le idee nuove, anticonvenzionali e geniali servono come il pane.

  2. forse la ferrari comincia a fare paura ??? inatnto pensiamo a quest anno . la RB o meglio i lattinari, l’anno scorso e dco solo l’anno scorso hanno vinto con il placet fia, che ha fatto passare porcherie immani , ultimo il muso di gomma. ora tutti si preoccupano su cosa possa essere la feritoia di maranello ? e’ la rb a voler avuto la guerra , che la guerra sia.

  3. Sulle Bridgestone ci sono le solite leggende metropolitane, peccato pero’ che tutti dimentichino facilmente, il mondiale vinto grazie alle Michelen sulla Mclaren quando la Ferrari rimase fedele alle good year e le stagioni in cui le Bridgestone furono inferiori alle coperture francesi…

      1. beh perdonami…ma sono argomentazioni prive di fondamento e di qualsiasi prova a sostegno.

      2. come quelle sulla red bull allora…e la stessa cosa! e ti confesso che la red bull non mi sta affatto simpatica

      3. No caro….la Red Bull è finita davanti alla Fia in più occasioni nel corso del 2012…dal fondo irregolare di Montecarlo, alla questione dei cilindri a Silverstone, la regolazione dell’altezza in parco chiuso in Canada ecc…quindi il fondamento c’è eccome. La Ferrari invece non è mai stata contestata…questa è la differenza.

      4. Caro mio il troll qui sei te! Perchè in un articolo dedicato alla ferrari e al suo ex progettista dici che la bridgestone faceva le gomme su misura per la ferrari?!?!? E le mie non sono affatto offese…

  4. LOL
    la bridgstone creava le gomme in base alla preferenza della ferrari

    leggende metrolitane…. si potrebbe obiettare che newey vince grazie ad un regolamento che vale solo poer gli altri…. e poi nel 2000 mi pare che anche la meclaren montasse le brigstone …. e pure ll epoca della benettoin c er ala monogomma….

      1. alla Ferrari erano state contestate irregolarità sulle vetture??? NON MI PARE PROPRIO. La Red Bull invece è stata pescata con soluzioni irregolari, sono state fatte indagini dalla Fia , sono stati chiamti a giustificarsi e tutto il resto. Il tuo discorso non ha senso.

    1. Scusate ma ci si sta riferendo ad un periodo in cui vi era concorrenza anche tra i gommisti.. mi pare evidente che la Bridgestone sviluppasse le coperture sulla base della vettura che era la punta di diamante tra quelle che forniva… sull’esigenze di chi altro le avrebbe dovute sviluppare?? La ferrari poi era l’unica, vista la mole di test in pista che eseguiva, a riuscire a dare dei feedback consistenti alla casa nipponica

  5. LOL
    la bridgstone creava le gomme in base alla preferenza della ferrari

    invece di parlar male degli altri non sarebbe invece meglio pensare a se stessi? La faccia dell’uomo del tuo avatar dice tutto…

Lascia un commento