Accordo RAI – Sky raggiunto: ecco la programmazione 2013

Ufficializzato l’accordo tra RAI e Sky per la trasmissione della F1 2013. Monza sarà evento di interesse nazionale e sarà trasmesso in chiaro.

f1-monza

La RAI ha finalmente confermato in maniera ufficiale di aver raggiunto un accordo con Sky Italia per la trasmissione della Formula Uno in chiaro. La televisione pubblica, come già largamente anticipato, trasmetterà 9 dei 19 GP in diretta, mentre le altre in differita di 3 ore.

L’azienda di Viale Mazzini avrà i diritti anche per trasmettere le prove libere e le qualifiche, trasmesse in differita, anche se per ora non si sa se in versione integrale o con sintesi.

Si noterà come sono state sacrificate alcune gare importanti (come Montecarlo e Spa) per trasmettere gara come Canada e Stati Uniti in diretta che – altrimenti – sarebbero dovute andare in onda non prima dell’una di notte o il giorno seguente.

Questo il calendario delle gare in esclusiva su Sky e che la RAI trasmetterà in differita:

17 marzo: Australia, Melbourne
24 marzo: Malesia, Kuala Lumpur
21 aprile: Bahrain, Sakhir
26 maggio: Monaco, Monte Carlo
30 giugno: Gran Bretagna, Silverstone
7 luglio: Germania, Nürburgring
25 agosto: Belgio, Spa-Francorchamps
6 ottobre: Corea, Yeongam
27 ottobre: India, New Delhi
3 novembre: Aabu Dhabi, Yas Marina

 

64 Commenti

  1. Alceus
    Semmai aggiungo alla mia critica Inghilterra e Francia, non certo tutta l’Europa.. e comunque il discorso non cambia;).. io Sky non ce l’ho, e spendere soldi solo per vedere il mio sport preferito mi pare una boiata..se tu sei disposta a farlo, accomodati..

    E chi si salva in Europa? La Spagna che prima del 2000 la F1 manco la trasmetteva?
    La Germania che ha demolito completamente il vecchio Hockenheimring piantando addirittura degli alberi sui resti della pista? Un vero e proprio stupro.
    Tutta l’Europa va criticata dal punto di vista di un appassionato chi per un verso chi per un altro.
    Sky ce l’ho da una vita perchè ho la ferma convinzione che la qualità si paga. Infatti non ho neanche il decoder per il digitale terrestre, non mi serve.

    1. La mia critica riguarda la trasmissione in chiaro dei gran premi. Concordo sugli innumerevoli stupri perpetrati da questo o quel paese alla propria tradizione motoristica (anche se ben vengano gli alberi all’hockenheimring piuttosto che niente..), ma qui il discorso si allarga..
      Che la qualità si paghi non v’è alcun dubbio, infatti sono certo che Sky farà un ottimo lavoro e offrirà agli appassionati un’esperienza fantastica. Il punto è fornire certi contenuti oppure no, non c’entra la qualità. Una tv pubblica, qualunque sia il paese, due ore ogni quindici giorni ce le potrebbe dedicare a questo sport, pur a bassa risoluzione e senza commento..o almeno, a parer mio, così dovrebbe essere.

Lascia un commento