La Lotus sogna: Raikkonen si prende Melbourne!

17 marzo 2013 10:38 Scritto da: Antonino Rendina

In Australia Kimi mette in scena la gara perfetta e, con una Lotus mai così competitiva, adesso pensa in grande.

raikkonen-australia-lotus-e21-2013E dire che l’aveva sussurrato anche durante i test collettivi, ma le poche parole spiccicate per l’indole magnificamente pigra che lo contraddistingue non avevano suscitato troppo clamore.

Eppure Kimi Raikkonen lo aveva ripetuto più volte nelle gelata Barcellona: “Se partiamo bene possiamo vincere anche il mondiale, perchè la macchina è buona…”.

E’ bastato metà Gran premio di Australia per capire che Raikkonen non scherzava affatto, è bastato guardarlo inanellare giro dopo giro una progressione disumana nel primo stint, mentre gli altri andavano in crisi di gomme. Non lui, che sulla precisione di guida e la sensibilità di piede ha costruito il suo piccolo regno, fatto di un titolo mondiale e di venti vittorie iridate.

Kimi – magistrale nella gestione delle Pirelli al punto che sembra averle capite più di tutti – ha optato per una strategia di due soste, una in meno degli altri big. Ritardare la seconda sosta per arrivare fino in fondo; quello che Felipe Massa ha definito “impossibile“, è stata la scelta più naturale per la Lotus. L’azzardo calcolato che fa salire le quotazioni del team di Enstone, che ora spaventa.

Raikkonen, non si scompone più di tanto, celando la felicità per un esordio vincente che mancava dal 2007, guarda un po’ proprio l’anno della corona iridata: “Sono felice certo, ma per parlare di titolo dobbiamo lavorare ancora tanto….”

Eppure il finlandese sembra quasi scherzare gli avversari quando, seraficamente, ammette: “Mi sento bene ma non direi che mi sono divertito negli ultimi giri a spingere e a fare il best lap, perchè Fernando mi stava prendendo, perciò ho forzato per mettermi al sicuro in caso di arrivo della pioggia. Sino ad allora avevo un po’ risparmiato le gomme”. Capito? Mentre in molti si aspettavano un repentino decadimento della mescola, Kimi gestiva le gomme lasciando ancora un margine prestazionale. 

Con una macchina così veloce e al contempo dolce con le mescole tutto è possibile: “Fare due soste era la nostra strategia, sapevamo che la monoposto ce lo avrebbe concesso. A dire il vero, anche se partivo settimo, sapevo di avere una macchina veloce. Non volevo dirlo prima della gara ma avevo ottime sensazioni. Questa vettura è andata bene per tutto il fine settimana”.

Kimi è taciturno, singolare nel modo di esternare le emozioni. Ma non certo un egoista. Via radio i complimenti, sebbene pacati, sono per i ragazzi del team: “Mi avete dato una grande macchina”. Come se dovesse essere lui a ringraziare la Lotus. Facciamo fifty-fifty, ci permettiamo di aggiungere noi.

Perchè se è vero che la E21 c’è, va anche detto che il finlandese ha confezionato un piccolo capolavoro, fatto di tenacia, ritmo, concentrazione. Un tamburo battente che ha martellato per cinquantotto giri, dalla strepitosa partenza al passo gara monstre. Non a caso il collega di box Romain Grosjean ha racimolato appena un punticino in extremis e si è fermato tre volte ai box.

Questo trionfo porta la firma in calce di Raikkonen, senza farsi abbindolare da chi vorrà farla passare per una vittoria della macchina. Kimi che nella casella vittorie raggiunge Mika Hakkinen, quel connazionale che gli ha fatto un po’ da mentore, quando a inizio millennio Iceman era un ragazzino spaurito gettato nella mischia.

Una giornata perfetta per Iceman nell’emisfero australe, altri piloti avrebbero fatto capriole di gioia, lui ti guarda e dice: “Non è cambiato niente, è solo la prima…”

11 Commenti

  • contebaracca

    La lotus è certamente una vettura eccellente e non è una sorpresa, l anno scorso lo aveva già ampiamente dimostrato. Kimi è sicuramente un ottimo pilota anche se a mio avviso troppo incostante come ha fatto vedere in passato compreso la stagione passata che altellenava gare da prima guida a gare dietro al compagno… E non scordiamoci l ultimo anno in ferrari con una macchina fotonica si fece asfaltare da massa ( e massa non sarà mai e mai è stato un fuori classe stellare) ieri la corsa l ha vinta meritevolmente ma il merito va anche al team che ha azzardato con le 2 soste azzeccando proprio la migliore delle tattiche infatti non si sono mai visti degradi neanche in ferrari ma loro credevano che le 3 soste fossero la tattica migliore, non scordiamoci che a consumi lotus è ferrari nei test e nelle prove si sono sempre eguagliate e hanno sempre mostrato qualcosa di più della concorrenza… Quindi vediamo le prossime gare chi saprà essere più costante e chi saprà migliorare costantemente le proprie vetture.

  • Fabiohot79

    Cari tifosi di kimi e sopratutto noi ferraristi…..non esaltiamoci troppo,daccordo buona la prima…ma i veri valori non sono questi xke? Xke oggi la red bull x diversi fattori vedi temperature..non e’ riuscita ad esprimere il vero potenziale ke secondo me e’ sconcertante….torniamo sulla terra..

  • Grande Kimi,tuo esclusivo merito.Basta vedere dove è finito il compagno di squadra e le prestazioni della macchina in qualifica.
    Basta che Raikkonen abbia una macchina che si adatta al suo stile di guida,anche se non è la più veloce, e fa tutto da solo.Come scordarsi il Belgio 2009 dove ha vinto con un catorcio.
    Se la lotus terrà botta, non avrai rivali.Agli altri non resterà che il secondo posto nel mondiale.
    E pensare che lo avevano in Ferrari……………..

  • non dimentichiamo che la lotus è nata sulle ceneri della renault di briatore-alonso adesso con i soldi della coca cola sono candidati al titolo anche se io voglio aspettare barcellona per capire se raikkonen puo lottare con il duo vettel-alonso

  • vediamo,io ero convinto che allì’inizio la lotus sarebbe stata da vittoria,certezza che è un po’ venuta meno durante le qualifiche dove la redbull sembrava su un altro pianeta ma in realtà è venuta fuori la solidità di questa ottima macchina e come(purtroppo)capita con le pirelli la differenza la fanno le gomme,brava la lotus ad aver superato gli avversari nel farle lavorare meglio. kimi oggi è stato splendido,sempre concentrato,convinto della tattica anche quando era dietro,poi ha dettato il passo gestendo quando c’era da gestire e attaccando quando c’era da attaccare,direi perfeto. sono curioso di vedere più avanti,dove gli altri colossi bombardano di aggiornamenti la propria macchina e ciò potrebbe limitare i risultati della lotus un po’ come è successo soprattutto nella fase centrale dello scorso anno. di certo per ora la lotus c’è,kimi pure,sarà importante fare più punti possibile nelle prime gare.

  • CavallinoRampante

    Grandissima gara di Raikkonen che ha meritato senza dubbio la vittoria, dimostrando il talento che un pò tutti gli riconoscono: saggezza nell’utilizzo degli pneumatici, aggressività e “gentilezza” quando serviva, gara da 10+. Se la Lotus saprà dargli una macchina al top per gran parte dei gp è un serissimo candidato al mondiale insieme a Fernando, Vettel e (Mercedes permettendo) Hamilton.

  • occhio alla lotus hanno davvero un ottima vettura con un degrado quasi inesistente

  • Super gara di Kimi, con ottima tattica di gestione delle gomme e un pit-stop in meno degli altri!
    Alla Lotus devono riuscire a sviluppare la macchina nel modo giusto per tutta la stagione e poi al resto ci pensa Kimi.

  • Visto il gap con grosjean, mi viene da pensare che in Lotus abbiano costruito la monoposto su misura per Kimi .
    E direi che han fatto benissimo.

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!