Vettel: “Sepang mi piace, ma vincere non è facile”

21 marzo 2013 14:46 Scritto da: Antonino Rendina

Sebastian parla di problemi “inaspettati” con le gomme in Australia ma si dimostra ottimista per il prosieguo di stagione. E Sepang è una sfida che lo affascina.

vettel-redbull-melbourneSebastian Vettel è pronto a gettarsi nel caldo torrido della Malesia, quella che il pilota tedesco definisce “Una pista dura, che ti mette davanti a una grande sfida, tra tanto caldo e curve impegnative” aggiungendo “Vincere a Sepang è davvero gratificante”.

Ma più che su Vettel, gli occhi saranno tutti puntati sulla sua RB9, monoposto accreditata dei favori dei pronostici ma leggermente deludente in Australia, dove ha sofferto oltremodo con le gomme in gara dopo lo splendido monopolio della qualifica.

Proprio sotto questo aspetto il campione del mondo in carica si è dimostrato più fiducioso: “Penso che Melbourne ci abbia insegnato tanto dal punto di vista degli pneumatici, tra sabato e domenica la macchina non si può modificare e quindi dobbiamo valutare un paio di cose. Ma già in Malesia miglioreremo”.

Vettel chiude ammettendo di voler vincere a Kuala Lumpur ma di non sentirsi la vittoria in tasca: “I problemi con le gomme all’Albert Park ci hanno colto un po’ di sorpresa. Sappiamo come arginarli e vogliamo tornare davanti già da Sepang, ma non correrò pensanso che il Gp è praticamente vinto. Non è così facile…”

Con Lotus e Ferrari che hanno dimostrato di avere un passo alquanto notevole, alla Red Bull stanno preparando la loro offensiva, che passerà attraverso una gestione nuovamente uniforme delle mescole, magari prediligendo un assetto più dolce e meno tarato sul giro secco.

E chissà che proprio le alte temperature malesi e un asfalto “classico” non possano dare una mano alla nuova creatura di Adrian Newey. Pioggia permettendo, ovviamente.

10 Commenti

  • Mah, io continuo a credere che le temperature basse in Australia non siano state la causa dei problemi accusati dalla RBR e questo lo dico perchè la Q2 e la Q3 si sono tenute la domenica mattina con temperature ben più basse e nonostante tutto hanno rifilato quasi un secondo a tutti e quando ci sono questi valori in campo non si spiega poi che in gara si abbia una caduta di prestazioni assolute così elevata, poi, guardando le velocità di punta in qualifica la RB9 era classificata al sesto posto, mentre, solitamente occupa le ultime posizioni, il che vuol dire che stavolta hanno prediletto un minor carico aerodinamico e mi è sembrato alquanto strano che Newey abbia rinunciato alla sua filosofia di avere sempre e comunque un carico aerodinamico elevatissimo, per cui potrebbe essere successo che scivolando di più in curva potrebbe esserci anche un maggior consumo ed effettivamente, come ho accennato anche in altri miei interventi in occasione dei test invernali, la RB9 mi è sembrata quasi pari alla Ferrari in uscita curva, mentre per il passato era assolutamente più precisa e la mia considerazione viene avvallata anche nella rubrica dell’ing. Rodo Basso che così scrive:

    “””””Lotus esce molto forte dall’ultima curva e paga qualcosa in termini di top speed. Ferrari e Redbull sono state vicine dall’ultima curva alla finish line, ma Ferrari guadagna di più in termini di top speed (trend visto anche l’anno scorso). Trend simile per la AMG Mercedes.”””””

    Ora cosa potremmo aspettarci per la Malesia???

    A mio modesto avviso la Ferrari, in Malesia, dovrà verificare la bontà delle scelte aerodinamiche effettuate e questa è la vera incognita, perchè non si conosce la resa della vettura su un circuito dove l’aerodinamica la fa da padrona, ma di logica, dovrebbe confermare almeno la bontà delle prestazioni viste a Melbourne, mentre la RBR dovrebbe ritornare alla filosofia di sempre, quindi velocità massima ridotta ai minimi termini e percorrenza in curva molto precisa, perchè con un’asfalto abrasivo, avere l’assetto visto a Melbourne sarebbe un suicidio, quindi dovremmo vedere anche delle qualifiche più combattute.

  • fossi in loro visto l’ampio margine che hanno in qualifica sacrificherei un po di prestazione in qualifia a scapito di un lavoro maggiore sulla durata delle gomme e sul passo gara

  • Myriam F2013

    Di debacle si può parlare se i bibitari si trovassero per qualche motivo,ai margini della zona punti….ma purtroppo non è così. Comunque a costo di passare per complottista, il distacco che in qualifica la RB rifila agli avversari mi suscita più di un sospetto.

  • ammazza ragazzi,parlare di debacle per un podio mi pare un pelino eccessivo,se questi sono i loro peggiori risultati c’è poco spazio per gli altri.

  • ferrarista84
    mah vedremo se sarà un caso isolato la debacle australiana

    Debacle? Non ti sembra di esagerare? Hanno dominato le qualifiche e in gara Vettel ha fatto terzo, mica diciassettesimo, nonostante abbiano avuto serissimi problemi con le gomme. Arrivare terzi soffrendo per tutta la gara a causa delle gomme, non mi sembra poi una tragedia. Anzi se riusciranno a risolvere il problema, salvo che non lo abbiano già fatto, saranno cavoli amarissimi per tutti. Perchè sulla prestazione pura hanno un vantaggio terrificante. Bisogna solo vedere se avere questo vantaggio al sabato comporta necessariamente un degrado così marcato in gara (a causa degli assetti). Ma se le due cose non fossero connesse o comunque se riuscissero a trovare un compromesso accettabile, credo che torneranno davanti a tutti senza problemi. Comunque io non parlerei proprio di debacle australiana per la RedBull, soprattutto se penso alla mia povera McLaren:(

  • mah vedremo se sarà un caso isolato la debacle australiana

  • Va bene che l’australia non è una pista congeniale, ma possono davvero fare un salto di mezzo secondo in una settimana?? Non so, ma credo che le carte si rimescoleranno un pochino…vedo tanti team forti in gara e tranne red-bull tutti vicini in qualifica…la mia domanda è 1 sec più veloce in qualifica degli altri a cosa è dovuto??temperatura gomme, rigidità, carico aereodinamico o qualcos’altro??
    In teoria se sei 1 sec più veloce in qualifica non puoi diventare 3-4a per ritmo gara a meno che l’assetto non sia totalmente fatto per qualifica..
    A questo punto mi sorge il dubbio che se la redbull non stia davanti a tutti al sabato..bhe la domenica diventi per loro un calvario..la mia impressione, nonostante che sia la prima gara è che siano costretti a cercare il limite del limite per stare davanti…

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!