Vettel: “Non posso chiedere scusa per aver vinto”

11 aprile 2013 08:50 Scritto da: Davide Reinato

Il pilota tedesco della Red Bull parla, per la prima volta dopo Sepang, della sua decisione di sorpassare Webber, nonostante un chiaro ordine di scuderia glielo vietava.

vettel singapore vittoria

Occhi puntati sulla Red Bull a Shanghai. Sebastian Vettel torna a parlare dei turbolenti fatti di Sepang e lo fa a suo modo, lasciando intendere di non essersi poi pentito così tanto di aver vinto la gara.

“Ovviamente, quello che rimane nella mente delle persone è la maniera in cui si è conclusa la gara e non c’è molto altro da aggiungere. Ho chiesto scusa alla squadra per non aver rispettato gli ordini, ma di certo non posso chiedere scusa per aver vinto. Sono pagato per farlo e corro per vincere”. Parole schiette e sincere quelle del tedesco, mai come in queste settimana al centro delle discussioni tra gli appassionati.

Una dichiarazione che lascia poco spazio alle interpretazioni, poiché non nomina neanche il compagno di squadra Webber. I due, da qui a fine stagione, saranno letteralmente separati in casa. Sebastian ha infine detto: “Le prime due gare ci hanno insegnato parecchio, ma in Cina avremo ancora una sfida tutta nuova. Pista diversa, clima diverso. Anche le gomme saranno diverse e quindi rimanere molto importante lavorare bene il venerdì nelle prove libere e poi decidere cosa sarà giusto fare per la gara”.

28 Commenti

  • Questo ragazzo è un ipocrita: prima sorpassa il compagno che si aspetta il rispetto dell’ordine di scuderia, poi si pente e chiede scusa, adesso dice che non si scusa di aver vinto. Mah.
    Ricordiamo anche che a metà gara ha richiesto lui espressamente il gioco di squadra e di farlo passare, mi pare che la situazione in RedBull sia chiara. Vero che Marc non è mai stato completamente alla sua altezza.
    Seb è velocissimo per carità, anche se forse non sapremo mai esattamente quanto, visto che sinora il confronto è avvenuto solo con Marc.
    Secondo me il vero problema non è l’arroganza, ma il fatto che abbia approfittato della situazione. Proviamo ad immaginare cosa sarebbe successo se Marc l’avesse buttato fuori…Delicata la situazione per l’australiano, teniamone conto nel giudicare il vero valore di quel sorpasso.

  • questo ragazzo ha cattiveria arroganza e palle da vendere naturalmente chi apprezza il falso buonismo criticherà a oltranza, io personalmente da oggi lo ammiro maggiormente perchè non è uno che si nasconde dietro ad un ditino

    • no infatti, è doppiamente un paraculo……a caldo, ha fatto la faccia da cane bastonato, a freddo cerca di raddrizzare la schiena e parlare come un pilota d’altri tempi…….non condivido il tuo modo di vedere uno che “ha le palle”…..per me, uno con le palle, avrebbe detto queste cose sul podio il giorno stesso, non venti giorni dopo……..è il solito bimbominkia invece !!!

  • perche’ sempre a pensare male , in fondo alla Redbull interessa il costruttori , il titolo piloti non porta nulla economicamente parlando , quindi solo un suicida non darebbe lo stesso mezzo ad entrambi i piloti.Le dichiarazioni di Vettel mi ripeto ma sono in linea con uno che vuole vincere il quarto titolo , ed ora che abbiamo una rossa veloce , lui e’ normale faccia il massimo per distanziare il piu’ possibile Alonso!!!

  • Sempre più arrogante e meno credibile, oggi a “rilanciato”:
    Non avevo capito l’ordine impartitomi per radio e le mie scuse post gara erano rivolte solo alla squadra.

    Stanno cercando di mettere una pezza alla credibilità del team e da come stanno evolvendo le cose, mi sa tanto che, sopratutto quest’anno, Webber non avrà mai una macchina “all’altezza” di quella del “compagno” fettel…

  • contebaracca

    Vettel si sta dimostrando sempre più un bamboccio viziato dalla psico tendenza onnipotente! Io mi auguro vivamente di non vederlo mai seduto su di una rossa.

  • cmq dobbiamo benedire quell episodio cosi abbiamo avuto di cosa discutere in queste settimane e perche cosi per gli avversari sarà un pochino piu facile lottare con loro che sono in duello pieno stile hamilton alonso 2007 e sperando che finisca allo stesso modo cioe con il 3 incomodo ferrarista che vince

  • L’unica cosa che non mi era piaciuta di Vettel a Sepang erano state le false scuse nel post gara. Ovviamente se ha passato Webber lo ha fatto in maniera consapevole, quindi che senso avevano quelle scuse? Queste dichiarazioni invece sono totalmente condivisibili da parte mia. E poi non venitemi a dire che Webber non si aspettava l’attacco, perchè si è difeso al limite della legalità e forse anche oltre, come giustamente osserva Pepizzi. Quindi Webber ha corso al massimo delle sue possibilità proprio come Vettel. Ad ogni modo la situazione non dovrebbe più ripetersi visto che la RedBull ha annunciato che non ci saranno più ordini di scuderia da parte loro, per cui Webber potrà benissimo ricambiare il favore se ne sarà capace. Gli ordini di scuderia ci sono sempre stati in F1 e quella assurda regola che li bandiva era una vera idiozia perchè i team potevano agirarla semplicemente, però ora si sta esagerando se si comincia a farli già dalla seconda gara.

  • F1 - Ferrari

    pepizzi
    Se ti riguardi i due giri prima del sorpasso dalla cameracar di Vettel capirai che Webber sicuramente non era in modalita’ “economy”.
    Si e’ difeso alla grande con tutte le manovre lecite possibili. Anzi quando l’ha schiacciato contro il muretto ha fatto una manovra illecita ed andava sanzionato proprio come e’ successo a shumi due anni fa.
    Sono sempre piu’ convinto che non ci sia stato nessun ordine di scuderia e che tutto questo polverone sia stato alzato per evitare la squalifica a webber. Ottimo risultato…. obiettivo raggiunto…..

    Relativamente alla prima parte del tuo discorso non hai considerato una cosa: Webber era avanti a Vettel di un “tot.” di secondi che ora non ricordo.
    Bene: in che modo Vettel ha recuperato quei secondi? Grazie alla modalità risparmio (ordinata dalla squadra) che Webber ha seguito alla lettera….e che Vettel non ha minimamente preso in considerazione.

    A quel punto la difesa di Webber era ormai inutile. Come poi è stata.

    • Webber rischiava di non arrivare a fine gara, gli hanno detto di mettere in modalità “economy” per risparmiare carburante e sicuramente ha obbedito. Vettel ha lottato contro un cavallo zoppo.

      • Michelle non sono d’ accordo sul cavallo zoppo e’ la stessa storia di hamilton e Rosberg , se uno consuma piu’ del dovuto per tirare come un forsennato all’ inizio quindi con piu’ peso e maggior consumo e’ normale che poi alla fine debba risparmiare e quindi ??? dobbiamo dire a chi ha risparmiato set di gomme in qualifica e avuto una migliore visione della gara di stare dietro??? una pazzia !!!!

    • contebaracca

      Webber era in modalità economy e doveva esserlo pure vettel ma ha disobbedito ben 2 volte non cambiando modalità e non mantenendo le posizioni congelate .
      Il team ha dimostrato una debolezza incredibile, vettel la fa da padrona, e oltre tutto in questi giorni non contenti stanno letteralmente scavando la fossa a weber a suon di dichiarazioni sempre più dalla parte di vettel

    • Ha recuperato usando le gomme piu’ performanti risparmiate nelle sessioni di qualifica e ribadisco che di economy il caro Webber non aveva nulla

  • Sbiellato
    Ma che dici?! Dopo che Webber ha condotto in testa senza problemi quasi tuttta la gara si fa infrolloccare così facilmente in 2 giri? Ma per favore.
    Ad entrambi hanno detto di andare al risparmio, la vigliaccheria di Vettel è stata quella di non dire di non essere daccordo, come invece ha fatto Rosberg, e quindi continuare a viaggiare in set performante per andare all’attacco sull’altro mantenendo il silenzio e con un settaggio favorevole. Naturalmente in RB dalla telemetria avranno immediatamente notato che Vettel non aveva impostato la macchina secondo istruzioni, ma evidentemente hanno preferito mantenere un omertoso silenzio. D’altra parte alla sosta precedente non era malauguratamente riuscito il cambio di posizione al pit perciò…
    E non farti abindolare dalle immagini, non è che una F1 in modalità risparmio diventa una Punto a metano, continua a viaggiare forte la bambina, non si percepisce la differnza dalla TV.
    E poi sulla stretta di Webber al muro è vero che lui si difende, ma è anche vero che cambia posizione in una sola manovra per prendere e mantenere la linea interna quando Vettel è si vicino, ma ancora dietro e con ancora la possibilità di andare all’esterno anzichè insistere. quando Vettel si infila lo spazio è poco ma resta costante. Cecchè se ne dica Webber è più professionale di Vettel sotto tutti i punti di vista.

    Non hai visto bene la gara, sopratutto dalla cameracar di Webber e vettel. Non ci credo neanche morto che uno si difende in quel modo, (in televisione si e’ visto solo l’attacco finale ma erano due giri che erano in lotta) ed abbia impostato la macchina “economy”. Solo uno stupido resiste in quel modo sapendo che la macchia e’ inferiore e che quindi non ha speranza. O decidi di resistere, allora tiri fuori il meglio dalla tua guida e dalla macchina o lasci passare e basta.
    Sul discorso muretto anche li ti sbagli. Il regolamento dice chiaramente che tu devi lasciare uno spazio minimo all’interno della pista ad una macchina che ti e’ affiancata anche solo per 1 centimetro. Vettel invece e’ costretto ad uscire con le gomme esterne dalla pista. Senza considerare che poi lì c’era il muretto e questo Webber lo sapeva benissimo. Webber, a norma di regolamento andava punito e non e’ stato fatto. La bella messainscena della Red Bull ha funzionato….

  • alexander brandner

    Se c’era un accordo ti devi scusare con Webber…abbi il coraggio di dirlo altrimenti fai la figura di un ipocrita ed e’ la RDB che si scusa e non tu, sei un immaturo.

  • Attenzione passaggio canguri

  • Non è che devi chiedere scusa x aver vinto, ma devi chiedere scusa x il tuo gesto nei confronti di Webber(DISONESTO)

  • “il povero Bruto, in guerra con se stesso, dimentica di fornire prova d’affetto agli altri”.

  • Be ormai Webber credo che non abbia più nulla da perdere, l’anno prossimo probabilmente lascerà la F1, in RedBull sa di non avere speranze di essere messo sullo stesso piano di Vettel (che comunque merita di essere il pilota di punta per ovvi motivi), secondo me all’interno del team hanno tirato su tutto sto polverone per quanto avvenuto in Malesia per esigenze di “facciata”, ma alla fine son ben contenti che abbia vinto Vettel.
    Quindi se le cose stanno così Webber non si porrà nessun problema a fare la guerra a Vettel e qualche volta potrebbe anche soffiargli qualche punto a meno che in Redbull gli forniscano una vettura meno performante; in ogni caso questa situazione potrebbe favorire gli avversari, speriamo!

  • Ci ha preso gusto a vincere facile…
    Non penso che ci sia bisogno di un campione per vincere contro il compagno di squadra che sta rispettando l’ordine di risparmiare benzina, gomme e motore!

    • Se ti riguardi i due giri prima del sorpasso dalla cameracar di Vettel capirai che Webber sicuramente non era in modalita’ “economy”.
      Si e’ difeso alla grande con tutte le manovre lecite possibili. Anzi quando l’ha schiacciato contro il muretto ha fatto una manovra illecita ed andava sanzionato proprio come e’ successo a shumi due anni fa.
      Sono sempre piu’ convinto che non ci sia stato nessun ordine di scuderia e che tutto questo polverone sia stato alzato per evitare la squalifica a webber. Ottimo risultato…. obiettivo raggiunto…..

      • Ma che dici?! Dopo che Webber ha condotto in testa senza problemi quasi tuttta la gara si fa infrolloccare così facilmente in 2 giri? Ma per favore.
        Ad entrambi hanno detto di andare al risparmio, la vigliaccheria di Vettel è stata quella di non dire di non essere daccordo, come invece ha fatto Rosberg, e quindi continuare a viaggiare in set performante per andare all’attacco sull’altro mantenendo il silenzio e con un settaggio favorevole. Naturalmente in RB dalla telemetria avranno immediatamente notato che Vettel non aveva impostato la macchina secondo istruzioni, ma evidentemente hanno preferito mantenere un omertoso silenzio. D’altra parte alla sosta precedente non era malauguratamente riuscito il cambio di posizione al pit perciò…

        E non farti abindolare dalle immagini, non è che una F1 in modalità risparmio diventa una Punto a metano, continua a viaggiare forte la bambina, non si percepisce la differnza dalla TV.
        E poi sulla stretta di Webber al muro è vero che lui si difende, ma è anche vero che cambia posizione in una sola manovra per prendere e mantenere la linea interna quando Vettel è si vicino, ma ancora dietro e con ancora la possibilità di andare all’esterno anzichè insistere. quando Vettel si infila lo spazio è poco ma resta costante. Cecchè se ne dica Webber è più professionale di Vettel sotto tutti i punti di vista.

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!