Hembery: “Ecco perché modificheremo gli pneumatici”

14 maggio 2013 16:29 Scritto da: Redazione

L’intervento di Paul Hembery, Direttore Motorsport di Pirelli, che ci spiega il perché della decisione di apportare le modifiche agli pneumatici PZero a partire dal GP del Canada.

paul-hembery-chat“Il nostro obiettivo è offrire ai Team nuovi pneumatici che presentino le caratteristiche di stabilità del range 2012 e le prestazioni del 2013. E’ tradizione Pirelli apportare, in maniera rapida, miglioramenti ai nostri prodotti, quando necessario. In questo caso abbiamo deciso di introdurre una ulteriore evoluzione dei nostri P Zero poichè i quattro pit-stop del Gran premio di Spagna sono stati eccessivi. Un tale numero di soste si è verificato soltanto una volta, dal nostro rientro in Formula Uno nel 2011.

Nel dettaglio, i cambiamenti che apporteremo comporteranno un minore stress alle mescole, con l’effetto di ridurre il consumo e il numero delle soste.

I test invernali sono stati insufficienti a raccogliere i dati necessari per uno sviluppo soddisfacente del range 2013, con la conseguenza di aver progettato delle coperture troppo orientate alla prestazione. Appena ce ne siamo resi conto, abbiamo iniziato a studiare delle soluzioni alternative. Val la pena sottolineare che i test invernali, come sono attualmente pensati, non permettono di provare gli pneumatici nelle stesse condizioni di gara, soprattutto a causa delle basse temperature. Inoltre, il numero di tali test è eccessivamente limitato. Anche i Team stanno chiedendo di avere test più lunghi e in luoghi più adatti. Tali limitazioni ci hanno costretto a uno sviluppo delle gomme 2013 sulla base di simulazioni che, per quanto accurate, sono state comunque insufficienti, soprattutto a causa dell’aumentata velocità delle vetture di quest’anno (fino a 3 secondi al giro).

Lavoreremo, inoltre, per eliminare le delaminazioni causate dai detriti in pista. Il fenomeno della delaminazione non mette a rischio la sicurezza delle vetture, ma anzi assicura ai piloti la possibilità di completare il giro e rientrare in modo sicuro ai box per il cambio della copertura danneggiata. La delaminazione, infatti, consiste nella perdita del battistrada ma non comporta un danneggiamento della struttura della gomma. Il nostro obiettivo è eliminare le delaminazioni, garantendo ai piloti la stessa sicurezza offerta dagli pneumatici attuali.

Desidero, in ultimo, ringraziare tutti i Team per il loro continuo e valido supporto e per la collaborazione che ci stanno dando nell’identificare il corretto compromesso tra la pura velocità, che è nel DNA di Pirelli, e una riduzione delle soste “.

66 Commenti

  • MassaisTheBest

    E piantatela di fare i complottisti, volete aspettare che succeda qualcosa di grave a qualcuno che fora una gomma in un punto pericoloso per accettare di cambiarle?

    • massaisthebest. e come mai quando la ferrari aveva problemi con le gomme non le hanno modificate. poi perdonami ma e’ la stessa pirelli a dire che non e’ per motivi di sicurezza. se non e’ fatto per favorire dimmi perche’ cambiano dal momento non e’ per sicurezza. buffoni sono e buffoni restano.

  • Ecco il solito papocchio regolamentare a sfavorire Ferrari e Lotus.
    Quando 2 macchine si presentarono con il doppio fondo irregolare la federazione non cambiò nulla nonostante l’evidente disparità e un campionato monomarca. Ora per un degrado degli pneumatici su alcine macchine occorre cambiare le gomme! Fatemi il piacere, è ridicolo.

  • ridicolo:
    dire “stabilità 2012 e prestazioni 2013″ vuol dire “facciamo continuare ad andare veloci le macchine con queste gomme come nel 2013 ma le facciamo durare di più così quelli che hanno finora “perso” per il degrado gomme, potranno spingere senza problemi”.
    Questo è ciò che significa, senza se e ma, senza interpretazioni.
    Insomma facciamo andare veloce come nel 2013 mercedes e RB. Ma siccome durano poco in gara, le facciamo durare di più. Non tanto a scapito della ferrari, quanto della lotus, poveracci, che hanno lavorato benissimo senza risorse economiche così infinite.

  • Cisco_wheels

    Boullier non si è detto molto felice dell’approccio della Pirelli. La Lotus è giustamente inviperita: Hanno lavorato sodo per plasmare la vettura sulle gomme Pirelli 2013, hanno un pilota stratosferico sulla gestione gomme… ed ora rischiano di trovarsi con un lavoro annullato dalle lamentele RB. Assurdo.

    • il rischio di trovarsi col lavoro annullato non c’è, perchè chi usa meglio le gomme ora le userà meglio anche dopo. quello che mi preoccupa per la ferrari è il giro secco, non vorrei che in qualifica tornasse a beccare 8 decimi.

  • Visto che è appurato che il problema vero sono i test limitativi che vengono svolti, la modifica sulle gomme dovrà essere contestuale alla reintroduzione dei test su pista, altrimenti non si cambia nulla o a correre rimane la RB da sola.

  • Immaginate se dopo il cambiamento ferrari e lotus riescono a fare in media 1/2 soste e la reb-bull ne fai in media 2/3 cosa si inventeranno???? Secondo me che le gomme sono troppo durature….ahahahahah Ovviamente è un ipotesi del tutto irreale.

  • Ragazzi facciamo neri i tori stando alle loro regole. Sarebbe meglio di una trom*ata

  • ecco la risposta della lotus. la ferarri invece tace.
    “A differenza della Red Bull, la cui politica di sviluppo è basata esclusivamente sull’aerodinamica, noi facciamo parte di quel gruppo di squadre, insieme alla Ferrari, che hanno tenuto conto anche del lavoro della Pirelli quando abbiamo progettato la nostra monoposto. Dunque, siamo rammaricati di questo cambio” ha detto Boullier.

  • come dice hambery, lotus e ferrari quest’anno hanno delle soluzioni meccaniche che aiutano a gestire le gomme e anche con quelle nuove questo vantaggio tecnico non verrà perso. comunque ora basta piangere, ci vuole anche un pò di orgoglio, dunque dico che batteremo la red bull comunque, su qualunque terreno loro vogliano giocare.

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!