Sato, la F1 è un capitolo chiuso. “Penso solo alla Indy”

16 maggio 2013 12:39 Scritto da: Davide Reinato

Takuma Sato accoglie positivamente l’annuncio del ritorno della Honda in F1, ma ammette che un suo coinvolgimento è da escludere.

takuma-sato-toro-rosso

L’annuncio del ritorno della Honda in Formula 1 riporta in corsa anche alcuni piloti giapponesi che – per motivi diversi – sono rimasti fuori dal Circus in questi anni. In particolare, drivers come Nakajima, Kobayashi e Sato riprendono riacquistano considerazione in Formula 1.

L’unico ad aver già escluso un ritorno è proprio Takuma Sato. Alla sua quarta stagione in IndyCar, il pilota giapponese è ora leader della classifica dopo aver ottenuto la prima vittoria a Long Beack il mese scorso. A 36 anni, Takuma non vuole tornare in F1: “Tutta la mia attenzione è focalizzata al 100% sulla Indy. La F1 è stata una bella esperienza, ma adesso sono felice qui”.

La carriera del giapponese nel Circus si chiuse insieme a quella della Super Aguri, subito dopo il GP di Spagna 2008. Ha avuto l’occasione di tornare l’anno seguente, quando era riuscito a convincere la Toro Rosso a dargli un’occasione, ma venne scartato per far posto a Sebastien Bourdais.

“Il giorno in cui la Super Aguri si è ritirata per problemi finanziari, è stato un momento triste per tutti. Grazie alla Red Bull, avevo avuto una grande opportunità di poter tornare in F1 con la Toro Rosso. Ho fatto i test invernali con successo, ma per qualche ragione non abbiamo concluso l’accordo. Ed è stato un vero shock. In seguito ho avuto qualche trattativa, ma semplicemente nulla è andato in porto”, ha ammesso Sato.

“La F1 non è paragonabile a nessuna altra categoria, ma non è l’unica serie al mondo. Ora voglio concentrarmi sulla Indy”, ha concluso.

3 Commenti

  • Potrebbe essere che, se Perez diventasse uomo squadra e Button decidesse di appendere il casco al chiodo (visto che si parla di 2015)forse un giapponese , anzi: UN giapponese, potrebbe anche andare in McLaren.

    Però è difficile che McLaren non abbia almeno un pilota anglosassone.

    Qualche spiraglio ci potrebbe essere se Honda fornisse un secondo team tipo Williams o Marussia (che ha una partnership con McLaren).

    Comunque Kamui era un uomo Toyota, non se sia ancora legato a loro.

    Staremo a vedere.

    • principesco88

      Ciao Ostix!!! I Giapponesi sono molto nazionalisti, per cui non è escluso che se la Honda diventasse fornitrice di un’altra scuderia chiederebbe Kamui come pilota (o forse un altro giovane sconosciuto). Forza Kamui, torna presto in F1!

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!