Pirelli, cambio in corsa. Le reazioni di Lotus e Ferrari

17 maggio 2013 12:18 Scritto da: Valentina Costa

Il Team Principal della Lotus ritiene frustrante che si cambino gli pneumatici a metà stagione a causa delle lamentele di alcuni team. E sulla polemica delle quattro soste in Spagna torna la Ferrari, in un editoriale al vetriolo firmato dal Grillo Rampante.

eric-boullierSono passati cinque giorni dal Gp di Spagna, ma rimane viva la polemica sulla resa delle PZero, innescata dagli strali del patron della Redbull Dietrich Mateschitz. Dopo l’annuncio del Direttore Motorsport, Paul Hembery, che, a partire dal Gp del Canada, la casa milanese porterà degli pneumatici che limiteranno i problemi di delaminazione e riusciranno a ridurre il numero delle soste a due/tre per gara, non si fermano i botta e risposta tra le scuderie, così come le speculazioni su chi ne uscirà meglio da questo cambio in corsa.

Così, se due giorni fa ad intervenire era stato Chris Horner, ieri è arrivata pronta la risposta da parte del Team Principal della Lotus, Eric Boullier. “Non sono molti gli sport in cui dei cambiamenti così importanti arrivano a metà della stagione. Immaginatevi per un momento che, in una partita di calcio, poiché una squadra non riesce a correre veloce come quella avversaria, venga ridotta la dimensione del campo a fine primo tempo”.

Boullier sostiene che lo scorso anno tutti i team hanno avuto informazioni sul comportamento delle Pirelli 2013 nello stesso momento, dunque tutti hanno avuto modo di sviluppare le proprie vetture in modo tale da fare il miglior uso possibile di queste gomme. “Certamente, alcune squadre hanno fatto un lavoro migliore di altre, e alcuni piloti sono più adattabili di altri ai cambiamenti nella macchina e nelle gomme”.

La Lotus, insieme alla Ferrari, è tra le scuderie che hanno fatto vedere le migliori prestazioni con le gomme PZero. Il cambiamento nelle mescole, con tutte le sue incognite, arriva inoltre in un momento in cui Kimi Raikkonen, vero osso duro sulla “lunga distanza” data la costanza nei risultati, si trova ad appena 4 punti da Sebastian Vettel e dalla vetta del mondiale piloti.

Boullier si mostra comunque ottimista: “Abbiamo un team di ingegneri e aerodinamici di talento che lavorerà il doppio del solito per fare in modo che l’adattamento a questi cambiamenti sia il più competitivo possibile”.

A gettare benzina sul fuoco, questa mattina, ci ha pensato la Ferrari, attraverso un’editoriale del Grillo Rampante intitolato, significativamente, “Ricordi di gomma”. Box Ferrari SpagnaL’articolo torna sulla polemica delle quattro soste per Gran premio: “Sono tempi difficili per chi non ha memoria. Forse condizionati dalla quantità di informazioni oggi disponibile, si parla troppo in fretta, dimenticandosi di fatti accaduti in un passato più o meno recente”, esordisce. “Ne è un esempio classico la vicenda del numero delle soste ai box. Alti lai si sono levati per sottolineare che diverse squadre – sia chi è salito sul podio sia chi c’è rimasto piuttosto lontano – hanno effettuato quattro pit-stop nell’ultimo Gran Premio di Spagna, rendendo la gara di difficile comprensione.

Peccato che queste anime belle fossero rimaste silenti due anni prima quando, sia sullo stesso Circuit de Catalunya che sul tracciato di Istanbul, cinque dei sei piloti che salirono sul podio fecero esattamente lo stesso numero di soste di Alonso e Massa domenica scorsa nel Gran Premio di Spagna”.

L’articolo ricorda come quattro soste furono quelle che consentirono a Michael Schumacher, nel Gp di Francia 2004, di imporsi su Fernando Alonso, allora in Renault. “E quel giorno, noi ce lo ricordiamo bene, tantissimi furono gli elogi per chi scelse quella strategia e per il fornitore di gomme che rese possibile massimizzare il potenziale della vettura. Oggi, invece, sembra quasi che ci si debba vergognare di aver scelto una strategia che, come sempre del resto, è volta a tirare fuori il massimo dal pacchetto che si ha a disposizione.

C’è da chiedersi come in casa Red Bull tradurranno “alti lai”.

109 Commenti

  • Sarà che penso in modo semplice e non troppo complicato, ma da quando la RB le sta prendendo, sento solo lamenti per colpa di terzi. Vettel non può spingere perché deve preservare le gomme, il Kers non funziona perchè l’alternatore si rompe. Cioè già erano antipatici quando vincevano (anche in germania non è che ci sia la febbre come per MS…ma il merito va a Marko in perenne supponenza) ora sono anche insopprtabili.
    Gli altri hanno gli stessi pneumatici cara RB &Mercedes, solo che altri hanno migliorato o rivoluzionato le loro monoposto.
    Non riesci a competere? Beh pazienza vuol dire che dovrai darti da fare a migliorare il tuo pacchetto e non gli altri a mettersi ai tuoi servigi.

  • Attenzione sky si ta preoccupando, inizia a temere una marea di disdette, ieri sera ho inviato una mail, direttamente dal sito di sky, dicendo di fare attenzione perchè questa situazione potrebbe essere dannosa per i suoi utenti e quindi per se stessa,in quanto io in primis ma forse anche altri al compimento del ribaltone avrebbero inviato immediata disdetta, stamani di buon ora sono stato contattato telefonicamente da una responsabile che si mostrava dispiaciuta ma naturalmente mi ricordava che non era una decisione a cui partecipavano loro direttamente e comunque se avessero ricevuto altre lamentele in tal senso avrebbero passato la questione a chi di competenza, per cui chi fosse interessato è invitato a fare le sue rimostranze, sempre che ne sia cliente, direttamente a sky dato che hanno iniziato a preoccuparsi.

  • Io ero un atleta e non capisco quale è il problema. .. è come dire da domani si corre con uno zaino di 10 kg sulla schiena. Non è che ci devo correre solo io ma tutti quanti. Quindi se sono il migliore correrò ugualmente più forte di tutti, ma la gara ovviamente durerà di più. Se ora si cambiano le gomme è solo per una ragione di sicurezza e non ne beneficerà nessuno. I valori in campo resteranno gli stessi. Vorrà dire che la lotus non farà più 3 soste ma 2 e la RB 3. Perché si fanno articoli solo per parlare di qualcosa?

    • perdona MomoF1, usavi un mezzo tecnologico dal quale dipendeva la tua performance?
      Se no, ti sei risposto da solo.

    • String Quartet

      Io direi più che altro: “Perché si fanno commenti solo per riempire uno spazio?”. Come ti ha detto matfil, il tuo discorso non farebbe una piega se non ci fosse un mezzo tecnologico che può variare le performance. Bastano già pochi gradi di differenza e una vettura velocissima diventa un carretto a causa delle gomme… Il tuo discorso avrebbe senso se fosse un semplice discorso di peso…

    • riscossa rossa

      Il problema non è di diminuire tutti di una sosta, ma è ben più complesso. Io credo che Red Bull con un consumo inferiore di ora, avrà lo stesso numero di soste degli altri e i piloti potranno tirare di ppiù l’auto che non è generosa con le gomme….. risultato? E’ semplice, le lattine potrebbero diventare imbattibili mentre Ferrari e Lotus non riusciranno a fare una sosta in meno e quindi arriveranno dietro! Se sarà così, prometto di non veder più i GP….. mi meraviglio della Pirelli…..

    • Magari la F1 fosse così semplice: peccato che stiamo parlando di meccanismi complessi in cui un cambio di mescola porterebbe ad un cambiamento non lineare, bensì esponenziale, dei valori in campo: chi era davanti guadagna 1 e chi era dietro 5 giusto per fare un esempio, quindi chi era davanti vedrebbe di fatto annullato il proprio vantaggio costruito su un lavoro migliore degli altri e non su imbrogli. Se fossi uno di quelli davanti mi inc****rei non poco.

  • giusto , come si fa a paragonare il 2004. invece guarda caso quando red truff vince , leggasi barhein con le stesse gomme della spagna non parla. al contrario appena becca 40 secondi straparla. pace tanto il problema e’ superato dalla fia che sa benissimo che senza l unanimita , le gomme non si possono cambiare. per il ritiro , penso che alla ferrari un eventuale multa gli puo fare un baffo, meglio la multa ma io levo le macchine dalla formula truffa.

  • L’articolo del Grillo parlante è veramente qualcosa di assurdo. Ma come si fa a paragonare il Gp di Francia del 2004 con quello di Spagna del 2013? Anzitutto nel 2004 c’erano ancora i rifornimenti di carburante, quindi chi faceva un numero elevato di pit non lo faceva perchè si consumavano le gomme dopo 3 curve, ma lo faceva per avere una macchina sempre più leggera degli altri in modo da avere un ritmo gara migliore. Secondo, nel 2004 non c’era un fornitore unico di pneumatici, infatti 4 team avevano le Bridgestone e 6 team avevano le Michelin. Terzo, le gomme Pirelli sono tutto fuorchè gomme che consentono di massimizzare la prestazione delle vetture, infatti uno squilibrio tale tra qualifiche e gara io non me lo ricordo mai. La Mercedes che partiva in prima fila, ha raccolto solo 8 miseri punti senza avere nessun incidente e senza commettere alcun errore, per giunta in un circuito in cui storicamente chi partiva in prima fila arrivava sempre a podio.

    Detto questo, io sono assolutamente in disaccordo con la scelta di cambiare gli pneumatici nel corso della stagione: è SBAGLIATISSIMO. Infatti se ci sono team che li gestiscono meglio, significa che hanno lavorato meglio con il materiale a disposizione, quindi se ottengono risultati migliori e giusto che si renda loro il merito di aver fatto meglio. Le critiche alla Pirelli sono comprensibili da parte dei tifosi(a cui non piace lo spettacolo deprimente delle gomme di burro), ma non da parte dei Team. Infatti le squadre oltre ai test invernali, hanno avuto nel corso della passata stagione dei treni di gomme sperimentali con le mescole di quest’anno, quindi se non si sono opposte prima dell’inizio della stagione, non ha senso farlo ora.
    Infine visto e considerato che i problemi con le gomme non sono manifestati da tutti i Team, significa che alcuni sono riusciti a capirle e non è impossibile correrci, quindi cambiare in corsa gli pneumatici vuol dire frustrare gli sforzi delle squadre che hanno lavorato meglio con gli penumatici, per avvantaggiare chi invece ha svolto un lavoro peggiore.

  • E’ sbagliato dire che la Ferrari dovrebbe ritirare la squadra dal campionato, perché semplicemente non può.
    Quando uscì la notizia del diritto di veto molti dissero che c’era un trucco dietro ed era così: essendo stata riconosciuta team fondatore (unico peraltro, e questo dice parecchio sul suo valore mediatico nel circus) la Ferrari non può ritirare le macchine neanche da una sola gara, pena una multa molto ma molto elevata.
    Capito gli anglo-francesi? Hanno hanno legato la tigre per attirare ed intrattenere il pubblico sotto i cui occhi i sorci fanno i loro comodi senza che si possa fare nulla!
    Se veramente volessimo cambiare qualcosa sta solo a noi, la Ferrari può solo parlare.
    Mateschitz dice “questa non è più F1″, vero Dietrich questa è Formula Money, chi paga di più vince.

    Il discorso sicurezza non sta in piedi, perché 1-queste gomme sono così proprio per evitare che si affloscino in caso di foratura e quindi permettere al pilota di rientrare ai box con discreta sicurezza; 2-le soft e le supersoft non hanno dato alcun tipo di problema finora, quindi perché cambiarle? 3-per evitare gli sfaldamenti si cambia la struttura, non si indurisce la mescola per renderle più durature.

  • una cosa la ferrari potrebbe farla, ritirare la squadra dal campionato. vorrei proprio vedere quanto continurebbero a vedere la formula farsa.

  • A questo punto credo sia piu’ facile che io vinca il
    Campionato Mondiale Piloti 2014 piuttosto che alla Pirelli venga rinnovato il contratto 2014………..

  • Se su google scrivete “contatti pirelli” esce un sito con tutte le e-mail dell’ufficio stampa Pirelli.
    Ci sono anche i numeri di telefono! e prima di mandare un e-mail ho telefonato e parlato con il responsabile dell’ufficio motorsport,persona molto gentile ed educata.
    Una telefonata di più di una mezz’oretta in cui cordialmente a cercato di infinocchiarmi con tutta una serie di discorsi e discorsetti vari, adducendo la colpa alla emotività dei giudizi di noi tifosi e dicendo di aspettare a giudicare,che comunque la Pirelli avrebbe gestito la cosa con serietà.Ma siccome qui nessuno è fesso,continuando a parlare sull’argomento soste e sicurezza non ho ricevuto risposte interessanti se non contraddizioni o implicite ammissioni.
    Comunque l’ufficio stampa Pirelli va subissato di e-mail di protesta,tant’è che mi è sembrato di capire che stiano subendo il colpo mediatico

    • Ottimo, parto all’attacco. Anche se dubito che qualche decina di appassionati possa far la differenza sul loro bilancio. Speriamo che lo stesso accada per i tifosi delle altre squadre, in Italia e all’estero. Se il fenomeno raggiungesse una soglia critica potremmo sortire effetti, altrimenti le perdite subìte sarebbero ampiamente ripianate dal denaro dei bibitari. Servirebbe un grave danno d’immagine.

      • String Quartet

        Cioè ma pensate veramente che Pirelli si sia venduta alla Red Bull? Ma dai, è ridicolo

      • io nel dubbio, quattro righe le ho scritte…..hahahaha

  • La questione sicurezza è stata tirata in ballo dalla Pirelli, proprio per bypassare l’art. 12.6.3 , in realtà lo stesso Hembery ha chiarito che è solo una questione scenografica, ma in realtà queste gomme, forse sono più sicure delle precedenti perchè in caso di foratura non si afflosciano subito, quindi ora dovrebbe spiegare se lo fanno per una questione di sicurezza o per ragioni diverse, ma non credo proprio che daranno altre spiegazioni oltre quelle ufficiali, di fatto già Hembery ci ha fatto una figura meschina, perchè ora, appellandosi alla questione sicurezza in pratica hanno detto che Hembery nelle sue prime dichiarazioni ha detto sciocchezze, ma è stato un’altro autogol, perchè, in pratica, dando dell’incopetente ad Hembery, la Pirelli ha ammesso di aver costruito e testa una gomma flop.

    Detto questo, mi sembra evidente che la questione sicurezza è solo la scusa ufficiale per cambiare gomme e qui prendono consistenza le dichiarazioni di Lotus e Ferrari, perchè se ci fate caso, non prendono posizioni nei confronti della Pirelli, ma entrambe contro la Red Bull, la Lotus, perchè la accusa di aver curato solo l’aerodinamica e trascurato le gomme ed ora con i suoi piagnistei ha risolto la cosa intervenendo su Eccleston e la Pirelli, la Ferrari invece pone l’accento sulla questione pit stop, evidenziando che non è certo una novità vincere il GP di Spagna con soste ed indirettamente si chiama in causa la FOM, perchè se è vero che la FOM ha esplicitamente chiesto che le gomme fossero più prestazionali e meno durature, la Pirelli non avrebbe sbagliato con le caratteristiche del pneumatico e, sinceramente, è da quando la Pirelli si è aggiudicata l’appalto che si dibatte sulla questione durata, perchè, contradditemi se sto sbagliando, ma di discorsi fra noi tifosi su queste gomme di ricotta ne abbiamo fatti ad iosa, ma alla fine, credo che siamo sempre stati tutti daccordo che le gomme erano quelle e non ci si poteva fare nulla e anno dopo anno abbiamo visto come hanno sempre realizzato delle gomme meno durature a favore dello “spettacolo”, ma ora le gomme si sfaldano ma non è una questione di mescola, perchè il problema sembra sia stato individuato nel substrato di acciaio che ha un coefficiente di dilatazione termica diverso dalla mescola che lo ricopre ed allora perchè cambiare anche mescole per fare meno pit stop?? Non ci potevano pensare prima??? cosa centra la durata con la sicurezza????

    Detto questo, gli screzi attuali fra Ferrari e Red Bull è solo retorica, perchè di fatto sia Ferrari che Lotus hanno le mani legate avendo la Pirelli posto la questione sicurezza e quindi può fare ciò che vuole, ma la Pirelli deve anche tenere in debita considerazione il motivo principale per cui è entrata in F1 e già ora non è che ci ha fatto una bella figura, quindi deve valutare bene le cose, perchè nel caso in cui i valori in campo venissero ribaltati, correrebbe un rischio enorme perchè dal punto di vista commerciale non perderebbe solo la faccia……… Investitori in borsa valutate bene se cominciare a vendere già da ora, perchè per il Canada potrebbe essere troppo tardi!!!!

  • ed infatti non e’ per sucurezza che cambiano, come da loro affermato (pirelli) . ecco perche si potrebbe configurare la violazione dell articolo 12.6.3 da parte della stessa pirelli.

  • Non ci si lamenta della sicurezza, forse non si comprende bene che ci si lamenta del cambio delle mescole.
    Sta bene il ritorno al kevlar, non va bene fare delle mescole diverse da quelle stabilite ad inizio anno?
    Chiaro il concetto?
    Se persino Lotus non gradisce, non sovviene il dubbio che il problema non è la sicurezza?

  • Se c’è un problema di sicurezza devono cambiare subito a Monaco… Invece cambieranno in Canada, è solo una questione politica. Uno schifo!

  • MassaisTheBest

    Ma non la capite che è per questioni di sicurezza? Immaginate se quello che è successo a Massa o a Hamilton in Behrein fosse successo all’uscita del tunnel a monaco o all’eau rouge? Non penso sarebbero entrati ai box tranquillamente.

    • Per la sicurezza ok, ma non credo che per migliorare la sicurezza fosse indispensabile fare le gomme più dure.
      Detto questo secondo me chi ci perderà di più sarà la Lotus e alla Ferrari potrebbe anche non andare così male: se le induriranno al punto giusto da renderle ancora indigeste alla Red Bull e un po’ meno gradite alla Lotus, a mio avviso la Ferrari potrebbe approfittarne.
      Che ne dite?

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!