FIA smentisce Mercedes. “Test doveva essere aperto a tutti”

26 maggio 2013 22:18 Scritto da: Valeria Mezzanotte

Il comunicato della Federazione smentisce le dichiarazioni della squadra di Stoccarda e della Pirelli: la FIA non sarebbe stata a conoscenza del test di Barcellona. E minaccia penalità.

lauda-todtNella sera di domenica, dopo quello dei commissari di gara del GP di Monaco, la FIA ha pubblicato il proprio comunicato sul caso Mercedes-Pirelli. La nota della Federazione arriva forse volutamente a motori ormai spenti, e descrive una versione della vicenda piuttosto diversa da quella del team della Stella a tre punte e del fornitore di pneumatici italiano.

“All’inizio di maggio, la Pirelli ha domandato alla FIA se fosse possibile effettuare test per lo sviluppo delle gomme con una squadra, utilizzando una macchina 2013. Nel contratto tra la Federazione e la Pirelli c’è la possibilità di effettuare fino a 1000 km di test con qualsiasi squadra – a patto che l’opportunità sia offerta a tutti i team.

La Pirelli e la Mercedes AMG erano state avvisate dalla FIA che un test di questo tipo poteva avere luogo solo se gestito dalla Pirelli, e non dalla squadra, che avrebbe dovuto provvedere a vettura e pilota, e solo se ad ogni team fosse stata data la stessa opportunità, per garantire equità”. L’accordo per un test, insomma, non sarebbe dovuto avvenire all’insaputa delle altre squadre, come sembrerebbe essere accaduto. Ed inoltre, utilizzando con la sola Mercedes tutti i 1000 km a disposizione, è venuta ormai ovviamente a mancare l’opportunità per le altre squadre di partecipare a questi test Pirelli.

La parte peggiore per la Mercedes rischia però di essere quella che si legge nella seconda parte del comunicato: a differenza di quanto detto dalla squadra, la FIA non avrebbe dato il suo benestare al test di Barcellona, dato che in effetti, non ne sarebbe stata al corrente: “Dopo questa comunicazione, la Federazione non ha ricevuto ulteriori informazioni circa un possibile test della Pirelli o della Mercedes AMG. Inoltre, la FIA non ha ricevuto conferma del fatto che tutte le squadre avessero avuto l’opportunità di partecipare al test”.

Le conseguenze per la squadra tedesca, insomma, potrebbero non essere così leggere come auspicato da Lauda: “Inoltre, considerando il regolamento e i principi di equità sportiva, bisogna ricordare che il Codice Sportivo Internazionale prevede che sulla base di un rapporto degli stewards, o per propria iniziativa, la FIA può portare la questione davanti al Tribunale Internazionale, che può stabilire penalità oltre a quelle eventualmente già fissate dagli steward. La situazione della Mercedes, insomma, potrebbe rivelarsi tutt’altro che rosea.

184 Commenti

  • Caribbean Black

    @maxleon

    mi puzza tantissimo l’alone di silenzio che si aggira attorno alla mclaren…

    è da ieri che cerco notizie anche in altre lingue, per sapere cosa hanno detto alla mclaren, di questa situazione…ma nulla…sembra che nessuno abbia chiesto niente ai miei….

    Sai cosa?

    Inizio a preoccuparmi un bel po….

    Sai…sto ragionando su un paio di cosucce, chiaramente molto semplicisticamente perlando….mi sono tornate in mente le recenti dichiarazioni di whitmarsch e della mercedes, dopo che si è concretizzato di fatto il contratto con Honda….sai, quella storiella del non fornire dati confidenziali sul motore mercedes, ai giapponesi….cosa davvero altamente improbabile, perchè

    “a cà nisciun è fess!”

    ….non vorrei che la mclaren non si sia esposta, per via di un tacito accordo….del tipo, “ok, noi collaboriamo lo stesso, nonostante tra 2 stagioni cambiate motore, vi continuiamo a fornire dati e progressi sulla ricerca e lo sviluppo, magari vi diamo la possibilità di diramrli anche al concorrente giapponese…però voi state zitti zitti, che noi proviamo al montmelò all’oscuro di tutti gli altri…o cmq qualcosa del genre…

    ..lo so lo so, per adesso è solo un’idea che mi è balenata per la testa…

    Spero di essermi sbagliato completamente…

  • Si ci credo proprio che se la Pirelli avesse chiesto a team come Ferrari Lotus Mclaren e Redbul di “aiutarli” a testare le gomme per 1000km con la vettura 2013 questi si sarebbero tirati indietro!!! Cos’è una nuova fiaba per bambini?!?!?

    Ora se ci fosse un minimo di serietà dovrebbero quanto meno permettere 1000km di test a tutti i team che volessero sfruttare l’occasione oltre naturalmente sanzionare la Mercedes.

    Ma se tra i top team ci fosse un minimo di coesione dovrebbero accordarsi ed andare tutti insieme a fare un bel test abusivo, così vediamo poi la FIA che provvedimenti può prendere, squalifica tutti? Finirebbe comunque a tarallucci e vino ma tutti sarebbero nelle stesse condizioni

    • Caribbean Black

      Eh gia…penso che una roba del genere, senza costi di logistica, nel tracciato preferito dalla squadre per effettuare i test prestagione, nel periodo in cui tutte le vetture appaiono nella loro forma pressochè definitiva, piene zeppe di aggiornamenti, alla mia amata squadra, che è tra quelle che hanno votato “NO” al ritorno dei test durante la stagione, avrebbe fatto piu che “comodissimo”.

    • Ferrari, Lotus, Force India, Sauber e Williams hanno dichiarato di esserne all’oscuro, Red Bull sapeva ed è stata invitata, ma la Red Bull ha rifiutato perchè per loro era illegale (e se lo dicono loro che di queste cose se ne intendono….). A questo punto sapete che penso???

      Che la Pirelli ha provato a fare dei test volutamente con una sola squadra, senza informare le altre per qualche tornaconto personale, tipo proposta indecente….

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!