Mercedes, test segreto per Pirelli dopo Barcellona

26 maggio 2013 11:10 Scritto da: Andrea Facchinetti

Il test sarebbe stato chiesto dalla Pirelli dopo le polemiche seguite all’eccessivo degrado degli pneumatici italiani.

nico-rosberg-mercedes-2013Nonostante il divieto di test durante la stagione, la Mercedes – su richiesta della Pirelli – avrebbe percorso oltre 1000 km dopo l’ultima gara in Spagna, proprio sul circuito di Barcellona. E’ questa la clamorosa indiscrezione che circola in queste ore nel paddock a Montecarlo, dove la Mercedes sembra al centro di un “Caso gomme”. Il tutto sarebbe accaduto dopo una gara che l’aveva vista sprofondare a oltre 70 secondi dal vincitore, Fernando Alonso, nonostante un indiscutibile dominio in Qualifica.

Fonti interne alla casa di Stoccarda hanno confermato il test privato nel dopo-Barcellona, specificando però di non aver infranto alcuna regola, avendo semplicemente esaudito una richiesta della Pirelli per aiutare la casa italiana dopo le polemiche sulla scarsa durata delle sue coperture. Ma le altre squadre non sembrano essere del tutto convinte della buona fede di Mercedes, dato che per regolamento i team non possono effettuare test in pista durante la stagione.

Dalle ciò che si apprende da Monaco, pare che il test sarebbe stato autorizzato dalla Federazione, ma le altre squadre non erano state informate e così nuove nubi si addensano sul caso. Secondo quanto riportato dal giornalista Joe Saward, Mercedes non era a conoscenza dei composti utilizzati da Pirelli e non avrebbe avuto quindi nessun vantaggio e il tutto è stato fatto per cercare di colmare la lacuna che costringe il fornitore di gomme a fare test con una vecchia vettura del 2010.

Già da giovedì, la Mercedes sembra aver migliorato il proprio comportamento nei long run, nonostante Montecarlo sembra essere storia a sé per quanto riguarda il degrado, davvero molto basso. Per Ross Brawn la Mercedes ha compiuto un passo avanti nella gestione delle gomme, senza però fare riferimento ai presunti 1000 km di test tra il GP di Spagna e quello di Monaco: “Dopo Barcellona ci siamo riuniti in lunghe riunioni per capire che cosa era successo e siamo arrivati qui a Monaco con dei cambiamenti, ma già da tempo ci stavamo lavorando. Penso che Monaco non sia il posto ideale per giudicare eventuali miglioramenti, lo vedremo dal Canada“.

Mercedes e Pirelli, già al centro dell’attenzione per le modifiche agli pneumatici che verranno apportate a partire dalla prossima gara, si trovano ora in una posizione delicata. Non è ancora chiaro se la FIA possa prendere eventuali provvedimenti o se era stata informata del test, quel che è probabile è che adesso si susseguiranno molte polemiche.

72 Commenti

  • Faccio solo una domanda: é se al posto della Mercedes ci fosse stata la Ferrari?
    sarebbe scoppiata una guerra.
    C’è chi predica bene e razzola male.

  • Tutto questo deriva solo dal fatto che ogni cambiano il regolamento,che è una cosa che non concepisco.
    Le ultime stagioni di F1 sono state spesso condizionate dai vantaggi di questa o quella vettura. Ormai devi sperare di avere culo nel centrare il progetto giusto che si sposi perfettamente con la regolina di turno che stravolge il campionato..Quelli della Brawn GP si stanno ancora baciando i gomiti..E se poi ti è andata male beh,tranquillo,puoi sempre sperare che ti sorteggino per dei test che puoi fare solo tu…ma per favore….che poi avrei proprio voluto vedere se al posto della Mercedes ci fosse stata la Ferrari…sarebbe scoppiata la terza guerra mondiale…un po’ di coerenza sarebbe gradita..

  • Poveri voi, ancora non avevate capito che la FIA ci marciava sopra? Non vi erano bastati i lattinari?

    No, a giudicare da chi si è fatto anche sky.

    Dopo doping, Calciopoli, scommessopoli, ora anche motoropoli.
    Che gran FARSA!

    Vi tengono distratti e vi ladrano i soldi.

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!