Alonso, costanza cercasi: serve un reset

28 maggio 2013 23:22 Scritto da: Antonino Rendina

Il pilota asturiano della Ferrari in queste prime sei prove del mondiale ha alternato grandi gare a prove deludenti, urge un cambio di marcia per ambire all’iride.

alonso monacoPremi il tasto reset e torna al 2012 samurai. Perchè, continuando così, il mondiale anche quest’anno rischia di restare impigliato nella bacheca dei “vorrei ma non posso“.

C’è un dato, preoccupante, che riguarda la cavalcata zoppa di Fernando in questo 2013, e che a dire il vero non rende onore alle qualità del pilota spagnolo. Il 50% delle gare corse sinora, ovvero tre su sei, sono state semplicemente da buttare.

L’errore e la fretta di spaccare il mondo in Malesia, con conseguente ritiro. Il guasto meccanico in Bahrein, col quale il pilota c’entra poco o nulla e per il quale quindi va assolto, e per finire l’orrenda Montecarlo, che ha fatto rabbrividire gli animi rossi abituati ad un Alonso di ben altra caratura.

In mezzo ci mettiamo lamentele, frecciatine ai piloti, polemiche, il solito broncio di chi vorrebbe vincere facile e invece è costretto a inseguire da tre anni e passa.

A targhe alterne Nando ha regalato alla Ferrari anche due perle e un ottimo secondo posto. Imbroccando, però, pericolosamente quella strada che, come il ticchettio di un orologio che dà fastidio in piena notte, ti sussurra ingenerosa: una si e una no, una si e una no.

Incidenti e delusioni rovinano splendide vittorie. Crescono ansia e nervosisimo e cala la consapevolezza di potercela finalmente fare. Gira e rigira la classifica è sempre la stessa, a debita distanza da quel Vettel che sembra un treno. Che non incanta più come nel 2011 o nella seconda metà del 2012, ma che ha imparato a non perdere un colpo.

Il tedeschino cresce a vista d’occhio, ha imparato proprio dal 2012 di Alonso quanto sia importante essere costanti e massimizzare sempre il risultato. Dei 29 punti di vantaggio che Seb ha sull’asturiano, ben 24 sono arrivati da due quarti posti che hanno fatto esultare i ferraristi.

“Vettel è finito, è l’anno di Alonso”. Dicevano. Potrebbe ancora essere l’anno di Nando, ma il pilota Ferrari deve ritrovare smalto e concentrazione, guarendo dai facili isterismi e tornando ad essere, come nel 2012, la costanza fatta guida.

L’unico modo è isolarsi e pensare soltanto a correre. Basta scendere in campo pensando di essere il favorito o con l’obbligo di vincere. Basta infuocare il clima con frasi della serie “Sutil può rischiare perchè non lotta per il mondiale, io no”.

Insomma Nando, non è l’anno più adatto per farti venire il braccino del tennista.

36 Commenti

  • @Maxalf
    Purtroppo non posso andare tanto indietro con la memoria e per principio non parlo di epoche che non ho vissuto perché non potrei avere una conoscenza abbastanza approfondita. Quindi mi fermo circa al ’97.
    Ora, se la tua domanda riguarda complessivamente il weekend non ho problemi a dirti che probabilmente questa è stata la peggior edizione del gp di montecarlo per la Ferrari. Ma se andiamo a guardare complessivamente il campionato quella che mi brucia di più è quello del ’98 (incidente si, ma causato da un errore del pilota) perché a conti fatti quello zero è stato uno degli errori che ci preclusero il mondiale.
    Per quanto riguarda la qualità della macchina ti posso dire che in Bahrein la red bull ha stracciato tutti, quindi come ha fatto a beccarsi 40 secondi in Spagna? Ugualmente la forte Lotus dell’Australia non ha fatto una gran figura in Malesia. E’ facile capire che le vetture non mantengono le stesse qualità in ogni gran premio ed era visibile come la Ferrari a Montecarlo fosse troppo rigida.

    La F10 era ottima magari, certamente non dominante e l’unica cosa che l’ha tenuta in corsa sono stati gli errori red bull. La F2012 ha sofferto il mancato sviluppo rispetto alle altre, perché è evidente che l’ultima parte del 2012 è stata dedicata a rendere la macchina più guidabile, non più veloce ed infatti era più lenta non solo di red bull ma anche di McLaren.
    Quanto ai test, dai la Ferrari aveva un simulatore obsoleto, una galleria del vento mal tarata e il suo metodo di lavoro si è sempre basato fondamentalmente sui test in pista, non mi puoi venire a dire che era sullo stesso livello tecnologico delle avversarie inglesi.

  • principesco88

    @REDAZIONE: CI SONO RUMORS SU kOBAYASHI CHE POTREBBE GUIDARE LA FERRARI IN CANADA AL POSTO DI MASSA!?! NOTIZIE??

  • quante caz…e!
    la ferrari non si è adattata a monaco punto e basta. inoltre ha dei problemi in qualifica e non lo abbiamo scoperto a monaco.
    il problema è un altro:
    dopo barcellona tutti si sono convinti che la ferrari avesse la macchina più forte, ma non è così.
    la macchina più forte è sempre la red bull, poi ci sono ferrari e lotus, poi c’è la mercedes con i suoi picchi.

    • Io direi in termini di prestazioni, più che Red Bull, la migliore è Mercedes che sta dimostrando di essere forte, solo che in gara mangia le gomme. Ferrari e Lotus sono le più equilibrate tra velocità sul giro, passo gara ed usura gomme. La Red Bull non la riesco ancora ad inquadrare bene, non mi sembra che abbia grandi qualità e quello che la fa stare in testa sia al campionato piloti che a quello costruttori è la costanza, un po’ come lo scorso anno per Alonso.

  • Ferrarista Sfegatato

    Credo che sia arrivato il momento di sedersi a un tavolo e porsi la seguente domanda: ” QUEST’ANNO COSA VOGLIAMO FARE?”
    Se si vuole vincere il mondiale c’è bisogno di un bel RESET sia per la squadra che per il pilota … La squadra sta lavorando tantissimo, la F138 è buona e la maggior parte degli aggiornamenti portati funzionano finalmente certo è che bisogna continuare a lavorare e far si che TUTTI gli aggiornamenti funzionino … dall’altra parte alonso deve rilassarsi perchè non può dire il sabato che la macchina non è buona e che gli aggiornamenti portati non funzionano e poi dopo aver vinto la gara grande squadra, grande macchina … In Malesia è stata colpa di entrambi, in Bahrain della squadra e a Monaco del pilota che sembrava addormentato … ADESSO SERRIAMO I RANGHI E TORNIAMO A COMBATTERE ! FORZA FERRARI !!!

  • per me alla fine di gare sbagliate solo quella a montecarrlo perche in malesia ci sta un errore sul bagnato , e poi è stata una toccatina che molti piloti per molto peggio non si ritirano nemmeno vedi raikkonen con perez in malesia e a monaco , quindi è stato pure sfortunato , la vera gara sbagliata è monaco ma anche se avesse guidato come lui sa , al massimo poteva arrivare 5 non di piu , detto questo , la stagione in corso dimostra come essere perfetti in tutti gli altri settori come la strategia , l’affidaiblita , i piloti , e cose varie conta quanto avere la macchina veloce , non vorrei facessimo la fine della mclaren dell anno scorso , macchina velocissima e poi neanche 2 nel costruttori e mai in corsa per il titolo , quest’anno si puo e si deve vincere , bisogna trovare solo continuità e sperare che prima o poi qualcosa capiti anche a vettel perche sta capitando di tutto a tutti tranne a lui , non ci credo che continuerà cosi

    • Il problema sembra che vettel se non se fermato in Brasile che tutti gli sono saltati sopra quando gli capiterà più

      • Si vettel è fortissimo ma da metà dell’anno scorso ha anche un culo incredibile, qualcuno chiamava alonso “culonso” adesso bisogna trovare un nomignolo adatto anche per vettel

  • Parlare di fase calante di alonso dopo una sola gara davvero sottotono direi che è quanto meno azzardato! L’errore in Malesia è davvero un errorino che puó capitare a tutti, la colpa grave è stata del team che non l’ha fatto rientrare, in barhein è stato un problema tecnico gestito male, l’unica gara dove Alonso è “mancato” è stata monaco!

    L’età al momento conta poco, un pilota puó “fisicamente” essere al top fino a 35/36 anni, poi c’è che entra in fase calante prima perchè perde la motivazione avendo già vinto tanto e non avendo piu la “fame” necessaria ad assumersi il rischio delle corse, ma non credo sia il caso di Alonso che credo voglia davvero vincere un titolo con la Ferrari

  • Io non gli attribuisco colpe particolare ad alonso, resta un essere umano con i suoi alti e bassi. è vero però che quest’anno va a gp alterni. Ora deve iniziare la tanto decantata costanza di risultati che è diventato il suo mantra. La machcina c’è, non si può vincere tutti i gp, ma bisogna esserci con costanza. In questo inizio non c’è stata questa costanza, solo a Montecarlo per “colpa” esclusiva di Alonso

  • Vettel può ancora migliorare perchè ha solo 25 anni,

    alonso può solo peggiorare perchè ha raggiunto da tempo la maturità sportiva unita alla massima esperienza corsaiola…

    alcuni sostengono che sia già in fase calante nel senso che non è più continuo nei risultati come per esempio l’anno scorso dove non sbaglio quasi nulla…

    • Dai la stagione dello scorso anno purtroppo capita due al massimo tre volte nella carriera di uno sportivo.Può essere che Vettel è in una di quelle.Perché 2010,2011,non contano aveva la vettura troppo più superiore agl’altri.

  • Voglio provare ad analizzare logicamente e sequenzialmente un pò di cose.
    1-Montecarlo.
    Il quinto posto era oggettivamente un risultato alla portata e Alonso è decisamente mancato. L’ho visto estremamente cauto, troppo, ma perché? Vi ricordate dopo la Malesia le polemiche? Posso immaginare che nel briefing prima della gara la parola d’ordine fosse andarci cauti e fare assolutamente punti. Ecco, Alonso ha forse esagerato.
    D’altra parte è indubbio che la Ferrari vista a Montecarlo fosse decisamente diversa da quella vista in Spagna, era visibile perfino dalle riprese esterne e non onboard. A chi la pensa diversamente potrei rispondere “come a fatto Vettel a beccarsi 40 secondi con il missile visto in Bahrein?”. La Ferrari a Montecarlo era probabilmente troppo rigida, visibilmente nervosa, non avrebbe potuto passare avanti a mercedes e red bull.

    2-Malesia
    Gli errori furono 2 in quel frangente: il tamponamento e il mancato rientro.
    Il tamponamento fu colpa di Alonso secondo sua stessa ammissione , lui addirittura non imputa malizia a Vettel ma io non sono nata ieri. Come direbbe Rossi “gli si è chiusa la vena” tanta era la certezza di poterlo vincere quel gp.
    Sul mancato rientro è più complicato: l’avete viste le riprese dal casco di Bottas? Il pilota non ha alcuna percezione dell’ alettone anteriore, un eventuale danno deve essere comunicato dal muretto. Dubito anche che siano stati Domenicali o Fry a dire di continuare. La situazione con Perez a Montecarlo mi ha fatto venire un dubbio: e se fosse stato Stella a scavalcare Domenicali e a consigliare ad Alonso di proseguire? Dopotutto era Stella ad opporsi decisamente alla restituzione di posizione.

    3-“Il broncio”
    Vorrei vedere voi dopo 3 anni di macchine una peggio dell’ altra e stagioni tirate per i capelli. Andarci cauti in ogni dichiarazione è normale ed è richiesto (ricordiamoci che ogni dichiarazione viene concordata e perfino twitter e Facebook sono censurati). Se poi volete i sorrisoni avete proprio sbagliato strada. Qualcuno dice “viene pagato per guidare”. A certo, ma provate a dare 100 milioni a Steven Spielberg dicendogli di fare un kolossal e poi fargli trovare una cinepresa degli anni ’50. Come minimo vi guarda male. Che credete che il compito del datore di lavoro si esaurisca nel pagare? Deve anche mettere il lavoratore in condizione di dare il meglio. Prendete Valentino Rossi. La Ducati lo pagava, certo, ma l’esasperante incapacità tecnica della Ducati, lo ha spinto a dichiarazioni contro la squadra dopo pochi mesi. E’ frustrante dare il meglio e non ottenere il risultato che meriti per colpa di altri.

    4-Improponibili confronti con Schumacher.
    Improponibili perché la situazione è diversissima.
    Schumacher è arrivato in Ferrari da fresco campione del mondo, sapeva in quale “cetriolo rosso” si stava infilando e si è portato dietro mezza squadra. Lui non si aspettava niente dalla Ferrari, l’ha definita una squadra di kartisti per la sua disorganizzazione. In più arrivava nel periodo dei test liberi in cui il pilota era parte attiva nello sviluppo della macchina. E la macchina è andata migliorando anno dopo anno dopo anno, fino a giocarsi il mondiale addirittura con Irvine. E dopo il 2000 le macchine erano terribilmente performanti quindi non c’era motivo di lamentarsi.
    All’ esatto contrario Alonso è arrivato aspettandosi il meglio dopo due anni a centro-fondo gruppo. E’ vero, aveva la Ferrari ricca davvero pensate che si sia trovato davanti al super team

    • Ops, ho pigiato per sbaglio invio. Va beh, continua.
      Davvero pensate che Alonso si sia trovato davanti il super team del 2000? Sieee, chi crede nella fatina dei denti? La Ferrari era una squadra smembrata dalla partenza dei suoi punti fermi e rimessa insieme quasi a caso. Avevano un metodo di lavoro obsoleto ed erano impreparati a lavorare con il nuovo regolamento. Ormai la Ferrari era un palazzo costruito sulla sabbia che ha mostrato i primi segni di cedimento già nel 2008. Le macchine sono state ogni anno peggiori e solo quest’anno si è arrivati a creare una vettura competitiva. Con i test liberi avremmo vinto già nel 2010, ma senza quelli il ruolo del pilota è ridottissimo se non nullo. E’ una situazione frustrante, sopratutto per chi è cresciuto con un altro metodo di lavoro.

      Scusate il papiro in due puntate.

      • La tua difesa ad oltranza nei confronti di Alonso è da libro cuore. Accetta il fatto che Alonso ha un caratteraccio, è non lo dimostrano le tre stagioni in ferrari ma in qualsiasi posto è andato a fatto danni.Questo non toglie che è un campionissimo.

      • scusa ho sbagliato,il campionissimo

      • Ahahah!!! Lo so che ha un caratteraccio: è arrogante, megalomane e troppo pieno di sé. Il mio problema non è attribuirgli colpe o difetti, cavolo è un essere umano, il mio problema è chi gli dà contro sempre e comunque a prescindere e pretende che sia l’incarnazione di un Dio compiacendosi e deridendolo quando il suo essere umano si mostra.
        E poi il mio difetto è cercare spiegazioni logiche in qualunque cosa. :)

      • Michelle, la tua arringa difensiva è condivisibile ma solo in parte, il risultato complessivo di alonzo nei 4 anni è decisamente più scadente di quello di Schumacher, la macchina 2010 non era buona, era ottima, nelle prime tre in ogni circuito, quella 2012 da metà stagione era ottima, quella di quest’anno ti piaccia o no è la migliore del lotto. Mancanza di test ?? si ma par tutti i team, non mi risulta che Mclaren o Red Bull avessero sviluppato la macchina su pista dal 2010 ad oggi. Schumacher senza la gamba rotta avrebbe vinto a mani basse nel 2009, dopo essersi giocato il mondiale all’ultima gara nel 2007 ed 2008.
        Infine voglio farti un’ultima domanda , semplice semplice, dimmi chi o quanti, tra questi piloti Ferrari, abbia fatto un Monte Carlo peggiore di quello di domenica scorsa di alonzo (esclusi incidenti o ritiri per guasti naturalmente) : Ickx, Regazzoni, Lauda, Reutemann, Villeneuve, Scheckter, Tambay, Arnoux, Alboreto, Johanson, Berger, Alesi, Prost, Cappelli, Irvine,Barrichiello, Schumacher, Raikkonen, Massa, nel computo tra prove e gara ,
        attendo

  • Myriam F2013

    Sono d’accordo con Fabio, delle tre battute a vuoto di Alonso, gli errori in Malesia e Bahrein sono da attribuirsi al team e al pilota, mentre a Montecarlo Alonso è stato irriconoscibile.
    Ma ieri sera durante la partita del cuore, Nando ha fatto alcune giocate da asso del calcio…passaggi filtranti, smarcamenti, e perfino un rigore calciato con il cucchiaio!

    • La cosa che mi stupisce di monaco è che in teoria abrebbe dovuto essere bello carico dopo la splendida vittoria di barcellona ! Ecco perchè ipotizzavo qualche causa esterna che gli abbia impedito di esprimersi come è solito fare

      • ho la sensazione che abbiano cercato un assetto da qualifica estremo e che purtroppo non abbia funzionato affatto, ne in qualifica ma sopratutto sia stato oltremodo penalizzante in gara. Mettiamoci poi che probabilmente non ama questo circuito. Lui comunque ci ha messo del suo. Diciamo che una giornata storta puo’ capitare a tutti…. speriamo sia l’ultima

    • ha giocato bene ?? che bella notizia ci dai, ora siamo risollevati …

  • Per come la vedo io:
    Malesia errore di alonso accettabile, puó capitare, colpa del muretto nn farlo rientrare subito.
    Barhein errore riaprire il drs dopo la sosta per chiuderlo a mano, ora non si puó sapere se sia Alonso ad averlo riattivato per errore dovuto all’abitudine o il team a dirgli si farlo, comunque errore.
    Montecarlo: Alonso davvero sottotono, a meno che non dipenda da fattori che non conosciamo qui è stata l’unica volta in cui il pilota è davvero mancato, la vettura sicuramente non era a posto ma Alonso sembrava un altro rispetto al solito

  • Dipende da chi hanno deciso che vinca quest’anno, non dal pilota ne dalla trovata del progettista state tranquilli.

  • certo sul mondiale pesa semmpre l incognita newey..in qualsiasi momento della stagione ti puo portare la soluzione che stravolge gli equilibri….come accadde a singapore l anno scorso.

  • quest anno alonso non si puo lamentare della vettura perche complessivamente la ferrari è davanti….grandi week end ma anche 2 storti principalmente per colpa sua lo costringono ad inseguire ma nulla di irreparabile…29 punti di ritardo con 12 gare sono pochi

    • pochi se cambia ritmo e se la rb non fa salto di qualita..speriamo bene

      • intanto testa bassa è pedalare,è togliersi quel broncio che così si va indietro.Mi dispiace dirlo ma cosi non trasmetti la giusta tranquillità Schumacher in questo era un campione è alla fine sono arrivati campionati a raffica-

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!