Testgate, Pirelli: “La FIA non può penalizzarci”

20 giugno 2013 16:22 Scritto da: Valeria Mezzanotte

Dopo gli interventi di FIA e Mercedes, al Tribunale Internazionale arriva il momento della Pirelli, che attraverso il suo avvocato Dominique Dumas afferma di essere totalmente sorpresa nel trovarsi convocata di fronte ai giudici.

pirelli_motorhomeIl rappresentate della FIA Mark Howard aveva affermato in mattinata a Place de la Concorde che fosse “ovvio che la Pirelli sia obbligata a rispettare il Regolamento Sportivo di F1 ed il Codice Sportivo Internazionale”. Il legale della P lunga sostiene invece che il Tribunale Internazionale non possa giudicare chi non è né un membro della FIA stessa né un concorrente in uno dei suoi Campionati. Dumas porta peraltro a dimostrazione di questo l’esempio della causa tra FIA e Flavio Briatore in seguito alla squalifica che l’ex Team Principal Renault aveva subito per il famigerato Crashgate: in quell’episodio infatti era stato stabilito che le penalità FIA non potevano ricadere su persone al di fuori della stessa Federazione o dei suoi Campionati.

Secondo la Pirelli, insomma, se la FIA ritiene che il loro contratto non sia stato rispettato, può solo intentare una causa civile, e non rivolgersi al Tribunale Internazionale. Fermo restando, comunque, che il fornitore italiano ribadisce di non aver violato alcuna norma: “La Pirelli non riesce a capire l’azione disciplinare, dato che sta agendo all’interno dei diritti che le ha dato la FIA. Non riusciamo a capire il processo contro di noi. Le stesse Ferrari e Red Bull hanno confermato che non hanno nulla in contrario all’operato della Pirelli. Non abbiamo violato il codice”.

Come ribadito più volte da Paul Hembery, inoltre, la Pirelli ribadisce che tutta la situazione dimostra quanto sia necessario affrontare l’argomento test e sviluppo gomme in Formula Uno: “Non può esserci una sanzione senza una base legale fondata, e la Pirelli non può e non ha intenzione di accettare che la sua immagine, la qualità dei suoi prodotti o la sua credibilità sia messa in discussione da un caso non ammissibile ed infondato. Spero che la decisione del Tribunale diminuisca le tensioni ed aiuterà tutti a convergere su regole riguardanti le gomme in F1. È una questione assolutamente urgente”.

10 Commenti

  • Nessuna sanzione per Pirelli ma un rinnovo del contratto con prezzi “diversi”.

  • “Non può esserci una sanzione senza una base legale fondata, e la Pirelli non può e non ha intenzione di accettare che la sua immagine, la qualità dei suoi prodotti o la sua credibilità sia messa in discussione da un caso non ammissibile ed infondato. Spero che la decisione del Tribunale diminuisca le tensioni ed aiuterà tutti a convergere su regole riguardanti le gomme in F1. È una questione assolutamente urgente”.

    Ceeeeeeertoooo….infatti va bene che la qualità dei vostri prodotti e l’immagine vengano puntualmente sput**nati ogni santa domenica in cui c’è un GP…per esempio io con l’immagine che avete dato dal 2010 ad oggi non comprerei mai un treno di pirelli da mettere sulla mia macchina, figuriamoci all’estero che opinione si saranno fatto delle gomme con la P lunga, bellissima si, proprio di qualità…

    • come ho già scritto in passato, alla casa milanese conviene che se ne parli, bene o male (finora sempre male), paga molto di più la sovraesposizione anche se negativa, e noi italiani lo sappiamo bene….

  • Mi domando se la Pirelli ha potere di decidere se un test Pneumatici puo’ avere corso, e se ha i mezzi per distinguere una F1 del 2011 / 2012 /2013 .

  • dai forza squalifichiamo anche la pirelli x qualche gara così poi ci divertiamo a vedere tutte e 24 le auto correre
    sui cerchioni!!

  • Sarei sostanzialmente daccordo con i legali Pirelli, tuttavia c’è un nodo spinoso che non riguarda certo la sfera disciplinare, ma la correttezza sportiva, infatti se il Tribunale dicesse che la Pirelli è stata scorretta dal punto di vista sportivo, ma non suscettibile di sanzioni, poi la casa italiana come potrebbe sperare in un rinnovo del contratto con la FOM???

    Mmmmmmm, credo che la FIA opterà per un unico responsabile….. La Mercedes.

    • Goodyear4F1

      Sì ma per il rinnovo del contratto Pirelli sembra l’unica alternativa. E’ difficile trovare un sostituto per il 2014 in breve tempo, e non è detto che altri costruttori siano tanto interessati sentendo le voci che circolano. Perdere Pirelli potrebbe essere un problema.

      Pure io sono concorde nel dire che la FIA a questo punto scaricherà tutto su Mercedes, al max con una piccola ammenda per il gommista.

      • Ed è per questo che dico che la FIA riverserà tutta la colpa sulla Mercedes, anche se poi il comportamento della Pirelli è stato tutt’altro che encomiabile”, io non credo che ci sarà nemmeno una ammenda per la Pirelli, perchè questo significherebbe comunque una condanna.

        Forse e, dico FORSE, la FOM, a cuasa di questo negozierà un po meglio il prossimo contratto, ma niente di più.

    • sarebbe una vergogna, come sarebbe vergognoso rinnovargli il contratto..ma quando ci sono di mezzo tronchetti ed Ecclestone può succedere di tutto

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!