Test Gate, oggi il verdetto. Sentenza vera o pena politica?

21 giugno 2013 09:09 Scritto da: Redazione

Atteso per la giornata di oggi il verdetto sul Test Gate. L’accusa tente per una pena pesante ai danni di Mercedes, ma le prime indiscrezioni parlano di una “sentenza politica”.

fia-place-de-la-concordeAnche questa mattina, il Tribunale Internazionale della FIA torna a riunirsi a Place de la Concorde, a Parigi, per continuare a discutere sulla spinosa questione del Test Gate che vede sul banco degli imputati il team Mercedes.

La commissione giudicante è guidata da Edwin Glasgow, membro dello Sports Dispute Resolution Panel. Ad affiancarlo c’è il connazionale Tony Scott-Andrews, Presidente del Motor Sport Council del Regno Unito, oltre al monegasco Laurent Anselmi, l’americano Chris Harris e lo svizzero Patrick Raedesdorf.

Per il Team AMG Mercedes sono presenti le parti direttamente interessante al Test Gate, ossia: Ross Brawn, in qualità di Team Principal; Andy Shovlin, capo degli ingegneri e Ron Meadows come team manager. Il gruppo è difeso dall’Avvocato Paul Harris.

La squadra tedesca, al termine della giornata di ieri, ha sostenuto di aspettarsi solo un ammonimento o una multa, perché di fatto non ha violato il regolamento. I legali, infatti, sostengono che il test non è stato intrapreso da Mercedes, bensì da Pirelli che ha organizzato e pagato la sessione di test.

La posizione di Pirelli è chiara: la FIA ha subito chiarito che il fornitore di pneumatici non è accusato di aver violato il contratto commerciale, ma viene comunque coinvolta in quanto vincolata alla normativa del Regolamento Sportivo e del Codice Sportivo Internazionale. Non la pensa così il legale di Pirelli, Dominique Dumas, presente in sala accanto a Paul Hembery.

Dumas ha ribadito che il contratto commerciale con la Federazione consente alla società milanese di eseguire test di 1000 km senza riferimenti riguardo la vettura da impiegare. Pertanto, l’avvocato afferma che: “Pirelli non può accettare e non accetterà nessun tipo di sanzione, perché la sua immagine ne risulterebbe offuscata, così come la credibilità dei propri prodotti ed il tutto in base ad un caso inammissibile ed infondato”.

Lo spinoso caso sarà riaperto oggi, in attesa del verdetto finale e delle motivazioni.

> L’accusa: “Nessuna autorizzazione della FIA”

> La difesa: “Se siamo colpevoli noi, lo è anche la Ferrari”

> Pirelli: “La FIA non ha il potere di penalizzarci”

15 Commenti

  • TARALLUCCI E VINO, come volevasi dimostrare.

  • Effettivamente come dice il titolo dell’articolo, qui la cosa è molto complicata, anche se solo in apparenza.

    La violazione c’è e come e non si tratta solo di aver usato la macchina 2013, il problema è molto più ampio ed è di carattere politico, perchè la Mercedes ha completamente bypassato l’autorità della FIA e questo è gravissimo, la difesa si è battuta più che altro per evitare la “frode sportiva” piuttost che per giustificare l’utilizzo della vettura 2013, infatti si è parlato molto di autorizzazioni ad effettuare i test, di Ferrari egualmente colpevole, di Charlie Whiting, che avrebbe autorizzato i test, si è parlato finanche dei caschi usati per evidenziare che la cosa è stata fatta di nascosto…. Ma mai della vettura 2013 e del motivo che ne ha determinato l’utilizzo “forzato” (almeno i media non ci hanno dato alcun peso), quindi io presuppongo che gli sforzi di Lauda siano stati rivolti ad evitare questa conseguenza, ma non c’è riuscito.

    Quindi io presuppongo che la Mercedes non ne uscirà illesa, forse pagherà poco, per il danno che ha cagionato, giusto perchè ha un elevato peso politico e fornisce una marea di infrastrutture, ma sicuramente pagherà molto di più di quello che hanno richiesto i suoi legali.

  • Ecco xche la Mercedes ha cambiato il colore delle vetture da grigio a color metallo lucido…
    X allenarsi ad arrampicarsi sugli specchi!!!!
    VERGOGNA!!!

  • ca**i loro, così si imparano a violare le regole
    comunque basta co ste cose, noi vogliamo vedere la f1 che è uno sport spettacolare, non interessarci di processi e tribunali…

  • merdeces fora dai ball….

    spero che abbia un danno enorme per il marchio…

  • Ragazzi, io la vedo sotto l’aspetto pratico, certamente in molti si aspettano una sentenza esemplare, ma temo che non sarà così, pensate un po a tutta la vicenda, In Cina la Mercedes faceva pena con il consumo gomme, in Bahrain il primo problema di delaminazione, in Spagna idem come in Cina, poi Montecarlo e Canada Mercedes rinate, ci vuole poco a capire che quei test sono serviti e come alla squadra teesca. Ma come mai il caro Charlie si affanna tanto a chiedere all’avvocato della FIA il suo parere??? Perchè chiederlo proprio a lui???

    Guarda caso Brawn non si è preoccupato troppo di andare a ricercare una autorizzazione ufficiale, sa bene che non la avrebbe mai ottenuta, quindi che fa? Fa tutto di nascosto, tanto se va bene, nessuno saprà mai niente e se va male sa già come difendersi, glielo ha detto direttamente l’avvocato della FIA chi meglio di lui???

    Purtroppo le cose per la Mercedes non vanno per il verso giusto e Lauda & C. devono pensare a difendersi e lo fanno esattamente come ha detto l’avvocato della FIA….

    IL REGOLAMENTO SPORTIVO PREVEDE CHE I TEST SIANO TENUTI DAL TEAM PER ESSERE CONSIDERATI TALI?

    Ed allora fate organizzare tutto alla Pirelli…….

    Ma poi avete una carta enorme da giocarvi, perchè intorno alla Mercedes ci sono altre tre scuderie, tutto l’apparato motori della FOM e la SC.

    Cosa volete di più????

    Con questo scenario è facile immaginare che la sanzione non sarà affatto equa, certo nemmeno una lavata di testa e l’esclusione dai rookie test sono sufficienti, perchè equivarrebbe ad una assoluzione ed a legalizzare i test, ma al massimo prevedo l’esclusione da una gara ed una salatissima multa non di più.

    • maxleon il problema è che nessuno ha detto per intero il regolamento..la pirelli per accordo con la FIA può fare un test di 1000 kilometri con qualsiasi vetture 2013 anche..il problema è che per regolamento doveva essere chiesto a tutti perchè nel presente accordo la FIA ipotizzava gia da allora un probabile vantaggio per la squadra che effettuava tale test..quindi anche se la mercedes dice che il test era pagato da pirelli comunque era illegale..per di piu se leggi le interviste di ieri lo stesso brawn afferma che con il test la mercedes ha ottenuto inevitabili vantaggi..

      • L’ho detto e lo ripeto, l’accordo è fra la Pirelli e la FOM ed è previsto da contratto, mi dici come fa la Mercedes ad invocare a sua discolpa un accordo fra terze parti????

        A rigor di logica, anche se la Mercedes è stata evidentemente messa a conoscenza della clausola essa è vincolante solo fra Pirelli e FOM, quindi la Mercedes, avrebbe dovuto quanto meno, farsi autorizzare in forma ufficiale e non per telefono o per pareri legali, cosa che la FIA non ha fatto.

        No, scusami ma il 151c ci sta tutto e se la Mercedes se la cava lo deve solo al suo peso politico ed ancor più strumentale che fornisce alla FOM.

  • Spero nella clemenza da parte dei Giudici chiamati ad emettere un giudizio sul caso Test-Gate.
    Spero nella clemenza, perchè un’eventuale dura punizione potrebbe far si che a Stoccarda stanchi delle figuracce fatte potrebbero decidere di dire Stop con la F1 e ritirarsi, una decisione in cui tutta la F1 nè perderebbe, visto che Mercedes è pur sempre un Grande Costruttore e l’unico insieme alla Ferrari impegnato in 1^ persona.

  • Ci siamo. Sono a tanto così dall’abbandonare la F1. Curioso, attendo.

  • Viva Lewis Hamilton !!!

  • Viva la Germania, Viva la Mercedes e visa sopratutto Lewis Hamilton !!!

  • Spero proprio in una bella sentenza politica

  • Sentenza vera o pena politica? Io opterei per l’ennesima presa per i fondelli per chi rispetta le regole

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!