Michelin: “Torneremo in F1 solo con regole intelligenti”

25 giugno 2013 10:14 Scritto da: Davide Reinato

Il produttore di pneumatici francese sarebbe interessato alla F1 solo cambiando alcune regole.

bibendum-michelinNei giorni scorsi, Bernie Ecclestone ha confermato che Pirelli ha un contratto con la F1 anche per i prossimi anni, sottolineando che manca solamente l’intesa con la FIA.

In Francia, però, Michelin resta come osservatrice di lusso in attesa di conoscere i piani futuri del Circus e valutare un possibile rientro nel giro di qualche anno.

Lo ha – a suo modo – confermato il direttore del reparto competizioni di Michelin, Pascal Couasnon. In una intervista a SpeedWeek, il francese non ha escluso categoricamente un ritorno ai vertici del motorsport: “Viviamo tutti sotto lo stesso tetto, è chiaro a tutti cosa sia la Formula 1 in termini di visibilità. Anche quando si tratta di tecnologia, la cosa si fa estremamente interessante”.

Tuttavia, Couasnon ha voluto sottolineare che Michelin potrebbe essere interessata solamente cambiando alcune regole tecniche. “Siamo disposti a sederci e parlare di alcune proposte. Per quanto riguarda il tipo di pneumatici, bisogna trovare il giusto mix tra spettacolo e sfida tecnologica per i fornitori di gomme. Ad esempio, potremmo suggerire di modificare la dimensione degli pneumatici. Oggi in F1 ci sono ruote da 13 pollici che a noi non interessano. Quelle a 18 pollici sarebbero tutta un’altra cosa”, ha detto.

Altro aspetto fondamentale per Michelin è quello ecologico, sul quale il marchio francese sta puntando molto nella produzione di pneumatici destinati a vettura di serie. “La durata delle gomme per noi è un aspetto fondamentale. Uno pneumatico che dura solo sette giri è difficile da mettere in relazione con il concetto di ecologia. Insomma, saremmo interessati alla Formula 1 solamente se ci fossero regole intelligenti per le gomme”, ha concluso.


17 Commenti

  • Intanto pero’ ci dovremo tenere quegli smandrappati della Pirelli con gomme ridicole e neanche tanto sicure……..

  • Regoli intelligenti…………….è dal 2009 che si supplicano e nel frattempo hanno ideato il DRS e le gomme di Marzapane.

    Ciao,Stefano.

  • Da 18 mi sembra troppo.. Peró un bel cerchio da 16 con spalla bassa starebbe bene!!
    E proporrei di abolire i cambi gomme (se non per foratura) e ogni team sceglie per ogni GP che mescola usare! Un po’ alla MotoGP: gomma da tempo in qualifica, e Gomme che durano per la gara!

    • MotoreAsincronoTrifase

      ci hanno gia’ provato nel 2005 ed e’ andata malissimo. Bastava una frenata con spiattellamento, in stile raikkonen con mclaren, per avere vibrazioni anomale e successivo schianto per rottura della sospensione. Praticamente sarebbe peggio di ora con piloti attenti a non rovinare le gomme proprio perche’ non si possono cambiare. Io invece reintrodurrei le regole di fine anni 90 con gomme da qualifica e in gara fai quello che vuoi senza obbligo di cambiare mescola.

  • Guardate che la francese Michelin da lavoro a più italiani di quanto non faccia l’italianissima Pirelli.
    Infatti Michelin è il primo produttore “italiano” di gomme con 4 stabilimenti in cui lavorano 4500 dipendenti.
    Pirelli le gomme le fa soprattutto in Brasile dove ovviamente la manodopera costa di meno, però sfrutta lo stesso il nome dell’Italia.
    Ma d’altronde non è l’unica azienda per così dire “italiana” a fare queste bestialità:
    Basti pensare ad una casa automobilistica di nostra conoscenza che le fa le macchine in Serbia pagando 300 euro al mese un operaio che lavora 10 ore al giorno.

  • mi sembra un discorso molto serio fatto da un’azienda seria, se è francese fatevene una ragione, meglio gomme vere che caciotte di burro fatte un’azienda italiana ma di cialtroni come la pirelli…

  • per quanto mi riguarda possono restare dove sono… molto meglio com’è ora con le regole stupide…

  • Ma guarda tu i casi della vita, un’ azienda francese! Chissà quali assicurazioni ha ricevuto dal presidente francese della fia…

  • Regole intelligenti,….insomma come dire che quelle attuali e,implicitamente chi le ha fatte,intelligenti non sono,come non intelligente,ma di questo ormai ce ne siamo accorti tutti,è ed è stato tutta la gestione FIA degli ultimi anni.

    Per quello che riguarda la questione tecnica delle proposte/richieste Michelin,apparte le ruote da 18 pollici su cui non mi esprimo ,ma per quello che riguarda la durata,è chiaro che non ci stanno a fare gomme di burro,a parte il discorso dell’ecologia,mi sembra palese la preoccupazione riguardo l’eventuale danno di immagine del prodotto rispetto ad un grande pubblico che di solito guarda la F1 solo la domenica senza magari approfondire e sapere che a volte le scelte delle gomme non le fà il gommista ma ll nanetto.

    • io invece sulle dimensioni delle gomme mi esprimo eccome, Le attuali misure secondo me sono obsolete risalgono agli anni 70 e al giorno d’oggi non hanno piu senso sono semplicemente ridicole guardate le vetture le mans che pneumatici con spalle ultra ribassate che usano e dico anche che andrebbe riaumentata anche la larghezza delle gomme posteriori come quelle fino agli anni 80.

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!