Gp Gran Bretagna: le pagelle di un week-end “esplosivo”

1 luglio 2013 17:19 Scritto da: Antonino Rendina

A Silverstone va in scena una delle edizioni più caotiche del Gran premio di Gran Bretagna. Cinque forature degli pneumatici Pirelli creano il caos in pista. Tra neutralizzazioni e guasti meccanici alla fine la spunta un attento Nico Rosberg. Ottimo secondo Mark Webber, terzo il ferrarista Fernando Alonso.

SILVERSTONE (GRAN BRETAGNA) 30/06/2013  © FOTO STUDIO COLOMBO X FERRARINico Rosberg 9 Il merito più grande è quello di non mollare mai la presa, tallonando la Red Bull nonostante Vettel provi a scappare. Nico parte maluccio, si accoda ai battistrada in terza posizione. La fortuna gli dà una sostanziosa mano e la vittoria è una ghiotta occasione da sfruttare per rilanciare se stesso e questa “sorprendente” Mercedes in campionato. Seconda vittoria stagionale. terza in carriera. E i motivi per sorridere sono “MILLE”

Sebastian Vettel 10 Il boato dello “stadio Silverstone” al suo ritiro è la controprova della sua immensa forza. Una prepotenza di guida costruita tutta sull’alchimia con una monoposto che il tedesco potrebbe guidare soltanto col pensiero. Seb scivola nelle Becketts e alla Stowe con una pulizia di guida e di traiettorie da antologia. A tradirlo è la sua dolcissima metà, questa Red Bull nuovamente imprendibile, ma improvvisamente fragile. S-CAMBIATO

Mark Webber 8,5 Si è tolto un peso enorme, quello di un futuro segnato ,ma agli occhi di molti ancora indefinito. Da silurata e bistrattata vittima della “Red Bull di Vettel” a pensionato di lusso della “sua” Red Bull. Potere di un annuncio, quando la pubblicità dell’atto diventa serenità dell’attore. Ecco spiegata la grande rimonta dopo la (solita) partenza a nonnetto. Mark con questo secondo posto, prepotente e cercato, ha dato uno schiaffo morale a molti, e ad Helmut. SPENSIERATO

Fernando Alonso 8 Composto e risoluto, Fernando sa soffrire e allo stesso tempo incantare, in una giostra di emozioni che alla fine lo premia oltre i limiti di una monoposto in affanno. Stavolta l’asturiano non scatta bene al semaforo, non dà spettacolo, ma è magistrale nel salvarsi in corner, scatenandosi con gomme fresche negli ultimi giri. Le McLaren, Sutil, Ricciardo e Raikkonen. Cinque sorpassi in altrettanti giri per un podio che sa di vittoria. Ammette di essere stato fortunato, non è soddisfatto, ma stavolta non polemizza oltremodo con il team. Da campione ha capito che il momento è delicato. SAGGIO

Lewis Hamilton 9 La pole è meravigliosa, il sogno è lì a portata di mano. Lewis ha il potenziale per espugnare l’amato tracciato casalingo, se non fosse che è proprio sua la prima gomma che getta la spugna in quel di Silverstone. Lasciando l’anglocaraibico nello sconforto più totale e costrigendolo a una rimonta difficile e proibitiva. Ma, eccetto il tempo perso dietro a di Resta, Hamilton è un fiume in piena accecato dall’ira, che passa sui rivali senza troppi complimenti. Due giri in più e forse avrebbe beffato anche Alonso. ARRABBIATO

Kimi Raikkonen 7 Ottavo in griglia, quinto in gara, si lamenta con la Lotus rea di non averlo fatto fermare per montare gomme nuove prima dell’ultima ripartenza. Probabilmente ha ragione, considerato quello che ha fatto Alonso. Di buono c’è il record di venticinque gare consecutive a punti, di negativo una Lotus sempre più anonima. E a lui potrebbe venire tanta voglia di bibita energetica… COSTANTE

Felipe Massa 8,5 Quando non sbaglia lui, a sbarrargli la strada ci si mette una sfortuna dalle abnormi proporzioni. Nel giorno in cui sembra più in palla, scattando come un proiettile al verde, ecco che gli esplode la gomma. Felipe non demorde; da ultimissimo è capace di confezionare una rimonta pazzesca, che gli sarebbe valsa le prime pagine mondiali se solo avesse indossato il casco di Alonso. Da ultimo a sesto, e che cattiveria negli ultimi giri! Un bel modo di lasciarsi dietro (speriamo) i quattro botti in tre week-end. GRINTOSO

Adrian Sutil 7,5 Dopo la bellissima sfilata di Monaco, ecco un’altra ottima prova del pianista tedesco. Che, partito in terza fila, sogna il podio per lunghi tratti di gara, resistendo come un mastino ai nobili attacchi di Ferrari e Toro Rosso. Cede le posizioni nobili soltanto negli ultimi giri, adottando una strategia di due soste che non paga dopo l’ultima safety car. Molto freddo nel tenersi dietro con mestiere, da metà gara in poi, Ricciardo. EFFICACE

Daniel Ricciardo 7,5 La “cura James Key” fa volare la STR, e la notizia dell’addio del connazionale Webber fa volare lui. Che in qualifica è fantastico quinto, mentre in gara lotta, sbraita, suda. E manda anche a quel paese Sutil, in un duello tirato e prolungato. Alla fine non riesce a passare la Force India, ma l’ottavo posto è un risultato davvero positivo. MOTIVATO

Paul di Resta 8 Sa lottare, dimostrando definitiva maturità. Quinto in qualifica e retrocesso all’ultimo posto in griglia perchè trovato sottopeso alle verifiche. Si rimbocca le maniche e caccia il garone da top driver, che risale la china non solo con il piede pesante, ma soprattutto con senno. Strenua la difesa su Hamilton, da libro cuore. Buona la gestione delle due soste. Con lui e Sutil la Force India sta volando. COMPLETO

Nico Hulkenberg 6,5 Si tiene dietro le Williams sia in qualifica che in gara, e di più forse con questa Sauber C32 non può fare. La girandola di scoppiettii di caucciù e ritiri lo onora di un decimo posto che significa un punto iridato. Si starà mangiando le mani vedendo quello che poteva fare con la Force India. SPRECATO

Pastor Maldonado 5,5 Grande rischio in uscita dei box, quando per poco non si becca con Hulkenberg. Per il resto la solita processione, e anche stavolta non si sblocca dal pesantissimo zero in classifica. ANONIMO

Valtteri Bottas 5 E’ l’ombra del teammate Maldonado, sia in qualifica che in gara. Il punto è questo; essere l’ombra dell’altra Williams non è granchè di questi tempi… GREGARIO

Jenson Button 6 Voto di stima per la voglia che ci mette con una McLaren che fa acqua da tutte le parti. Decimo in qualifica e formichina in gara, negli ultimi giri sprofonda dal settimo al tredicesimo posto. Non ha colpe, quest’anno va semplicemente così. CALVARIO

Sergio Perez 6+ Nonostante in qualifica sia irriconoscibile, in gara si riprende un po’, lottando a denti stretti e sopravanzando anche Button nel confronto interno. Potrebbe chiudere a punti (il condizionale è d’obbligo coniserati gli ultimi giri horror di Jenson), se non fosse vittima anche lui dell’esplosione delle mescole Pirelli. SPAVENTATO

Jean Eric Vergne 5,5 In Canada ha fatto il fenomeno, mentre in Inghilterra perde strada, beccando sei decimi in qualifica in Q2 dal compagno-rivale Ricciardo. La partenza, però, è buona e il francese sembra poter correre per i punti. Purtroppo per lui, dalla cabala Pirelli esce il suo nome. Sua la foratura che causa il primo ingresso della safety car. SFORTUNATO

Esteban Gutierrez 5 Passa talmente inosservato che la sua è l’unica foratura che non va in mondovisione. Dimenticato da dio anche nelle sfortune. Lui non fa niente per mettersi in mostra. APATICO

Charles Pic 6,5 Stavolta il mattatore della “serie C” è il pilota transalpino della Caterham, il migliore tra i fantastici quattro sia in prova che in gara.

Jules Bianchi 6 Dopo le qualifiche dichiara che la Caterham ha superato la Marussia. E, visto come ha corso sino ad oggi, bisogna soltanto credergli.

Max Chilton 5 Precede Van der Garde, ed è già qualcosa.

Giedo Van der Garde 4,5 Chiude la gara negli scarichi di Chilton, cosa che rappresenta un’aggravante non certo un’attenuante.

Red Bull 9 Perchè, problema di affidabilità a parte, ha trovato il bandolo della matassa per tornare a dettare i tempi e fare l’andatura. E’ di nuovo la macchina da battere, e lo è ridiventata senza fare un test segreto di tre giorni.

Ferrari 5 La Rossa di Alonso, quando esce dalle curve, non sembra più la F138 di inizio stagione, ma una Panda 1.2 a benzina. Scherzi a parte, la mancanza di trazione è palese. Per non parlare dei problemi di aderenza “ammirati” a Silverstone. Il timore – nemmeno tanto infondato – che serpeggia tra i tifosi è che la Ferrari abbia cannato tutti gli ultimi aggiornamenti. Qualcosa di simile a quanto capitato lo scorso anno a Singapore, con quel pacchetto Evo completamente sbagliato che forse costò il mondiale ad Alonso. Il tempo per recuperare, stavolta, c’è.

Lotus 5 Non solo per l’andamento da gambero delle ultime gare, ma soprattutto perchè Boullier rischia di perdere a “parametro zero” un pilota come Raikkonen. E tutti i propositi di vittoria?

Gp di Gran Bretagna Se per spettacolo si intende il wrestling allora anche 8 per il “colore” e la bagarre finale. Il voto scende di molto se tra forature, neutralizzazioni e confusione, consideriamo che il vero appassionato, oltre a capirci ben poco, non può riconoscerci in questo genere di gare…

Pirelli sv Ci asteniamo dalla moda di mettere zero o due a Pirelli, perchè significherebbe sparare sulla croce rossa. La situazione è imbarazzante, e questo lo sanno anche Hembery e co. Ma ancora più imbarazzante sono le ingerenze di Ecclestone che chiede gomme-spettacolo, l’immobilismo della Fia, le beghe tra le squadre che hanno impedito l’introduzione della carcassa del pneumatico in kevlar (ora chiesta a gran voce). Certo alla credibilità del costruttore italiano non ha giovato l‘affaire Mercedes. E cinque forature ad alta velocità sono davvero troppe. Ma serve collaborazione tra le parti e un pizzico di buon senso per trovare una soluzione.

Bernd Maylander 8 E sai che risate, poi, se la posteriore sinistra fosse esplosa anche a lui?

107 Commenti

  • Non e’ esatto ..le gomme di silvestone avevano la cintura in acciaio e solo un diverso collante ..

    Ma non scriviamo cose inesatte !!!!!!!!!

    • McLaren e Sauber hanno trovato frammenti di kevlar nelle carcasse delle gomme esplose.

      • non e’ assolutamente vero …

        le gomme con kevlar sono state solo provate .. non in gara !!!

        Ma scriviamo cose esatte altrimenti esco dal blog !!!!!!!!!

      • Vai su F1P se non ci credi.
        Non vedo motivi per i quali McLaren e Sauber dovrebbero dire cose inesatte, non hanno alcun tipo di pretesa dal campionato.

  • La ferrai non lo ha chiesto ufficialmente ma sappiamo che anche Alonso e massa hanno avuto problemi con principi di forature in altri gp .
    Magari per fortuna le hanno sostituite prima dei cedimenti …

    credo che vadano riviste e migliorate .
    La pirelli dovrebbe fare gomme da prestazione ma allo stesso tempo sicure … Nel 2012 non accadevano tante forature …

    Lo ripeto .. quando ci scapperà il morto faranno qualcosa in direzione della sicurezza

  • Buondi !!

    Alonso : sé non gode delle disgrazie di Vettel, anche a silvestone non sarebbe arrivato 4 o 5 …

    Vettel: e’ secondo me il vincitore morale, considerando che ha rotto il cambio e che al terzo aveva dato 20-30 sec .

    Le due Mercedes godono di favoritismi vedi gomme , altrimenti non si spiega come oltre alle pole abbiamo un passo gara al top dopo 2 gran premi …

    Per il caso gomme, bisogna dire solo che per la sicurezza dei piloti , le gomme pirelli si forano e si rompono troppo spesso e su diversi team .. quando succedera’ un morto allora lo piangeremo e diremo : avevano ragione rb, mercedes e altri team che non c’era sicurezza …….

    Io non so perché i tifosi Ferrari pensano cosi’ di vettel che vince xche’ ha una macchina rb .. quando verra’ in ferrari cosi’ diranno ?

    Lo sport e’ caratterizzato da macchine piu’ o meno al limite … la storia insegna cosi’ …

    E’ finiamolo con commenti e lamentele .. GODIAMOCI LE GARE e vinca IL MIGLIORE !!!!

    saluti
    Luca

    • Sulla questione sicurezza: una gomma che si delamina non è pericolosa. Perde il battistrada gradualmente e la lamina in metallo permette al pilota di rientrare ai box senza alcun pericolo. Anzi, è anche meno pericolosa della gomma “classica”, proprio in virtù della lamina, e le forature sono sempre esistite, vuoi per detriti, vuoi per eccessiva usura.
      Le gomme che esplodono però sono pericolose eccome perché perdono il battistrada tutto di botto e lo proiettano indietro.
      Ma chi ha voluto cambiare le gomme? Certo non Ferrari, Lotus e Force India. Loro non volevano alcun cambiamento. E allora perché le gomme sono state cambiate rendendole di fatto più pericolose?
      Ti faccio notare che le gomme di Silverstone contenevano kevlar, come quelle che vogliono far “debuttare” in Germania.

      • Michelle, forse mi sono perso qualche passaggio, ma non mi risulta che le gomme siano state già modificate, ero rimasto che senza l’accordo di tutti la Pirelli non aveva sostituito quelle già utilizzate in Barhein ed a Barcellona. Si dovevano portare quelle nuove in Canada ma non sono state utilizzate, ed a Silverstone sono state provate nelle libere.

      • Effettivamente doveva essere così ma McLaren e Sauber avrebbero trovato frammenti di kevlar nelle carcasse delle gomme esplose. Ho provato a postare il link della notizia ma mi va in moderazione, comunque se vai si F1P la trovi.

  • non sono d’accordo su alcuni voti tipo Vettel, 10 immeritato secondo me, (addirittura traiettorie da antologia ?!), ci stava probabilmente in Canada ma qua no e non certo per il ritiro, in generale Sia lewis che nico gli sono rimasti sempre a tiro 1.5 \ 2 secondi, in condizioni normali se la serebbero giocata…
    anche su Alonso non concordo…
    parte,( per una volta dopo un in’infinità di gare) in modo normale e mantiene la nona posizione ma si scatena subito dal primo giro superando le mclaren le lotus e una toro rosso mi sembra con la sua solita guida super aggressiva da campione, così come si scatena decisamente verso la fine dove, pur agevolato da gomme fresche, compie un gran bel lavoro.
    Anche il 9 alla redbull non ci sta, anche perchè miracolo inspiegabile le vetture che soffrivano di più con le gomme stanno andando alla grande….in più dopo tutto questo caos e violazione dei regolamenti non sono poi così tanto sicuro che non abbiano messo in pista le macchine in chissà quale parte sperduta del mondo…

  • Sta storia di Alonso che in qualifica non sarebbe all’altezza mi sta davvero stufando.
    Allora mettiamoci ben in testa che quando si mettono a confronto grandi campioni le differenze son sempre minime; sicuramente Vettel ed Hamilton sono animali da qualifica, Alonso forse no, ma se mettessimo Alonso in team con uno degli altri 2, se il compagno è in pole lui al massimo sarebbe 2° o proprio se va male 3°.
    Il fatto che quando va bene siamo in 3° fila non può dipendere che dalla vettura!
    Qualcuno poi tira in ballo gli errori di Alonso nei giri decisivi per la qualifica: se devi spingere sempre al 110% per cercare di arrivare almeno 4° o 5° è ovvio che fai più errori di chi si gioca la 1° fila più “serenamente” sapendo che male che vada partirà 3°!!!

  • Ferrarista87

    F1 – Ferrari
    2 luglio 2013
    09:43

    Ferrarista87, ormai va di moda dire che Alonso in qualifica doveva fare di più, che lo spagnolo è l’eroe delle rimonte che non dovrebbero esserci (cit.)…e bla bla bla.

    La Ferrari sono 2 anni e mezzo che non conquista una pole position su pista asciutta e, nel frattempo, raramente ha conquistato la prima fila.
    Tutto questo, naturalmente, con entrambi i piloti.
    Ma si sa, la colpa è di Alonso (e di Massa) che sbagliano sempre le qualifiche, commettendo sempre errori su errori.
    Un discorso molto simile lo si faceva nel 2010, con riferimento alle partenze dei GP (poi abbiamo TUTTI notato dove era “nascosto” il problema….)

    @F1-Ferrari, Hai centrato la questione. Sai com’è si va a mode…adesso c’è la moda di ” Alonso non sa fare il giro di qualifica”….non viene il dubbio che l’altro pilota sabato ha fatto peggio e che quindi la decima posizione non è solo colpa di Fernando. Purtroppo tante persone soffrono di amnesia, e non ricordano o fanno finta di non ricordare che Massa è sempre stato uno “specialista” nel giro di qualifica. A parlare sono le stagioni 2007 e 2008…in cui Felipe in qualifica fece meglio di Kimi sia nel 2007 che ( come sappiamo tutti) nel 2008. E allora la Ferrari aveva sì la macchina da battere! L’ultima Ferrari ” completa” veloce sia in gara che in qualifica era proprio la F2008. I guai sono cominciati con il nuovo regolamento introdotto nel 2009…da allora si sono succedute tutte vetture che faticano in qualifica e che migliorano la performance sul passo gara. Quello che voglio dire è che se quando la Ferrari era davvero competitiva, Felipe riusciva tranquillamente a partire davanti..e adesso non è più così…forse il problema non è solo Alonso. Che poi Fernando non sia al top nel giro secco sarà anche vero, come è vero che altri piloti sono bravissimi nel giro di qualifica ma non hanno la sua visione di gara e intelligenza tattica.

    • F1 - Ferrari

      Naturalmente sono d’accordo con te.
      E preciso una cosa: neanche io (come te) ho mai detto che Fernando sia il top nel giro secco.
      L’essere top in qualifica lo lascio volentieri ai vari Vettel o Hamilton…a patto però che le Ferrari siano TECNICAMENTE capaci di essere subito dietro (1,2, 3 decimi al massimo).

      Nelle qualifiche di Silverstone, la prima Ferrari (Alonso, ma poteva essere benissimo Massa) è giunta a 1,3 secondi dal poleman di turno!
      Ci rendiamo, dunque, conto che differenza prestazionale c’era/c’è sul giro secco? (al di là del test-buona fede Mercedes o dei piagnistei manifestati da Horner, sulle gomme, a Barcellona).

      A voi le conclusioni di tutto il discorso.

      • Ferrarista87

        E detto tra noi….io preferisco un animale da gara, piuttosto che un animale da qualifica 😉

      • F1 - Ferrari

        Indubbiamente 😉

        Ripeto: mettiamo in condizione i piloti di essere a pochi decimi dai top driver sul giro secco….e poi potremo pensare ad una possibile vittoria del Mondiale.

        Se ci qualifica ad 1 secondo (e oltre) dalla pole…..dove vogliamo andare?

        Alla prossima…sperando di migliorare un po’ il comportamento della vettura a serbatoi scarichi (nel finale di gara Hamilton su gomme dure ci stata sfilando il podio, con Alonso su gomme medie)

      • Myriam F2013

        Straquoto i due interventi. Il ragionamento dei detrattori di Alonso è viziato dall’ossessione che Fernando in qualifica deve fare di più e meglio. Con una macchina non concepita per andare forte in qualifica ma in gara, al massimo Alonso potrebbe limare 2-3 decimi di suo, non di più.

      • F1 - Ferrari

        * ci si qualifica

  • se Vettel merita 10, Hamilton merita 12!

  • Non riesco a capire perchè questo voto basso a Raikkonen,rispetto ai vari Alonso,Webber,sutil e Ricciardo,quando senza l’ultima safety car sarebbe arrivato secondo senza nessun problema,poi se qualcuno vuole dire che Alonso,ma anche Webber che non penso avrebbe finito la gara con le medium,gli avrebbero recuperato 27/28 sec in dieci giri vive sulla luna e comunque secondo ci sarebbe arrivato lo stesso anche con la safety car se la Lotus fosse stata reattiva e lo avrebbe fatto rientrare insieme a Webber a cambiare le gomme!quindi Raikkonen meriterebbe molta più riconoscenza visto che non mi sembra che la Lotus fosse un missile domenica,comunque oramai mi sono abituato a questa difformità di trattamento

Lascia il tuo commento

Devi aver fatto il Log In per poter inserire un commento

Se non fai parte della community, registrati qui!